VigroEuronics
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio | settembre, 2012

 

Il collaboratore  campofranchese Carrubba svela nomi e segreti della mafia nel “Vallone”

Il collaboratore campofranchese Carrubba svela nomi e segreti della mafia nel “Vallone”

CALTANISSETTA – Un viaggio nella Cosa nostra di Caltanissetta. In particolare, in quella mafia del Vallone che, grazie all’alleanza con i corleonesi, ha tenuto sotto scacco la zona nord della provincia nissena. A parlare nel carcere di Roma Rebibbia, nel cuore dell’estate, è Maurizio Carrubba, ex reggente della cosca di Campofranco. E’  Il mensile S a   pubblicare la versione integrale della deposizione. Ai giudici di Caltanissetta in trasferta Carrubba racconta la sua trafila mafiosa, dall’affiancamento al fratello alla crisi di coscienza che nel 2007 lo avrebbe spinto alla collaborazione. Carrubba, che di mestiere faceva l’operaio dell’Ato di Caltanissetta, fa i nomi di chi si sarebbe succeduto alla guida del clan. A cominciare da Domenico Vaccaro e Salvatore Termini, detto Caterino: “Allora, nei primi anni ’90, per quello che mi diceva mio fratello, rappresentante del paese e anche provinciale era poi diventato… Vaccaro Domenico e vice rappresentante Salvatore Termini, Caterino. Poi, dopo l’arresto del Vaccaro è passato rappresentante il fratello, Vaccaro Lorenzo, e poi mio fratello mi ha detto che c’era vice rappresentante Termini Giuvannazzu, non più Caterino… Fino al suo arresto del 2001, dal 2001 l’arrestano, resta il Giuvannazzu, il Termini Giuvannazzu da vice passa a rappresentante. Dopo Termini Giuvannazzu c’è un periodo quasi di circa un anno di vuoto e poi vado alla reggenza io, sino ai primi mesi del 2007, quando decido di lasciare”. Di nomi ne ha fatto molti altri al processo che vede imputati Salvatore Gianluca Modica (che risponde solo di favoreggiamento), Salvatore Termini “Caterino”, Cosimo Caltabellotta ed Edmondo Belardo (accusato di truffa).

6.546 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Gli auguri di Castello Incantato alla famiglia Barba

Gli auguri di Castello Incantato alla famiglia Barba

Il direttore Alberto Barcellona, la redazione e lo staff di Castello Incantato formulano le migliori espressioni augurali al collega Carmelo Barba per il matrimonio del figlio ed esprimono0 infinite felicitazioni ai neo sposi Mariella e Alessio.

3.352 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

Pap Test al Poliambulatorio di Via Manzoni

Pap Test al Poliambulatorio di Via Manzoni

MUSSOMELI – L’ associazione VITA in un suo comunicato ricorda che “E’ possibile prenotare l’esame Pap Test tutti i giorni presso il Consultorio Familiare sito nei locali del Poliambulatorio in Via Manzoni a Mussomeli (ex cassa mutua Piano Terra) dal lunedì al venerdì dalle ore 9:00 alle 13:00 oppure telefonando al numero 0934.97.22.22 nei giorni e negli orari prima citati. Le fasce di età delle donne a cui è rivolto lo screening Pap Test sono quelle compresi dai 25 ai 64. Ricordate la salute è una sola, la strada giusta è prevenire, quindi è importante che si attivi il passaparola per mettere a conoscenza tutte le donne di questo servizio di prevenzione, gratuito e indispensabile per il nostro territorio così martoriato dai frequenti casi di tumore, l’unica arma di difesa è la prevenzione”.
1.198 Letture

 

 

Scritto in Attualità, SocietàComments (0)

 

