VigroEuronics
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio | ottobre, 2013

 

Un gesto concreto di solidarietà: la visita al Camposanto gratuitamente col tassista Salvuccio Bellanca

Un gesto concreto di solidarietà: la visita al Camposanto gratuitamente col tassista Salvuccio Bellanca

MUSSOMELI – Un atto di generosità concreto. Un tassista che per i due giorni dedicati al culto dei defunti, ha scelto di mettere a disposizione se stesso e la sua auto, perché- come egli stesso dice- tutti hanno il diritto in questi giorni di visitare i propri congiunti che non ci sono più, anche le persone che non hanno la possibilità di raggiungere il cimitero. Salvuccio Bellanca, classe 1980, tassista, è un ragazzo che non pensa al lucro, e che comprendendo le esigenze di chi non ha la possibilità di muoversi con i mezzi propri, rinuncia persino a due giorni di guadagni pur di rendersi utile. Dietro alla sua decisione anche delle ragioni legate alla sua vita. “Da qualche tempo- ci racconta- ho perso mia madre. Oramai sono diventato un assiduo frequentatore del cimitero, e posso capire cosa significa non potere rendere omaggio ad un proprio caro. Una privazione che si fa più pesante il primo e il due novembre, i giorni dedicati al culto dei defunti. Capisco cosa possono provare gli anziani o coloro che senza auto sono costretti a rimanere a casa e non potere posare un fiore sulla tomba di un familiare. Il mio gesto è dedicato a loro”. Salvuccio Bellanca quindi, per tutta la giornata di domani e di sabato non chiederà un centesimo a coloro che accompagnerà al camposanto. Per tale motivo ha chiesto di rendere pubblico il suo numero di telefono, mettendo al corrente della disponibilità di prelevare ogni singola persona da casa, lasciarla al cimitero ed attenderla fino a visita compiuta. Per contattare Salvuccio basta chiamare il numero 3204843177.

1.484 Letture

 

 

Scritto in Attualità, SocietàComments (0)

 

Punto info-telematico locali biblioteca comunale.C’è il finanziamento

Punto info-telematico locali biblioteca comunale.C’è il finanziamento

MUSSOMELI – E’ all’interno della biblioteca comunale, nella piazzetta Monti, dove sarà realizzato un punto info-telematico, grazie ad una pratica avviata, qualche tempo fa, dagli uffici relativi all’assessorato, guidato dal Vice sindaco Sebastiano Sorce e più specificatamente al progetto relativo alla misura 321/A – Azione 4 “Punti di accesso info-telematici pubblici” del Programma di sviluppo Rurale della Sicilia 2007/2013. A firmare il decreto n.957 del 20/09/2013 ha pensato il dirigente Fabrizio Viola e va detto che Il finanziamento di 50 mila euro si inquadra e si propone di migliorare la qualità della vita locale e a diversificare l’economia dei territori locali. Il suo utilizzo, pertanto, serve a coprire le spese di sistemazione degli spazi pubblici interessati dai previsti lavori , compresi gli adeguamenti degli impianti alle vigenti norme, l’acquisto e installazione delle attrezzature necessarie e l’allacciamento ed il primo contratto di utenza. Una postazione, dunque, nella piazzetta Monti, alla biblioteca comunale, dove sono stati già individuati tre locali per installare quattro punti internet connessi con reti a banda larga e di totem, e la messa a muro di una TV per la trasmissione di notizie riguardanti il territorio.

