VigroBanner censimento
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

cinema

 

 

Categoria | Cronaca

leggi tutto DXsorgepalace

 

Strangolò le figlie: “E’ incapace di intendere e di volere”

CATANIA – Le sue idee erano a dir poco annebbiate quando uccise le due figlie. É la sintesi della perizia psichiatrica sull’insegnante quarantunenne Giuseppa Savatta (foto) che a dicembre ha strangolato le sue figliolette di 9 e 7 anni, Maria Sofia e Gaia.

Il pool di esperti nominato dalla procura – è emerso durante l’incidente probatorio – è giunto alla conclusione che la donna, al momento del duplice omicidio “era incapace d’intender e di volere”.

La perizia è stata redatta dallo psichiatra di Catania, Carlo Monteleone, da Isabella Merzagora, e dal criminologo e psichiatra forense del policlinico dell’Università di Bari, Roberto Catanesi.

Gli stessi esperti ne hanno evidenziato l’attuale stato di pericolosità sociale “perché “affetta da un delirio persecutorio crescente”.

Anche le altri parti hanno nominato loro consulenti. La difesa ha incaricato Eugenio Aguglia, direttore di psichiatrica all’Università di Catania.

Il marito della Savatta, Vincenzo Trainito – assistito dagli avvocati Flavio Sinatra e Giovanni Giudice – ha conferito nomina allo psichiatra Cristian Romano.

L’indagata – difesa dagli avvocati Pietro Pistone e Maria Luisa Campisi – attualmente, in regime carcerario cautelare, è nella sezione psichiatrica di Barcellona Pozzo di Gotto.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, la mattina del 27 dicembre dello scorso anno, l’insegnate ha strangolato le sue figlie perché avrebbe temuto di essere lasciata dal marito, pure lui insegnate.

 

di

- che ha scritto 1081 articoli su Castello Incantato.


Non Ti PiaceTi Piace (No Ratings Yet)
Loading...
1.274 Letture

 

 

 

 

 

 

 

 

Comune Mussomeli

 

 

 

 

This site is protected by WP-CopyRightPro This site is protected by WP-CopyRightPro