Il Circolo di Cultura di Campofranco compie 50 anni

Il Circolo di Cultura di Campofranco compie 50 anni

CAMPOFRANCO – Era il 1962 quando un nutrito gruppo di 35 amanti della cultura non solo di Campofranco, decisero di riunirsi in una associazione finalizzata proprio alla diffusione di quest’arte, fondando il Circolo di Cultura. I soci fondatori spaziavano tra professionisti, bancari, insegnanti e rappresentanti del ceto sociale medio alto della comunità campofranchese e decisero di riunirsi con cadenza quasi giornaliera per discutere le varie sfaccettature della vita sociale, culturale e politica locale e non. Dopo 50 anni, l’associazione è quella che resiste nel tempo a Campofranco, magari adesso con uno spirito diverso di quello di allora e per ricordarne la fondazione, si svolgerà oggi la manifestazione conclusiva per il 50° anniversario della fondazione. Nel salone Giovanni Paaolo II di Piazza Crispi alle 19,00 il presidente Ermando Di Giovanni introdurrà la conferenza sulla vita del Circolo e la sua importante funzione nel tessuto sociale di Campofranco, mentre l’ing. Stefano Diprima, ideatore, fondatore e presidente del Circolo di Cultura per i primi tre anni, ripercorrerà sin dalla nascita e fino ai giorni nostri, i 50 anni di vita dell’associazione in una sorta di excursus storico. Questi 50 anni sono stati ricchi di iniziative, portate a termini con grande sacrificio ed impiego sia di forza umana che economico: partecipazione al carnevale con carri allegorici realizzati dagli stessi soci, gite turistiche in tutta Italia, stampa di cartoline divulgative dei vari aspetti paesaggistici e culturali di Campofranco, numerose conferenze su temi di attualità della vita locale e nazionale, presentazione di libri di vari autori, corsi di formazione per insegnanti, diversi corsi d’informatica e tante altre iniziative. Ma il fiore all’occhiello del Circolo di Cultura è senza dubbio il concorso nazionale di pittura estemporanea, che negli anni ’70 e ’80 ha vissuto momenti di notorietà a livello nazionale. Dopo anni di pausa, la scorsa estate il presidente Di Giovanni ha voluto riprendere l’importante iniziativa che ha riscosso grande successo di critica e partecipazione. Dopo gli interventi dei vari soci e autorità civili, militari e religiose, è previsto un momento musicale con il cantante italo-australiano Mark Fontaine,

923 Letture

 

 

Scritto in Attualità, EventiComments (0)

 

Oggi ad Acquaviva  si inaugura la sede del PD, taglio del nastro dell’onorevole Daniela Cardinale

Oggi ad Acquaviva si inaugura la sede del PD, taglio del nastro dell’onorevole Daniela Cardinale

Acquaviva Platani – Stasera alle 19,30 ad Acquaviva Platani battesimo per i locali del partito di Bersani in via Regina Margerita. Sarà il deputato nazionale Daniela Cardinale a tagliare il nastro della nuova sede del circolo cittadino del  PD di Acquaviva Platani. All’inaugurazione prenderanno parte anche l’ex ministro Salvatore Cardinale ed il segretario provinciale del PD nisseno, Giuseppe Gallè, i primi cittadini di Acquaviva e Mussomeli.  Per il segretario cittadino locale, l’ingegnere  Salvatore Insalaco, “l’apertura di un locale nel centro del paese è un ulteriore segno della presenza del partito sul territorio che contribuirà a svolgere meglio anche l’azione politica”. Mentre il capogruppo consiliare Carmelo Mistretta  spiega: “La nuova sede è stata fortemente voluta da noi consiglieri comunali e la nostra proposta è stata favorevolmente accolta non solo dalla direzione cittadina ma anche da quella provinciale e incoraggiata dagli onorevoli Salvatore e Daniela Cardinale.. Insieme abbiamo concordato di dare un segno della presenza del PD nel nostro comune e contestualmente regalare un luogo di ritrovo ai cittadini che si identificano nei valori del partito ove poter passare il tempo, discutere o organizzare manifestazioni”.

1.473 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Quartiere Sant’Enrico in festa per “Gesù Nazareno”

Quartiere Sant’Enrico in festa per “Gesù Nazareno”

