VigroEuronics
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio | dicembre, 2016

 

Buon Anno a Noi. Gli auguri dei lettori – IL VIDEO

Buon Anno a Noi. Gli auguri dei lettori – IL VIDEO

video-auguri-buon-anno-capodanno-640x348Mussomeli – Il video con i messaggi augurali che la redazione ha affidato ai lettori per i lettori. Ci lasciamo alle spalle un altro anno in cui su castelloincantato.it, quotidiano più letto della provincia di Caltanissetta,  giorno dopo giorno è stata prodotta informazione gratuita per tutti. Buon 2017 a tutti, noi ci siamo dal 2007 e continueremo ad esserci,  grazie a un’ informazione sobria e concreta, priva di personalismi e toni sensazionalistici. Possa essere un 2017 pieno di buone notizie per tutti noi! Buona visione

 

 

 

 

 

 

 

1.825 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

Guerra ai botti illegali per l’operazione “Capodanno sicuro”

Guerra ai botti illegali per l’operazione “Capodanno sicuro”

botti-sequestri-capodanno-fuochiartificiali_550Caltanissetta – Guerra ai botti illegali. L’hanno dichiarata, come ogni anno, carabinieri polizia e guardia di finanza che stanno catalizzando l’attenzione su questo fenomeno tipico del periodo. Le festività natalizie e, soprattutto, la notte di San Silvestro costituiscono una fascia da bollino rosso. Tanti, forse troppi, per salutare il nuovo anno fanno esplodere botti non sempre legali e, ancor più grave, non sempre sicuri.

L’azione delle forze dell’ordine, attraverso un servizio straordinario, ha come sempre finalità di carattere preventivo con risvolti, ovviamente, anche repressivi.

Così i militari stanno già passando al pettine fitto bancarelle a posto fisso, ambulanti e anche negozi autorizzati. Giusto per verificare che tra le mani dei consumatori non finiscano prodotti pericolosi per l’incolumità pubblica.

Così l’azione delle forze di polizia tende a scovare quelle partite di fuochi che, sfuggendo ad ogni controllo, possono finire in mani più o meno sbagliate.

Il consiglio, per coloro che proprio non riescono a farne a meno, è di fare molta attenzione a ciò che si acquista, badando bene che l’etichettatura riporti certificazioni che ne assicurino la provenienza.

Per il resto, nel salutare l’anno che va via e il nuovo che arriva, è bene agire con molta accortezza.

901 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Incendio in casa di riposo a Caltanissetta, nessun  feriti

Incendio in casa di riposo a Caltanissetta, nessun feriti

Verona Incendio al centro Residenziale per anziani Don Michele Garonzi - Piazza  Bertani,  Grezzana      foto Sartori  - Verona Incendio al centro Residenziale per anziani Don Michele Garonzi - fotografo: Sartori

Verona Incendio al centro Residenziale per anziani Don Michele Garonzi – Piazza Bertani, Grezzana
foto Sartori – Verona Incendio al centro Residenziale per anziani Don Michele Garonzi – fotografo: Sartori

Caltanissetta – Tragedia sfiorata in una casa di riposo per anziani a Caltanissetta a causa di un incendio scoppiato prima della mezzanotte in una stanza che ospitava una donna. Per fortuna uno degli addetti al servizio notturno si è accorto di quanto stava accadendo ed ha messo in salvo gli ospiti della struttura avvertendo i vigili del fuoco e le forze dell’ordine. L’uomo di 30 anni è rimasto lievemente intossicato dal fumo sprigionatosi dall’incendio del materasso pare a causa di una coperta elettrica.

