VigroEuronics
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio | gennaio, 2010

 

Bellanca annuncia presto dialisi

Bellanca annuncia presto dialisi

MUSSOMELI – Il consigliere provinciale Salvuccio Bellanca ha accolto il grido d’aiuto da parte di Francesco Paolo D’Andrea, padre di una diciottenne dializzata, e di tutti i famigliari di quanti sono costretti a sobbarcarsi degli indicibili viaggi verso i centri vicini per sottoporsi alla dialisi. “Ho sentito il dovere di chiamare il direttore generale Paolo Cantaro- scrive in una nota- per discutere della problematica relativa alla mancata attivazione del servizio di emodialisi. Con il manager, abbiamo convenuto di fissare un incontro per la prossima settimana quando andrò a trovarlo assieme al signor D’Andrea presso gli uffici dell’Asp 2 a Caltanissetta”. Bellanca conferma di avere appreso dal manager “che ha già valutato diverse ipotesi operative. Inoltre il dottor Cantaro ha potuto verificare di persona come le attrezzature che si trovano da tempo al Longo siano oramai obsolete e non adeguate. Lo stesso mi ha confermato che quella di Mussomeli è una questione che gli sta a cuore e che dai dati in suo possesso sono stati individuati ben 37 soggetti che necessitano di dialisi, i quali potrebbero utilizzare il servizio in sede qualora fosse attivato”. “La buona notizia- fa notare il consigliere provinciale- sta nel fatto che la soluzione del problema dovrebbe oramai essere veramente vicina e con la dovuta prudenza, tenendo conto dei tempi della pubblica amministrazione, il dottor Cantaro mi ha confermato che, avendo già definito il capitolato, a breve sarà pronta la gara che consentirà l’attivazione di sei posti letto per la dialisi a Mussomeli che saranno utilizzati attraverso un trattamento Cal (Centro assistenza limitata) che garantirà ai pazienti le cure necessarie e l’opportuna assistenza sia da parte del personale infermieristico che medico”.

854 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Al Santuario le elementari  di Mussomeli per la festa di San Giovanni Bosco

Al Santuario le elementari di Mussomeli per la festa di San Giovanni Bosco

MUSSOMELI – Messa .oggi, alle ore 18,30 al Santuario della Madonna dei Miracoli per la festa di San Giovanni Bosco, preceduta da un triduo di preparazione,  La statua  del Santo,  che si venera nel Santuario,  è stata donata, tanto tempo fa, quando era ancora in vita, dal geometra Nicolò Piazza. ed ora è curata dalla famiglia Nola ed in particolare dal rag. Gaetano Nola. Da diversi anni è invalsa  la tradizione a  che le scuole elementari  di Mussomeli partecipino alla Messa  del Santuario per fare conoscere  ed invogliare i ragazzi ad  imitare le virtù del Santo. Intanto, l’altro ieri pomeriggio, prima l’Istituto,  di cui è dirigente scolastico il prof. Salvatore Vaccaro .  e poi,  ieri mattina,  il 2° Comprensivo, di cui è dirigente scolastico il prof. Mario Barba, hanno partecipato alla celebrazione della Messa in onore del Santo. Infatti, il rettore del Santuario, intorno alle 11, ha accolto i numerosi bambini delle elementari di Viale Peppe Sorce e di Via Pola (in tutto circa 300) e li ha gioiosamente intrattenuti, ancor prima della celebrazione della Messa. “Quale è il saluto cristiano?, ha detto Don Diego Di Vincenzo, rivolgendosi ai piccoli già seduti nei banchi. Qualche momento di imbarazzo e di silenzio ma alla fine tutto chiarito. Il sacerdote  li ha  salutati, stavolta,  col “Cristo Regni” e subito è seguito un gridato e  corale “SEMPRE” dalle voci argentine dei compiaciuti bambini. Don Diego ha presentato la figura carismatica del Santo, ripresa poi nel corso dell’Omelia, indicando le tre agenzie educative preposte all’educazione  dei bambini e ragazzi:  Chiesa, Scuola e Famiglia. Rivolgendosi ancora ai bambini “Dovete amare i vostri genitori, ha detto il Rettore, perché vi hanno generato” e rivolgendosi ai genitori “Attenzione, ha detto, i piccoli non vanno viziati” Il sacerdote ha, poi,  invitato i bambini, le insegnanti e i genitori presenti , a dare il loro piccolo obolo destinato ai bambini, colpiti dal terremoto di HAITI. A fine Messa, caramelle per tutti. E’ anche tradizione, in questa ricorrenza, offrire i panini di San Giovanni Bosco dopo la messa solenne della sera.