841 Letture

 

 

Scritto in Cronaca, PoliticaComments (0)

 

Presentazione del libro di Falzone “Piccola Atene”

Presentazione del libro di Falzone “Piccola Atene”

VALLELUNGA – Sabato 16 novembre 2013 alle 17.30 press il Centro Polifunzionale l’Associazione “LA Radice” presenta il libro “Piccola Atene” (Barion) dell’autore sancataldese Salvatore Falzone. Un noir curiale ai tempi del tormentato pontificato di Ratzinger. Un romanzo che svela le impalpabili dinamiche del potere attraverso le avventure di un detective per caso che scivola sul vischio di una provincia in cui si agitano poteri più forti di quanto si possa immaginare. Nell’entroterra incontaminato del profondo Sud si muovono le pedine di questo rebus: il vescovo, l’onorevole, il proprietario di un centro commerciale, una femme fatale, gli imprenditori di un’antimafia di facciata. Per la presentazione interverranno: l’autore Salvatore Falzone; il Prof. Salvatore Nicosia, docente ordinario presso l’Università di Palermo; e Grazia La Paglia, giornalista e direttore del periodico “La Radice”.

738 Letture

 

 

Scritto in Eventi, SocietàComments (0)

 

Anche negli ospedalieri un gesto di solidarietà pro naufraghi di Lampedusa

Anche negli ospedalieri un gesto di solidarietà pro naufraghi di Lampedusa

MUSSOMELI –  Ha totalizzato 345 euro la raccolta fra gli ospedalieri del “M.I.Longo” che hanno accolto l’invito del comitato spontaneo che ha promosso la  raccolta fondi per la copertura delle spese occorrenti per  la fornitura e  collocazione di lapidi con incisioni e portafiori sui loculi, dove hanno trovato sepoltura  i naufraghi di Lampedusa. Ieri mattina, nel corso di un incontro, il direttore sanitario dott. Alfonso Cipolla Cirrone, alla presenza dei suoi collaboratori,  ha consegnato l’ammontare delle offerte pari a 345 euro nelle mani del governatore della Misericordia Carmelo Barba, scelto come collettore delle offerte per la finalità sopradetta. ”Noi come Ospedale – ha detto il direttore sanitario Alfonso Cirrone Cipolla –  non potevamo non fare la nostra parte. E in questo momento, così particolare,  l’Ospedale di Mussomeli, gli operatori, infermieri, ausiliari, i medici,  gli amministrativi, tutti insieme, abbiamo deciso,  anche noi,  di raccogliere questo invito alla solidarietà, di raccogliere questo invito ad essere cittadinanza attiva in una comunità che nei momenti in difficoltà, o nei momenti di solidarietà, quale è quello che Mussomeli, in maniera così grandiosa e col cuore,  ha mostrato nel momento in cui ha accettato  nella propria terra, nella propria città dei profughi, dando una degna sepoltura. E allora l’Ospedale di Mussomeli e tutti gli operatori non potevano rimanere distanti o non potevano non accettare quest’invito. Quindi grazie alla Confraternite, alle Associazioni che hanno partecipato, grazie a tutti quelli che stiamo dimostrando in questa occasione. quanto è importante fare squadre, fare  comunità   e i problemi  e le situazioni difficili portarli avanti con quel senso di fraternità. L’abbiamo detto in altre occasioni, lo ripetiamo anche oggi; è un messaggio che parte dell’Ospedale: è atipico perché qualcuno mi diceva stamattina, ma è l’Ospedale di Mussomeli che fa la raccolta? L’Ospedale è inteso come comunità fatta di persone, e questo è veramente un esempio che a me direttore di questo Ospedale fa piacere raccogliere, ciò vuole dire che sono direttore di una comunità che è sana  e partecipa, con solidarietà, alle situazioni insieme alla comunità mussomelese”.

1.248 Letture

 

 

Scritto in Attualità, SocietàComments (0)

 

