VigroEuronics
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio | gennaio, 2016

 

Grande partecipazione all’IIS Mussomeli – Campofranco per la  25esima edizione di Telefisco 2016

Grande partecipazione all’IIS Mussomeli – Campofranco per la 25esima edizione di Telefisco 2016

20160128_132131MUSSOMELI – Giovedì scorso, 28 gennaio 2016 dalle ore 9.15 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 17.30 presso l’IIS Mussomeli-Telefisco 1Campofranco si è svolta la 25esima edizione del convegno annuale “Telefisco” promosso dal “Sole 24 Ore”. che è stato molto partecipato non solo da gli operatori del settore di tutto il Vallone ,cioè gli iscritti all’ordine dei dottori commercialisti e gli esperti contabili, ma anche dagli alunni delle quinte classi accompagnati dai docenti Enza Luvaro e Giovanni Monreale. Dopo il benvenuto della Dirigente Prof.ssa Carmen Campo e quello del Presidente dell’ordine dei commercialisti Dott. Salvatore Dilena è iniziato il primo intervento e via via in diretta streaming da Milano, i vari esperti hanno relazionato sulle novità 2016 per le imprese ed i professionisti, quali : la gestione delle note di variazione, il reverse charge e le semplificazioni dichiarative, la fiscalità internazionale dai costi black list alle stabili organizzazioni, i bilanci il Dlgs 139/15, i nuovi Oic e i criteri di valutazione etc…L’ultima parte del convegno è stata dedicata alle risposte ai quesiti, da parte degli Esperti dell’Agenzia delle Entrate. L’evento è stato molto interessante sia per l’alto profilo degli interventi quali, per citarne alcuni, Donatella Treu – Amministratore Delegato Gruppo 24 ORE, Roberto Napoletano – Direttore de Il Sole 24 ORE, Rossella Orlandi – Direttore Agenzia delle Entrate, Gerardo Longobardi – Presidente del Consiglio Nazionale dei 20160128_132007telefisco2Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, Luigi Casero – Vice Ministro dell’Economia e delle Finanze Enrico Zanetti – Sottosegretario al Ministero dell’Economia e delle Finanze, che per quello dei relatori . E’ stato anche l’occasione per dare sostanza al protocollo d’intesa siglato dalla Dirigente Campo e dal Presidente Dilena riguardante il progetto di alternanza scuola-lavoro. I professionisti presenti hanno espresso la loro disponibilità ad accogliere , per piccoli gruppi, presso i loro uffici, gli alunni dell’IIS per il tirocinio formativo, di 80 ore per le terze e di 40 ore per le quinte, da svolgersi in parte nei periodi di sospensione delle attività scolastica, quali le vacanze di Pasqua, ed in parte nel periodo estivo.

1.046 Letture

 

 

Scritto in Attualità, CulturaComments (0)

 

L’On. Azzurra Cancelleri interroga  il Ministro Lorenzin sul punto Nascita di Mussomeli

L’On. Azzurra Cancelleri interroga il Ministro Lorenzin sul punto Nascita di Mussomeli

Cancelleri

MUSSOMELI – Continua l’interessamento dell’onorevole Azzurra Cancelleri del Movimento 5 Stelle sul Punto Nascita di Mussomeli. “Ho nuovamente invitato il ministro alla Salute Beatrice Lorenzin a venire in Sicilia per rendersi personalmente conto di quanto grave e scellerata sia la decisione di chiudere il punto nascite a Mussomeli. Spero che anche questa volta la mia richiesta, che ho rivolto anche ad una delegazione del ministero, non cada nel dimenticatoio”. Lo dice Azzurra Cancelleri, deputato alla Camera del M5S che ha presentato un’interrogazione al rappresentante del Governo Renzi che “evidentemente ignora l’importanza strategica che il punto nascite di Mussomeli ha per l’intero territorio del vallone. Inoltre – dice – i già noti problemi alla viabilità, di cui ho informato più volte il Governo, potrebbero compromettere il diritto ad avere accesso alle cure necessarie per le partorienti costrette a spostarsi, anche in situazioni di emergenza, coi mezzi per raggiungere il presidio ospedaliero più vicino”.

