VigroEuronics
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio | agosto, 2012

 

Campetto nel parco urbano: vice sindaco Sorce ribatte all’Udc (video-intervista)

Campetto nel parco urbano: vice sindaco Sorce ribatte all’Udc (video-intervista)

MUSSOMELI – Un campetto realizzato all’interno del Parco Urbano “Salvatore Genco” ha suscitato commenti fra condivisioni e non. Attorno all’argomento si è sviluppato un dialogo a distanza fra uomini politici e comuni cittadini che si sono schierati pro e conto ad una realizzazione che è sotto gli occhi di tutti e che, pur tuttavia, ha registrato un costo di circa 24.500 euro. Una riflessione esplicita quella dei consiglieri dell’UDC dei giorni scorsi che avevano evidenziato l’opportunità della scelta delle priorità da porre in essere, allorquando nel territorio ci sarebbero interventi da fare e che da tempo aspettano risposta anche per le ristrettezze economiche in cui il Comune si trova. Addirittura gli uomini dell’UDC avevano invitato il signor Dario Ferreri, che aveva detto la sua, a stare al suo posto. Insomma, diatribe che sembrano appartenere alla quotidianità. Evidentemente, l’argomento sta stretto al Vice Sindaco Sebastiano Sorce che, oltre a valorizzare il ruolo dei volontari che hanno contribuito alla realizzazione dell’opera,  così, poi, ribatte:”Si tratta di polemiche fuori luogo, Innanzitutto a nome mio e dell’intera amministrazione va detto che siamo grati a Dario Ferreri per tutto quello che sta facendo per il parco urbano. Nelle prossime settimane pubblicheremo un avviso per affidare il parco urbano con annesso campo di calcetto. Dario Ferreri insomma è la dimostrazione di cittadinanza attiva che spesso nella nostra cittadina è mancata. Ben vangano quibdi persone come lui. In merito alle polemiche alimentate dall’Udc circa la realizzazione  del campo di calcetto, si tratta di un’opera sportiva che è sotto gli occhi di tutti e quest’Amministrazione  se ne assume piena responsabilità per l’investimento fatto. Si tratta di una priorità  a servizio dei nostri giovani e meno giovani, ma ciò non toglie che ci siamo occupati  anche di molto altro, a cominciare dalle strade. Ricordo a tutti  in che condizioni era la salita San Giacomo. Ebbene noi l’abbiamo fatto asfaltare. Abbiamo reso fruibile Raffe, stiamo aprendo il museo archeologico, ci siamo occupati di lavori di manutenzione nelle scuole. E queste non sono parole  perché le nostre delibere parlano. Non è vero che abbiamo puntato cime priorità su questo campo di calcetto. A prescindere dalle varie emergenze che hanno la priorità, ci siamo quindi occupati di molto altro, vedi ad esempio anche il cimitero. Il parco urbano si trova  in un a zona cuscinetto tra la parte vecchia  e quella nuova della cittadina, quindi in una zona strategica facilmente raggiungibilke  e fruibile da tutti, perché si può raggiungere  a piedi o in bicicletta. Noi abbiamo puntato molto sul volontariato e in tanti, lo ribadisco, ci hanno dato una mano senza chiedere nulla in cambio. I quattrini impegnati sono serviti per sostenere le spese vive e sfido chiunque a realizzare un campo di siffatta portata con queste somme”. Ma il vice sindaco è stato ancora più esplicito e ci è sembrato un fiume in piena.. “E’ stato costruito un muro ciclopico in pietra, alto circa 4 metri, e lungo una cinquantina. L’impianto elettrico è stato realizzato a norma. E poi diciamo la verità: abbiamo speso 24,500 euro comprensivi di Iva e quant’altro. In conclusione voglio dire ai consiglieri dell’Udc che la responsabilità di tale scelta se l’assume l’amministrazione. Per noi si tratta di una priorità perché rappresenta un vantaggio enorme per la collettività rispetto ai soldi spesi. E tanti cittadini comuni  ci hanno fatto i complimenti. E infine, ricordo che abbiamo anche presentato un progetto per sistemare il campo sportivo. Abbiamo inoltre sistemato i bagni e gli spogliatoi, abbiamo reso agibili le tribune”.

1.528 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

“Sagra degli   ‘mbraculi di San Calogero: assaggio per “devozione”?

