predil 1Predil ceramiche VigroBanner censimento
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categoria | Cronaca

leggi tutto DXsorgepalace

 

Botte da orbi a un minore, sospetto «branco» nega

Il sospetto «branco» nega le accuse. Il gruppetto di ragazzi accusato di avere sequestrato, immobilizzato e picchiato a sangue un minorenne, respinge ogni contestazione.

Lo hanno fatto con fermezza due dei tre giovani sancataldesi arrestati, mentre un terzo, il diciannovenne Salvatore Lazzara – assistito dall’avvocato Massimiliano Bellini – si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Fermamente, invece, ha negato colui che è stato ritenuto un po’ il personaggio chiave dell’intera vicenda. È il ventunenne Riccardo Panzarella – difeso dagli avvocati Gianluca Amico e Salvatore Baglio – che secondo la tesi di carabinieri e magistrati avrebbe materialmente pestato il sedicenne poi rimasto ferito. Lui lo avrebbe colpito mentre gli amici lo avrebbero bloccato su una panca, dopo averlo trascinato dentro un garage.

«Non c’è stato alcun sequestro di persona e nessun pestaggio, magari un diverbio sì… qualche ceffone, niente più», s’è giustificato l’arrestato.

La stessa versione che è stata fornita anche dal diciannovenne Mattya Pennino – assistito dall’avvocato Nuccio Sollami – al quale apparterrebbe il garage dopo il minore – per l’accusa – sarebbe stato sequestrato e malmenato.

Pure lui ha negato il pestaggio «solo qualche schiaffo, forse un pugno, ma nient’altro», ha sostenuto. E intanto la procura avrebbe espresso parere sfavorevole sulla richiesta di annullamento delle ordinanze di custodia cautelare avanzate dalla difesa.

 

di

- che ha scritto 1347 articoli su Castello Incantato.


222 Letture

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com