1.090 Letture

 

 

Scritto in SocietàComments (0)

 

Sale la febbre per l’atteso derby “del castello”

Sale la febbre per l’atteso derby “del castello”

MUSSOMELI– Mancano meno di 24 ore all’inizio dell’attesissimo derby di Mussomeli tra Aurora e Chiaramontana. Le due squadre si sono allenate bene in settimana e sono pronte per dar vita ad una splendida giornata di sport. Il clima è rovente e le squadre sono molto tese perché sanno che non possono sbagliare. L’Aurora di Mister Sorce dovrà fare a meno del portiere titolare Baldone, infortunatosi durante l’ ultima partita, ma forte del rientro di Fabrizio Misuraca , Alessandro Misuraca e Giuseppe Messina.Non ci dovrebbero esser problemi invece per la Chiaramontana dove Mister Cacciatore che potrà schierare la migliore formazione. Tutto pronto quindi per l’appuntamento previsto per domani alle 14,30 allo Campo comunale “N. Caltagirone” di Mussomeli.
NUCCIO SALAMONE

799 Letture

 

 

Scritto in SportComments (0)

 

Visita quinta commissione nelle scuole superiori

Visita quinta commissione nelle scuole superiori

MUSSOMELI – Al Liceo classico e scientifico “Virgilio” nei giorni di pioggia l’umidità corrode le pareti e i bagni del piano terra sono stati chiusi dopo i crolli del controsoffitto. Tanto che gli studenti inscenano una piccola protesta: piazzano al centro del cortile un water picchettato attorno da dei cartelli in cui chiedono il diritto alla toilette. Nel vicino Istituto per geometri e ragionieri le infiltrazioni oramai hanno toccato le armature, intere porzioni di controsoffitto sono cedute, parti di pavimenti dei laboratori si sono staccati dal suolo e in alcuni corridoi non si accendono le luci per la paura che l’acqua infiltrata possa provocare un corto circuito. E ancora peggio va all’Agrario di via Agrigento. Tre istantanee scattate ad altrettante scuole superiori della città e che faranno dire al presidente della V Commissione provinciale Lavori e pubblici e Territorio “altro che scuole italiane, sembra di stare a Beirut”. Santo Mirisola non è l’unico rimasto sbigottito dalle condizioni dei complessi studenteschi. Lo stesso sentimento lo provano Salvuccio Bellanca, Alfonso Cirrone Cipolla, Francesco La Rosa. La commissione è al completo per una visita istituzionale. Dapprima al Liceo guidati dal preside Sebastiano Lo Conte. Il dirigente, dopo un tour nell’edificio, li porterà sino dinanzi al nuovo agrario: struttura pronta ma inutilizzata. “Non vorremmo che un giorno arrivassero i vandali e distruggessero ogni cosa. Ecco perché chiedo immediatamente la disponibilità della scuola”. All’”Hodierna” l’accoglienza è più tiepida da parte della preside Laura Zurli e che anzi, appellandosi ad una direttiva ministeriale vieta ai giornalisti di immortalare una scuola a pezzi. “Oramai- dice il presidente Mirisola- stiamo attraversando l’intera provincia per renderci conto delle emergenze delle scuole nissene. Purtroppo ci stiamo rendendo conto anche della cattiva gestione dell’amministrazione precedente, che anziché occuparsi della manutenzione ha pensato a costruire delle cattedrali nel deserto”. Una frecciata anche a chi “non ha votato le variazioni di bilancio non permettendo interventi urgenti. Comunque dopo questa visita ci occuperemo di intervenire. La situazione dovrà essere risolta in tempi celeri e c’è tutto l’interesse della Commissione e della Giunta a risolvere le questioni”.

