predil 1Predil ceramiche VigroBanner censimento
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categoria | Cronaca

leggi tutto DXsorgepalace

 

Annata olearia 2017: nel Vallone qualità e resa da record

MUSSOMELI –  Ora che la stagione della raccolta e della frangitura delle olive nel Vallone è quasi agli sgoccioli è maturo il tempo di tirare bilanci. Olivicoltori esperti e consumatori hanno un parere unanime: l’annata olearia sarà ricordata per la qualità eccelsa e l’alta resa dell’olio.Un prodotto caratterizzato da colore,  odorato e sapore pregevolissimo. Ottime  caratteristiche organolettiche riconducibili, innanzitutto, all’ottimo stato di salute delle olive che, per esempio e a differenza dell’anno scorso, non sono state assediate dalla mosca olearia. Particolarmente alta è stata la resa, la cui media si è attestata intorno al 18%, frequenti pure i casi in cui si è superato il 20% con picchi fino al 25%.  In aumento anche il  prezzo dell’olio che, mediamente, è stato venduto intorno a 6 euro al litro, anche se alcuni consumatori pur di assicurarsi il prodotto dei fornitori abituali sono stati disposti a pagare anche 7 euro per litro. Prezzi comunque conveninetissimi  se paragonati  a quelli dei mercati del centro-nord Italia dove per un litro di olio extravergine di olive occorre sborsare 12-14 euro.La produzione è, invece, a macchia di leopardo, in alcune zone gli ulivi hanno avuto più olive che foglie, al contrario in altre gli alberi erano privi di frutti. I week end a partire dalla fine di ottobre e la settimana a cavallo del 1 e 2 novembre è stato il periodo in cui è iniziata e si è intensificata la raccolta e durante il quale in tanti hanno affollato i frantoi che hanno lavorato giorno e notte. Ora la situazione è più tranquilla e per la molitura non occorrono più tempi biblici.

 

di

- che ha scritto 6268 articoli su Castello Incantato.


3.550 Letture

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com