MUSSOMELI – Quando a Mussomeli si parla dell’albero della cuccagna, o come viene detto in gergo mussomelese,”antinna”, non si fa fatica a comprendere che si tratta della festa di Gesù Nazareno, che per il quartiere, e non solo, rappresentava e tuttora rappresenta  una “festa solenne”. Si, perché nel lontano passato il già popoloso quartiere estendeva gli inviti per il pranzo di mezzogiorno a parenti ed amici per trascorrere quell’attesa aria di festa, che spezzava la monotonia di una quotidianità vissuta fra stenti, duri lavori della terra e per diversi anche nell’indigenza. Quando arrivava la festa, infatti, come raccontano le poersone di una certa età, era un sollievo per dimenticare l’asprezza della vita.  “Sant’Enrico”, quel giorno teneva e tiene tuttora banco su tutto il paese ed era e rimane  protagonista di un evento che si è tramandato nel tempo, senza nulla togliere alla tradizione. Conservato, tramandato e curato l’aspetto religioso con il novenario e i riti liturgici, sempre partecipati, i devoti di Gesù Nazareno non hanno mai fatto  mancare la loro generosità, che nel quartiere, è un riconosciuto  biglietto di presentazione nei confronti dell’intera comunità locale. Intanto, oggi, la  festa di Gesù Nazareno inizia con la celebrazione delle messa mattutina e poi, con la celebrazione delle altre, nell’arco della giornata, mentre la banda musicale va in giro per la raccolta delle offerte. Si potranno notare le bancarelle per la gioia dei grandi e piccini. La processione rappresenta un momento tradizionale di pietà popolare che richiama tanta gente nel quartiere. Va detto che le luminarie e l’ “antinna”” colorano la festa e mostrano un aspetto diverso della quotidianità. E’ pensabile  che il parroco Padre Francesco Mancuso, per il primo anno,  non potrà avvalersi della collaborazione del diacono don Pierenzo Costanzo, in quanto dal mese di agosto, è di supporto, nell’attività pastorale,  all’Arciprete della Madrice don Pietro Genco..

55 Letture

 

 

Scritto in Attualità, EventiComments (0)

 

Le attività dell’Associazione “R. Livatino” in un convegno a Caltanissetta

Le attività dell’Associazione “R. Livatino” in un convegno a Caltanissetta

CALTANISSETTA – Tre anni di attività insieme questo il tema svoltosi ieri nella sede della Confcommercio a Caltanissetta, quale luogo più adatto ed appropriato se non quello della sede di Confcommercio per parlare di lotta al racket ed all’usura, molti partecipanti tra cui numerosi commerciati locali e non, che hanno avuto modo di dibattere per alcuni e di venire a conoscenza per altri degli importanti risultati raggiunti dall’Associazione “Livatino” nei tre anni di attività. Tra i relatori non poteva mancare il giudice Giovanbattista Tona, simbolo della lotta contro la mafia,  l’on Lillo Speziale, Presidente regionale della Commissione Antimafia, Giovanni Guarino presidente provinciale Confcommercio, Salvo Campo coordinatore regionale Rete per la Legalità ed Antonino Terrazzino  presidente dell’Associazione Antiracket ed Antiusura Rosario Livatino. Presenti, inoltre, l’ex ministro Salvatore Cardinale, la parlamentare Daniela Cardinale, il sindaco di Mussomeli Salvatore Calà e il sindaco di Acquaviva Platani Salvatore Mistretta. L’associazione Rosario Livatino ringrazia i vertici di Confcommercio che, mettendo a disposizione la propria sede, hanno voluto mandare un segnale forte ed un contributo concreto a favore della lotta al racket ed all’usura e per la diffusione della cultura della legalità.

754 Letture

 

 

Scritto in Eventi, SocietàComments (0)

 

3° Memorial “Giacomo Caruso” – (Fotogallery all’interno)

3° Memorial “Giacomo Caruso” – (Fotogallery all’interno)

MUSSOMELI – Si è concluso ieri il “3° Memorial Giacomo Caruso”, il torneo di calcio a 5 dedicato alla memoria di Giacomo, che due anni fa un malore improvviso ha strappato alle braccia di parenti ed amici. Il torneo, giunto ormai alla sua terza edizione, come ogni anno è stato molto sentito e partecipato a dimostrazione di quanto vivo sia il ricordo di Giacomo nella comunità mussomelese. Dieci le squadre che si sono contese la vittoria finale e ancora una volta, come nelle precedenti edizioni, la finale ha visto contrapposte la squadre “La Mattina Colori” e “Mobili La Piana”, che si è aggiudicata il trofeo dopo una partita sofferta e molto combattuta conclusasi con il risultato di 2-1.

