VigroEuronics
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio | maggio, 2010

 

Falsi consegnatori di pagine bianche in azione in paese

Falsi consegnatori di pagine bianche in azione in paese

MUSSOMELI – Falsi consegnatori di elenchi telefonici in azione in un quartiere della città. E’ accaduto a metà settimana, quando alle palazzine che si affacciano su viale Indipendenza, si sono presentati un paio di giovani che hanno millantato un presunto incarico di consegna della nuova edizione delle Pagine Bianche. Ma dopo le insistenze per introdursi negli appartamenti, e soprattutto dopo avere notato che gli elenchi riguardavano la provincia di Palermo, alcuni residenti piuttosto insospettiti hanno chiamato i carabinieri. “E’ successo un paio di giorni fa- racconta un’inquilina di un edificio di viale Indipendenza- hanno suonato a casa, ci hanno avvertito che c’erano degli elenchi da consegnare, e quando sono saliti abbiamo notato la stranezza: si trattava delle Pagine bianche della provincia di Palermo. Abbiamo chiesto spiegazioni, ci hanno risposto che si trattava di una nuova politica di Telecom. Intanto abbiamo notato in loro un certo nervosismo, una strana attenzione nell’osservare le porte, le vie d’uscita del condominio. Il sospetto che ci fosse qualcosa di strano dietro a quella visita, è stato confermato quando dalla Telecom hanno negato che quei due fossero dei loro incaricati. A quel punto abbiamo segnalato l’episodio ai carabinieri”.

5.497 Letture

 

 

Scritto in Cronaca, SocietàComments (0)

 

Il “Milena calcio” vince ed entra in seconda

Il “Milena calcio” vince ed entra in seconda

MILENA-Si conclude così, con una splendida vittoria, la finalissima play-off contro il caterinese. Con il Caterinese –Milena Calcio 2 a 4, la squadra tanto amata dai milocchesi entra in seconda categoria  tra l’esultanza ed il delirio della popolazione, che ha, subito dopo la partita, festeggiato l’evento in piazza quasi fosse la vittoria dell’Italia ai mondiali. La partita trasmessa in diretta streaming per gli appassionati ed i tifosi rimasti a casa, ha reso un servizio lodevole a tutti gli sportivi, i quali hanno potuto, anche se lontani, gioire ed esultare per la propria squadra del cuore. La festa, che dallo stadio comunale di Caltanissetta si è poi spostata in Piazza a Milena è stata caratterizzata dal carosello di macchine e due ruote che con le bandire al vento del “Milena Calcio” hanno affollato il corso principale del paese creando un’atmosfera unica ed imperdibile.

 

 

1.309 Letture

 

 

Scritto in SportComments (0)

 

Pippo Sergio Mistretta numero 2 dei vigili del fuoco

Pippo Sergio Mistretta numero 2 dei vigili del fuoco

MUSSOMELI – Proviene da Mussomeli il nuovo numero 2 dei vigili del fuoco italiani. Pippo Sergio Mistretta, 60 anni, da domani ricoprirà l’incarico di capo della Direzione centrale per l’emergenza e il soccorso tecnico. Per intenderci occuperà la seconda posizione di prestigio all’interno del corpo. La nomina è arrivata lo scorso 18 maggio in Consiglio dei Ministri su indicazione del Ministro degli Interni Roberto Maroni. E sarà proprio il Viminale la sede del suo “quartier generale”. Un riconoscimento prestigioso e importante per un alto funzionario dei vigili del fuoco. Come detto Pippo Sergio Mistretta ha 60 anni, fino a qualche giorno fa ricopriva l’incarico di direttore regionale dei pompieri piemontesi. Ma ora la sua carriera, per nulla avara di successi, segna una nuova tappa. Entrato nei vigili del fuoco circa 35 anni fa, dopo una parentesi iniziale a Venezia, si è trasferito in Sardegna dove ha ricoperto ruoli fondamentali nell’organizzazione del corpo, arrivando al vertice con la nomina di direttore regionale. Poi cinque mesi fa il trasferimento in Piemonte, e adesso questa nuova promozione che lo catapulta nelle stanze dei bottoni. “E’ una nomina che mi inorgoglisce- commenta Mistretta- mi fa molto piacere e premia la mia carriera. Non posso che essere contento e felice della scelta, considerato che l’incarico che mi è stato affidato rappresenta il top della gestione operativa del corpo”. Anche se da tanti anni risiede a Sassari con la sua famiglia, Pippo Sergio Mistretta non ha mai reciso il cordone che lo lega alla sua Mussomeli. “Ho tantissimi amici e poi lì vive ancora mia madre Teresa e mia sorella Letizia (sposata con l’ex sindaco Gigi Mancuso, ndr). E’ la mia città e per questo motivo ne sono ancora fortemente legato”.

