VigroEuronics
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio | dicembre, 2008

 

Concerto di Capodanno: 16° appuntamento

Concerto di Capodanno: 16° appuntamento

MUSSOMELI – 1° gennaio 2009 , alle ore 19,30.  Certamente  atteso il concerto, grazie alla Provincia Regionale di Caltanissetta e del Comune di Mussomeli.di Capodanno. Infatti, presso la palestra comunale di Mussomeli, la locale Filarmonica, di cui è direttore il Maestro Vincenzo Barcellona terrà il 16° concerto di Capodanno. A presentare la serata saranno proprio loro Liliana Gencorusso e Pierenzo Costanz, noti personaggi, ormai istituzionalizzati per la ricorrenza. Intanto,  l’auspicio dell’ Associazione Musicale “G. Puccini” e della  Filarmonica arriva con queste parole: “ll nostro più sincero augurio di  un   inizio Anno sereno, vissuto  nella  pienezza della  concordia e della pace, riscaldati nei nostri cuori  dall’amore e dalla gioia che anche le dolci melodie ci sanno donare. Il nostro auspicio è di trovarci sempre insieme nell’intento comune di non far mai mancare a nessun uomo del    mondo    il   magico   dono   della musica”.

Inteverrano il Soprano Maria Rita Misuraca, il Tenore.Carmelo Sorce con la partecipazione di Antonella Varvarà e il suo balletto. Il Concerto si articolerà in due parti. Nella prima, saranno eseguiti i seguenti brani:

Norma    Sinfonia                                                   V. Bellini

Lago dei cigni   (1ˆ scena)                                      P. I. Ciaikovski

Bohème  “Quando me’n vo”                                    G. Puccini

Lo Schiaccianoci  “Valzer dei fiori”                           P. I. Ciaikovski

Barbiere di Siviglia“Ecco ridente in cielo”                 G. Rossini

Carmen   “Preludio”                                               G. Bizet

Traviata  “E’ strano”                                               G. Verdi

La seconda parte prevede:

Concerto d’amore                                            J. de Haan

Gran Valzer                                                    G. Verdi

What a wonderful world                                   G. D. WeissLove is many splendoured thing                                            S. Fain

Libertango                                                     A. Piazzolla

Turandot   “Nessun dorma”                             G. Puccini

Traviata“Preludio” “Libiam ne’ lieti calici”           G. Verdi

Radetzky marsh                                              J. Strauss

Questo il cast della serata: Costumi,Silvio Alaimo; Ballerini, Silvio Alaimo, Antonella Polizzi, Michele D’Auria;  Solisti,Oboe:  Giovanni Benoni; Clarinetto: Angelo Li Calsi; Sax Tenore:  Flavia Vullo; Tromba: Aldo Arganello;Tastiera. Alberto Cardinale; Coordinatore organizzativo, Calogero Genco; Staff organizzativo, Silvio Pennica, Salvatore Genco, Maria Elena Vullo, Daniela Diliberto, Salvatore Favata, Francesco Nola, Antonio Favilla, Giovanna Guagliardo, Giovanni Calvagna, Roberto Montagnino, Nino Canalella, Salvatore Piparo, C’è da dire che: ”L’Associazione Culturale Musicale “G. Puccini”, fondata nel 1995, rappresenta la continuità evolutiva della gloriosa tradizione musicale bandistica mussomelese.

La banda musicale di Mussomeli, secondo lo storico Giuseppe Sorge nacque nel 1888, sotto la guida del M° A. Barbera di Palermo. Successivamente si sono avvicendati diversi maestri tra  i  quali  ricordiamo  il  M°  T.  Arcona, il  M°  S.  Costanzo (1911 – 1929), il M° Lipari (1929 – 1931), il  M° A. Motolese (1932 – 1953) e il M° G. Mingoia (1953 – 1982).

