VigroEuronics
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio | luglio, 2009

 

5 anni fa…Lunetta querela un commentatore e i direttori di Castello Incantato

5 anni fa…Lunetta querela un commentatore e i direttori di Castello Incantato

Lunetta Nicola167MUSSOMELI– Il consigliere comunale indipendente Nicola Lunetta ha querelato per diffamazione un utente del nostro giornale e la redazione di Castello Incantato, nelle persone dei direttori Alberto Barcellona e  Giuseppe Taibi. A far scattare la querela  sarebbero stati dei commenti scritti in un articolo riguardante Lunetta, la cui pubblicazione era stata, peraltro,  richiesta e sollecitata dallo stesso consigliere. I direttori, “pur prendendo le distanze dai quei  commentatori che, sprezzanti del regolamento, pongono in essere condotte esecrabili e contrastate, nei limiti del possibile, dalla redazione, rifiutano  l’addebito e si riservano  di agire a tutela dei propri diritti nelle sedi  opportune.”

774 Letture

 

 

Scritto in Archivio storico, In EvidenzaComments (0)

 

5 anni fa..I vacanzieri mussomelesi a Mosca con un aereo tutto per loro

5 anni fa..I vacanzieri mussomelesi a Mosca con un aereo tutto per loro

OLYMPUS DIGITAL CAMERAMUSSOMELI – Un aereo tutto per loro ed una numerosa  comitiva sufficiente per formare un piccolo villaggio. I vacanzieri della BCC San Giuseppe di Mussomeli, fedeli e puntuali all’appuntamento,  hanno lasciato l’afa di Mussomeli per cercare refrigerio altrove (certamente nei loro auspici)   con destinazione Mosca e San Pietroburgo. dove il clima di tipo continentale è caratterizzato da estati calde e inverni rigidi. In questa stagione, infatti, è consigliato un abbigliamento leggero con capi di cotone ed eventualmente  un impermeabile leggero in caso di pioggia.  “Gent.mo Signore, il suo pullman è il n.”:  Iniziava così  il programma della gita, accuratamente approntato e consegnato  ad ogni partecipante. Un’organizzazione, dunque,  perfetta ed ormai consolidata. Piazzale Mongibello, con tre pullman di linea già coi motori accesi, ha vissuto momenti frenetici alla  partenza dei vacanzieri, avvenuta intorno alle tredici dell’altro giorno, allorquando si sono radunati per dare il via all’auspicata settimana “non di fuoco”, ma di cultura e soprattutto alla settimana sociale, lontana dagli impegni e  dalla quotidianità. Un po’ di relax e fuori dalle chiacchiere paesane. Sono partiti diretti a Catania, proseguendo, poi, in aereo con destinazione Mosca,  In 184, sono stati capaci di  “svuotare” Mussomeli e tutti entusiasti per un nuovo viaggio  Hanno preparato le valige, hanno atteso questa data per potere “volare” verso nuovi orizzonti..Con loro, i vertici della Banca: il presidente ed il direttore, rispettivamente Michele Mingoia e Carmelo Cordaro, nonché i  funzionari, i responsabili delle Filiali della Banca e  un folto stuolo  di soci e non. Momenti di piacevole aggregazione, dunque, a cui la Banca, ormai, da anni sta promovendo, suscitando interesse e gradimento. C’ è da dire, poi,  che il dinamismo e la lungimiranza dei suoi dirigenti, sono la testimonianza di una realtà locale che è, di fatto, uno stimolo ed un valido e concreto punto di riferimento socio- economico del territorio.