3.943 Letture

 

 

Scritto in SocietàComments (0)

 

Mussomelesi alle urne

Mussomelesi alle urne

MUSSOMELI-Con una percentuale del 9,41%, in calo al momento rispetto agli anni precedenti, i mussomelesi stanno esprimendo le proprie preferenze per queste amministrative 2010. Il numero dei votanti allo stato attuale è di 1120. Un dato che nel pomeriggio è destinato a crescere. Sono 41 i comuni siciliani nei quali si votera’ il 30 e 31 maggio per il rinnovo dei sindaci e dei consigli. Lo ha deciso l’assessore regionale per le Autonomie locali e la Funzione pubblica, Caterina Chinnici, che ha firmato il decreto di indizione dei comizi elettorali.
Nei 12 Comuni, nei quali si votera’ con il sistema elettorale proporzionale, l’eventuale ballottaggio si terra’ il 13 e il 14 giugno. Interessata alla tornata elettorale anche la circoscrizione di Portella di Mare di Misilmeri. Unico capoluogo di provincia che andra’ alle urne e’ Enna, mentre in provincia di Siracusa non si votera’ in nessun comune. Oltre che nei comuni il cui rinnovo degli organi amministrativi era gia’ fissato per scadenza naturale, si votera’ anche a Ribera, Mussomeli e Collesano (dove i primi cittadini sono stati sfiduciati), Gela (dimissioni del sindaco, dopo l’elezione al parlamento europeo), Giardini Naxos e Agira (elezioni annullate con sentenza del Cga del 2009), Siculiana (sciolto nel 2008 per infiltrazioni mafiose), Caltavuturo (sentenza di ineleggibilita’ del sindaco dichiarata dalla Corte d’Appello) e Naso (dove il sindaco e’ stato rimosso). Il 30 maggio si votera’ dalle 8 alle 22, il giorno successivo dalle 7 alle 15. I siciliani interessati dalla consultazione sono 413.668 Lo scrutinio iniziera’ subito dopo la chiusura delle urne.

3.334 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Polemiche in seno al Consiglio Comunale