Dal 1982 la “Filarmonica di Mussomeli” è diretta dal M° V. Barcellona, diplomato in canto e direzione di coro presso il  Conservatorio di musica “V. Bellini” di Palermo, docente di educazione musicale al I° istituto Comprensivo  e direttore del “Coro Polifonico di Mussomeli”.L’attività concertistica della Filarmonica ha sempre riscosso unanimi consensi di pubblico e di critica effettuando collaborazioni artistiche con il Coro e rinomati cantanti solisti.Un concerto, dunque, per il godimento di tutti. L’associazione svolge un’ accurata attività didattico-formativa attraverso i nostri corsi di musica  tenuti da insegnanti qualificati, al fine di educare le nuove generazioni alla “nobile arte” favorendo l’apprendimento e la conoscenza della pratica strumentale.”  gli strumentisti della filarmonica:

FLAUTO                                                     Salvatore Piparo

OBOE                                                          Giovanni Benoni

CL. PICCOLO                                              Silvio Pennica

CLARINETTI                                        Angelo Li Calsi, FrancoNuara,  Calogero Genco, Giuseppe Scarlata,Giuseppe Murana,Salvatore La Monaca, Daniela Diliberto, Maria Elena Vullo

SAX SOPRANO                                      Maria Rita Vullo

SAX CONTRALTO         Giovanna Guagliardo Ylenia Schifano, Simone Scaduto

SAX TENORE                                          Flavia Vullo, Calogero Catanese

SAX BARITONO                                       Nino Termini

CORNI                                                   Salvatore Falletta, Gaspare La Rosa

TROMBE                            Franco Baldone, Aldo Arganello Antonio FavillaFrancesco Nola, Giuseppe Piazza

TROMBONI                                  Giuseppe Baldone Salvatore Castiglione

FL. SOPRANI                                     Vincenzo Vullo, Vincenzo Genco

FL. CONTRALTI                                  Enzo Favilla,  Salvatore Favata

FL. TENORE                                       Gero Mistretta

FL. BARITONO                              Salvatore Genco

TUBA                                          Walter Roccaro

PERCUSSIONI                             Enrico Garofalo, Giovanni Calvagna  Roberto Montagnino, Salvatore Greco.

1.561 Letture

 

 

Scritto in Archivio storico, EventiComments (0)

 

Silvia: la prima “carabiniera” mussomelese

MUSSOMELI  – Dapprima in Veneto, in servizio presso l’Esercito, poi in Calabria, presso l’Arma dei Carabinieri. Trattasi di  una ragazza di Mussomeli, la prima donna paesana in assoluto con la divisa di carabiniere. Dunque, una donna  fra le forze dell’ordine: un sogno che  è diventato realtà. E’ lei, la ventiseienne ed  assai determinata, Silvia Schifano, figlia di Mario e Lina, diplomata ragioniera, affascinata, fin da piccola dalla divisa. Ha sfidato qualsiasi pregiudizio, iniziando un percorso che le ha consentito di essere assunta in servizio presso la struttura, un tempo riservato ai soli uomini. Ora potrà sperimentare e riscontrare la bontà della sua scelta. Dunque, anche Mussomeli, fra i suoi figli,  adesso, annovera questa figura professionale al femminile oltre a quelle appartenenti e rappresentate  nelle altre diverse categorie. Adesso il primo carabiniere mussomelese  in gonnella dovrà fare i conti con un mondo che ora dice di appartenerle. C’è da dire che era impensabile molti anni fa l’ingresso delle donne in tale struttura. Quando  ne parlarono per la prima volta, l’argomento destò stupore e scetticismo. Evidentemente la pari opportunità ha consentito a loro quest’altra conquista, certamente assai discussa e per certi versi anche in parte non condivisa. Per la verità, anche i genitori di Silvia, inizialmente, non entusiasti, alla fine, considerato il suo forte carattere, l’ hanno appoggiato e finanche incoraggiato nella scelta. E così l’avventura della “ragioniera” è  incominciata a seguito di un concorso specifico “Esercito per Carabinieri”, da cui è risultata vincitrice,  con l’obbligo iniziale  di servizio triennale presso l’Esercito con la possibilità del successivo passaggio presso l’Arma dei Carabinieri. La giovane mussomelese ha iniziato nel 2004 da soldato semplice, poi caporale e successivamente caporal maggiore, rispettivamente  ad Ascoli, ad Aosta e a Belluno fra corsi di formazione e di specializzazione, addestramenti, parate militari e cerimonie varie, fino al dicembre del 2007. Ancora undici mesi di formazione, questa volta,  nei Carabinieri. Tutto bene, dunque, secondo le sue aspettative. Silvia, finalmente, indossa  quella divisa che fu oggetto dei suoi sogni. Attualmente presta servizio in un paesino del Sud: La  giovane neo  “carabiniera”  è già alle prese coi compiti istituzionali ed il territorio. Certamente non potevano mancare  rallegramenti ed apprezzamenti per Silvia da parte degli amici, che così simpaticamente  le hanno detto:“L’hai felicemente sognato, l’hai fortemente voluto ed ora … ”nei secoli fedele nell’Arma”.