1.229 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Calogero Mistretta nuovo presidente del circolo Trabia – Emiliani Giudici

Calogero Mistretta nuovo presidente del circolo Trabia – Emiliani Giudici

giudiciMussomeli – E’ Calogero Mistretta il nuovo presidente di quello che per decenni veniva indicato con soggezione dal “popolino” come “Il circolo dei galantuomini”, ma che da diverso tempo ha impresso un vigoroso cambio di rotta alla sua storia e, più semplicemente, si presenta come il circolo culturale Trabia-Emiliani Giudici. Il 68enne neo presidente, che prende il posto di Eugenia Langela (prima donna presidente del prestigioso circolo aperto soltanto dal 2007 alle donne,), è stato eletto all’unanimità e subito dopo le feste si provvederà alla nomina del direttivo. La deputazione che lo affianca è composta da: Alfonso Cardinale, Salvatore Falletta, Sebastiano Nigrelli, Leo Curiale, Calogero Lo Brutto, Adriana Tuzzeo. Volto noto della politica non solo locale, il dott. Calogero Mistretta è stato consigliere ed assessore provinciale, ed ha concluso la sua carriere lavorativa come Capo settore del personale all’Asp di Agrigento, Il neo presidente, col pieno supporto della deputazione e l’avallo dei soci (una sessantina gli iscritti), mira ad una nuova primavera per lo storico circolo e dice: “Nel ringraziare tutti per la fiducia accordatami che intendo ricambiare con un impegno costante, vogliamo portare avanti una novità sostanziale, ovvero l’apertura totale a tutto il ceto sociale di Mussomeli in merito alle attività ludiche, ricreative e culturali organizzate dal nostro circolo, che non è composto da un élite ristretta, ma si riconosce appieno nella societàgiudici2 mussomelese. Da qui questa apertura che in concreto significa acquisizione di nuovi soci, partecipazione alle nostre attività culturali, progettazione e quant’altro per far sì che il circolo si interfacci nel tessuto della nostra società. Intendiamo approvare a breve il programma e vorremmo cominciare con una serie di seminari aperti alle scuole, sulle origini di Mussomeli. E saranno invitati autorevoli personalità di Mussomeli a portare avanti tali seminari. Inoltre vorremmo fare catering all’interno del circolo, ospitare cantastorie del calibro del grande Nonò Salamone, così come vorremmo invitare un maestro di ballo. Insomma, tanti progetti in campo per un autentico rilancio del circolo”. Va ricordato che il circolo TrabiaEmiliani Giudici, nasce nel lontano 1898 dalla fusione del circolo manfredonico “Principe di Trabia” (esi – stente dal 1850) col “Paolo Emiliani Giudici” (nato sei anni dopo da una sua costola, nel 1892). Per un secolo e mezzo i soci del più prestigioso ed esclusivo circolo cittadino, furono dapprima solo nobiluomini o personalità di alto lignaggio culturale.

2.032 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

A Capodanno botti vietati. La soddisfazione dell’associazione Happy Tail

A Capodanno botti vietati. La soddisfazione dell’associazione Happy Tail

happytailMUSSOMELI -L ‘Associazione Happy Tail, presiduta da Giuseppe Langela, ricorda che” a Mussomeli anche quest’anno è in vigore l’ordinanza che vieta i  botti per la notte di Capodanno. I trasgressori saranno puniti con sanzione amministrativa da euro 25 fino a euro 500. In una nota si legge “L’associazione Happy Tail continua sempre instancabilmente nel suo lavoro di collaborazione  per le adozioni con il Comune di Mussomeli (fin’ora a titolo totalmente gratuito pur trovandosi a volte al limite delle proprie possibilita’ logistiche ed economiche). Quest’anno ormai abbiamo perso il conto dei tanti cuccioli a cui abbiamo trovato una casa, una famiglia e l’amore di un umano. Se qualche anima sensibile vuole aiutarci nel nostro lavoro potrà fare una donazione, inviando un bonifico
attraverso il codice Iban della  associazione”.

1.163 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Esplode pompa di calore, paura in casa

Esplode pompa di calore, paura in casa

esplosioneariacondizionaataCaltanissetta – Esplode una pompa di calore in casa ed è panico. Momenti di tensione si sono vissuti in un’abitazione di San Cataldo, in via Ferini, dove lo scoppio di una unità di climatizzazione ha fatto scattare l’allarme incendio.

Sono subito intervenuti vigili del fuoco e carabinieri che hanno domato le fiamme che si sono sprigionate. L’incidente non ha causato feriti. Gli abitanti della casa sono rimasti illesi.

