VigroBanner censimento
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

cinema

 

 

Categoria | Cronaca

leggi tutto DXsorgepalace

 

Collesano, con l’intuizione del vice sindaco Dario Costanzo un bene confiscato a donna che si prende cura dei randagi.

(di Sergio Scialabba) PALERMO – Il comune di Collesano (Pa) ha assegnato uno dei tanti beni confiscati alla mafia a Donata Campanella, una donna che, grazie alle proprie forze e all’aiuto di amici, adotta, si prende cura e, quando occorre, fa sterilizzare, 178 cani, molti dei quali le vengono recapitati davanti l’uscio da ignoti. La storia della signora Campanella è stata raccontata dal programma televisivo Le Iene. Nel servizio andato in onda su Mediaset è emerso come alla signora Campanella, per un cavillo, fosse stata negata l’assegnazione di un terreno e di una struttura dove ospitare gli animali. E’ stato il vicesindaco di Collesano, Dario Costanzo, originario di Mussomeli, che ha fatto sapere come fosse sufficiente un parere giuridico per mettere la volontaria nelle condizioni di proseguire la sua meritevole attività. Raccolta, dunque, la consulenza dell’avvocato Nadia Spallitta, l’amministrazione comunale ha riconosciuto alla Campanella il diritto ad usufruire del bene. Un’ impresa immane, quella di dare ospitalità e assistenza a così tanti animali, che si può soltanto affrontare con passione e dedizione smisurate che, evidentemente, non mancano dalle parti di Collesano. La vicenda desta particolare stupore laddove il problema del randagismo si manifesta in tutta la sua gravità, stretto tra le inadempienze delle istituzioni e misure che hanno, recentemente, dato vita a furiose polemiche.

 

di

- che ha scritto 6071 articoli su Castello Incantato.


Non Ti PiaceTi Piace (No Ratings Yet)
Loading...
1.527 Letture

 

 

 

 

 

 

 

 

Comune Mussomeli

 

 

 

 

This site is protected by WP-CopyRightPro This site is protected by WP-CopyRightPro