1.833 Letture

 

 

Scritto in Archivio storico, Curiosità, In EvidenzaComments (0)

 

Amministrazione battuta sul bilancio

Amministrazione battuta sul bilancio

MUSSOMELI – Amministrazione comunale battuta sulla Tarsu. Un brutto regalo di Natale per il sindaco Gigi Mancuso, nel corso della seduta consiliare di lunedì sera. La mozione a firma del Pdl è stata approvata all’unanimità da parte dell’intera assise. Il documento che è passato, impegna gli amministratori a rivedere il provvedimento dello scorso agosto, quando il primo cittadino decise di aumentare la tassa sullo smaltimento dei rifiuti di quasi 1 euro all’anno. Adesso, dopo una dura campagna politica consumatasi in autunno, è arrivato il sì del Consiglio comunale. L’Amministrazione potrebbe dare seguito alla volontà dei consiglieri oppure non cambiare minimamente il provvedimento. D’altro canto Mancuso è stato subito chiaro: “Se ci saranno i fondi necessari rivedrò l’aumento. Nel caso contrario la delibera sindacale non verrà stravolta”. Soddisfazione è stata espressa dall’opposizione per la vittoria in aula. Il governo di centrodestra è stato pure battuto sulla mozione presentata dal Partito democratico in cui il Comune veniva attaccato per la mancanza di collaborazione verso i cittadini sulla promozione della social card. Lo stesso documento, a firma del capogruppo del centrosinistra Terenzio Alio, impegna la Giunta a disporre tutti i canali e i mezzi possibili per pubblicizzare la nuova iniziativa del Governo Berlusconi. La mozione è stata approvata dal nuovo tandem all’opposizione composto da Pd e da Pdl, più un consigliere del centrodestra. Approvata pure una nota a sostegno della Cia e a salvaguardia di tutto il settore agricolo, e la richiesta da parte del gruppo consiliare vicino all’onorevole Filippo Misuraca, di dedicare una struttura comunale alla memoria dell’ex vescovo di Morreale, monsignore Cataldo Naro. La riunione è stata chiusa come sempre nell’assoluta bagarre. Stavolta la tensione è scoppiata sul tema della mancata approvazione del Bilancio consuntivo 2007. Dopo la richiesta di spiegazioni del piediellino Daniele Camerota, è arrivata la risposta dell’assessore al Bilancio Piero Sorce che ha imputato le responsabilità alla mancanza di chiarezza sui conti relativi all’Ato Rifiuti. Sempre nel documento Sorce ha espresso una sua personale inadeguatezza sulla soluzione di tutti i problemi di Bilancio. Una risposta che ha innescato una dura reazione.

787 Letture

 

 

Scritto in Archivio storico, PoliticaComments (0)

 

