VigroEuronics
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categoria | Politica

leggi tutto DXsorgepalace

 

Quote consortili, Cardinale (Pensare Solidale) incalza: “Amministrazione si è attivata con colpevole ritardo”

MUSSOMELI – Continua il botta e risposta tra il sindaco e il consigliere d’opposizione Salvatore Cardinale. Motivo del contendere le quote dell’ex consorzio del salito. In una nota a firma dell’esponente di pensare Solidale si legge: “Mi ero sentito rassicurato dalla risposta datami l’8 maggio 2018 dal signor sindaco  alla mia interrogazione relativamente alla vicenda delle  quote consortili del Consorzio di Bonifica n° 4 già ex Salito che era stato oggetto di una mozione di cui ero primo firmatario,  adottata all’unanimità da tutti e 16  i consiglieri presenti nella seduta del 31/10/2017. Nella  risposta alla mia interrogazione il signor sindaco mi rappresentava che l’amministrazione da lui presieduta sul tema si era attivata su molteplici fronti: con il commissario del consorzio di bonifica n° 4 di Caltanissetta al quale si chiedeva il ritiro immediato della delibera n°22 del 21/09/2017; coi sindaci dei comuni  interessati alla vertenza; con l’ Assessore regionale all’Agricoltura, per interessarlo affinché si adoperasse presso il consorzio di bonifica. Ottenute la copie della corrispondenza a cui faceva riferimento il sindaco a seguito di richiesta di accesso agli atti, non ho potuto fare a meno di constatare che risultava vero l’invio della corrispondenza ai soggetti istituzionali, tuttavia tale missive sono state spedite il 20 aprile 2018 scorso e cioè dopo ben 40 giorni dalla presentazione della mia interrogazione e ben dopo 142 giorni dalla data dell’approvazione della mozione in consiglio comunale. Chiedo pertanto al sindaco e agli assessori, se non avessi presentato l’interrogazione l’amministrazione avrebbe continuato a lasciare nel dimenticatoio una tale importante questione che coinvolge parecchi cittadini di Mussomeli i quali avevano riposto fiducia nell’operato della stessa amministrazione? Come è possibile che in ben 142 giorni non ci si sia preoccupati di attivare tutte le possibili iniziative utili al raggiungimento di una positiva risoluzione della delicata controversia? Questa amministrazione che a parole e sui social dice di essere sensibile alle problematiche del cittadino comune è così che ne dà dimostrazione? Per quanto mi riguarda non posso che esprimere profondo rammarico per come è stata gestita dall’amministrazione comunale una questione così delicata ed importante. Altresì  mi ritengo decisamente  insoddisfatto della risposta datami dall’amministrazione comunale alla mia interrogazione perché soltanto adesso e con notevole e colpevole ritardo è stato dato inizio ad una interlocuzione con i soggetti istituzionali che hanno titolo per diramare la questione”.

 

di

- che ha scritto 6583 articoli su Castello Incantato.


529 Letture

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com