Gli stessi vigili del fuoco hanno visionato l’abitazione che ha riportato qualche danno, annerimento alle pareti ma senza particolari effetti sulle strutture.

Nessun dubbio che si sia trattato di un episodio fortuito che avrebbe potuto sortire effetti assai più pesanti di quelli che alla fine si sono registrati

1.910 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Dopo quasi 40 anni di lavoro va in pensione il  geologo Saia, decano della Provincia

Dopo quasi 40 anni di lavoro va in pensione il geologo Saia, decano della Provincia

l'ultima timbratura del geologo Saia

l’ultima timbratura del geologo Saia

Mussomeli – Una pietra miliare di quella che una volta si chiamava Provincia ieri, a Caltanissetta,  ha timbrato per l’ultima volta il cartellino. Salvatore Maria Saia, geologo di Bompensiere da tutti conosciuto come Totino, va in pensione. Una carriera brillante, lungo e costellata di importanti traguardi. Assunto dall’Amministrazione Provinciale di Caltanissetta nel dicembre 1985 a seguito di superamento del concorso per funzionario geologo, dopo aver lavorato presso il comune di Bompensiere per quasi 8 anni..

Nel 1995 si specializza come esperto in “disaster management” presso il Dipartimento nazionale di Protezione civile frequentando un master apposito nelle strutture di Castelnuovo di Porto in provincia di Roma.

Viene contestualmente nominato responsabile dell’Ufficio provinciale di protezione civile così come sancito successivamente dalla legge regionale 14 del 1998.

Nominato, altresì, responsabile unico del procedimento per la redazione del piano territoriale provinciale e del piano provinciale di protezione civile.

Consegue nei primi anni del 2000 un master di secondo livello in “Ingegneria dell’emergenza” presso l’Università degli Studi “La Sapienza” di Roma.

Autore di diversi articoli e pubblicazioni in materia di geologia e protezione civile, nel 2000 è autore, nei testi, di due prodotti multimediali per le scuole di ogni ordine e grado che piega in maniera semplice con un CD cos’è la protezione civile.

«Lascio il lavoro» afferma Saia « dopo quasi 40 anni con un rammarico: la mancata prolungazione di una nuova legge regionale che sostituisca l’ormai vetusta del 1998 (che amo definire “balneare” in quanto promulgata di tutta fretta il 31 agosto). Una nuova norma che dia slancio in questo settore, valorizzi i Comuni senza cercare capri espiatori nei “soli” Sindaci (“autorità di protezione civile”!) e che, ahimé, fa diventare “attualità” l’azione combinata di protezione civile quasi esclusivamente in occasione di eventi catastrofici».

3.360 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

E’ scomparso Pakistan, l’artista bucolico

E’ scomparso Pakistan, l’artista bucolico

pakistanMussomeli – A tutti ha strappato un sorriso, oggi  tutti hanno versato una lacrima.Stamane se ne è andato via. Sebastiano Tona, da tutti conosciuto come “Pakistan”, si è spento a 56 anni a seguito di un male incurabile. L’uomo era originario di  Milena, pastore di professione, artista per passione.  Proprio  la sua vena artistica lo aveva reso celebre e amato in tutti i paesi del Valllone. Pakistan, talvolta chiamato anche Bakistan, amava esibirsi in performance canore, spesso accompagnandosi con strumenti a percussione. La personalità allegra e semplice gli aveva assicurato la simpatia degli abitanti dei centri del Vallone. Riprova ne è che  oggi, non appena si è diffusa la notizia della morte del cantante bucolico, una generalizzata e diffusa commozione è stata manifestata da tantissimi internauti che hanno inondato i social con messaggi di condoglianza per la dipartita dell’uomo. “Ci hai lasciato pure tu  – ha scritto una parente – in quest’anno cugino…lasciando una parte vuota…ti ricorderemo sempre per la bella persona che eri, per la tua semplicità e il tuo buon cuore. PAKISTAN”. I funerali si svolgeranno domani alle 10:30 alla chiesa evangelica di Milena.

