predil 1Predil ceramiche VigroBanner censimento
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categoria | Cronaca, In Primo Piano

leggi tutto DXsorgepalace

 

La lettera aperta delle sorelle di Francesca Sorce. “False dichiarazioni del sindaco Catania”

MUSSOMELI – Comprensibilmete turbate, le sorelle di Francesca Sorce, loro malgrado, vittime del dibattitto seguito al mancato svolgimento della  tradizionale cerimonia commemorativa e della consegna del premio dedicato alla eroica assistente sociale, hanno scritto una lettera aperta su una vicenda che ha aggiunto loro dolore a dolore. Il testo integrale

Francesca sei per noi dono e vanto

Questo è l’ultimo verso della poesia che il Rev. Padre Salvatore Callari ha dedicato a Francesca. Sì è vero Francesca è per noi un dono che a distanza di anni ci infiamma il cuore e l’anima e, pertanto, non permetteremo che sterili polemiche o ipocrisie possano scalfire la sua memoria. Memoria che è stata onorata con semplicità, spontaneità ed affetto dai ragazzi e dagli operatori del Centro Europeo della Cultura “Francesca Sorce” con i quali in maniera semplice ed informale, martedì 24 ottobre, ci siamo incontrati al Cimitero intorno alle h 10,30. Qui ogni ragazzo ha rivolto una preghiera in suffragio di Francesca. Si è pregato in lingua estone, portoghese, rumena, spagnola, turca e italiana. Ecco questo per noi è stato il momento più significativo della giornata che ci ha dato tanta serenità e conforto. A volte bastano piccoli gesti per dare significato e senso ai valori profondi della vita! Pertanto preghiamo tutti i politici di smetterla con le loro piccole beghe, con i loro squallidi silenzi e li esortiamo a non strumentalizzare il nome di Francesca o di altri splendidi esempi di preclara virtù civica. Riguardo all’articolo del 25 Ottobre pubblicato dalla testata di Castello incantato ove si esorta il Presidente del Consiglio ad intervenire sulla mancata realizzazione del “Premio Francesca Sorce per la Solidarietà” ci teniamo a dire che il Presidente del Consiglio non ha niente da recuperare e nessuno da bacchettare ma ci auguriamo che questa pausa possa diventare per tutti un momento di riflessione e farci capire che in fondo si può sbagliare, ciò che non è accettabile è la falsità l’oblio o, peggio ancora, ‘l’indifferenza’

Noi avevamo chiesto rispettoso silenzio, ma dopo le false dichiarazioni del sindaco Catania sul giornale La Sicilia del 26 Ottobre (in cui il primo cittadino ha dichiarato di aver parlato coi familiare per sostituire la commemorazione con un concorso scolastico, NDR) teniamo a precisare che nessun incontro e quindi nessuno accordo, né formale né informale, è intercorso tra lo stesso ed i familiari di Francesca. Pertanto chiediamo ancora una volta onestà intellettuale, correttezza, rispetto e maggiore sensibilità.

Le sorelle di Francesca.”

 

di

- che ha scritto 6268 articoli su Castello Incantato.


2.587 Letture

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com