866 Letture

 

 

Scritto in AttualitàComments (0)

 

Mussomeli: “Un sms può cambiarmi la vita!”

Mussomeli: “Un sms può cambiarmi la vita!”

MUSSOMELI – Il popolo di Mussomeli, ancora una volta, si mobilita per dare aiuto ad un giovanissimo  artista promettente che ha dato prova in questi ultimi anni di grande talento nonchè di tenacia. Il giovane in questione è il cantautore Gero Riggio entrato nella  playlist di ben 150 emittenti radiofoniche nazionali con il singolo “L’Indistruttibile”. Ancora una sfida per Gero Riggio, dunque, tra le più importanti sicuramente, che porterà a far  conoscere il giovane musicista mussomelese in tutta Italia. Una sfida questa, se pur difficile… fattibile più che mai grazie all’aiuto di noi tutti. La promozione radiofonica nasce dall’esigenza di fronteggiare lo strapotere dei grandi Network radiofonici nazionali che si ostinano a mandare in frequenza brani di artisti ormai affermati o presentati dalle grandi major discografiche, togliendo così dello spazio importante a giovani artisti da soli, senza management a supporto,  trovano sempre più difficolta ad esprimere la porpia musica ad alti livelli, spiega in una nota il direttore artistico del primo vero concorso RADIOFONICO nazionale. Da Gennaio a Marzo comincerà il VOTING SMS da parte dei sostenitori degli artisti e in questo modo si avrà una classifica aggiornata, visionabile dal seguente link http://www.radiotourfestival.it/CLASSIFICA%202010.htm in tempo reale. I primi dieci in graduatoria entreranno con il brano in una compilation in vendita su tutti i più grandi store d’ITALIA e sulle piattaforme digitali in 40.000 copie. I primi dieci in graduatoria entreranno con il brano in una compilation in vendita su tutti i più grandi store d’ITALIA e sulle piattaforme digitali in 40.000 copie! Lo scalino forse più importante è rappresentato dal tour di promozione in ben 20 location di tutta la penisola nel quale parteciperanno SOLO i primi 5 in graduatoria, presenti nella compilation e  votati dagli ascoltatori di tante radio affiliate e dal pubblico di internet. La classifica così azzerata continuerà per questi tramite il tour: alla fine uscirà un vincitore al quale sarà offerta una produzione completa per un album compresa di book fotografico, videoclip dei singoli di lancio con annessi passaggi radiofonici, interviste, promozione televisiva, ufficio stampa, tour management e tutto ciò che completa un progetto discografico. Questo l’appello di Gero Riggio al popolo mussomelese e non solo: “Per me è una grandissima opportunità, quella di entrare nel circuito radiofonico nazionale. Adesso per coronare il mio sogno basta veramente poco ed avrei nuovamente bisogno della gente di Mussomeli e di tutta la provincia che anche in occasione di Castrocaro si fece trovare prontissima a sostenermi. Un sms è davvero nulla in confronto alla possibilità che potrei avere per proseguire la mia corsa verso “il professionismo discografico” e di sicuro anche questa volta Mussomeli mi porterà in alto, ne sono straconvinto. Mi affido a voi”. Gli fa eco Calogero Lauricella, titolare della Radio RCS, supporter radiofonica del cantautore nostrano: “Gero ha un talento indiscutibile e il suo brano, che già in passato è stato hit nella mia radio, merita un posto di riguardo a livello nazionale. Questa è una grossa opportunità per lui e dobbiamo impegnarci tutti per portarla a buon fine, tanto un sms non costa davvero nulla!” Non rimane che accogliere le parole del nostro conterraneo che ha saputo meritare in questi anni la fiducia e la stima di tutti coloro che lo hanno seguito nella sua escalescion verso il successo. La città di Mussomeli ha sempre saputo premiare i suoi figli che hanno saputo dar prova di coraggio, tenacia e altruismo!