Marianopoli ottiene 945 mila grazie al decreto del Fare

Marianopoli ottiene 945 mila grazie al decreto del Fare

MARIANOPOLI – Soddisfazione dell’Amministrazione comunale per avere partecipato in tempo record al bando “6000 Campanili” emanato a seguito del “Decreto del Fare” con una convenzione tra il Ministero delle Infrastrutture e l’ANCI –Associazione Nazionale Comuni d’Italia. Il bando era rivolto ai comuni con meno di 5.000 abitanti e per i quali sono stati stanziati ben 150 milioni di euro, finalizzati alla realizzazione di diverse tipologie di opere, con l’impegno di procedere immediatamente alla realizzazione delle stesse. Il progetto proposto dal Comune di Marianopoli riguarda i “Lavori di consolidamento della zona delle Case Agricole – Area a rischio molto elevato (R4)” per un importo complessivo di 945 mila euro. La possibilità di partecipare al bando scattava alle ore 9 di giovedì scorso, con formulazione della graduatoria secondo l’ordine cronologico di arrivo delle istanze esclusivamente via posta elettronica certificata. Ed appena alle ore 9,05 del primo giorno, nonostante l’intasamento del sistema, l’Ufficio Tecnico è riuscito a trasmettere il proprio progetto che, pertanto, sarà arrivato sicuramente tra i primissimi. Con il progetto proposto l’Amministrazione conta di dare risposta definitiva all’annoso problema del dissesto della zona delle Case Agricole, individuata dal PAI – Piano per l’Assetto Idrogeologico con il massimo livello di rischio (R4), zona interessata da continui movimenti franosi che creano non poca apprensione tra i residenti del quartiere.

976 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Cappella  cimiteriale: commemorazione soldato Giuseppe Macaluso

Cappella cimiteriale: commemorazione soldato Giuseppe Macaluso

VILLALBA – Il 2 novembre, per la ricorrenza del ricordo dei Defunti, avrà luogo alle 10:00 presso la Cappella del Cimitero Comunale, la cerimonia di commemorazione del ritorno in Patria del caduto soldato semplice Giuseppe Macaluso, cittadino villalbese, morto a Bochum in Germania durante lo sterminio nazista nei campi di concentramento tedeschi. Macaluso obbediente alla coscienza civile e morale sacrificò se stesso nel tentativo di difendere la Patria. La cerimonia sarà senz’altro utile per portare tutti ad una riflessione sempre attuale sull’atroce crimine della Seconda guerra mondiale e sulla precarietà della pace nella società contemporanea.

1.137 Letture

 

 

Scritto in SocietàComments (0)

 

Approvato dal Ministero il Progetto “Gusta l’Arancione 3.0”

Approvato dal Ministero il Progetto “Gusta l’Arancione 3.0”