Polemiche in seno al Consiglio Comunale

MILENA-L’ultimo consiglio comunale tenutosi a Milena la scorsa settimana ha suscitato non poche polemiche e discussioni. Fra tutte la notizia data dai tre consiglieri di maggioranza, Vitellaro, Carlino, Mantione, della nascita del gruppo “MPA Milena” che pare esser germogliato  in forte contrapposizione all’operato della capogruppo di maggiornaza prof. Valeria Vella. E’ delle ultime ore la posizione assunta dal Presidente del Consiglio Comunale Tona, il quale, divulga attraverso il sito del gruppo del “PDL Milena” tali considerazioni: “Il Consiglio ha avuto inizio con la lettura di un documento condiviso a sostegno della lotta che stanno portando avanti i precari di tutta  la Sicilia, compresi quelli che lavorano presso il Nostro Comune. Subito dopo si è assistito ad un colpo a sorpresa (nel senso che nessuno se lo aspettava). Ma tant’è: nasce un nuovo gruppo consiliare denominato “MPA MILENA”, che critica aspramente la propria ex capogruppo accusandola pesantemente, che rinnova la fiducia al Sindaco e che determina, così, uno scenario imprevisto ed imprevedibile all’interno del Consiglio Comunale. Ecco la geografia dei gruppi e delle forze politiche che rappresentano la nostra comunità’: Presidente del Consiglio, PDL SICILIA – indipendente, Gruppo di minoranza – 6 componenti, Gruppo Insieme per il Cambiamento – cinque componenti, Gruppo MPA – tre componenti. Sul contenuto del documento presentato dai Consiglieri Carlino, Vitellaro e Mantione, ci permettiamo di soprassedere, anche perchè Noi del PDL abbiamo già deciso di lasciare naufragare questa maggioranza con argomentazioni e motivazioni politiche, spiegate in maniera chiara e dettagliata. Sorvoliamo sull’approvazione del Conto Consuntivo 2009, limitandoci solo a precisare che, quanto a serietà, non è che il gruppo leale e fedele al Sindaco abbia dato prova di chissà quale preparazione politica! Ma di questo avremo modo di parlare tra qualche settimana quando si dovrà portare in Consiglio il Bilancio 2010. Ci preme , invece, approfondire l’altro punto all’ordine del giorno, avente ad oggetto la proposta portata avanti dal Sindaco di “potere essere messo in condizioni di conferire un incarico ad un tecnico di altissima professionalità, al fine di evitare che alla Regione il Piano Regolatore venga bocciato, con conseguenze negative per l’intera cittadinanza”. La proposta consiste nello stabilire i criteri da seguire (per la verità molto vaghi e indefiniti) al fine di conferire, appunto, incarichi a personale esterno all’Amministrazione. Il presidente del Consiglio Salvatore Tona  ha votato contro ritenendo che “tale proposta non è un atto dovuto, non è obbligatoria nè opportuna”. Anche il gruppo di minoranza ha votato contro (votazione effettuata per appelo nominale), sottolineando il fatto che in tema di regolamenti una maggiore concertazione non guasterebbe. Ma qui noi non vogliamo discutere sulle modalità utilizzate dalla maggioranza e dalla giunta  nell’affrontare argomenti così delicati. Bisogna tuttavia dire che forse forse un tocco di superficilità si è potuta notare ieri sera durante la discussione. Vorremmo essere più chiari e spiegare perchè il Presidente del Consiglio ha votato contro, con la condivisione di tutto il partito. Il problema non è se la proposta doveva per forza essere approvata, pena l’impossibilità di nominare un tecnico per seguire l’iter del Piano Regolatore (questa è la tesi espressa e sostenuta dal Sindaco). Il problema è quello relativo alla necessità di nominare un tecnico per fare tutto ciò. In altre parole: è proprio necessario rivolgersi ad un tecnico o forse forse le soluzioni potrebbero essere altre? In ogni caso, la decisione non ci convince. Innanzitutto, perchè la somma prevista per la consulenza potrà arrivare fino a € 15.000,00. In secondo luogo, perchè nessuno della maggioranza e nemmeno il Sindaco sono entrati nel merito di quali siano gli intoppi del Piano Regolatore. In terzo luogo, i criteri per il conferimento dell’incarico sono lasciati all’assoluta discrezionalità della Giunta. Perchè si dovrà nominare Tizio piuttosto che Caio? In quarto luogo, riteniamo che, al di là delle discussioni giuridiche, il problema è tutto politico: come verrano spesi  i soldi dei cittadini? Verranno spesi bene o male? Verrano spesi con oculatezza come fa un buon padre di famiglia oppure no? Il nostro punto di vista è questo: ai cittadini tocca commentare, valutare e riflettere. L’esito della votazione è stato il seguente: Favorevoli otto (Vitellaro, Mantione, Carlino, Di Marco, Ferlisi, Vella, Mattina , Cipolla ) – Contrari quattro  (Tona, Randazzo, Palumbo  e Mugavero ). Mancavano tre consiglieri di minoranza. Otto a quattro: proposta accettata, delibera votata ed incarico pronto!”.

