Sett Santa VigroBanner censimento
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

cinema

 

 

Categoria | Cronaca

leggi tutto DXsorgepalace

 

Il sindacalista amato e combattivo si ristabilisce in tempo record

(di Roberto Mistretta) MUSSOMELI – Guerriero e combattivo lo è sempre stato e memorabili sono le sue battaglie sindacali in difesa dell’ospedale dove lavora da una vita, ecco perché quando è stato colpito da un serio malore che ha fatto temere anche per il suo futuro, in men che non si dica la notizia ha fatto il giro del web. E se per le prime 24 ore la notizia è volata di bocca in bocca ma sempre sottovoce, perché le sue condizioni cliniche erano davvero preoccupanti, col passare delle ore la tempra da guerriero di Lillo Polito e le cure innovative applicate tempestivamente nei suoi confronti in Neurologia, diretta dal dott. Michele Vecchio, al Sant’Elia di Caltanissetta, hanno fatto recuperare a tempo di record gagliardia fisica e lucidità al segretario provinciale della Cgil. Una ripresa che ha quasi del miracoloso così come davvero incredibili sono state le modalità del malore, un ictus cerebrale, che ha colpito il sindacalista sabato sera. Al lavoro di mattina al Pronto soccorso dell’ospedale “Maria Immacolata-Longo”, Polito nel pomeriggio ha prestato servizio di pronta disponibilità ed alla guida dell’am – bulanza è partito alla volta di Palermo per il trasferimento urgente di un adolescente. Durante il viaggio di andata e di ritorno, tutto è andato come sempre. Polito concentrato nella guida, una volta completato il trasferimento, ha quindi fatto rientro con l’equipaggio a Mussomeli quando erano circa le 21. Quindi il suo rientro a casa, con chiamata alla moglie per dirle che stavano appunto rincasando. Ma l’appuntamento con l’imprevisto era dietro l’angolo e arrivato sotto casa, il sindacalista è stato colto da un malore che lo ha paralizzato per metà corpo, impedendogli di parlare e finanche di telefonare e chiedere aiuto alla moglie che lo aspettava due piani più sopra. Non vedendolo rincasare e in mancanza di risposte telefoniche la signora è scesa di sotto dove s’è subito resa conto della gravità della situazione e mentre Lillo Polito continuava a farfugliare incapace perfino di parlare, è stata allertata l’ambulanza e quindi sono scattati immediati i soccorsi. Inutile sottolineare lo stupore e la trepidazione di medici e colleghi quando si sono ritrovati davanti uno di loro in quelle condizioni critiche. Immediato è scattato il trasferimento al Sant’Elia, dove Polito, 56enne nativo di Petralia Sottana ma residente a Mussomeli da oltre trent’anni, è stato trattato con un farmaco di nuova concezione per aggredire il trombo che verosimilmente aveva provocato l’ictus. Una terapia che avuto immediato successo tant’è che già l’indomani mattina Polito ha cominciato a recuperare sensibilità e mobilità alla parte destra del corpo ed ha ripreso a parlare normalmente. E lunedì s’è perfino prestato, davanti al management aziendale, a sottoporsi come soggetto giovane colpito da ictus, alla sperimentazione del nuovissimo ed innovativo sistema di teleriabilitazione appena installato nel centro di eccellenza che è la Neurologia nissena, finalizzato appunto a favorire la riabilitazione dopo un accidenti neurologico. E se tutto è bene quel che finisce bene, vengono i brividi a pensare cosa poteva succedere se il malore avesse colpito Polito in strada.

 

di

- che ha scritto 6056 articoli su Castello Incantato.


Non Ti PiaceTi Piace (+1 rating, 1 votes)
Loading...
5.316 Letture

 

 

 

 

 

 

 

 

Comune Mussomeli

 

 

 

 

This site is protected by WP-CopyRightPro This site is protected by WP-CopyRightPro