SUTERA – A firma del sindaco Giuseppe Grizzanti è  diffusa una nota relativa all’approvazione da parte del Ministero del progetto “Gusta l’Arancione 3-0” :  “La presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per gli Affari Regionali- sulla base della graduatoria approvata, ha ammesso a finanziamento il progetto “Gusta l’arancione 3.0”, progetto risultato il terzo su 400 presentati. Tale progetto che è stato presentato dal Comune di San Leo quale Comune capofila vede l’adesione di 29 Comuni aderenti facenti parte tutti dell’Associazione paesi Bandiera Arancione, tra cui Sutera. Il progetto presentato in base al D.M. 12 dicembre 2010 “Progetti per la realizzazione e diffusione dei servizi innovativi in favore dell’utenza turistica” prevede un investimento di un milione di euro.  Il Comune  di Sutera aveva aderito al progetto con delibera della Giunta Comunale n° 107 del 31/08/2011 e con la stessa delibera aveva autorizzato il Sindaco alla sottoscrizione dell’accordo di programma e ad affidare l’incarico della redazione del progetto alla Cooperativa Balcone dei Sibillini quale ideatrice del progetto. Il progetto “Gusta l’Arancione” è un progetto finalizzato a valorizzare e a promuovere la storia, la cultura, l’arte, la natura, l’ospitalità e le tipicità del territorio di qualità dei singoli Comuni certificati con il marchio Bandiera Arancione del Touring Club Italiano. Gusta l’Arancione si propone di creare un “Sistema del Tipico” che rappresenta una risorsa fatta di conoscenze e tradizione locale capace di rispondere ad una domanda globale che richiede l’adozione di specifiche strategie di valorizzazione con l’utilizzo anche delle più moderne tecnologie digitali. L’obiettivo è focalizzare e realizzare, anche a scopi turistici, azioni da porre in atto per la valorizzazione delle tipicità locali esaltandone le caratteristiche ed evidenziandone le origini e la cultura territoriale per diffondere le tipicità e le usanze e tradizioni locali anche all’estero. Giorno 22 ottobre è stata convocata a Roma presso la sede di rappresentanza della Regione Liguria una assemblea dei 29 Comuni aderenti al progetto “Gusta l’Arancione 3.0” (per Sutera ha partecipato il sindaco Giuseppe Grizzanti e il vicesindaco Pino Landro) nel corso della quale è stato illustrato ai Sindaci ed agli amministratori presenti il contenuto del progetto in tutte le sue parti e nelle sue finalità, è stato sottolineato l’importanza del progetto  soprattutto come conferma della forza della rete dell’Associazione Paesi Bandiera Arancione. Nello specifico il Dott. Claudio De Monte Nuto redattore del Progetto ha evidenziato quali sono i compiti dei Comuni per rendere operativo il progetto ed ha specificato gli aspetti organizzativi, nonchè la ripartizione dei fondi ed il budget relativo ad ogni comune in base alla tipologia stabilita in base al numero di abitanti. Nella stessa seduta si è svolto il Consiglio Direttivo  dell’Associazione di cui Comune di Sutera fa parte di diritto. Il presidente Fulvio Gazzola ha presentato gli argomenti posti all’Ordine del Giorno, il primo: decidere la sede della Rassegna per il 2014 da svolgersi il 5 e 6 Aprile, tra i quattro paesi candidati si è scelto il paese di Suvereto in provincia di Livorno.Altro punto, poichè non è possibile organizzare una Rassegna in Sardegna per problemi di ordine logistico, si è stabilito che la Sardegna ospiterà un Consiglio Direttivo allargato a tutti i paesi che vorranno partecipare in uno dei Comuni arancioni della Sardegna in data da stabilirsi. Terzo punto, si è stabilito di partecipare come Associazione ai Bandi Europei 2014 – 2020 riguardo ambiente – entroterra con un progetto pilota per innovazione tecnologica”.

976 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

TRE SOCI  SUGLI SPALTI DELLO JUVENTUS STADIUM

TRE SOCI SUGLI SPALTI DELLO JUVENTUS STADIUM

MUSSOMELI – Il Club non conosce sosta ed è di grande attività, in questo periodo, per lo Juventus Club Doc Mussomeli.  Saranno diversi i soci a rappresentare il Club Doc nisseno per le prossime partite in programma allo Juventus Stadium di Torino. Infatti, sono più di 20 i soci che avranno la possibilità di assistere ad un match dal vivo nello stadio più bello d’Italia, questo grazie alle opportunità che offre il Club Doc ufficialmente riconosciuto dalla Juventus Spa.Già domenica scorsa, per la gara di campionato di serie A Juventus – Genoa, erano in 3 presenti sugli spalti dello Juventus Stadium. I tre soci, originari Mussomelesi, ma tutti residenti in  Inghilterra, hanno anche avuto la possibilità di utilizzare il “Walk About” , cioè il tour dello stadio pochi minuti prima della partita, incontrando dal vivo e stringendo la mano dei loro beniamini.I tre soci che hanno partecipato all’evento sono:Giuseppe  Sorce Callari, Salvatore Sorce Callari  e Carmelo Nolano. Così, uno dei partecipanti all’evento – Giuseppe Sorce Callari:  “Esperienza fantastica; non ci sono parole per descrivere le emozioni provate! Consiglio a tutti i soci di affidarsi ai fantastici ragazzi del direttivo e venire a visitare ed assistere ad un match della Juventus allo Juventus Stadium”. Va sottolineato che saranno ben 8, invece, i soci presenti alla super sfida di Champions League Juventus – Real Madrid in programma il 5 novembre. In più altri 10 i soci si recheranno a Torino per match in programma nel mese di Dicembre. Il responsabile Giuseppe Militello  commenta così l’attività svolta nel club: “Sono davvero entusiasta che i nostri soci abbiano la possibilità di seguire la propria squadra del cuore sfruttando i numerosi vantaggi che la nostra struttura fornisce, in primis la prelazione che garantisce i prestigiosi tagliandi per poter assistere dal vivo alle partite della Juventus.  Inoltre voglio sottolineare che questo risultato è frutto del grande lavoro svolto con la disponibilità e il sacrificio, in qualsiasi orario della giornata, anche nei momenti più impensabili, dalla struttura organizzativa del club, la quale, vi posso assicurare, si sta impegnando al massimo, grazie anche alla vostra partecipazione, per gettare le basi e mantenere presente lo Juventus Club Doc Mussomeli “Gigi Buffon” in città il più a lungo possibile. Voglio invitare quanti lo vorranno, a fare parte di questa bellissima realtà iscrivendosi entro Gennaio 2014 per la stagione 2013/14”.  Per info rivolgetevi al direttivo visitando il sito www.juventusclubdocmussomeli.it