1.171 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Alunni chiamano alunni, insieme si cresce:  Progetto “Comenius” del 2° Comprensivo

Alunni chiamano alunni, insieme si cresce: Progetto “Comenius” del 2° Comprensivo

MUSSOMELI –Prelevati  all’aeroporto di  Punta Raisi, erano arrivati, in prima serata, a mezzo pulmino,   a Mussomeli  alla fine della settimana scorsa. Accolti presso l’Agriturismo Monticelli dal dirigente scolastico del 2° Istituto Comprensivo “Paolo Emiliani Giudici”  prof. Mario Barba coi suoi collaboratori.  Presenti, perché coinvolte nell’accoglienza, anche le famiglie degli alunni Alessi Daniele, Canalella Sofia, Messina Daniele, Di Piazza Tiziana, Scavone Salvatore, Piparo Vincenzo, Bonomo Ylenia, Mammola Giuseppe che si sono prese cura di ospitarli  nelle loro case. Questi gli alunni europei, provenienti dalla Turchia: Aynur sadullahoğlu, Reyhan demir, Serdar il ed altri provenienti dalla Germania: Josepha Weil,  Uwe Balser, Lukas Semsch, Pia Speckmann, Julia Waschkowitz, Robin Kulow, Christian Witt, Nico Krausgrill, Sina Demann. Questi, invece,  i docenti: Fatmagül göktaş (TURCHIA),  Ela sat (TURCHIA), Serdar özmen (TURCHIA), Mehmet kurtoğlu  (TURCHIA), Uwe Balser ( GERMANIA), Natalie Wranke ( GERMANIA), Juan Manuel Pérez (SPAGNA), Gustavo de la Fuente (SPAGNA), Sandra Paez (SPAGNA), Sonia Blazquez (SPAGNA) e Tomasini Rosalinda /ITALIA), referente del progetto Comenius.   Gli alunni hanno subito socializzato certamente con qualche problema di comunicazione:. “ E’ stato brutto per me non potere colloquiare con la mia piccola ospite  Pia Speckmann, ho fatto di tutto per farla sentire a suo agio, per fami capire ho dovuto  gesticolare” ,  così  ci ha detto la signora Angelina,  soddisfatta, comunque di avere fatto questa esperienza.  Per  molti di loro,  comunque,  il computer è risultato un valido strumento di comunicazione mediante, appunto, il  traduttore per lingue. Scena muta, dunque, fra i diversi soggetti, con un linguaggio non parlato ma semplicemente e visivamente computerizzato. A scuola  e nelle varie visite hanno fatto da interpreti Rosalinda Tomasini, Tatina Mistretta e Giuseppina Cardillo, articolista del Comune, che ha collaborato in questo servizio. Una settimana  di  “perlustrazione”,  ammirazione di luoghi , monumenti della Terra di  Manfredi  con il suo Castello, le sue chiese. I ragazzi hanno anche assistito  nel Chiostro San Domenico, al Festival canoro organizzato dallo stesso Istituto Comprensivo. Giornate anche in aula per far conoscere le realtà delle loro terre. Escursioni anche per visitare il paesaggio di Sutera con il Monte San Paolino, i Templi ed il museo di Agrigento. A Palermo hanno visitato il Palazzo dei Normanni, la Cappella Palatina, la Cattedrale, Piazza Politeama e poi hanno effettuato il giro per la città.. ”Sono rimasti contentissimi, ci ha detto Mimmo Scavone, papà di Salvatore, al momento della partenza della delegazione straniera,  I docenti europei ci hanno invitato nei loro paesi”.  Sono ripartiti dopo una settimana di soggiorno a Mussomeli, proprio venerdì scorso. Un’organizzazione impegnativa quella del progetto  Comenius ,  che ha registrato anche la collaborazione delle insegnanti Enza Amico, Geppina Messina e Rosina Licata che hanno prestato la loro opera nei diversi momenti d’incontro; c’ è stato anche il supporto della la Scuola Materna di Via Leonardo Da Vinci con le maestre e il personale ATA. Ma cos’è il Progetto Comenius  “ YOU ARE VERY CLOSE TO ME” ? E’ portare giovani . ed insegnanti in Europa, insieme, per condividere idee ed esperienze, per scoprire la cultura l’uno dell’altro e per fare amicizia. Il progetto  di partenariato multilaterale, iniziato l’anno scorso, prevede la diffusione, la promozione e divulgazione della cultura europea. E questo è stato fatto. Sono state coinvolte tutte le seconde medie del 2* Comprensivo  (Plesso Viale Peppe Sorce, Plesso P. Messina e quello di Aquaviva).  C’è anche da dire che l’Istituto, allestito di tutto punto con bandiere, immagini, pitture ha accolto, come già detto,  le delegazioni straniere, in  visita nella scuola, dove hanno avuto luogo il project work, durante il quale, le delegazioni hanno esposto i lavori eseguiti durante questi mesi dalle varie scuole, programmando quelli che saranno gli impegni futuri a breve e medio termine. “Questa esperienza, è detto in una nota degli organizzatori, davvero importante e significativa per i nostri alunni , ha permesso loro di confrontarsi con loro coetanei aventi stili di vita del tutto differenti e di delineare insieme con gli ospiti, analogie e differenze rispetto ai nostri modi di fare, alla nostra vita quotidiana. Le Finalità del nostro Progetto sono: >Sviluppare la conoscenza e la comprensione della varietà culturale e linguistica europea  >Promuovere la comunicazione interculturale fra gli studenti e gli insegnanti di diversi paesi, utilizzando le nuove tecnologie;   >Aiutare gli adolescenti a diventare in modo consapevole cittadini europei, acquisire competenze per la loro crescita personale e per il loro lavoro futuro”. La Prof.ssa Tomasini Rosalinda, coordinatrice del Progetto,  da noi intervistata al riguardo, ci ha detto che ”La scuola  vuole camminare al passo con i tempi e  cogliere le opportunità offerte dal Programma d’azione comunitaria nel campo dell’apprendimento permanente, o Lifelong Learning Programme, il cui obiettivo generale è contribuire, attraverso l’apprendimento permanente, allo sviluppo della Comunità quale società avanzata basata sulla conoscenza. In particolare l’LLP si propone di promuovere, all’interno della Comunità, gli scambi, la cooperazione e la mobilità tra i sistemi d’istruzione e formazione in modo che essi diventino un punto di riferimento di qualità a livello mondiale. L’esperienza è da considerarsi a mio parere una finestra che permette non solo  ai ragazzi, ma anche a noi docenti, di affacciarci sull’ Europa, perché come si è cercato di sottolineare durante i vari incontri con i partners, in realtà siamo tutti cittadini di un unico stato, quello europeo.