“Sagra degli ‘mbraculi di San Calogero: assaggio per “devozione”?

MUSSOMELI – La tradizione degli “’mbraculi” da atto privato e familiare si trasforma in un evento collettivo, acquistando quasi una valenza comunitaria. Hanno lavorato sodo Michelangelo Mistretta, Vincenzo Bavado e tutto il comitato che ha collaborato ai festeggiamenti. E’ il secondo anno consecutivo che ha scelto di omaggiare la tradizione, quel passato fatto di atti di fede semplici e autentici, con una vera e propria sagra: la Sagra degli ‘Mbraculi appunto. I numeri di questa edizione sembrano esagerati, ma sono in perfetta proporzione con il flusso di spettatori che domenica sera ha riempito piazza del Popolo. Ben 500 chili di pane preparati grazie a 260 chili di farina donati dal molino Madonna dell’Aiuto. Circa 60 le donne del quartiere ma anche degli altri rioni impegnate a impastare e preparare il pane, cotto in quattro panifici. Per addolcire i palati sono stati poi offerti chili di anguria regalati dal fruttivendolo Carmelo Giardina. Il quartiere di San Giovanni tutto unito per festeggiare il Santo Eremita secondo la tradizione. D’altronde il legame tra il pane e il santo nero è saldo e lo si ritrova in quasi tutta la Sicilia. Lo si distribuisce nella vicina Campofranco come lo si lancia contro la statua ad Agrigento. Fino a poco tempo gli “’Mbraculi”, che riproducono parti di corpo per le quali si chiede la guarigione o che sono state toccate dalla benevolenza divina, venivano portati in chiesa, benedetti e riportati in famiglia. Dall’anno passato invece la benedizione e la distribuzione è stata plateale. Il comitato, guidato da Michelangelo Mistretta, ha potuto contare sulla preziosa collaborazione dei parroci don Sebastiano Lo Conte e don Ignazio Carrubba. Un ottavario, come hanno detto in tanti, assai partecipato, come altrettanto la processione con la recita del rosario. Lodevole il lavoro di Seby Lo Conte che ha curato le scenografie e presentato la serata. Una festa antica, dunque, che, durata nel tempo, è stata riveduta e corretta. Lo dimostra il fatto della processione serale; una processione in perfetta regola, dunque, in linea con le altre. Anticamente, la processione, iniziava nel primissimo pomeriggio e percorreva un diverso itinerario, attraversando vie e viuzze dell’abitato e sostando, al suono della campanella del parroco, per dare la possibilità di baciare la statua. I tempi cambiano e cambiano anche i programmi. Tuttavia l’mbraculi di San Calogero hanno fatto bella mostra di sé in una grande esposizione. Pane benedetto da Padre Ignazio Carrubba che è stato particolarmente presente nei riti religiosi del Santo Eremita.

1.519 Letture

 

 

Scritto in Attualità, EventiComments (0)

 

Difrancesco nega al Comune di Mussomeli il palco

Difrancesco nega al Comune di Mussomeli il palco

MUSSOMELI – Difrancesco mette un freno a quella proverbiale generosità che contraddistingue i suteresi, decidendo da oggi di non prestare più il palco alla vicina città di Mussomeli. Una struttura in metallo e legno utilizzata ogni estate dal Comune mussomelese per l’organizzazione degli eventi di spettacolo. Una comodità per gli amministratori, che in tempi di crisi hanno risparmiato un bel gruzzoletto: invece di spendere delle cifre astronomiche per affittarlo lo hanno sempre preso in concessione dal vicino paese. Ma da oggi si cambia, e la pacchia sembra essere finita. In previsione dell’organizzazione della Castellana (in programma questa sera in piazza Roma), gli amministratori avevano bussato al primo cittadino suterese invocando per l’ennesima volta il consueto atto di generosità, ma Difrancesco però ha risposto picche. Da oggi in poi si cambia registro: addio al prestito. Qualcuno, dalle parti del municipio di piazza della Repubblica, ha interpretato il netto rifiuto quasi come una ritorsione nei confronti del sindaco Calà che in queste settimane sta intraprendendo una battaglia per l’apertura di una sede distaccata della Forestale a Mussomeli. Un atto percepito da molti come un affronto al vicino paesino; quasi un piano per “scipparlo” di un presidio delle forze dell’ordine. Difrancesco invece scansa il campo dalla dietrologia e chiarisce: “Chi pensa che sia un atto di ritorsione contro il sindaco Calà è una persona mentalmente frustrata. Chi intende coinvolgermi nella polemica sappia che non voglio scendere così in basso. E sulla vicenda della Forestale non intendo più intervenire”. Per togliere il campo da ogni falsa tesi, Gero Difrancesco spiega i veri motivi che lo hanno portato a negare il prestito. “Oramai il palco è vecchio ed io ho l’obbligo di salvaguardarlo. Lo abbiamo sempre prestato a chiunque, però capita spesso che torni con dei pezzi mancanti. Da questo momento in poi non possiamo più concederlo. Il Comune di Mussomeli se ne faccia una ragione e se lo compri”. Intanto, dopo il diniego, l’Assessorato allo Spettacolo guidato da Enzo Nucera, in un primo momento spiazzato, ha dovuto bussare ad altre porte per salvare la manifestazione di questa sera.

