VigroEuronics
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio | agosto, 2018

 

In viaggio per Mussomeli con la droga, giovane scoperto e arrestato

In viaggio per Mussomeli con la droga, giovane scoperto e arrestato

MUSSOMELI – In viaggio per Mussomeli con la droga. Ma alla fine il suo atteggiamento a tradirlo. Troppo nervosismo perché potesse sfuggire ai carabinieri.

Così lo hanno smascherato scoprendo la droga. È un giovane nigeriano, il ventunenne Lewis Obasuyi, che è stato poi arrestato per detenzione e spaccio di stupefacenti.

In particolare di 25 grammi di marijuana che portava con sé. Sostanza che teneva in uno zainetto dopo essere salito su un pullman di linea che lo avrebbe condotto a Mussomeli.

Durante un controllo, eseguito dai militari proprio per contrastare il fenomeno spaccio, è stato notato quel giovane dall’aria sospetta.

Così hanno deciso di perquisirlo e gli esiti hanno dato loro ragione. Perché nello zainetto che teneva in spalla sono saltati fuori quei venticinque grammi di “fumo”, oltre a un bilancino di precisione.

È stato arrestato e poi sottoposto a direttissima. Il giudice, nel convalidare il provvedimento restrittivo, lo ha scarcerato sottoponendolo, però, ad obbligo fi presentazione alla polizia giudiziaria

2.200 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Aretha Franklin mi disse: “Verrai in America con me”.  Piero Amico ricorda l’incontro con la regina del soul

Aretha Franklin mi disse: “Verrai in America con me”. Piero Amico ricorda l’incontro con la regina del soul

MUSSOMELI – Nel giorno in cui a Detroit si celebrano i funerali di  Aretha Franklin, Piero Amico, unico artista siciliano vivente ad aver condiviso il palco con la regina del soul, svela curiosità di una delle più  grandi artiste di tutti i tempi.

IL VIDEO

 

3.018 Letture

 

 

Scritto in AttualitàComments (0)

 

Interventi viari nel Vallone, piano del M5S al ministro Toninelli

Interventi viari nel Vallone, piano del M5S al ministro Toninelli

Caltanissetta -Più strade dell’area del Vallone saranno al centro di un tavolo di lavoro sulla sicurezza presieduto dal ministro alle Infrastrutture Danilo Toninelli.
È in programma per il 13 settembre e su input dei deputati siciliani alla Camera, del Movimento cinque stelle, tra gli altri tratti nel Nisseno – e non sono pochi – saranno presi in esame possibili interventi sulle strade provinciali 233 Villalba-Bivio Tumarrano, la 231 Marianopoli-Villalba, la 24 che collega la statale Milena-Bompensiere, la 204 Milena-Bompensiere, la 3 Bombensiere-Montedoro-Serradifalco, la 151 Milena-Grotte.
Per quanto riguarda le statali vi sono la 121 Santa Caterina Villarmosa-Marianopoli e, ancora, la 122 bis Caltanissetta-Santa Caterina e, tra le altre provinciali, la 253 contrada Roccella-Serradifalco.
Al centro delle segnalazioni anche i viadotti San Giuliano sulla ex statale 640 e di contrada Muleri, a Santa Caterina.
«Strade di fondamentale importanza per gli abitanti di tanti paesi che rimangono eroicamente a vivere nei luoghi di nascita malgrado le inefficienze viarie», ha osservato la parlamentare del M5S, Azzurra Cancelleri.
La stessa deputata ha spiegato di «avere consegnato al ministro una relazione dettagliata, stilata anche grazie ad Anas, cittadini e attivisti, verificando l’esistenza di corsie senza guardrail, sede stradale dissestata nella maggior parte dei tratti, mancanza di segnaletica orizzontale e verticale… la sicurezza è una priorità», ha concluso.

1.007 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Traffico internazionale di reperti: pm chiedono estradizione, la difesa di scarcerarlo

Traffico internazionale di reperti: pm chiedono estradizione, la difesa di scarcerarlo

Caltanissetta – Sarebbe stato, a Monaco di Baviera, uno dei  due referenti di primo piano della presunta organizzazione che avrebbe trafficato preziosi reperti archeologici. Un giro internazionale milionario scoperto dai carabinieri con la seconda tranche dell’inchiesta ribattezzata «Demetra», scattata poco meno di due mesi fa.

È il sessantunenne Rocco Mondello, originario di Gela, residente a Ehingen per il quale, adesso, è stata chiesta l’estradizione da parte della procura nissena.

Gli inquirenti lo ritengono uno dei punti nodali della sospetta rete organizzata.  Perché, secondo l’impianto dell’accusa, i reperti che sarebbero stati trafugati in Sicilia sarebbero finiti nelle case d’asta di Monaco di Baviera, con tanto di certificati di provenienza. E in questo passaggio, per magistrati e carabinieri, un ruolo primario lo avrebbe rivestito lo stesso Mondello.

Di contro, la difesa, che dice no alla richiesta di trasferimento in Italia, piuttosto ha chiesto all’autorità giudiziaria tedesca la scarcerazione dell’accusato.

Azioni contro, quelle di accusa e difesa, che nei prossimi giorni dovrebbero approdare a una svolta. Risposte, in tal senso, sono attese dalla Germania.