IL NUMERO PER IL VOTING E’ IL SEGUENTE: 348 69.79.497 (il costo è quello della tariffa che si possiede)IL CODICE DA INSERIRE NEL MESSAGGIO E’ IL SEGUENTE: A43 (tutto attaccato se no il voto non è valido!)

907 Letture

 

 

Scritto in AttualitàComments (0)

 

Da domani la Fratres di Mussomeli riprende la donazione del sangue presso il l’Ospedale

Da domani la Fratres di Mussomeli riprende la donazione del sangue presso il l’Ospedale

MUSSOMELI – Domani i donatori di sangue FRATRES tornano a donare presso il laboratorio Analisi dell’Ospedale Maria Immacolata Longo. Il Direttore Generale Cantaro, con l’ausilio del Direttore sanitario dott. Giacomo Sampietri, ha  pianificato l’intera questione ed ha comunicato ai dirigenti della Fratres le sue determinazioni per l’ottimizzazione del servizio. Infatti  a fine della prossima settimana, saranno assegnati appositi locali alla Fratres, dove saranno accolti i donatori per i prelievi di sangue.. Sono stati, dunque, chiariti e superati alcuni aspetti logistici ed organizzativi e ciò permetterà al gruppo Fratres di continuare il suo  cammino, che grazie ai numerosi donatori, potrà fornire il prezioso liquido, assai richiesto  dall’Azienda Sanitaria.. A tale riguardo il gruppo Fratres di Mussomeli fa sapere che  il numero definitivo delle donazioni per l’anno 2009 è di 964 sacche. C’è da dire che al Gruppo Fratres. peserà non poco il mancato prelievo di sangue di tutto il mese di gennaio, ma i dirigenti del sodalizio sono fiduciosi in un suo recupero, potendo contare del valido aiuto del laboratorio Analisi e dei collaborratori. Con il ripristino delle donazioni di sangue, a partire  da domani mattina, si pone così termine ad una attesa, fra l’altro non compresa dai donatori, adesso sbloccata, dopo gli autorevoli interventi di quest’ultimi giorni del Direttore Generale Cantaro e del Direttore Sanitario. Dott. Giacomo Sampieri.

894 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

Mussomeli tra i primi tre comuni che rilanceranno il turismo

Mussomeli tra i primi tre comuni che rilanceranno il turismo

MUSSOMELI – Sarà tra i tre comuni della provincia che avranno priorità assoluta nell’ottenere finanziamenti regionali volti a incentivare il turismo. Insieme a Caltanissetta e a Gela, Mussomeli potrà usufruire, prima degli altri, degli incentivi messi a disposizione dalla Regione in favore degli Enti locali che vorranno realizzare interventi infrastrutturali volti a migliorare l’offerta turistica. A darne notizia è l’ex vicesindaco Salvatore Calà il quale, nonostante l’amministrazione guidata dal sindaco Gigi Mancuso sia ormai decaduta a seguito della sfiducia e il Comune sia in attesa di un Commissario, continua a seguire l’iter dei progetti avviati durante il suo mandato. «E’ gratificante – dice Calà – vedere che comunque chi verrà dopo di noi potrà raccogliere i frutti di quanto seminato. Ieri mattina ho avuto notizia che Mussomeli avrà priorità nell’accedere a due importanti bandi di rilancio del turismo che usciranno a breve e per i quali sarà necessario ovviamente presentare dei progetti di qualità». Progetti che potranno riguardare la riqualificazione di strutture congressuali, impianti sportivi ed altre infrastrutture pubbliche funzionali allo sviluppo turistico e la realizzazione di interventi nei centri e nei siti di interesse turistico. «Anche in questo caso – aggiunge Calà – aver lavorato presso gli assessorati di competenza ha reso possibile inserire Mussomeli, sensibilizzando i funzionari regionali e dimostrando come la marginalità territoriale può essere superata anche mediante l’esecuzione di opere che valorizzano nostro territorio. Mi auguro – conclude – che nelle prossime settimane si possa sensibilizzare il Commissario nominato e che gli uffici del Comune siano in condizione di approntare tutta la documentazione progettuale richiesta».