1.400 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

L’opposizione critica verso l’amministrazione comunale

L’opposizione critica verso l’amministrazione comunale

MARIANOPOLI – Era stato convocato in sessione urgente per giorno 28 agosto alle ore 18 il consiglio comunale per approvare il conto consuntivo del bilancio dell’esercizio 2011 a seguito della diffida ad adempiere del commissario ad acta nominato dalla Regione e, invece, alla prima convocazione, la seduta è stata rinviata per via dell’assenza dei consiglieri di maggioranza. “La nuova amministrazione comunale del sindaco Montagna – così si legge in una nota del gruppo consiliare SIC – su tre consigli comunali svoltisi, compreso quello di insediamento, due sono andati in seconda convocazione per assenza della maggioranza. Questo, a parere degli osservatori attenti, non sembra un buon auspicio e se non è il sintomo di uno scollamento e quanto meno una mancanza di coordinamento e di disinteresse tra i componenti della maggioranza.” “Il consiglio, – continua la nota –nella seduta di seconda convocazione del 29 ha approvato il conto consuntivo del bilancio 2011 con il voto favorevole dell’opposizione che ha però invitato l’amministrazione ad ottemperare alle prescrizioni del revisore dei conti, dott. Salvatore Dilena, fatte sul consuntivo e cioè di redigere l’inventario dei beni immobili del comune e di non utilizzare per intero l’avanzo di amministrazione 2011, di circa € 140.000,00, ereditato dalla passata amministrazione. All’ordine del giorno era pure l’approvazione dello schema di regolamento per la disciplina dell’imposta IMU che la maggioranza ha rinviato e di contro ha nominato, senza essere stato messo all’ordine del giorno del consiglio, una commissione che dovrebbe prima valutarlo. L’opposizione pur dichiarandosi d’accordo alla nomina di una commissione ha dissentito sulla procedura, ritenuta illegittima e ha disertato la votazione.” “Sempre all’ordine del giorno – conclude la nota dei consiglieri di minoranza – vi era la  nomina commissione consiliare per la redazione dello schema di convenzione con la Mimianiwind e definizione delle linee guida per la gestione conseguente della tassazione TARSU e IMU sulle aree a servizio della sottostazione di trasformazione elettrica e COSAP sul cavidotto di collegamento dell’impianto ricadente sul territorio di Marianopoli. Il tutto scritto e letto e consegnato per mano del consigliere Graziella Noto in un documento. La maggioranza, nonostante il documento presentato dall’opposizione, ha proceduto comunque alla nomina dei consiglieri Noto Salvatore, Bellavia , Immordino, Genco e Noto Grazia nella suddetta commissione.”