“La decisione ministeriale che ha decretato la chiusura del punto nascite di Mussomeli – prosegue la Cancelleri – potrebbe essere revocata, se solo questo Governo stanziasse e vincolasse i fondi necessari per porre in condizioni di sicurezza stabilite dalla legge la struttura ospedaliera. La riorganizzazione della rete assistenziale materno – infantile è frutto di una decisione scellerata. Non si può e non si deve tagliare la spesa pubblica sulla sanità. Il diritto alla salute è primario. Per queste ragioni – ribadisce – continuerò a mantenere alta, in aula, l’attenzione su questa insensata decisione, garantendo la mia disponibilità a lavorare al fianco delle associazioni e dei comitati cittadini che protestano da mesi”.

La portavoce del M5S ha anche sollecitato la Regione Sicilia perché “si attivi nel più breve tempo possibile il sistema di trasporto assistito materno (STAM) e il sistema di trasporto in emergenza del neonato (STEN)”, secondo quanto previsto nell’accordo denominato “Linee di indirizzo per la promozione ed il miglioramento della qualità, della sicurezza e dell’appropriatezza degli interventi assistenziali nel percorso nascita e per la riduzione del taglio cesareo”.

1.436 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Marianopoli ripristina celebrazioni e folklori semidimenticati

Marianopoli ripristina celebrazioni e folklori semidimenticati

san paoloMARIANOPOLI – A Marianopoli, a distanza di pochi giorni, come accadeva in epoca augustea, sono state ripristinate celebrazioni di tradizionali feste religiose, legati ad alcuni Santi, la cui devozione popolare nel tempo è andata scemando.

Il piccolo paese, toccato anch’esso dall’avvento di tempi caratterizzati dalle nuove forme di comunicazioni sempre più informatizzate, che hanno rivoluzionato il modo di relazionarsi della gente, non vuole dimenticare comunque il proprio passato e cerca sempre di valorizzare quelle antiche usanze che favorivano festose riunioni popolari o incontri di carattere conviviale, per tramandarle alle nuove generazioni, allo scopo di non dimenticarle. E’ stato questo infatti lo spirito che ha animato il nuovo Circolo delle donne, istituito da pochi mesi a Marianopoli, a riportare alla memoria dei giovani, l’antica festa di Sant’Agnese, che è stata festeggiata il 21 gennaio scorso. A curare l’aspetto della cerimonia religiosa sono stati i due parroci, Don Bernardo Briganti e Padre Massimo Guarino, ma ad organizzare i festeggiamenti è stato un vero e proprio esercito di circa settanta donne con più di 50 anni di età, che hanno voluto rispettare la tradizione, cucinando i cosiddetti “cavati”, pasta fresca fatta in casa. Queste donne, fiere di custodire gli antichi segreti della cucina dei propri avi, hanno realizzato a mano, in allegria e perfetta sintonia, più di 50 chilogrammi di gustosi cavati, poi cucinati e conditi con un ottimo sugo di pomodoro, anch’esso fatto in casa. A degustare questo tipico piatto, dedicato a Sant’Agnese, sono stati i 150 bambini frequentanti il catechismo, ed è stata una ragazzina, che porta proprio il nome di Agnese, ad avere l’onore di indossare le vesti della Santa. Presenti anche le varie autorità locali e l’Amministrazione comunale, che ha concesso l’uso dei locali della Sala Sikania, dove appunto si è svolta la particolare cena. La serata si è conclusa tra le danze, tra cui il popolare ballo della “contradanza”, che ha coinvolto grandi e piccini.

Domenica 24 gennaio, rinviata di una settimana a causa della neve, è stata la benedizione degli animali dedicata a Sant’Antonio Abate, a riempire la piazza di bambini ed animali di tutte le specie. I due parroci, infatti hanno voluto ricordare il Santo con questa manifestazione che un tempo forse si caricava di un significato diverso rispetto a quello che si è voluto dare oggi, legato più alla salvaguardia delle tradizioni. Una volta, infatti, quando l’economia di questi piccoli paesi era basata sul raccolto dei prodotti della propria terra, la buona salute degli animali garantiva un sostentamento fondamentale per le famiglie e quindi andavano benedetti. Se prima i contadini portavano sul sagrato della Chiesa, mucche, maiali, cavalli, pecore, galline, in questa occasione ad essere benedetti sono stati principalmente animali domestici come cani, gatti e uccellini in gabbia… tanto da apparire insolita per i bambini la presenza di una gallina.