2.431 Letture

 

 

Scritto in SocietàComments (0)

 

Nulla di fatto per il senso unico, commercianti  dichiarano guerra

Nulla di fatto per il senso unico, commercianti dichiarano guerra

MUSSOMELI – Dall’incontro con il commissario sul senso unico in via Palermo, i commercianti hanno ottenuto un nulla di fatto. Maria Mistretta nella mattinata di ieri ha rinviato alla prossima settimana ogni decisione, provocando le ire di Giuseppe Fasino di Confcommercio e di Vincenzo Castiglione della Federazione tabaccai, presenti in Comune in rappresentanza degli esercenti. “Oggi- ha spiegato a margine del vertice Fasino- registriamo da parte del commissario una presa di tempo che ci porterà inevitabilmente alla prossima settimana aumentando maggiormente i nostri danni. Molto probabilmente si vuole arrivare all’insediamento di una nuova amministrazione comunale che si dovrà occupare della questione, ma noi non potendo aspettare i tempi della politica chiediamo fermamente una risoluzione immediata di tale provvedimento da parte del commissario prima che passi il testimone, facendo contestualmente presente a chiunque si andrà ad insediare come sindaco, che il ripristino del doppio senso di circolazione di via Palermo dovrà essere tra i primissimi atti da adottare se non si vogliono creare disoccupati. Se nel corso della prossima settimana non verrà presa nessuna decisione in merito- minaccia- ci vedremo costretti a mobilitare in maniera massiccia i sindacati di categoria per tutelare i nostri interessi e se sarà il caso siamo disposti a scendere in piazza”. Fasino sottolinea che nel tratto di strada interessato “ricadono numerose attività commerciali che stanno risentendo pesantemente della decisione presa. A supporto delle nostre argomentazioni abbiamo consegnato la documentazione accertante i vistosi cali verificatesi dal 10 maggio. La situazione è preoccupante, ci sono cali di vendite che vanno dal 30 all’80% e che riguardano tutti, in un periodo dell’anno in cui il lavoro generalmente conosce una ripresa. Ma quel che è più grave è che l’area interessata a tale danno si sta estendendo alla parte di via Palermo centrale in quanto si stanno obbligatoriamente modificando i percorsi dei consumatori, che preferiscono spostarsi da viale Peppe Sorce. Per cui viene a mancare un flusso veicolare anche in discesa da via Palermo che ha messo in seria preoccupazione gli esercenti che lì operano”.