1.214 Letture

 

 

Scritto in SocietàComments (0)

 

Le domande della Chiaramontana su una partita violenta

Le domande della Chiaramontana su una partita violenta

MUSSOMELI – Sulla lunghissima diatriba che sta opponendo la Chiaramontana al Villalba, a seguito di una partita finita a cazzotti, pubblichiamo una lettera della dirigenza della squadra mussomelese e che milita in Terza categoria. Con questa missiva, redatta in risposta ad uno scritto già inviato dai dirigenti del Villalba, chiudiamo questo dibattito che a parere nostro nulla ha a che vedere con lo sport:   Consapevoli  di non aver  nella nostra associazione nessun dirigente stimato Professionista ,e di essere una dirigenza formata da giovani ed operai che senza contributi Comunali mettiamo le mani nelle nostre tasche  per far divertire tanti giovani e le loro famiglie,rimandiamo al mittente le accuse ricevute per i fattacci di Villalba , ma ci corre l’obbligo di tutelare l’immagine della societa’ e di ristabilire la verita’ sull’accaduto. Per questo vorremmo porre agli amici di Villalba e a tutti i lettori alcune domande.

1)       Come mai i cancelli dello stadio erano aperti , ricordiamo e’ compito della squadra ospitante tutelare e assicurare la sicurezza dell’impianto calcistico.

2)       Come mai nel riportare ll comunicato della lega su questo sito   non si parla dell’espulsione del sig Siracusa successa durante la rissa.

3)       Si mette in dubbio l’infortunio causato al nostro assistente di gara ricordiamo che e’ stato refertato all’ospedale di Mussomeli ,da ottimi professionisti Medici che svolgono il loro lavoro con grande professionalita’.

4)       Il pubblico era formato in prevalenza da sostenitori di Mussomeli , per la cronaca era formato da dieci persone di cui tre donne e’ un bambino di appena dieci anni.

5)       Non ci pare che la societa’ del Villalba e i suoi sostenitori  sono rimasti fermi anzi al contrario ci hanno aggrediti.

6)       vogliamo  parlare  della distinta che presenta alcune anomalie che dovevano dar la partita vinta a noi ( voi sapete di cosa parlo).

7)       E i giocatori del Villalba squalificati che prima erano in tribuna e poi in campo, ed il padre del ragazzo che ci voleva aggredire,  con  i Carabinieri  che hanno dovuto con professionalità ‘ ma anche con difficolta’  bloccarlo.

Noi non faremo ricorso per i tre punti ma ci appelleremo al giudice sportivo affinché i cancelli del campo di Villaba  verranno sempre chiusi , per  evitare alle altre squadre e alle loro famiglie momenti di terrore e panico come quelli  di domenica 17 gennaio. In altre occasioni anche noi siamo usciti tra gli applausi del pubblico degli arbitri e della squadra avversaria nel nome dello sport e del fair play. Vorremmo chiudere questa questione con l’augurio che nei campi di calcio si parli solo di sport e non di violenza ed invitiamo gli amici del Villalba ,per la partita di ritorno a Mussomeli , con le loro famiglie a trascorrere serenamente una giornata di vero sport , con i cancelli chiusi come da regolamento.

769 Letture

 

 

Scritto in SportComments (0)

 

