VigroEuronics
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categoria | Cronaca

leggi tutto DXsorgepalace

 

Mafia e omicidi, si costituisce l’ultimo dei latitanti

Caltanissetta – Si è costituito l’ultimo dei latitanti dell’inchiesta «De Reditu» dei carabinieri su omicidi, mafia pizzo e stupefacenti.

È il ventiseienne Giuseppe Cammarata, figlio del boss di Cosa nostra Vincenzo Cammarata. Una delle nuove leve, secondo la tesi accusatoria, della famiglia Cammarata che da anni terrebbe saldamente tra le mani lo scettro di Cosa nostra a Riesi. È tornato da Parigi, dove si è trasferito da diverso tempo e, insieme al suo avvocato, il penalista Vincenzo Vitello, si è presentato alla caserma dei carabinieri.

Così come, oltre una settimana addietro, si è già costituito, sempre con al suo fianco l’avvocato Vitello, Salvatore Tambè, pure lui di Riesi, arrivato dalla Germania.

Cammarata, secondo l’accusa, per conto della famiglia mafiosa guidata dai suoi familiari – secondo l’impianto accusatorio – si sarebbe occupato della gestione delle estorsioni, per reperire soldi da riservare ai parenti dei detenuti.

Nelle stesse ore il tribunale del riesame ha negato la scarcerazione a aria Catena Cammarata ed al fratello, Francesco Cammarata. I due erano e restano in cella.

Discorso differente, invece, per altri coinvolti nello stesso blitz. Annullata l’ordinanza per l’imprenditore Daniele Correnti accusato di estorsione. Così come vanno in libertà Rocco Turco e Filippo Domenico Riggio e Carlo Crapanzano. I primi due sono accusati di mafia, il terzo dell’omicidio di Salvatore D’Alessandro.

Franco Bellia, tirato in ballo per l’omicidio di Michele Fantauzza, è ai domiciliari ma ha ottenuto il permesso di recarsi a lavoro.

Anche Giovanni Tararà potrà circolare liberamente in strada ad eccezione della fascia oraria che va dalle 21 alle 6 del mattino.

Questo il quadro emerso dal vaglio del  Riesame a carico dei sei – difesi dagli avvocati Vincenzo Vitello, Carmelo Terranova,  Davide Anzalone, Adriana Vella e Walter Tesauro  – tutti coinvolti nella stessa inchiesta con accuse variegate.

 

di

- che ha scritto 1925 articoli su Castello Incantato.


294 Letture

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com