Particolarmente toccante la cerimonia della premiazione, condotta da Seby Lo Conte e apertasi con la premiazione di tutte le cinque confraternite per la collaborazione e partecipazione. Il torneo, infatti, si è caratterizzato quest’anno per la partecipazione di rappresentative delle Confraternite di Mussomeli, a ricordare il forte desiderio di Giacomo di diventare confratello.

Presenti  i presidenti e i sacerdoti delle cinque confraternite: Padre Calogero Mantione (per la Parrocchia del Carmelo), Diacono Pierenzo Costanzo (per la Parrocchia della Madrice), Padre Ignazio Carrubba (per la Parrocchia della Madonna e di San Giovanni) Padre Francesco Mancuso (per la Parrocchia di Sant’Enrico).

Era presente, inoltre, padre Francesco Lomanto , il precedente parroco di Sant’Enrico che conosceva da vicino Giacomo e le cui parole, ricordando Giacomo, hanno sollevato commozione nella platea.

Commozione che ha raggiunto l’apice quando la  squadra della Parrocchia di Sant’ Enrico ha mostrato le maglie con la scritta “per  sempre nei nostri cuori, ti vogliamo bene” e la squadra della Parrocchia del Carmelo ha lasciato volare palloncini a forma di cuore con scritto “per Giacomo “. Toccanti anche i discorsi di Pierenzo Costanzo, Nino Lanzalaco (cui va un ringraziamento particolare per aver collaborato come arbitro al calcetto) e Gero Riggio.

Il fratello Alfonso e il cugino Giuseppe Riggio, organizzatori del torneo, hanno ringraziato per la disponibilità mostrata l’Amministrazione Comunale di Mussomeli, presente tramite l’assessore all’Istruzione – Servizi Sociali – Politiche Giovanili Francesca Gelsomino e l’assessore allo sport Gaetano La Piana, al quale va un plauso particolare per l’impegno profuso per la riuscita del torneo.

Come ormai consuetudine, grazie al torneo sono stati raccolti fondi da destinare in beneficienza. Anche quest’anno sono state scelte come beneficiarie l’Associazione Casa Famiglia Rosetta Onlus, intervenuta nella persona di Daniel Fasino e la Casa Famiglia Vanessa, rappresentata dal Presidente Monia Pardi e da Francesca Gelsomino, la quale ha voluto evidenziare come con i soldi raccolti lo scorso anno è stato mantenuto un bambino in un istituto alberghiero di Sciacca per un anno intero . Ad entrambi i beneficiari è andato un assegno di 835 €.

Così la premiazione:

1°classificato -Mobili la piana 2°classificato: La mattina colori 3° classificato: Agriturismo monticelli

Premio Giacomo Caruso per il miglior giocatore: Domenico la piana di “Mobili La Piana”.

Capocannoniere: Vincenzo la piana di “Mobili La Piana”.

Miglior portiere : Michele Favata di “La Mattina Colori”.

Premio fair play: Arciconfraternita Madrice

La famiglia Caruso ha voluto consegnare una targa di ringraziamento alla confraternita Sant’Enrico, della quale Giacomo sarebbe diventato confratello se non fosse stato chiamato troppo presto a giocare nella squadra degli angeli di nostro Signore.

1.709 Letture

 

 

Scritto in Eventi, SportComments (0)

 