1.045 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Il 9 parte il 3° Torneo  di tennis “Memorial Angelino Valenza”, iscrizioni fino al 4 settembre

Il 9 parte il 3° Torneo di tennis “Memorial Angelino Valenza”, iscrizioni fino al 4 settembre

MUSSOMELI -A conclusione dell’estate tennistica del vallone,  le due Associazioni tennistiche Cittadine (“Tennis Club  Mussomeli” e “Tennis Club Chiaramontano”) uniscono le forze per organizzare il 3° Torneo “Memorial Angelino Valenza”.Il Tennis a Mussomeli, nell’ultimo anno ha registrato un notevole incremento di interesse da parte degli appassionati.  Infatti, pur non disponendo di strutture adeguate grazie alle sinergie messe in campo, con altre associazioni del Vallone ed in particolare con il “Tennis Club Casteltermini”, tennisti mussomelesi hanno avuto modo di partecipare sia al campionato regionale FIT (Federazione Italiana Tennis) sia ai tornei di Casteltermini e Sutera, registrando degli ottimi risultati. Gli incontri si disputeranno dal 9 al 16 Settembre nella palestra comunale di via Madonna di Fatima. Le iscrizioni sono aperte fino al 4 settembre e devono essere fatte inviando una mail di richiesta al seguente indirizzo: fcanalella@gmail.com.Il calendario, il regolamento e le relative comunicazioni, verranno pubblicate sull’account Facebook (Tennis Club  Mussomeli). Per ulteriori informazioni è possibile contattare: Rino Bullaro (3899243610) e Francesco Canalella (3939942529)

1.151 Letture

 

 

Scritto in Eventi, SportComments (0)

 

Beni confiscati assegnati al Comune di Mussomeli: Plaude la CGIL

Beni confiscati assegnati al Comune di Mussomeli: Plaude la CGIL

MUSSOMELI – A firma del segretario della locale CGIL Salvatore Cardinale è stato diramato il seguente comunicato: “Questa Camera del Lavoro accoglie  favorevolmente la notizia della definitiva assegnazione all’Amministrazione Comunale di Mussomeli da parte dell’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla Criminalità organizzata di un immobile che verrà destinato a  ricovero per i mezzi comunali. E’ convincimento di questa Camera del Lavoro che quando si restituisce alla collettività un immobile sottratto alla criminalità organizzata tutta la società civile dovrebbe sentirsi orgogliosa .E’ auspicio di questa Camera del Lavoro che anche gli altri beni confiscati che figurano in elenco e che sono pronti per essere concessi vengano assegnati  sia ad Enti pubblici ma anche a soggetti privati e che il  riutilizzo sociale di questi beni confiscati, una volta restituiti alla società, si traducano in concrete occasioni occupazionali e di crescita economica e produttiva con beneficio  per tutta la collettività”.

1.279 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Anche a Milano festa per la Madonna dei Miracoli.Soci a raccolta

Anche a Milano festa per la Madonna dei Miracoli.Soci a raccolta

MILANO – Anche quest’anno l’Associazione Mediterraneo di Milano , di cui è Presiidente Franco Mancuso, ha diramato l’invito ai propri soci per partecipare alla Messa dell’8 settembre alle ore 18,30, presso il santuario di Santa Maria dei Miracoli (San Celso) di Milano in Corso Italia 37. Dopo la messa, è previsto il momento conviviale per i soci e simpatizzanti. Un’occasione per sentirsi vicini proprio nel giorno della sua festa. Raduno, comunque, presso la sede dell’Associazione  di Via Savona 88

1.137 Letture

 

 

Scritto in Attualità, SocietàComments (0)

 