Non poteva essere da meno il Circolo maschile degli anziani, che ha voluto ricordare un altro Santo importante per la comunità di Marianopoli, San Paolo, a cui, nel giorno della sua ricorrenza, è attribuito anche a lui la vecchia abitudine di mangiare i “cavati”.

Nel pomeriggio di giorno 25 gennaio, gli anziani della locale associazione si sono seduti tutti insieme a tavola per dare onore al Santo, gustando i tradizionali “cavati”. Non mancava la presenza delle autorità civili.

Questi tre recenti eventi hanno sicuramente dimostrato che a Marianopoli, quando subentra lo spirito di collaborazione, come in questo caso tra Parrocchia, Amministrazione comunale, Circoli ed Associazioni o semplicemente tra singoli cittadini, spinti dalla voglia di fare, si può godere in armonia di momenti lieti, che magari per pochi attimi fanno dimenticare le stanchezze delle faccende di ogni giorno.

1.805 Letture

 

 

Scritto in CuriositàComments (0)

 

L’auspicio Nursind sul Punto Nascita di Mussomeli

L’auspicio Nursind sul Punto Nascita di Mussomeli

NursindMUSSOMELI – In merito alla riunione di domani alla VI Commissione Sanità regionale interviene la segreteria aziendale Nursind con un comunicato stampa
“ Apprendiamo con viva soddisfazione la decisione dell’onorevole Salvatore Cardinale di intervenire categoricamente sulla vicenda punto nascita a completamento di un percorso di condivisione d’intenti che va avanti già da tanto tempo. Coagulare tutte le forze politiche in quello che è non un “capriccio di pochi” ma la necessità improcrastinabile di un intero territorio che oramai da sei mesi vive quotidianamente l’emergenza punto nascita di Mussomeli dovrebbe definitivamente far cessare le polemiche e le divisioni che finora ci sono state. Va dato atto e merito al Sindaco Giuseppe Catania di aver continuato ad aggregare forze politiche-sindacali e sociali nonostante i tentativi di destabilizzazione e le iniziative singole che non hanno mai raccolto e trovato, per fortuna, il consenso generale. Come Nursind abbiamo rinunciato categoricamente ad ogni forma di rivendicazione individuale a favore di una lotta comune che avrebbe dovuto trovare il Primo Cittadino come unico interlocutore e che invece è stato più volte strumentalizzato da prese di posizione individuali. La presenza di importanti politici del territorio oltre che di una vasta rappresentanza dei sindaci del Vallone è il valore aggiunto che si spera faccia la differenza nella riunione di lunedì all’ARS. Non parteciperemo perché, in questa lotta comune, ci sentiamo rappresentati totalmente dal sindaco Catania e soprattutto perché, in un’assise dove il peso totale è nelle mani della politica nullo sarà il contributo offerto da qualunque sindacato. Confidiamo soprattutto nel peso politico e nell’esperienza dell’onorevole Salvatore Cardinale la cui presenza si spera faccia la differenza come l’ha fatta nel passato. Abbiamo da sempre assistito alla “morte e resurrezione” di questo punto nascita. Speriamo che anche questa volta il miracolo avvenga.

La segreteria aziendale Nursind

833 Letture

 

 

Scritto in Politica, SocietàComments (0)

 

Acquaviva:stroncato da un malore improvviso il vigile Vincenzo Lanza

Acquaviva:stroncato da un malore improvviso il vigile Vincenzo Lanza

Vincenzo-Lanza-310x266MUSSOMELI – La notizia della sua scomparsa ha lasciato tutti sgomenti.

Vincenzo Lanza, 62 anni, si è spento ieri per un malore improvviso. L’uomo era assai conosciuto per la sua professione:  agente presso la polizia municipale del Comune di Acquaviva.

Inoltre il vigile  era stimato per il   carattere gioviale e giovanile.