1.404 Letture

 

 

Scritto in Attualità, SocietàComments (0)

 

Villalba. Una festa per ricordare Gianni Messina

Villalba. Una festa per ricordare Gianni Messina

VILLALBA – Un dolore che diventa gioia, sorrisi, canti. Una morte che diventa vita. E’ questo il clima che si respira ogni anno a Villalba durante la “Giornata dello sport” dedicata alla memoria di Gianni Messina: il giovane che a soli 16 anni morì in un incidente stradale, e i cui organi vennero donati per volere dei familiari. Centinaia di alunni dell’”Istituto comprensivo di Vallelunga e Villalba”, martedì 25 maggio, si sono ritrovati assieme alla famiglia Messina nel cortile della scuola media “Mulè – Bertolo”, per ricordare un ragazzo che non hanno mai conosciuto, ma a cui hanno scritto “Ciao Gianni” su di un manifesto legato a dei palloncini colorati, lasciati poi volare al cielo. E nel seguire il volo lieve e leggero di quei palloncini è stato come sentire che Gianni fosse li, in alto, a raccoglierli, a sorridere ancora e a dire “grazie”. Con la stessa dignitosa commozione con cui i suoi genitori, di anno in anno, ringraziano tutti i presenti per un manifestazione che diventa sempre più bella e partecipata. Quest’anno sono stati ben cinque gli alunni premiati con la borsa di studio “Gianbattista Messina” istituita dalla famiglia: Desirè Greco e Clarissa Pace, della quinta elementare di Vallelunga, che si sono aggiudicate a pari merito il primo posto nella prova grafico – pittorica; Giacinto Civiletto e Matteo Guarino, della scuola primaria di Villalba, che hanno vinto a pari merito la prova di lettura e infine Silvia Scinta, della terza media di Vallelunga, alla quale è andato il primo premio di 500 euro per la prova letteraria. Alla loro premiazione da parte del dirigente scolastico Vincenzo Nicastro, ha fatto seguito l’intervento dell’assessore alla cultura di Villalba, Giuseppe Favata, e dei genitori del ragazzo. Poi l’inaugurazione di una mostra, all’interno della scuola, dove sono stati raccolti tutti i disegni realizzati dagli alunni nelle cinque edizioni della “Giornata dello sport” e che accoglierà anche i lavori futuri. A tagliare il nastro della mostra, la mamma di Gianni, Carmelina Loggia e il figlio, il piccolo Alessandro Messina.