Auguri natalizi…in bicicletta

Auguri natalizi…in bicicletta

MUSSOMELI – La passione per un sano sport non conosce ostacoli anche quando ci si mette di mezzo anche il meteo, che in questi tempi si sta mostrando veramente ostile. Come ormai è loro abitudine, anche per Natale,  i ciclisti dell’ASD Bici Club Mussomeli non hanno perso l’occasione per la solita escursione in bicicletta. Ci hanno provato, tuttavia, i più temerari che, coi cappellini rossi di Babbo Natale,  si sono avventurati nell’abitudinario percorso Mussomeli. Vallelunga per incontrare i gestori del bar sport di Vallelunga, i quali hanno sempre riservato a questi sportivi gentilezza e cortesia. Infatti, durante l’anno, i ciclisti   sostano a Vallelunga  per un caffè e trovano nei gestori del bar  accoglienza a tutto campo col rifornimento dell’acqua, considerata la scarsità di fontane lungo i percorsi locali. Attenzioni che i ciclisti non dimenticano e che ricambiano al momento opportuno. Un gesto augurale, quello dell’altro giorno, che considerano importante, come sostiene uno di loro,  anche per la diffusione di questo sano  sport, che sa aggregare giovani e meno giovani in una vita di gruppo.  Sfidando, dunque,  il meteo, i ciclisti dell’ASD Bici club di Mussomeli  hanno invece preferito la passeggiata natalizia in bici per portare personalmente gli auguri di Natale a chi durante l’anno ha saputo regalare sorrisi e anche …acqua, intendendo  estendere gli auguri. a tutti gli amanti dello sport e a tutte quelle persone che incontrano durante le loro escursioni.(Foto prima fila: Bellanca Sebastiano, Russo Paolo, Territo Salvatore, Morreale Peppuccio.Seconda fila: Enzo Messina, Nucera Carmelo, Bellanca Robertino (Campione Regionale Duathlon).

884 Letture

 

 

Scritto in Archivio storico, Attualità, SocietàComments (0)

 

Il ballo delle suore: Natale alla Casa di Riposo “Padre Calà”

Il ballo delle suore: Natale alla Casa di Riposo “Padre Calà”

MUSSOMELI – Erano “allineati e coperti” gli anziani della Casa di Riposo Padre Calà, tutti pronti per la loro performance nel tardi pomeriggio di ieri, giorno di Santo Stefano. E così, per il quinto anno consecutivo, presso  la Casa di Riposo “Padre Calà” di Via Madonna di Fatima, di cui è Superiora Suor Maria Agnese Annaloro, si è svolta la festa di Natale non solo per gli ospiti dello stesso sodalizio ma anche per i loro amici e parenti. Un pomeriggio di festa, trasmessa in diretta web su internet, curata da Salvatore Catalano e Salvatore Favata e vista da oltre duecento utenti. Occorre precisare che gli anziani presso l’Istituto sono complessivamente una cinquantina di ambo i sessi, fra cui l’arzillo e lucido  novantaduenne sacerdote Don Michele Anzalone, per tanti anni Rettore della chiesa di San Giuseppe di Marianopoli. Il prete ci ha detto di essere contento di trovare assistenza presso questa Casa di Riposo.  Protagonisti della serata sono stati proprio loro, assai applauditi dal numeroso pubblico presente, compreso il sindaco Luigi Mancuso, pazientemente ed amabilmente “inchiodato” sulla sedia per circa due ore. Era presente anche l’on.le Daniela Cardinale. Le suore hanno avuto un gran da fare perché tutto procedesse nel miglior dei modi. Presentatrice della serata è stata la professoressa Rossana Lo Manto che nel suo saluto e presentazione iniziale così, fra l’altro,  ha detto;”Quest’anno c’è un’altra novità. Grazie ai miracoli di internet siamo diventati internazionali. Mediante il collegamento via Web siamo in diretta sul sito www.castelloincantato.it e cogliamo l’occasione per salutare tutti coloro che in questo momento ci stanno vedendo dall’Italia e dall’Estero.”  I primi a salire sul palcoscenico, sono stati gli anziani che hanno rappresentato la natività di Gesù Bambino. Successivamente, sono state alternate scenette comiche, tarantelle e balletti, poesie, insomma un po’ di tutto. Anche la Filarmonica ha voluto fare festa assieme agli anziani con brani natalizi e la tradizionale “ninaredda”. Sono state reclutate sul palcoscenico persino alcune suore dell’Istituto, che si sono cimentate nel ballo, suscitando l’ammirazione dei presenti. C’ è da dire che  ad impartire lezioni di ballo a Suor Maria Beatrice e a Suor Gemma  è stato il maestro Enzo La Greca. L’insegnante Alessandra Camerota ha curato la performance dei ragazzi della 3C del Primo Istituto Comprensivo. E’ stato un vero e proprio simpatico varietà. Alla  fine anche il fratello della Superiora Nino Annaloro ha cantato “Torna a Surriento” e “Santa Lucia”.  Lo ha seguito, il veterano del sodalizio Giuseppe Anzalone, per tanto tempo alle dipendenze della Casa di Riposo che dal prossimo  primo gennaio andrà  in pensione. Ha ringraziato tutti e poi ha cantato i brani “Io vagabondo” e “malafemmina”. Visibilmente stanca ma soddisfatta, la Superiora Suor Maria Agnese ha ringraziato, alla fine, gli intervenuti e tutti coloro che hanno collaborato a vario titolo. Una serata di festa, dunque, offerta dagli stessi anziani, in quanto protagonisti, come a voler dire: “nonostante tutto,  ci siamo ancora”. Un Natale, dunque, di fraternità e di solidarietà, messaggero di speranza e di ottimismo.