Secondo quanto trapelato l’uomo sarebbe stato trasportato all’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento dove purtroppo non c’è stato nulla da  fare.

La notizia mi lascia di stucco – commenta una conoscente – il signor Lanza era una persona dinamica, amante del proprio lavoro e dedito alla famiglia“.

Commosso anche il primo cittadino Salvatore Caruso che racconta.”Quanto abbiamo appreso la notizia siamo rimasti attoniti, Enzo lascia un vuoto incolmabile all’interno del Comune e della comunità acquavivese. Perdo un amico amato da tutti per le sue qualità umane e professsionali”

 

Lascia la moglie Signora Annamaria Scibetta e i figli Luigi, Giuseppe e Lucrezia.

I funerali saranno celebrati oggi nella chiesa Madre alle 15,30.

8.109 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Domani al Carmelo messa in onore del Bambinello di Praga

Domani al Carmelo messa in onore del Bambinello di Praga

Bambino Praga 2MUSSOMELI – “U bamminiaddu di Praga”, così i carmelitani chiamarono la statua, allorquando commissionata, anticamente, dall’allora parroco Padre Giuseppe Cicero giunse a Mussomeli. Tanto entusiasmo destò in parrocchia quell’arrivo ed ancora oggi il suo culto, nella semplicità devozionale, resiste nel tempo. Una devozione, assai coltivata e sentita dalla compianta scrittrice ed educatrice Maria Sorce Cocuzza che, specialmente da diversi anni a questa parte, si premurava, alfine di coltivarne il culto, di invitare i ragazzi delle scuole elementari a partecipare alla Messa delle 11,30 nella Parrocchia del Carmelo. Domani mattina, intanto, nella parrocchia carmelitana, guidata da Padre Calogero Salvatore Mantione, sarà celebrata, alle 11,30,  la messa solenne. La statua del Bambinello di Praga, sistemata nell’abside con uno sfondo a raggiera, è adornata armonicamente di fiori bianchi.

911 Letture

 

 

Scritto in Attualità, CronacaComments (0)

 

Caro bollette ex Salito: la lotta continua riunioni anche in altri centri

Caro bollette ex Salito: la lotta continua riunioni anche in altri centri

Ciccio AmicoMUSSOMELI – Il battagliero Ciccio Amico, imperterrito, ed assai determinato, continua la sua protesta contro il caro bollette ex Salito, stavolta, in maniera singolare, a piedi, in giro per il paese, con cartelloni, caricati a bisaccia sulla spalla, dove è visibile l’avviso alla cittadinanza che la lotta sul caro bollette continua, ricordando che “l’aumento delle bollette da 18 a 76 euro è vergognoso non si paga per dei benefici mai ricevuti. Resistiamo”. Intanto si è tenuta anche a San Cataldo una partecipatissima riunione, sempre sullo stesso argomento a cui è stato invitato anche Ciccio Amico ed erano presenti anche il consigliere comunale Graziella Dilena e tutto il Comitato mussomelese al completo Calogero Castiglione, Tanino Antinoro, Francesco Genuardi e Mario Sorce. Presenti anche le amministrazioni comunali di Bompensiere, Milena, Montedoro, Serradifalco, San Cataldo, Santa Caterina, il movimento dei consumatori con l’avv. Gioacchino Comparato ed il deputato Giancarlo Cancelleri. Anche Ciccio Amico è intervenuto nella discussione, parlando ad oltre trecento persone. Intanto la protesta si fa sempre più serrata e la parola d’ordine sembra essere quella di non avere fretta a pagare, in attesa degli sviluppi sulla vicenda

1.523 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Oltre le nozze di diamante: 63 anni di vita matrimoniale festeggiati con figli e nipoti

Oltre le nozze di diamante: 63 anni di vita matrimoniale festeggiati con figli e nipoti

