VigroBanner censimento
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categoria | Cronaca

leggi tutto DXsorgepalace

 

Montante si difende: « Io mai avvantaggiato, semmai ho stravolto la mia vita»

CALTANISSETTA – «Ho sposato le istituzioni. Non ho mai avuto vantaggi, né appalti, né finanziamenti, né agevolazioni.
Ho stravolto la mia vita e sono sicuro che non posso più tornare indietro».

È stata una difesa a tutto campo quella dell’ex presidente degli industriali siciliani, Antonello Momnatnte, nell’interrogatorio fiume andato avanti fino a notte al cospetto dei magistrati nisseni.

Il già delegato nazionale per la legalità di Confindustria ha respinto le accuse, ribattuto punto su punto tutte le contestazioni che gli sono state mosse.

Le stesse che hanno dato vita  alle accuse a suo carico che si sono concretizzate nell’ipotesi di  associazione a delinquere finalizzata alla corruzione.

Perché, per i magistrati nisseni,  avrebbe dato vita a una «ramificata rete di relazioni e complicità intessuta con vari personaggi inseriti ai vertici dei vari settori delle istituzioni». Una rete che, secondo la stessa accusa, gli avrebe consentito di avere accesso a informazioni segrete.

Fino a creare quello che la stessa procura di Caltanissetta, sulla base delle indagini della Squadra mobile, ha etichettato come «sistema Montante».

E lo stesso ex presidente regionale di Confindustria e della Camera di commercio nissena – assistito dagli avvocati Giuseppe Panepinto e Nino Caleca – ha rimandato al mittente anche le dichiarazioni rese dal alcuni collaboratori di giustizia che, senza mezzi termini, ha bollato come «inattendibili». Asserendo pure che probabilmente, per colpirlo per il suo impegno contro la mafia, magari potrebbero pure alzare il tiro

 

di

- che ha scritto 1771 articoli su Castello Incantato.


422 Letture

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com