1.703 Letture

 

 

Scritto in Attualità, SocietàComments (0)

 

Macchina rigata ed il proprietario  chiede indennizzo assicurativo

Macchina rigata ed il proprietario chiede indennizzo assicurativo

VILLALBA – Rigata l’automobile del Responsabile dell’Area dei Servizi Tecnici del Comune di Villalba, l’Arch. Luigi Schifano. Il fatto sarebbe successo il 16 ottobre scorso quando l’Arch. Schifano ritornato a casa si è accorto delle rigature sulla vettura. Nel ricostruire i fatti per esporre la denuncia ai Carabinieri ha stabilito che durante la mattinata l’auto era parcheggiata nei pressi del Comune, eccetto dalle 10:57 alle 12:23, perché si era recato al Cimitero Comunale per l’arrivo e la sepoltura delle tre vittime del naufragio di Lampedusa, e in questo lasso di tempo l’autovettura è rimasta parcheggiata sul piazzale cimiteriale. Ad oggi, l’Architetto ha richiesto il rimborso dei danni subiti, in quanto si è recato al Cimitero per motivi di servizio, e quindi ha avviato il procedimento risarcitorio tramite l’associazione presso la quale il Comune ha stipulato la polizza per tale tipo di danneggiamenti.

1.740 Letture

 

 

Scritto in Cronaca, SocietàComments (0)

 

Asociazione “Vita”: messa per i morti di tumore chiesa San Francesco

Asociazione “Vita”: messa per i morti di tumore chiesa San Francesco

MUSSOMELI – E’ il terzo anno consecutivo e, quest’anno, la messa di ringraziamento sarà celebrata giovedì, alle ore 17 nella chiesa di San Francesco. L’associazione “Vita” prosegue senza sosta alcuna la sua attività e continua a registrare la sua presenza nel territorio col suo servizio di volontariato mediante l’informazione utile alla salvaguardia della salute. Un percorso iniziato, tre anni fa, esattamente il 31 ottobre 2010, allorquando con una chilometrica fiaccolata vespertina la gente suggellò il suo forte anelito per combattere il nemico della vita quale è il cancro, che proprio in quelle settimane aveva mietuto diverse vittime. Va ricordato che per il passaggio da comitato spontaneo, come era nato, ad Associazione, il passo è stato breve ed oggi l’Associazione “Vita”, di cui è Presidente pro-tempore Tania Nigrelli continua ad essere una realtà attiva del territorio. Infatti, l’associazione, da subito, ha puntato i riflettori sulle Istituzioni per chiedere di non rimanere insensibili su questo delicato problema, richiedendo e ottenendo non solo l’istituzione del registro dei tumori, ma ponendo in essere, a cura anche dell’associazione stessa, seppur con difficoltà, dei servizi di prevenzione delle malattie neoplastiche.

836 Letture

 

 

Scritto in Attualità, SocietàComments (0)

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com