1.183 Letture

 

 

Scritto in Archivio storico, SocietàComments (0)

 

Varato cartellone natalizio a Mussomeli

Varato cartellone natalizio a Mussomeli

MUSSOMELI – E’ stato varato il cartellone degli eventi natalizi. Dopo il prologo con le antiche novene cantate per le strade della città, e la banda “Mons Mellis” impegnata ogni sera con le musiche del periodo, sabato 27 dicembre di entra nel vivo. Per l’occasione, in Palestra comunale, verrà portata in scena l’opera “Ammuccia ca tuttu pari e dispari” a cura della Compagnia teatrale “Luigi Capuana” di Campofranco. Il 30 dicembre sarà la volta della classica “Tombolata” dedicata agli anziani al Centro diurno “Francesca Sorce”: previsti momenti con musica e balli. Torna anche quest’anno uno degli eventi più importanti delle feste natalizie a Mussomeli: il concerto di Capodanno della Filarmonica, diretta dal maestro Vincenzo Barcellona. Nel corso del concerto sono previste le esibizioni canore del tenore Carmelo Sorce e della soprano Mariarita Misuraca. Ed ancora ci sarà spazio per delle coreografie di ballo della scuola di Antonella Varvarà. Il 3 gennaio sarà dedicato all’orgoglio mussomelese, con un Gran galà in cui verrà presentato l’inno di Mussomeli, elaborato da Nino Canalella. Lo spettacolo si terrà in Palestra. Il 4 sarà dedicato alle risate con il trio comico palermitano “Duro, Nanfa e Migliolotti”. Per concludere il 5 serata ad uso e consumo dei bambini con uno spettacolo del Teatro stabile nisseno, che porterà in scena la storia favolosa del Mago di Oz. Gli eventi, promossi dal Comune, possono contare sul patrocinio della Provincia di Caltanissetta. Mentre la Banca di credito “San Giuseppe” e l’Agriturismo Monticelli hanno finanziato le luminarie.

511 Letture

 

 

Scritto in Archivio storico, SocietàComments (0)

 

Soltanto una capanna per Giuseppe e Maria

Soltanto una capanna per Giuseppe e Maria

SUTERA – La rappresentazione del presepe vivente di Sutera era assai attesa non sola da quella cittadina ma da altre realtà isolane, che già conoscono questo percorso  turistico natalizio. Fin dalle ore 22 di ieri sera, in una gelida notte d’inverno, fedeli agli impegni assunti, gli organizzatori, coordinati dal Presidente della Kamicos Nicolò Grizzanti, hanno dato il via al prestigioso evento natalizio, ormai notorio a tutti. La zona prescelta è quella dell’antico Rabato che per la sua naturale configurazione paesaggistica rappresenta un vero e proprio presepe naturale, assai caratteristico per accogliervi e celebrare simili eventi. C’ erano pastori e contadini, i novenari con fisarmonica, chirchetti e chitarra, abiti caratteristici e ambienti ricostruiti. Evidentemente l’attenzione era rivolta alla messa di mezzanotte, celebrata nella chiesa Madre dall’arciprete P. Giuseppe Carruba, coadiuvato da un missionario suterese, rientrato in paese per questa ricorrenza. Ma ancora prima c’era stata la rappresentazione del faticoso e sofferto viaggio, a dorso d’asino, della Madonna e San Giuseppe, rappresentato rispettivamente da  Claudia Pardi e da Onofrio Difranco. Un viaggio durante il quale la Madonna e San Giuseppe non hanno trovato alloggio per riposarsi, costretti a rifugiarsi in una capanna. Stanco e contrariato “lo Sposo di Maria”  bussava alla porte col suo bastone:”Cu siti, chi vuliti?” gli chiedevano; la risposta era sempre la stessa” Giuseppi e Maria, c’è postu pì dui?”. Evidentemente non c’era accoglienza “Mi dispiaci, tuttu chinu, jti cchiù avanti!” Un viaggio suggestivo, dunque, per tutto il percorso del presepe,  fra nenie, canti e suoni natalizi e tanti figuranti.. Un evento ben articolato, con la rappresentazione all’esterno prima e con la celebrazione della messa della Natività del Bambino Gesù. Dopo la messa, accompagnato dall’Arciprete P. Carruba, il corteo coi numerosi figuranti si sono diretti verso la capanna, dove è stato deposto il Bambino Gesù. Sono stati tanti i doni offerti o portati nella capanna. Un evento suggestivo, dunque, che viene ammirato e partecipato da molti.