629 Letture

 

 

Scritto in Archivio storico, In EvidenzaComments (0)

 

5 anni fa…Raid vandalico contro auto. Nel mirino il dottore Mario Ricotta

5 anni fa…Raid vandalico contro auto. Nel mirino il dottore Mario Ricotta

OLYMPUS DIGITAL CAMERAMUSSOMELI – Hanno oltrepassato la recinzione, si sono intrufolati dentro la villa, poi si sono avventati contro la macchina ferma nel parcheggio e con violenza l’hanno distrutta. Un gesto inquietante dai contorni oscuri e indirizzato a Mario Ricotta, medico molto noto in città, psichiatra affermato e conosciuto, uno dei massimi scrittori nisseni. Un episodio di difficile lettura ma che risulta angosciante e dietro cui si celano molte incertezze. Un mucchio di domande a cui lo stesso professionista non sa dare delle risposte concrete. Il risultato del raid notturno, materializzatosi in quella macchina con i vetri distrutti e adesso immobile nel parcheggio della villa, inevitabilmente proietta sulla città un’ombra gravida di allarme ed inquietudine. L’azione di ignoti, su cui indagano i carabinieri della locale Compagnia, si è consumata nel cuore della notte. Qualcuno ha oltrepassato la recinzione della villa di contrada Monticelli, una residenza elegante ed immersa nella campagna mussomelese, ed ha puntato dritto verso la vettura del medico, una Lancia Y. Armati di due ceppi di legno, per intenderci i tozzi tronchi recisi che servono ad alimentare le fiamme delle caldaie, hanno abbattuto la propria furia contro l’auto ferma. Hanno completamente distrutto il parabrezza anteriore, il lunotto posteriore è stato mandato in frantumi e così pure i finestrini laterali. Poi completata l’opera hanno lasciato indisturbati la villa, e ciò senza che il medico da dentro la casa udisse il benché minimo rumore. Se ne è accorto soltanto in mattinata, prima di recarsi nel suo ambulatorio. “Quando ho visto la vettura in quelle condizioni sono rimasto schioccato- commenta Ricotta- ancora mi chiedo chi possa essere stato e non riesco a dare una risposta. Non si può escludere nessuna pista, anche l’azione di una persona con evidenti problemi psichici”. Proprio uno dei tanti pazienti in cura dal medico.Non è la prima volta che Mario Ricotta si ritrova suo malgrado vittima di un raid vandalico. Già nel 2005 ignoti entrarono all’interno del suo ambulatorio di via Santa Croce mettendolo soqquadro e distruggendo quadri e suppellettili. A distanza di anni gli inquirenti non sono riusciti ad identificare l’autore di quell’azione, anche se molte piste sono state battute. Ricotta, medico di famiglia arcinoto a Mussomeli, è anche conosciuto per la sua attività di psichiatra. Ma è famoso nell’ambiente culturale per le sue tante opere letterarie e per essere uno dei massimi esponenti del cosiddetto “teatro dell’assurdo”. Il mese scorso ha pubblicato per una casa editrice romana gli ultimi suoi due libri, uno dei quali racconta la storia di un giovane bulimico. Un libro già diventato un piccolo caso letterario.

698 Letture

 

 

Scritto in Archivio storico, In EvidenzaComments (0)

 

5 anni fa…Adriana Tuzzeo sabato su Rai Uno. In tv nel ruolo di vestale.

5 anni fa…Adriana Tuzzeo sabato su Rai Uno. In tv nel ruolo di vestale.

