VigroEuronics
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio | novembre, 2017

 

Continuità aerea: Il Governo accoglie l’O.d.G. per  garantire diritto alla mobilità dei Siciliani

Continuità aerea: Il Governo accoglie l’O.d.G. per garantire diritto alla mobilità dei Siciliani

ROMA -Il Governo ha accolto un ordine del giorno presentato dalla deputata Daniela Cardinale e concernente la continuità territoriale siciliana, per arginare il crescente fenomeno del  caro tariffe dei voli. “Un tema – ha sottolineato l’onorevole del Pd – molto avvertito in una regione come la Sicilia che ha assistito, purtroppo, negli ultimi anni a una crescita esponenziale del costo dei biglietti aerei delle rotte da e per Catania e Palermo”.  Nella considerazione che “il costo dei biglietti nell’isola è ormai insostenibile” la Cardinale ha impegnato il Governo a “vigilare sulle tariffe praticate per l’utenza siciliana  e a costituire un apposito osservatorio con l’obiettivo di far rispettare la continuità territoriale e rendere accessibile a tutti il diritto alla  mobilità, attraverso vettore aereo, oggi compromesso a causa dei costi eccessivi delle tariffe”.

1.612 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Casa Famiglia Rosetta per la Giornata Internazionale della Disabilità organizza: “Il Natale alla Fornace: dove ieri si lavorava per il mattone, oggi si lavora per l’inclusione”

Casa Famiglia Rosetta per la Giornata Internazionale della Disabilità organizza: “Il Natale alla Fornace: dove ieri si lavorava per il mattone, oggi si lavora per l’inclusione”

Il 3 dicembre, in occasione della Giornata internazionale della disabilità, l’Associazione Casa Famiglia Rosetta organizza un momento di condivisione al centro commerciale “La fornace” di Cammarata, dove saranno esposti i lavori realizzati dagli ospiti del centro diurno, nei laboratori del centro di Mussomeli. In tale occasione sarà inaugurato un presepe in ceramica, realizzato dagli operatori Maurizio Giammusso e Teresa Canalella, che rimarrà in esposizione per tutto il periodo natalizio, in presenza dei responsabili del centro commerciale il rag. Lamendola e la Sig.ra Russotto che già l’anno scorso hanno accolto questa iniziativa con grande entusiasmo. Gli operatori, i ragazzi, le famiglie ed i volontari del servizio civile saranno presenti al centro dalle 15.30 alle 20.30 per far conoscere il lavoro che si svolge all’interno delle strutture dell’Associazione e per avvicinare le persone al mondo della disabilità e delle diverse abilità.

Verrà inoltre presentato il progetto di inserimento lavorativo, iniziato già nel mese di aprile di quest’anno, che ha visto coinvolti 6 ragazzi del centro diurno con disabilità mentale in un’esperienza di lavoro all’interno di alcuni punti vendita del centro, avviando così un percorso d’integrazione sociale, di sviluppo dell’autonomia e di superamento di barriere . Il progetto avrà la durata di due mesi, da gennaio a marzo del 2018.

439 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

Tragedia sfiorata per un chiarimento, donna finisce in ospedale

Tragedia sfiorata per un chiarimento, donna finisce in ospedale

San Cataldo – Un chiarimento tra ex fidanzati rischia di sfociare in tragedia. È a tarda sera che i due, lei 38 anni, lui di 41, si sono trovati a discutere in una pizzeria di San Cataldo.

Tra loro, però, l’atmosfera si è presto surriscaldata. E dalle parole sarebbero passati ai fatti. L’uomo, in particolare, avrebbe afferrato un oggetto, lì  in pizzeria, colpendo al capo la sua ex che è stramazzata sul pavimento.

È stata subito soccorso e trasportata in ospedale con una vistosa ferita al capo. Attualmente si trova ricoverata al «Sant’Elia» Caltanissetta ed è tenuta sotto stretta osservazione dai medici.