988 Letture

 

 

Scritto in Archivio storico, EventiComments (0)

 

Pagano: “A febbraio la sfiducia a Mancuso”

Pagano: “A febbraio la sfiducia a Mancuso”

MUSSOMELI- “A febbraio presenteremo una mozione di sfiducia nei confronti del sindaco Mancuso”. Annuncio choc dell’onorevole Alessandro Pagano, nel corso della conferenza di domenica scorsa al Palazzo Sgadari. Chi prevedeva un vero e proprio pomeriggio da annunci di guerra nei confronti del primo cittadino la cui candidatura era stata fortemente voluta dallo stesso parlamentare sancataldese, non è stato deluso. Ogni riferimento al primo cittadino non era per nulla casuale. Diversi gli attacchi frontali ad un sindaco che nonostante tutto, a dispetto delle premesse piuttosto ostili nei suoi confronti, ha avuto coraggio nel presentarsi e nel sedersi in prima fila. Gigi Mancuso ha ascoltato con pazienza ogni rimbrotto a lui dedicato, poi, all’ennesimo attacco ha chiesto la parola per replicare alle accuse più dure. Dal pulpito ha risposto picche lo stesso Pagano, che non gli ha concesso la parola. “Qui non si replica” ha tagliato corto il parlamentare. Nella sua dura reprimenda ha sottolineato i passaggi che hanno spinto il Pdl ad uscire dalla maggioranza, a ritirare l’appoggio al sindaco di tutto il centrodestra e a preferire i banchi dell’opposizione. Alessandro Pagano ha fermamente bocciato l’attività della Giunta, elencando i grandi temi che hanno allontanato Pdl e primo cittadino dal fronte comune: dalle fasi più accidentate del rimpasto sino all’aumento della Tarsu. Nella sua invettiva, non ha assolto nemmeno i componenti della nuova Giunta. “E’ una squadra monocolore, dove il partito predominante, l’Mpa, è l’unico responsabile di ciò che da questo momento accadrà. Loro devono assumersi tutte le responsabilità. Il mio augurio è che facciano bene, se non altro per la popolazione. Ma io ho le mie perplessità. Intanto nessun progetto è stato presentato”. Poi l’attacco frontale all’inquilino del Palazzo di città, con l’annuncio che ha raggelato i tanti presenti nella sala conferenze del Palazzo Sgadari. “A febbraio presenteremo una mozione di sfiducia nei confronti del sindaco e di questa Amministrazione. Se la mozione passerà bene, al contrario se il sindaco vorrà proseguire non farà altro che continuare a danneggiare i cittadini”. Parole che hanno impietrito molti, e che hanno suggellato la fine di ogni ripensamento a cui si era aggrappato Gigi Mancuso negli ultimi giorni. La sua presenza infatti, rientrava nel piano di ricompattamento del centrodestra da lui caldeggiato, al fine ultimo di superare una crisi che potrebbe divorare il Comune e di riflesso l’intera città.