Piazzale Mongibello liquami e iniziati lavori di scavo per perdite

Piazzale Mongibello liquami e iniziati lavori di scavo per perdite

MUSSOMELI – Perdita dalla condotta delle acque bianche o dalla condotta fognaria? Il quesito non è di poco conto e ieri sono cominciati i lavori per individuare con certezze le perdite che da mesi e mesi ormai affliggono il frequentatissimo Piazzale Mongibello. Tale piazzale, per la sua posizione strategica e la facilità di accesso e per la sua ampiezza, serve sia come base di ritrovo per i venditori ambulanti che per il mercato settimanale, ma anche per ospitare manifestazioni di ogni genere, dalla sfilata di cani alla gimkana automobilistica. Da un paio di giorni  ospita anche le giostre e gli autoscontri, montati per la festa della Madonna dei Miracoli. Ieri mattina il Comune ha fatto intervenire un’impresa in via Vincenzo Bellini, ovvero la strada sovrastante il Piazzale Mongibello che è sovrastato da un ciclopico muro da dove, come dicevamo, fuoriescono copiose perdite di dubbia origine che danno origine a rivoli maleodoranti e si disperdono tra le bancarelle anche di generi alimentari. I saggi sono  quindi cominciati e serviranno a stabilire, se le perdite verranno individuate con certezza, chi dovrà intervenire. In pratica se si tratta di perdite alla condotta fognaria spetterà a Caltaqua provvedere agli indispensabili lavori di manutenzione e riparazione. Se invece si tratta di perdite originate dalla condotta di acque bianche, spetterà al Comune. Va da sé che se si tratterà di perdite fognarie bisognerà prendere anche tempestivi interventi di ordine sanitario a tutela della salute pubblica. Dai primissimi saggi effettuati nella mattinata di ieri è emerso che alcuni tombini di ispezione alle tubature, erano stati letteralmente murati quando si provvide ad asfaltare la strada. Insomma l’asfalto fu steso direttamente sopra alcuni tombini, come per altro hanno accertato gli agenti di Polizia municipale che ieri mattina sorvegliavano i lavori e disciplinavano il traffico. E già questo fatto la dice lunga circa il modo semplicistico col quale finora stati eseguiti i lavori pubblici nella capitale del Vallone. Un privato infatti non avrebbe mai permesso che i tombini di ispezione in una sua proprietà venissero coperti da uno strato di asfalto, perché in tal modo viene meno la funzione propria dell’ispezione che serve appunto ad appurare eventuali perdite. Nei lavori pubblici invece succede anche di peggio come purtroppo continuiamo a documentare. Sia come sia, il fatto che il Comune s’è mosso dà prova di volere risolvere una volta per tutte il problema di tali perdite.

1.035 Letture

 

 

Scritto in Attualità, SocietàComments (0)

 

Capogruppo di minoranza denuncia casi di ostruzionismo

Capogruppo di minoranza denuncia casi di ostruzionismo

MARIANOPOLI – Il capogruppo di minoranza della lista SIC (Serenità Impegno Competenza) Calogero Schifano espone un reclamo alle autorità competenti riguardanti diversi casi di ostruzionismi che si sarebbero verificati nei confronti del consigliere di minoranza per la mancata consegna di atti, dopo richiesta scritta. Tre i casi esposti, il primo riguarderebbe  la richiesta di rilascio di una petizione di cittadini, con raccolta di firme, prot. n.3153 del 04.06.2012 citata nel corpo di un’Ordinanza Sindacale e posta a base della stessa e in cui “al rilascio della suddetta Ordinanza, comunicava il diniego al rilascio della suddetta  nota prot. n.3153 del 04.06.2012 adducendo come motivazione che la stessa ‘non può essere rilasciata a tutela della riservatezza dei richiedenti’.” Il secondo caso vede come protagonista il consigliere di minoranza Giuseppe Cannella che si sarebbe recato al Comune “dove vi trovava in servizio la dipendente sig.ra Alessi Lucia, per inoltrare ed avere protocollata una richiesta di rilascio di atti amministrativi”. Così i fatto descritti nel reclamo di Schifano: “Alla richiesta del consigliere Cannella, la suddetta dipendente preposta al servizio le rispondeva che non poteva, per disposizioni impartitegli dal suo superiore responsabile del Settore AA.GG. Dott. Lombardo Salvatore, procedere a protocollare l’istanza di richiesta e quindi anche rilasciargli la ricevuta di accusato ricevimento, se prima non la controllava lo stesso Dott. Lombardo che al momento risultava assente. Sempre la dipendente Alessi, nell’occasione, invitava il Cannella a lasciargli la richiesta e di venire in seguito per ritirarsi la ricevuta, cosa che il Cannella, in prima battuta,  ha fatto. Dopo qualche minuto il Cannella è ritornato dalla dipendente Alessi per dirgli che voleva la ricevuta dell’istanza presentata o in difetto la restituzione della stessa. La Alessi nel frattempo aveva dato in visione la suddetta richiesta all’Assessore Maria Antonietta Vullo che, interpellata dalla stessa circa la possibilità di protocollare l’istanza e rilasciare la relativa ricevuta, rispondeva negativamente in quanto aveva chiamato al telefono il Dott. Lombardo che gli aveva detto di non procedere alla protocollazione di quella istanza in sua assenza. Alla reiterazione ed ammonizione del Cannella di avere rilasciata la ricevuta o di avere restituita l’istanza, la dipendente procedeva alla restituzione dell’istanza. Il Cannella per avere protocollata e rilasciata la ricevuta di presentazione della più volte citata istanza, subito dopo la restituzione della stessa, ha dovuto chiedere l’intervento dei Carabinieri della locale stazione, che per tramite del Maresciallo Lo Cricchio, hanno interposto i loro buoni uffici e così il Cannella ha potuto avere quello che era nel suo sacrosanto diritto e cioè  potere presentare, nella qualità di consigliere comunale una banale richiesta di rilascio di atti amministrativi ed avere rilasciata la regolare ricevuta di accusato ricevimento.” Il terzo caso denunciato: “Dall’insediamento di questa nuova Amministrazione Comunale, lo scrivente ed altri consiglieri comunali dello stesso gruppo, hanno presentato diverse istanze di rilascio di atti e documenti amministrativi indispensabili per l’espletamento del mandato elettorale. Di dette richieste quasi nessuna è stata riscontrata sebbene sia trascorso abbondantemente il termine ultimo per il rilascio, così come previsto dalle norme in materia e specificatamente dallo Statuto Comunale e dal Regolamento del Consiglio Comunale. La mancata evasione di alcune delle suddette richieste ha, colposamente se non addirittura dolosamente, impedito il regolare svolgimento del proprio mandato elettorale dell’intero gruppo consiliare dello scrivente, con particolare riferimento all’approvazione del bilancio di previsione anno 2012 e pluriennale 2012/2014.” Pertanto il capogruppo del SIC, Calogero Schifano chiede alle autorità a cui si è rivolto: “Di volere recedere dall’atteggiamento assunto nei confronti dei consiglieri opposizioni e procedere all’immediato rilascio di quanto richiesto con la nota di cui all’oggetto ed di quanto richiesto. Inoltre, si chiede di volere annullare e/o modificare le disposizioni impartite al personale dell’Ufficio protocollo, così come sopra riferito dalla dipendente Alessi, nel senso di volere, codesto Ufficio, accettarsi a vista le istanze e la posta in entrata così come prescritto dalla legge e regolamento sul procedimento amministrativo. Infine alle Autorità in indirizzo si chiede, ognuna per le proprie competenze, di volere disporre un intervento (ispezione, invito, diffida, disposizione, ecc.) finalizzato a fare rispettare le prerogative di legge dei consiglieri comunali da parte degli Organi del Comune di Marianopoli.”