2.273 Letture

 

 

Scritto in SocietàComments (0)

 

5 anni fa…Mussomeli, forza posto di blocco: un arresto per tentato omicidio

5 anni fa…Mussomeli, forza posto di blocco: un arresto per tentato omicidio

MUSSOMELI – Ha tentato di forzare un posto di blocco, ha puntato con l’’auto ad alta velocità contro un carabiniere tentando di investirlo. Per Lorenzo Borrelli, 27 anni, è così scattato l’’arresto con la pesante accusa di tentato omicidio e resistenza a pubblico ufficiale. L’’episodio è accaduto durante un servizio di controllo nelle campagne di Mussomeli, nei pressi delle miniere Bosco; i militari della Compagnia erano impegnati in un servizio di pattugliamento delle zone più isolate, finalizzato alla prevenzione ed alla repressione dei furti; accortisi della presenza di un’’auto sospetta che si era indirizzata verso Serradifalco ad alta velocità, è stata poi persa di vista durante un iniziale pedinamento. Dopo circa un’’ora e mezza la stessa auto, una Fiat Punto grigia, con due persone a bordo, è riapparsa nella stessa zona, di ritorno verso Mussomeli, allarmando così i Carabinieri ancora in zona, che nel frattempo si organizzavano per effettuare un controllo più accurato. Immediatamente i carabinieri hanno predisposto un posto di blocco al fine di bloccare l’’auto e di procedere al controllo degli occupanti; ciò però non è bastato per fermare l’’auto ed il conducente che, giunto poco dopo le miniere Bosco ed accortosi dei militari posti sul rettilineo pronti per bloccarli con palette e chiari segnali, non  ha esitato ad indirizzare l’’auto, che già procedeva a velocità sostenuta, verso un militare che intimava l’’”alt”. Accelerando sempre di più, ha puntato dritto verso il Carabiniere che a stento con un balzo repentino ha schivato l’’autovettura che tuttavia impattava la paletta rifrangente impugnata dal militare che veniva frantumata; la fuga continuava e veniva interrotta dopo quasi trecento metri nel momento in cui  un’altra autovettura di servizio postasi all’’inseguimento riusciva a bloccarla prontamente. Gli occupanti venivano immobilizzati, bloccati e tradotti in caserma a Mussomeli. Non si conosce il motivo della fuga e dell’’atteggiamento ingiustificato e delinquenziale del conducente. Il conducente, Borrelli, veniva tratto in arresto per il reato di tentato omicidio e resistenza a pubblico ufficiale mentre il passeggero, F.P., classe 1992, originario e residente a Mussomeli veniva deferito in stato di libertà alla Procura dei Minorenni per resistenza a pubblico ufficiale in concorso. Borrelli, difeso dall’avvocato Ranieri del Foro di Palermo, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Caltanissetta a disposizione del Sostituto Procuratore Paci mentre il minorenne è stato affidato ai genitori. Il militare coinvolto fortunatamente non ha riportato lesioni.

8.401 Letture

 

 

Scritto in Cronaca, In EvidenzaComments (0)

 

Scelti i finalisti del consorso fotografico di  Sutera

Scelti i finalisti del consorso fotografico di Sutera

SUTERA – La commissione di esperti ha deciso i nomi dei finalisti della sesta edizione del concorso fotografico dedicato al Presepe Vivente. Una rassegna a cui hanno preso parte una novantina di appassionati, arrivati da tutta la Sicilia, e che attraverso i loro scatti hanno immortalato un presepe tra i più belli e visitati della Sicilia. I giurati hanno in una prima fase assegnato dei punteggi a tutte le 90 foto in concorso, successivamente hanno attribuito dei punteggi alle dieci foto finaliste. Le cinque immagini che sono risultate vincenti sono quelle di Corrado  Chiavetta di Termini Imerese, di Rino Danilo Figlia di Mezzojuso, di Pietro Maria Miceli di Lercara Friddi, di Francesco Milone di Barcellona Pozzo di Gotto ed infine di Ilenia Rubino di Canicattì. “La classifica finale – spiega il vice sindaco Nino Pardi- sarà nota solo durante la premiazione che si terrà in occasione di una giornata dell’Agosto suterese. Un ringraziamento personale va a tutti coloro che hanno partecipato al concorso e pure ai nostri giurati: Salvatore Diprima, Juan Esperanza, Paolo Carruba, Angelo Ferlisi, Nicola Grizzanti, Giuseppe Taibi e Roberto Mistretta”.

1.437 Letture

 

 

Scritto in SocietàComments (0)

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com