1.126 Letture

 

 

Scritto in Archivio storico, PoliticaComments (0)

 

Inchiesta sul commercio a Natale

Inchiesta sul commercio a Natale

MUSSOMELI – Si compra di meno ma nessuno sembra volere rinunciare al classico regalo di Natale. La tendenza, secondo i commercianti della città, è di spendere in misura minore, cercare i capi meno costosi, gli articoli non proprio griffati, ma comunque acquistare. “Nel mio negozio- dice Tiziana Barba, proprietaria della cartolibreria Consiglio, un esercizio della centralissima via Palermo con annessa profumeria e libreria- ho notato un attenzione maggiore verso il portafoglio. La gente magari compra i prodotti meno costosi, perché intende spendere di meno. Però gli acquisti non si fermano. Nessuno sembra volere rinunciare al regalino natalizio”. Lo stesso discorso sembra ripetersi in un negozio di abbigliamento e pelletteria tra i più esclusivi del settore. Come spiega appunto il proprietario di “In Casa life Style”, Gianvincenzo Amico: “La gente prima di comprare dà un occhio al prezzo. Comprano sì, ma fanno molta attenzione al cartellino. Per questo, almeno per quanto mi riguarda, applico molti sconti. In questo modo posso continuare a vendere. La tendenza comunque è quella di scegliere un prodotto di qualità, ma che non costi poi tanto”. Lo stesso commerciante dà una propria lettura sulla crisi. “Noto una certa preoccupazione da parte degli acquirenti che non è data poi tanto dalla realtà, quanto dall’informazione dei media. Ho l’impressione che il bombardamento mediatico di questi giorni sulla crisi, abbia provocato molti timori tra la gente, che appare impaurita a spendere”. Nel corso di questa nostra piccola inchiesta, abbiamo visitato un piccolo centro commerciale, il “Centro fai da tè” di contrada Bosco, ed abbiamo notato la tendenza dei clienti nell’acquisto di piccoli pensieri non troppo costosi o comunque per nulla proibitivi per le tasche dei mussomelesi, in questo Natale di crisi internazionale.

1.004 Letture

 

 

Scritto in Archivio storico, AttualitàComments (0)

 

Sequestrate due discariche abusive

Sequestrate due discariche abusive

MUSSOMELI –Due discariche abusive sequestrate, e con esse pure due terreni, due camioncini e 4 persone denunciate. E’ questo il bilancio di un’operazione condotta dai carabinieri della Stazione. Il blitz si insinua in una verifica durata una settimana su tre sfasciacarrozze. Dal primo, situato in contrada Bosco, non sono emerse irregolarità. Cosa ben diversa invece per altri due “cimiteri delle auto”, diventati pure discariche di materiale ferroso di vario tipo. Sotto la lente dei militari un deposito a cielo aperto di contrada Montagna, al confine con il territorio di Sutera, e a pochi passi dal Monte Caccione. Un’area estesa ben 350 metri quadri era stata trasformata in una discarica per vecchie vetture arrugginite. I carabinieri, coordinati dal maresciallo Vincenzo Volpe, hanno denunciato F. A., 44 anni, pregiudicato, gestore di una sorta di ditta di autodemolizioni abusiva, e C.B., una donna di 69 anni, proprietaria del sito. La zona è stata posta sotto sequestro. E sotto ai sigilli dell’autorità giudiziaria è finita un’altra area, stavolta di 500 metri quadri e ubicata nella periferia della città, convertita anch’essa in una discarica priva di autorizzazioni. V.R., 32 anni, pregiudicato ed S.L.M., 45 anni, gestivano in maniera abusiva nella zona di Madonna delle Vanelle un centro di raccolta di rifiuti e materiale ferroso. Al momento dell’arrivo dei carabinieri, i denunciati erano intenti a scaricare ferraglia da due camion Fiat Iveco. Entrambi i mezzi sono stati sequestrati. Mentre per i curatori dell’illecita attività e “beccati” dalla Benemerita, è scattata la denuncia. I quattro dovranno rispondere del reato di realizzazione e gestione in concorso di discariche abusive per la raccolta di rifiuti speciali. I carabinieri della Compagnia, coordinati dal comandante Riccardo Raggiotti, dovranno scoprire il fine ultimo dell’attività smantellata. Si presume che le discariche servissero ai fini della commercializzazione di ferro e di ricambi.

1.321 Letture

 

 

Scritto in Archivio storico, CronacaComments (0)

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com