Adriana Tuzzeo ultROMA – In Campidoglio, c’era anche  la giovane attrice mussomelese Adriana Tuzzeo, nel ruolo di vestale, nella cerimonia di consegna del premio Persefone, giunto ormai alla VII edizione. La serata della premiazione, condotta da Pino Insegno, si è svolta il 7 luglio scorso ed è stata registrata. Sabato prossimo, 25 luglio  alle ore 23,40, sarà trasmessa su RAI Uno.  C’è da dire che la manifestazione, ideata nel 2001 ad Agrigento da  Francesco Bellomo, direttore artistico della manifestazione, è oggi presieduto  dal sottosegretario ai Beni  e alle attività culturali Francesco Giro. Nata ad Agrigento nel 2001, questa manifestazione intende celebrare , ha detto il suo ideatore, “l’eccellenza  di grandi personalità che spiccano  sia nel mondo teatrale  e televisivo”. C’è da aggiungere  che alla consegna del Premio era presente anche il sindaco Alemanno e che i riconoscimenti speciali  dell’edizione 2009 sono stati assegnati a Massimo Ranieri, Enrico Brignano, Ceppy  Glejeses e Alessandro Gasmann. A quest’ultimo il sindaco Alemanno ha consegnato un contributo, devoluto dall’organizzazione del Premio, per la ripresa delle attività del teatro dell’Aquila, da lui diretto. “A tre mesi del disastroso terremoto in Abruzzo, ha spiegato Francesco Bellomo, il mondo della cultura e dello spettacolo si mobilita per dare nuovamente una speranza a L’Aquila, una città colpita non solo negli affetti, ma anche nella propria storia e nella propria cultura, che se non sostenute rischiano di sparire senza lasciare traccia. Per questo motivo abbiamo deciso di sostenere economicamente, attraverso questo premio, la riapertura della stagione del teatro stabile de L’Aquila”. Intanto, l’attrice mussomelese, in partenza  per Mosca e San Pietroburgo  per una breve vacanza coi genitori, parlando della manifestazione romana, ci ha detto che “per me è stata una bella esperienza trovarmi in un contesto così importante accanto ad artisti di notevole spessore.” Al suo ritorno, l ’ attrice trascorrerà il periodo di vacanze con la famiglia e cogli amici e quasi certamente parteciperà alle manifestazioni storiche medievali del castello manfredonico.

712 Letture

 

 

Scritto in Archivio storico, In EvidenzaComments (0)

 

5 anni fa…Vito Catalano premiato sotto la Statua della libertà

5 anni fa…Vito Catalano premiato sotto la Statua della libertà

VITO 1NEW YORKIl “fotografo della comunità”, come gli italoamericani di New York chiamano Vito Catalano, il mussomelese da 25 anni impegnato ad immortalare con i suoi scatti la vita dei connazionali nella “grande mela”, ha ricevuto l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine della Stella della Solidarietà Italiana. Per la cerimonia, è stata scelta una scenografia mozzafiato ed indimenticabile: in mezzo al mare, con lo sfondo della Statua della Libertà e a bordo di uno Yacht. Fra gli ospiti una folta delegazione del Consolato Generale d’Italia, con a capo il Console Francesco Maria Taló, il Vice Giovanni Favilli, ed i carabinieri di stanza al Consolato. E’stato proprio il rappresentante italiano a New York, Talò ad insignire Catalano del riconoscimento. Per l’occasione sono arrivati negli States alcuni suoi parenti da Mussomeli, tra questi i famigliari più stretti di Franco Mingoia, cugino di Vito nonché egli stesso autista presso il consolato americano.

1.166 Letture

 

 

Scritto in Archivio storico, In EvidenzaComments (0)

 

5 anni fa…Campetti di contrada Caldea: inaugurata l’Associazione “OFF SIDE”

5 anni fa…Campetti di contrada Caldea: inaugurata l’Associazione “OFF SIDE”

offside38  MUSSOMELI – In contrada Caldea, a cinque chilometri circa dal paese, era presente, nel tardi pomeriggio di domenica scorsa, fra i campetti di calcio, anche il parroco di Sant’Enrico Padre Francesco Lomanto, non per giocare, ma per una parola di spiritualità e di buon auspicio alla nuova Associazione “Off –Side”, formata da Giuseppe Ferrara, Presidente, Giuseppe Capodici Vice Presidente, Michele Favata tesoriere, e i signori Salvatore La Mattina, Vincenzo Messina, Michele Favata , Jerry La Mattina, Domenico Favata, Enzo Territo e Davide Capodici, consiglieri. Il sacerdote ha avuto parole di incoraggiamento e di lode per questi giovani che cercano di attivarsi e di inserirsi nel contesto sociale del territorio, che necessita, sempre più, di nuova linfa per un suo dinamico sviluppo. Non si sono fatte attendere le congratulazioni e gli auspici dell’Amministrazione comunale, rappresentato dall’Assessore allo Sport Nino Lanzalaco, che ha assai apprezzato l’iniziativa. Il programmoffside31a della serata ha previsto un anteprima di quelle che sono le finalità dell’Associazione, offrendo subito una partita giocata dai bambini che si è conclusa con un 4 – 4 e successivamente quella dei grandi coi “Giovani Leoni” e “Vecchie Glorie”, conclusasi con la vittoria di quest’ultima con un 6 – 3. Alla festa c’era anche il gruppo musicale “Medea” che ha intrattenuto i numerosi invitati per un momento di socializzazione. E’ stato, poi, gradito ed applaudito il cantante Gero Riggio, sempre vicino e disponibile per gli eventi del suo territorio.Il Bouffet finale, il rinfresco e la torta a forma di un campo di calcio è stato il biglietto di presentazione della nuova Associazione, che ha saputo dimostrare di avere le idee abbastanza chiare. Per completezza di informazione c’è da aggiungere che la gestione di questi campetti è stata affidata a questa nuova associazione, che si adopererà ad apportare quelle migliorie, necessarie per un efficiente funzionamento della struttura, utilizzabile anche come luogo di convegni e ricorrenze varie, gestite, appunto dalla “OFF SIDE”.