La questione è stata poi girata ai carabinieri che in qualche modo hanno tentato di ricostruire l’accaduto. Ma ancora vi sarebbe qualche passaggio ombroso. Anche perché i due protagonisti hanno fornito versioni nettamente contrastanti tra loro

Lo sviluppo della vicenda, dal punto di vista giudiziario, è legato a più fattori. O all’azione personale dei due che potrebbero presentare querela, oppure in relazione a quella che sarà la prognosi per la donna e, in quel caso, ogni iniziativa d’indagine potrebbe scattare d’ufficio.

1.807 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

“La festa dell’albero” al primo Istituto Comprensivo “L. Da  Vinci” di Mussomeli

“La festa dell’albero” al primo Istituto Comprensivo “L. Da Vinci” di Mussomeli

MUSSOMELI – La “Festa dell’ albero” è una storica cerimonie nata in ambito forestale e rappresenta la celebrazione che meglio dimostra come il culto ed il rispetto dell’albero affermino il progresso civile, sociale, ecologico ed economico di una comunità. 

Anche il 1° Istituto Comprensivo Leonardo da Vinci di Mussomeli, come già promosso gli anni precedenti, ha riproposto quest’evento all’insegna del rispetto della natura.

“Quest’anno abbiamo voluto riproporre la festa dell’albero – dice la prof.ssa Rina Sorcecon l’obiettivo di promuovere l’importanza, del verde nelle nostre comunità’, per contrastare l’inquinamento, prevenire il rischio idrogeologico e la perdita della biodiversità. Facendo nostro il motto della lega ambiente “Il futuro non si brucia”, abbiamo posto l’attenzione su un altro tema strettamente legato all’importanza della tutela degli alberi, ovvero il contrasto agli incendi boschivi, fenomeno che purtroppo ogni estate si ripresenta, portando alla perdita di centinaia di migliaia di ettari di boschi e foreste. La modesta erba di un prato, le infinite varietà di fiori, i maestosi alberi che ci circondano, sono tutte piante caratterizzate dall’essere organismi autotrofi. La loro vita, quindi, non dipende da altri esseri viventi, ma quella di tutti gli altri esseri viventi, uomo compreso, dipende da esse. Allora è importante interiorizzare che amare e rispettare gli alberi, significa fondamentalmente amare e rispettare se stessi. Questi i temi che gli alunni hanno affrontato in classe e che ieri mattina hanno condiviso con una significativa manifestazione, nel corso della quale hanno cantato, letto poesie, esposto cartelloni tematici e, dopo aver analizzato il terreno con la cartina al tornasole, hanno messo a dimora cinque alberelli donati dal Vivaio Forestale di Cammarata.”

La cerimonia si è conclusa nel cortile Nord, di fronte al grande albero in ceramica rappresentante la legalità: qui i ragazzi hanno attaccato le loro riflessioni, scritte anche in inglese e in francese, non solo sulla salvaguardia dell’ambiente ma anche sui diritti del fanciullo e delle donne.

Continua la docente: “E’ stata veramente una splendida giornata, poiché abbiamo affrontato e condiviso temi importanti in modo sereno e gioioso.”

Gli scatti sono stati realizzati dagli alunni della I A della S.S. di I grado: Andrea Di Maria, Francesco Mantio, Davide Piazza.

641 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

Morire per amore, si toglie la vita a 29 anni

Morire per amore, si toglie la vita a 29 anni

foto di repertorio

Delia-Morire per amore. Ed a soli 29 anni. Una tragedia nella tragedia. S’è consumata in un piccolo centro del Nisseno. A Delia, in particolare.

Lì una ragazza ventinovenne si è tolta la vita dopo una delusione d’amore. Non ha retto alla rottura della relazione sentimentale con il suo compagno.

È stato un attimo. Ma fatale. Un istante che ha spinto la donna a farla finita. E così è stato nel segreto della sua casa.

Quando è scattato l’allarme non v’era più nulla da fare. Nella sua abitazione, dove la tragedia s’è consumata, oltre agli operatori sanitari sono arrivati anche i carabinieri.

Ma in tal senso l’indagine è stata chiusa sul nascere. Anche perché non vi sarebbe alcun dubbio sull’accaduto. La ragazza avrebbe lasciato anche un biglietto, ritrovato dai militari, per spiegare le ragioni che l’avrebbero indotta all’estremo gesto.