Lutto in  famiglia: intervengono i carabinieri

Lutto in famiglia: intervengono i carabinieri

MUSSOMELI – Funerali sotto scorta per evitare che l’addio alla persona cara potesse degenerare in una scazzottata tra parenti. I dissapori in famiglia e il precedente di una lite con tanto di intervento dei carabinieri, hanno spinto ad adottare la massima cautela. E i militari della Compagnia, impegnati in altri servizi, hanno incaricato i vigili urbani di occuparsi a mantenere l’ordine e la sicurezza nel corso delle esequie. L’episodio è accaduto giovedì pomeriggio. Protagonisti persone per bene, appartenenti alla classe media, per nulla avvezzi a finire sulle cronache di un giornale. Ma nonostante questo, i timori che i funerali di un’anziana signora potessero far infiammare rancori mai sopiti e tracimare nella rissa da bar erano più che fondati. Il giorno prima, uno dei figli della donna, si era recato a casa della sorella (dove la mamma aveva esalato l’ultimo respiro), e lì, in quell’abitazione del rione Dalmazia era nata una discussione violenta. Preoccupati dal degenerare del diverbio, gli altri parenti avevano chiesto l’intervento dei carabinieri, che con fatica avevano calmato gli animi esacerbati. Pare che ad accendere la miccia sia stata accesa dalla visita del figlio della defunta, un uomo accusato dagli altri parenti di essersi volutamente sfilato dai compiti di assistenza nei confronti della madre. A lui è stato rinfacciato persino di non aveva avuto la sensibilità di farle visita nei giorni trascorsi dall’anziana a casa della sorella. Insomma, un battibecco violento, alimentato da livori e risentimenti, che ha costretto i carabinieri a faticare non poco per riportare la pace in una casa segnata dal lutto. Nonostante la ragione, a diverbio sedato, sembrava essere tornata, i carabinieri hanno intuito che l’aria, attorno a quel letto dove giaceva priva di vita l’anziana, sarebbe rimasta ancora elettrica. Anzi, preoccupati che i funerali il giorno dopo potessero essere disturbati da nuovi momenti di tensione, hanno preferito adottare delle vere e proprie misure di sicurezza, incaricando i vigili urbani di scortare la salma. Gli uomini del comandante Vincenzo Calà hanno vigilato in chiesa, alla Madrice, dove si sono svolte le esequie, poi hanno accompagnato la salma al cimitero, fino a sepoltura avvenuta. Per fortuna però nulla di grave è successo: anzi, i familiari hanno dimostrato grande compostezza ed enorme rispetto per la parente deceduta. Proprio come un qualsiasi funerale, segnato dal ricordo per la defunta e da quel giusto contegno, doveroso da adottare per dare l’ultimo saluto ad un proprio caro.

3.154 Letture

 

 

Scritto in Cronaca, SocietàComments (0)

 

Sport: La Domenica nel Vallone

Sport: La Domenica nel Vallone

VALLONE – Anche quella di domani sarà una domenica molto intensa per il calcio nel Vallone, con i campionati di Eccellenza, Promozione e Prima Categoria. In Eccellenza il Campofranco si recherà a San Cataldo nel derby tutto nisseno valevole per la quarta giornata del girone di andata. Gli uomini di mister Restivo sono chiamati alla conferma di gioco e risultato dopo aver battuto per 4 a 2 domenica scorsa i trapanesi della Folgore. Ancora fuori per squalifica capitan Kouyo, tutti gli altri sono disponibili per la gara del Valentino Mazzola; in settimana si è visto sempre più pronto al debutto Rosario Genova, lo scorso anno proprio nella Sancataldese, autore di una prova convincente nella partitella amichevole: l’attaccante deliano è stato autore anche di due gol di pregevole fattura. In Promozione il Mussomeli sta avendo un inizio di campionato un po’ stentato, un solo punto in tre gare e dopo la sonante sconfitta per 4 a 0 ad opera della corazzata Pro Favara, domenica dovrà cominciare ad incamerare i tre punti anche se al “Nino Caltagirone” arriva unop Sciacca che vuole ben figurare in questo campionato. Il Serradifalco, seriamente candidato alla vittoria finale, Dopo il buon avvio di campionato, gioca in trasferta contro il Campobello di Mazara. In Prima categoria siamo giunti solo alla seconda giornata di campionato ed il Milena, reduce dal vittorioso debutto contro il Casteltermini a cui ha rifilato tre gol, vuole ripetersi in trasferta contro un Lercara non certo trascendentale. Per Vitellaro e compagni ci sono tutte le premessi di ritornare imbattuti dalla terra palermitana. Nei campionati giovanili, gli allievi regionali del Mussomeli si recheranno domenica mattina in trasferta a Porto Empedocle, mentre i giovanissimi regionali faranno visita ai pari età del Mezzojuso. Intanto la lega ha diramato la composizione dei gironi di Seconda Categoria: la Chiaramontana Mussomeli, il Milocca e la Pol. Sutera sono stati inseriti nel girone L con data di inizio del campionato ancora da stabilire.

844 Letture

 

 

Scritto in SportComments (0)

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com