 

797 Letture

 

 

Scritto in Archivio storico, In EvidenzaComments (0)

 

5 anni fa…Mussomeli squadra messa in vendita

5 anni fa…Mussomeli squadra messa in vendita

mussomelicalcioMUSSOMELI – Dalla prossima stagione, dopo 35 anni di gloriosa storia, il Mussomeli calcio potrebbe scomparire. L’allarme viene lanciato dal presidente Salvatore Sorce, che non si esime nel denunciare la morte della squadra nella più totale indifferenza del mondo imprenditoriale locale. “Dopo numerosi problemi, dopo che il mister Gero Valenza aveva deciso di lasciare e trasferirsi a Cammarata, avevo lanciato l’appello ad una possibile cordata di imprenditori a farsi avanti e creare le basi per potere salvare la squadra e rilanciarla in vista di un possibile ripescaggio in Prima categoria. Purtroppo nessuno si è proposto. Sono a questo punto costretto a mettere in vendita il titolo”. Titolo che potrebbe finire nelle mani di imprenditori di paesi vicini. “Ho già ricevuto una proposta. Vista l’indifferenza della città non posso fare altro che cedere”. Sorce accusa i soloni che “in questi anni hanno criticato la dirigenza ed in particolare Gero Valenza. Adesso voglio sapere dove sono finite queste persone. Voglio sapere cosa pensano della morte della squadra. Perché ora non si fanno avanti invece di essere bravi solo a criticare?”.

705 Letture

 

 

Scritto in Archivio storico, In EvidenzaComments (0)

 

5 anni fa…Rubano rame due contrade al buio

5 anni fa…Rubano rame due contrade al buio

ramerubatoMUSSOMELI – Ladri rubano fili di rame e due intere contrade finiscono al buio. E’ accaduto nei giorni scorsi in due contrade piuttosto periferiche della città, anche se la notizia si è appresa soltanto nelle ultime ore. La settimana passata ignoti, pur di rubare del preziosissimo rame, non si sono fatti scrupoli a recidere di netto dei cavi elettrici della rete di distribuzione pubblica. Armati di cesoie hanno letteralmente tagliato dei fili della corrente isolando fattorie, casali e residenze coloniche. Il furto è avvenuto in due punti della campagna mussomelese: in contrada Reina e in contrada Malpertugio. Due zone molto lontane dal centro abitato, più vicine a Serradifalco e San Cataldo che a Mussomeli. La denuncia è scattata dopo che i tecnici dell’Enel si sono resi conto delle cause alla base di un guasto. La mattina seguente il furto infatti, residenti e proprietari delle aziende agricole delle due contrade hanno segnalato l’assenza di energia elettrica. Subito si sono rivolti al gestore, e dopo un esame attento dell’intera rete è stato scoperto che l’interruzione era da attribuire a quel furto che purtroppo non può essere più definito anomalo. Oramai il furto di rame è entrato di diritto nella routine della piccola criminalità. Sull’episodio intanto, dopo che è stata presentata una denuncia, indagano i carabinieri della locale Stazione.

503 Letture

 

 

Scritto in Archivio storico, In EvidenzaComments (0)

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com