VigroEuronics
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categoria | Web

leggi tutto DXsorgepalace

 

Negato ad insegnante diritto allo studio e lei si ribella

Giusy terrana

Giusy terrana

MUSSOMELI- Un paese veramente strano l’Italia, ma oramai crediamo che tutti c’è ne siamo resi conto. Una storia veramente singolare quella dell’insegnante Giusy Terrana che sta facendo il giro della Sicilia e che  raccontiamo in questo articolo. Ci riferiamo alla sospensione prima, e al diniego poi di uno dei diritti più “preziosi”: il diritto allo studio ”diritto fondamentale ed inalienabile del cittadino”, sancito dalla Costituzione Italiana agli artt. 3-33-34. Il D.P.R del 23/8/88 n 395 prevede che tutti i lavoratori dipendenti, sia pubblici che privati, possono usufruire di permessi o agevolazioni per la realizzazione del diritto allo studio. L’ammontare dei permessi viene stabilito dai singoli contratti collettivi nazionali, con la concessione di 150 ore annue. La finalità di tali permessi è quella di favorire l accrescimento culturale del lavoratore, ed è anche interesse prioritario dell’amministrazione scolastica. Il Contratto collettivo integrativo regionale del 21/1/2016 recita che tali permessi sono fruibili per la frequenza di lezioni, partecipazione ad attività, sostenimento degli esami e redazione della tesi. Alla professoressa-studente agli inizi di marzo i permessi vengono sospesi e ad aprile viene rideterminata frettolosamente la contrattazione dove si riscontra una ulteriore riduzione della percentuale di fruibilità e l’annullamento dei permessi che riguardano la redazione della tesi. Da qui la rabbia e l’indignazione della professoressa che non può più usufruire di tempo per lavorare alla sua tesi poiché lesa in uno dei diritti dei lavoratori.

leggi tutto sotto sinistra

 

di

- che ha scritto 13 articoli su Castello Incantato.


2.670 Letture

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com