VigroBanner censimento
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categoria | Cronaca

leggi tutto DXsorgepalace

 

«L’uccisione dell’ex picciotto del clan madonia», il fratello killer confessa il delitto

Il fratello della vittima ha confessato il delitto. Non ha nascosto le sue responsabilità, mentre la sorella non sarebbe indagata. Nonostante lei sarebbe stata in macchina con il killer, il quarantatreenne Maurizio Novembrini di Gela, nel momento in cui in una sala slot sono stati uccisi il cinquantunenne gelese, Carlo Novembrini, fratello del sicario, e la compagna, la quarantenne Maria Rosa Fortini.

L’ex soldato di Cosa nostra legato al clan di «Piddu» Madonia – come gli inquirenti lo hanno descritto – è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco da fratello che ha impugnato una pistola beretta calibro 9X21 che, peraltro, è pure di dubbia provenienza.

Alla base dell’omicidio in famiglia vi sarebbero questioni passionali. Robe di donne e tradimenti. Ma è una prima ipotesi che i carabinieri stanno ancora approfondendo.

Avrebbe agito con grande sfrontatezza, quasi a volere rimarcare la sua “griffe”. Perché sarebbe arrivato in quella sala gioco, a Caravaggio, facendo fuoco.

Uccidendo sia il fratello che la sua compagna. E non si sarebbe neanche preoccupato di nascondere il suo volto, nonostante in quell’ex centro commerciale – lo stesso che è stato la scena del duplice omicidio del fratello e della cognata – vi fosse un impianto di videosorveglianza.

 

di

- che ha scritto 1719 articoli su Castello Incantato.


519 Letture

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com