5.126 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Villalba, eseguiti lavori urgenti di messa in sicurezza

Villalba, eseguiti lavori urgenti di messa in sicurezza

Villalba-Continua il lavoro da parte dell’amministrazione comunale riguardante I lavori di manutenzione straordinaria.

Sono stati eseguiti lavori all’interno del centro abitato, al fine di ripristinare le condizioni di sicurezza di piazze e strade mediante l’esecuzione di lavori di manutenzione di inferriate,caditoie delle acque bianche e la realizzazione di corrimano in vari punti del centro abitato in modo da rendere piu agevole e sicuro il transito dei cittadini.
In merito L’ASS.TRAMONTANA GIUSEPPE con delega alle manutenzioni precisa:
Insieme all’ufficio tecnico abbiamo individuato dei punti del paese dove c’era assoluta urgenza di manutenzione.
Sono stati realizzati dei corrimano di sicurezza  lungo la via V.Veneto in un tratto a monte di via F.Crispi
Piazza Croce-via Piave
Piazza V.Emanuele-via Liberta.Abbiamo messo in sicurezza ed effettuata la dovuta manutenzione all’inferriata della piazzetta a valle della via F.Baracca incrocio via Bellini.
E stata sistemata e messa in sicurezza la caditoia di raccolta delle acque bianche sita in via interprovinciale.
Si stanno effettuando lavori di pittura per migliorare il decoro urbano.
542 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

«Baby gang di rapinatori», una 15enne farà volontariato

«Baby gang di rapinatori», una 15enne farà volontariato

Lei, «baby terribile», piuttosto che rischiare la condanna per rapina e lesioni ha chiesto e ottenuto la messa alla prova. Un percorso alternativo alla possibile detenzione.

La richiesta è arrivata da una ragazzina 15enne arrestata insieme al suo fidanzato. Un ragazzo ventunenne chè è stato processato con il rito abbreviato ed è stato condannato a 2 anni e 4 mesi. Proprio adesso la pena, per lui, è divenuta inappellabile. Non l’ha imputa e neanche la procura. Così da rimanere in libertà. L’ha conquistata al momento della sentenza.

La sua fidanzatina, invece, per 18 mesi dovrà seguire un programma di recupero pianificato dai servizi  sociali. E dovrà occuparsi anche di volontariato.

I due sono accusati di avere rapinato in strada una donna sessantenne. Era il marzo dello scorso anno. Per strapparle la borsa è stata trascinata per terra riportando una frattura al cranio.

Una settimana dopo la stessa donna e il figlio si sono imbattuti nella coppia di ragazzi che avevano agito pochi giorni prima.

I fidanzati, secondo la tesi accusatoria, avrebbero malmenato madre e figlio per strada. La donna ha riportato nuovi traumi al capo, il figlio fratture alle costole.

Poi le indagini della polizia hanno dato un volto e un’identità ai presunti autori che sono stati arrestati.

E sia lui che lei non hanno poi nascosto le loro responsabilità. Il ragazzo è stato poi condannato, ora la minorenne ha ottenuto la messa alla prova.

551 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Carabinieri Mussomeli: Tre arresti nel Vallone.

Carabinieri Mussomeli: Tre arresti nel Vallone.

Nel corso del fine settimana, i Carabinieri delle Stazioni di Mussomeli, Campofranco e Milena, hanno eseguito tre provvedimenti dell’Autorità Giudiziaria relativi alla privazione della libertà personale di altrettanti soggetti residenti nel Vallone.

In particolare, i Carabinieri della Stazione di Milena, hanno tratto in arresto e sottoposto alla detenzione domiciliare M.P. classe 1942, residente in Milena, condannato alla pena di mesi 6 di reclusione poiché resosi responsabile di furto di energia elettrica, commesso nell’anno 2013 in danno della società Enel Distribuzione.

I Carabinieri della Stazione di Mussomeli hanno tratto in arresto e sottoposto alla detenzione domiciliare A.G. casse 1956, residente in Mussomeli, condannato per aver commesso, nell’anno 2013, il reato di violazione degli obblighi inerenti la sorveglianza speciale. L’uomo dovrà scontare la pena di mesi sei di reclusione.