5 anni fa…In gita i bambini della scuola dell’Infanzia di S. Enrico

5 anni fa…In gita i bambini della scuola dell’Infanzia di S. Enrico

MUSSOMELI – La scuola dell’Infanzia delle Suore Mercedarie di S.Enrico in trasferta.  Le non buone condizioni atmosferiche dei giorni scorsi  non hanno affatto scoraggiato Suor Amalia, Suor Maria Lucia e Suor Maria Della Neve che hanno organizzato una gita per i 28 bambini dell’Asilo, a cui si sono aggiunti le rispettive famiglie. In tutto 80 partecipanti con destinazione Palermo. Infatti, un’intera giornata, vissuta fuori non solo dalle mura domestiche ma anche  da quei luoghi che per i bambini sono diventati familiari per la presenza anche della loro maestra  Enza Lea Mingoia. Partiti di buon’ ora, con una tabella di marcia ben precisa, hanno potuto così fare il loro ingresso  alle 10 al  “Teatro Savio” per  vedere la rappresentazione della favola di “Biancaneve e i sette nani”. Assai attenti i bambini, addirittura coinvolti dagli attori (uno di loro della famiglia Zappalà) nella rappresentazione con grande gioia e divertimento anche dei familiari.   La numerosa “comitiva” poi  ha consumato il pranzo in un noto ristorante di Mondello e nel pomeriggio hanno potuto assistere a due ore di spettacolo al Circo “Orfei Mamma mia”, ammirando  l’abilità dei trapezisti, acrobati e la bravura dei clown. Tra gli animali  emergevano la giraffa, l’ippopotamo, e l’elefante, quest’ultimo, festeggiato  per i suoi sessant’anni. Ma c’erano inoltre coccodrilli e cavalli ed altro ancora. Tanta spensieratezza e simpatico divertimento nella comitiva ma soprattutto nei bambini anche se qualcuno di loro, ad un certo momento, atterrito dalla presenza dei singolari animali, si è nascosto sotto la sedia. C’è da dire che un supporto prezioso per la gita lo hanno dato la signora Teresa Cavallaro e la signora Adriana di Palermo, che hanno curato gli aspetti logistici della sosta palermitana. In serata, il rientro a Mussomeli per i piccoli gitanti, amorevolmente circondati dall’affetto dei genitori.

1.954 Letture

 

 

Scritto in In Evidenza, SocietàComments (0)

 

Passione di Cristo, parte la raccolta di fondi. Attivato un conto corrente online

Passione di Cristo, parte la raccolta di fondi. Attivato un conto corrente online

MUSSOMELI-Al via la campagna di sensibilizzazione e la  raccolta fondi , denominata “CONTRIBUISCI ANCHE TU” , per la messa in scena della prossima Passione di Cristo 2010, che si svolgerà a Mussomeli  il 20 e 21 Marzo. Le due associazioni organizzatrici dell’evento, l’associazione Culturale Symposium (rappresentata da Salvatore Giardina) e l’associazione Turistica Pro-Loco di Mussomeli (diretta da Salvatore Piazza) da diverse settimane hanno messo in moto la macchina organizzativa, costituendo un comitato organizzativo, che dopo avere  confermato  alla  regia dell’ evento Sergio Forzato, ha dato il via alle prove generali della  Passione di Cristo 2010. Per fare fronte alle spese necessarie per la  messa in scena dell’evento,  si chiederà  una  collaborazione economica ai commercianti, agli istituti di credito e all’intera popolazione. “Con un piccolo apporto economico – racconta Giardina –  anche i singoli cittadini potranno contribuire alla realizzazione di uno spettacolo che negli anni ha visto crescere l’entusiasmo di tutti i collaboratori e l’ammirazione di tutti coloro i quali hanno potuto assistere all’evento in diretta o in rete”. Quest’ anno, per cercare di reperire i fondi necessari alla buona riuscita dell’evento, è stato attivato un conto corrente On-Line IBAN: IT 14 P0301983380000009010607  BIG SWIFT: RSANIT3P (se si è residenti all’estero)_ attraverso il quale i Mussomelesi residenti e non  potranno donareun contributo. “E’ dura organizzare in condizioni del genere, sapendo che il comune non potrà sostenerci economicamente – prosegue Salvatore Giardina – speriamo in un forte  sostegno da parte dei cittadini nonché degli emigrati e degli esercenti, al fine di poter organizzare al meglio la rappresentazione che ormai è diventata patrimonio di tutti.E’ arrivato il momento che il paese si renda conto che in queste situazioni bisogna contribuire (ognuno per quello che può) in modo che si possa organizzare qualcosa di bello in un paese in preda all’ignavia.”

839 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com