1.106 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

I soprannomi mussomelesi: c’è l’antologia della Maestra Cocuzza(all’interno video)

I soprannomi mussomelesi: c’è l’antologia della Maestra Cocuzza(all’interno video)

MUSSOMELI – Erano in tanti e pubblico delle grandi occasioni, ieri sera, nel prestigioso Palazzo Sgadari. L’ing. Giuseppe Canalella ed il prof. Alfonso Lupo, collaborati da Liliana Genco Russo, Enza Messina, Maria Josè Alio e Nicoletta Sorge, hanno presentato l’ultima fatica letteraria della Maestra Maria Sorce Cocuzza. La rimodulazione della scaletta della serata, il suo andamento, l’attenzione del pubblico durante la presentazione del libro, l’argomentare posto in essere al tema ha dato l’esatta impressione che tanto impegno è stato profuso per la realizzazione dell’evento. Presentata, dunque, in un’attesa di palese curiosità per sentire riecheggiare già in sala alcuni dei soprannomi mussomelesi che sono serviti ad identificare personaggi e famiglie. Una presenza significativa di uomini di cultura, delle istituzioni e soprattutto di tanti alunni della signora Cocuzza, che hanno segnato un’intera generazione. Si sono complimentati con l’autrice, con successivi interventi i proff. Enzo Giardina, Salvatore Vaccaro, il poeta Calogero Di Giuseppe, nonchè il cognato ed il nipote della Maestra Cocuzza.Stanca ma soddisfatta, la “maestra” non ha nascosto, in alcuni momenti gioia e commozione. Alla fine congratulazioni ed abbracci e l’omaggio floreale del primo cittadino Salvatore Calà. Un impegno ed una “fatica” che ha premiato, ancora una volta, la Maestra Cocuzza, a cui non è mancata l’affettuosa collaborazione della sua famiglia.

2.438 Letture

 

 

Scritto in Attualità, Cultura, EventiComments (0)

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com