I Carabinieri della Stazione di Campofranco hanno tratto in arresto e sottoposto al regime della detenzione domiciliare il Campofranchese M.A.C. classe 1959, condannato alla pena di quattro mesi di reclusione, per aver commesso, nell’anno 2010, il reato di sottrazione e/o danneggiamento di cose sottoposte a sequestro.

3.756 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Carabinieri Mussomeli: Continua la collaborazione tra Arma dei Carabinieri e Istituti d’istruzione del Vallone nel contrasto alla “Balena Blu”.

Carabinieri Mussomeli: Continua la collaborazione tra Arma dei Carabinieri e Istituti d’istruzione del Vallone nel contrasto alla “Balena Blu”.

Il Comando Compagnia Carabinieri di Mussomeli e gli Istituti di Istruzione del Vallone, uniti nel contrasto al fenomeno della Balena Blu. Così come accade da circa due mesi, continuano gli incontri formativi tra i Carabinieri e gli studenti del Vallone. Nelle ultime settimane il Comandante della Compagnia, Capitano Luigi Balestra, ha avuto modo di incontrare i ragazzi delle Scuole secondarie di primo grado di Sutera, Acquaviva e Vallelunga Pratameno. Gli incontri hanno avuto come oggetto la formazione e l’informazione degli alunni rispetto all’inquietante fenomeno della Balena Blu. Vivace e costruttiva è stata la partecipazione degli alunni che, in ogni occasione, hanno manifestato interesse partecipazione e assoluta consapevolezza della pericolosità del fenomeno. Su espressa volontà degli organizzatori, agli incontri hanno partecipato anche i familiari dei discenti, attori principiali del dispositivo di contrasto della “Blue Whale”.

Nel corso della conferenza gli alunni, le famiglie e gli insegnati, hanno tutti convenuto che solo un’azione coordinata e complementare di tutte le Istituzioni (Famiglia compresa) può prevenire efficacemente il proliferarsi del citato fenomeno.

In tutti gli incontri il Comandante della Compagnia ha inteso esprimere un particolare ringraziamento ai Dirigenti Scolastici degli Istituti del Vallone, i quali, consci dell’importanza del lavoro sinergico delle Istituzioni dello Stato, hanno dimostrato piena disponibilità e assoluto interesse per lo svolgimento degli incontri.

Nelle prossime settimane l’Arma dei Carabinieri contribuirà alla formazione degli alunni delle scuole secondarie di primo grado di Mussomeli, Marianopoli e Montedoro.

536 Letture

 

 

Scritto in Cronaca, EventiComments (0)

 

Giustizia, si dimette il giudice Romeo: esclusa ingiustamente dalla corte d’Appello di Palermo

Giustizia, si dimette il giudice Romeo: esclusa ingiustamente dalla corte d’Appello di Palermo

Presidente di sezione della corte d’Appello di Caltanissetta lascia la magistratura. Si è dimessa per la mancata nomina a ricoprire la stessa carica a Palermo. Così il presidente Maria Giovanna Romeo ha rassegnato le dimissioni.

Andrà a riposo in anticipo rispetto ai tempi previsti per anzianità di servizio. «Non sono stata ritenuta idonea a ricoprire il ruolo di presidente di sezione a Palermo, pur essendo la sola candidata che ha già avuto questa esperienza», ha commentato.

E nei mesi scorsi è stata anche presidente facente funzione dopo il collocamento a riposo dell’ex presidente Salvatore Cardinale e l’arrivo del neo presidente Marai Grazia Vagliasindi.

Alla Romeo, a Palermo, per tre posti sono stati preferiti altri candidati. «Nulla contro di loro e le loro capacità professionali – ha spiegato – ma secondo i criteri stabiliti dal testo unico, sarei stata la sola a possedere i requisiti».

E alla fine, lei che a Caltanissetta ha presieduto corti chiamate a decidere su importantissimi processi, ha deciso di appendere la toga al chiodo non senza polemica. Che non sono rivolte a chi l’ha preceduta nella scelta di presidente di sezione di corte d’Appello a Palermo, quanto dai criteri adottati dal Consiglio superiore della magistratura.

«Avrei preferito chiudere la carriera a casa mia, a Palermo, e non così. Per questo ho ritenuto giusto rassegnare le dimissioni».

675 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com