25.691 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Recital natalizio al Virgilio

Recital natalizio al Virgilio

recital-scuolaMUSSOMELI – In concomitanza con le festività natalizie, nei giorni scorsi, l’I.I.S.S. “Virgilio” di Mussomeli ha realizzato uno spettacolo intitolato “Gli esclusi”, incentrato su temi importanti quali diversità, emarginazione, rispetto della disabilità e lotta al bullismo. Il tutto è stato espresso attraverso balli, canti e recitazioni. Con i movimenti del corpo e la voce, sono state rappresentate le differenze, atte a trovare una loro sintesi sul palcoscenico.

Nel recital sono state messe in risalto le diversità culturali, religiose e linguistiche, temi attuali finalizzati a focalizzare la sfida che la civiltà contemporanea sta affrontando, registrando profonde divisioni e pareri divergenti.

I ragazzi con i docenti hanno trovato un modo leggero e poetico con cui giocare sulla percezione degli spettatori, una via giusta insomma per affrontare questi temi e per sensibilizzare ulteriormente la comunità.

L’esperienza ha coinvolto gli alunni di tutti gli indirizzi del “Virgilio”, i quali hanno manifestato spirito di abnegazione, grande impegno ed entusiasmo nella realizzazione dello spettacolo.

I ragazzi, coordinati dalla Prof.ssa Fiandaca con la collaborazione di altri docenti, hanno interagito proficuamente, realizzando un’attività formativa organica, strumentale e corale.

I risultati sono andati oltre qualsiasi aspettativa e gli applausi finali registrati hanno confermato la qualità del lavoro svolto.

L’istituzione scolastica è riuscita ad offrire un contributo significativo nella lotta contro l’intolleranza e per la valorizzazione della diversità. Il linguaggio della musica, semplice, piacevole ma diretto, e la scelta di testi appropriati hanno contribuito a raggiungere l’obiettivo meglio di frasi roboanti e discorsi pseudo-intellettuali.

La finalità è stata quella di educare i ragazzi all’armonia dei rapporti interpersonali, scevri da qualunque distinzione di razza, di cultura e di religione per creare “bellezza” attraverso i suoni.

Un plauso particolare va agli alunni che hanno meritato gli applausi finali ed i complimenti degli spettatori. All’Istituto “Virgilio” va il riconoscimento di avere contribuito alla crescita umana e culturale dei propri alunni.

2.584 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

Tragedia di Gela, oggi lutto cittadino e funerali delle due sorelline

Tragedia di Gela, oggi lutto cittadino e funerali delle due sorelline

domenico-messineseGela – Lutto cittadino a Gela. Lo ha proclamato il sindaco Domenico Messinese. La città è stretta nel dolore

ed è pronto, questo pomeriggio, a partecipare in massa ai funerali delle piccole Gaia eMaria Sofia, di 7 e 9 anni, le due sorelline uccise dalla madre, l’insegnante quarantunenne Giuseppa Savatta sulla quale pende un provvedimento restrittivo per duplice omicidio volontario aggravato.

Bandiera a mezz’asta e nessuna nota natalizia a risuonare nell’aria. I negozi, durante la celebrazione dei funerali delle due piccole terranno le saracinesche chiuse.

Dopo l’esame autoptico, eseguito fino a sera dal medico legale Cataldo Raffino, i corpicini delle due bimbe sono stati restituiti ai familiari per allestire la camera ardente alla Matrice. Nel pomeriggio, a partire dalle 15.30, le cerimonia funebre officiata dal vescovo di Piazza Armerina, Rosario Gisana.

Proseguono, intanto, sotto il profilo investigativo gli interrogatori. Anche se la stessa madre ha già confessato ai magistrati, il procuratore Fernando Asaro e il sostituto Monia Di Marco, di avere soffocato le figliolette e di avere poi tentato invano di togliersi la vita. Alla base del gesto vi sarebbe stato un mix micidiale: uno stato depressivo e la paura che il marito, sull’onda di una presunta crisi familiare, potesse portarle via le figlie.

738 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com