IMG_58064171425949MUSSOMELI – Tre generazioni in festa ed una vita familiare che parla il linguaggio dell’amore autentico. Tre anni fa IMG_4462 (2)avevano raggiunto una meta ambiziosa: 60 anni di matrimonio, un appuntamento speciale con le cosiddette “Nozze di Diamante”, una circostanza che la vita non riserva a tutti. Infatti, sembrava, allora, una data insuperabile, ma, evidentemente, così non è stato se Totò e Cina si sono ritrovati, l’altro ieri sera, a festeggiare il loro 63° anniversario di matrimonio. Va ricordato che era il 28 gennaio del 1953 quando Totò Catalano (classe 1925) e Vincenza Cardinale ( classe 1933) coronavano nel matrimonio la loro storia d’amore. Attorniati dall’affetto dei loro 5 figli e degli 11 nipoti, in maniera familiare hanno festeggiato la ricorrenza. Calogero, Concetta, Nicola, Maria e Assunta sono il frutto della loro vita insieme, orgogliosi di avere ricevuto dai loro genitori un esempio straordinario. “Non è facile superare tutte le difficoltà di una vita lunga e piena di avvenimenti, hanno commentato in famiglia, – ma loro ci sono riusciti, dimostrando nel corso degli anni che insieme si può tutto, grazie al IMG_8916vero amore che non muore mai, e si sono promessi di proseguire così ancora per anni che il Signore vorrà concedere loro e di continuare ad affrontare ogni circostanza della loro vita insieme, con rispetto reciproco e il massimo dell’armonia che hannoIMG_58140588727377 sempre mostrato”. E’ stata una gioiosa festa di famiglia, con la presenza di tre generazioni, nell’assoluta semplicità. Immensa la gioia dei due festeggiati per essere riusciti a dare a tutti i figli un avvenire professionale, ognuno per le proprie inclinazioni e prerogative. Una lezione di vita, dunque, che dimostra che la vera felicità non la dà la ricchezza, ma i valori e la gioia che derivano da una vita condivisa e vissuta, anche tra tante difficoltà, ma sempre al servizio e nell’amore per l’altro.

2.987 Letture

 

 

Scritto in Eventi, SocietàComments (0)

 

Coro Polifonico di Mussomeli : è tempo di iscrizioni

Coro Polifonico di Mussomeli : è tempo di iscrizioni

Coro polifonicoMUSSOMELI – Innanzitutto devono amare la musica ed avere passione per il canto, solo così il loro gorgheggio può sprigionare melodia. Lo hanno dimostrato, in questi non pochi anni di presenza nel territorio, i numerosi coristi dell’Associazione “Coro Polifonico di Mussomeli “ che continuano a scrivere pagine di storia con le loro performances, assai apprezzate ed assai condivise sul territorio. Ed è proprio a questo lembo di terra, a cui è rivolto l’invito del Coro Polifonico di Mussomeli, diretto dal maestro Vincenzo Barcellona, ad iscriversi all’ associazione per annoverare nella propria compagine nuova linfa per acquisire vitalità e supporto ad una realtà locale, attraverso cui sono transitati numerosi coristi. Intanto in una nota dell’associazione viene sottolineato che iI coro, diretto dal maestro Vincenzo Barcellona, propone un repertorio che abbraccia tutti i generi musicali: folk, pop, sacro al profano, moderno, ecc… Per far parte del Coro Polifonico non sono richieste eccezionali doti canore, ma semplicemente amore per la musica, la voglia di impegnarsi e di divertirsi insieme ad altri appassionati di canto in un percorso di apprendimento ricco di soddisfazioni”. Il Coro Polifonico è una delle belle realtà mussomelesi che fino ad oggi non ha conosciuto sosta alcuna ed è aperto a quanti lo desiderano.

809 Letture

 

 

Scritto in Attualità, Cultura, SocietàComments (0)

 

Martedì l’amministrazione incontra i tecnici per una tre giorni sul centro storico a fine febbraio

Martedì l’amministrazione incontra i tecnici per una tre giorni sul centro storico a fine febbraio

Municipio-300x225MUSSOMELI – L’Amministrazione comunale di Mussomeli ha organizzato per martedì 2 febbraio prossimo, ore 16.00, presso la sala consiliare di Mussomeli una riunione interlocutoria finalizzata a raccogliere adesioni per l’organizzazione di una tre giorni da programmare per fine mese di febbraio. Oggetto della tre giorni sarà la elaborazione di un piano per la valorizzazione, il recupero e la messa in sicurezza del centro storico. L’invito è rivolto a tutti i tecnici interessati.

717 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com