672 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Sutera, una infiltrazione lascia a secco il paese

Sutera, una infiltrazione lascia a secco il paese

Sutera-A causa di una perdita e conseguente infiltrazione all’interno di un fabbricato è stato chiesto a Siciliacque di interrompere momentaneamente la fornitura per permettere di effettuare i lavori di riparazione senza creare ulteriori danni al fabbricato in questione.

Così oggi non sarà possibile effettuare la distribuzione idrica nel comune di Sutera.

761 Letture

 

 

Scritto in AttualitàComments (0)

 

Croce Rossa Mussomeli, finanziati altri 2 progetti di servizio civile. In totale 20 posti disponibili

Croce Rossa Mussomeli, finanziati altri 2 progetti di servizio civile. In totale 20 posti disponibili

MUSSOMELI – la CRI Comitato di Mussomeli ONLUS, ha avuto riconosciuto 4 progetti di servizio civile, di cui 2 sperimentali come abbiamo già avuto modo di scrivere in un articolo di qualche giorno addietro,  cui se ne aggiungono altri due “manoperMano” e sosCRi”, per un totale di 20 unità.

Per l’ammissione alla selezione è richiesto il possesso dei seguenti requisiti: cittadinanza italiana, ovvero di uno degli Stati membri dell’Unione Europea, ovvero di un Paese extra UE purché regolarmente soggiornante in Italia;  aver compiuto il diciottesimo anno di età e non aver superato il ventottesimo anno di età (28 anni e 364 giorni) alla data di presentazione della domanda; non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno.  I progetti sperimentali di servizio civile  (Gemma 4 posti disponibili,    prontoCRI 6 posti disponibili) hanno una durata di 10 mesi, mentre gli universali   (manoPERmano  4 posti disponibili, scorri 6 posti disponibili) 12 mesi con un orario di servizio non inferiore a 30 ore settimanali. Le istanze dovranno essere presentate entro le ore 12:00 del 28 Settembre 2018. Ciascun volontario selezionato sarà chiamato a sottoscrivere con il Dipartimento un contratto che fissa in € 433,80 l’assegno mensile per lo svolgimento del servizio. Le somme spettanti ai volontari sono corrisposte direttamente dal Dipartimento. Ciascun giovane può presentare una sole domanda di partecipazione al bando e per un solo progetto.

2.042 Letture

 

 

Scritto in AttualitàComments (0)

 

Sulla Pa-Ag a Campofranco  perde la vita un uomo di  48 anni

Sulla Pa-Ag a Campofranco perde la vita un uomo di 48 anni

l’auto sui cui viaggiava la vittima

MUSSOMELI – La spietata Palermo Agrigento reclama ancora una vita.  A perdere la vita Luigi Tannorella, operaio 48enne di Palma di Montechiaro, operaio di Girgenti Acque.

L’incidente autonomo è avvenuto poco prima della galleria tra i territori di Casteltermini e Campofranco, in località “Passu Funnutu” al confine tra le province di Caltanissetta e Agrigento. La Fiat Panda dell’azienda sulla quale viaggiava l’operaio della società di distribuzione idrica, per cause da accertare, è finita contro un muro di contenimento della collina a pochi metri dall’imbocco della galleria. Il tratto è famigerato per l’alto numero di sinistri, spesso moratli come in questo caso. Non è escluso che ad originare l’impatto sia stato un malore.

Tannorella lascia una moglie e tre figli.

«Il trafficofa sapere l’Anas sulla strada statale 189 “Della Valle del Platani” è provvisoriamente bloccato all’altezza di Campofranco».

4.360 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Mussomeli, rapinatore solitario in azione: assalto armato al bar «Piccadilly»

Mussomeli, rapinatore solitario in azione: assalto armato al bar «Piccadilly»

Mussomeli -Rapinatore solitario in azione a Mussomeli. Nel mirino è finito il bar Piccadilly di via Santa Croce, a poche centinaia di metri dalla centralissima via Palermo.

Ad agire è stato un solo bandito che per l’azione ha impugnato un coltello. Per evitare di mostrare i suoi tratti, prima di fare irruzione nel locale di proprietà di Vincenzo Mistretta ha indossato una maschera di colore bianco.

Così da evitare di rivelare il suo volto sia al titolare dell’esercizio commerciale che alle telecamere di videosorveglianza.

S’è presentato nel locale poco prima dell’orario di chiusura, quando mancava una manciata di minuti alla otto e mezzo di sera.

Sotto la minaccia del coltello ha costretto il barista ad aprire il registratore di cassa per farsi consegnare l’incasso della giornata.

In totale avrebbe racimolato poche centinaia di euro. Una volta arraffati i quattrini ha intimato all’esercente di non avvertire subito i carabinieri.

È scappato a piedi allontanandosi per le viuzze che si snodano in quella zona. Non è da escludere che vi possa esse stato un complice ad attenderlo poco distante.

A quel punto è subito scattato l’allarme. I militari si sono messi in cerca di quell’uomo, sulla base delle scarne descrizioni che il rapinato è stato in grado di fornire. Ma si tratterebbe di qualcuno della zona. Almeno è quanto sarebbe intuibile dalla sua inflessione dialettale.

Ora i carabinieri, per dare un volto e un’identità al bandito solitario, stanno passando al vaglio le immagini girate da impianti di videosorveglianza della zona.

4.161 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Aggredisce l’anziana madre e carabinieri, arrestato «figlio violento»

Aggredisce l’anziana madre e carabinieri, arrestato «figlio violento»

Prima picchia l’anziana madre e poi si scaglia contro i carabinieri intervenuti in soccorso di lei. Risultato: il presunto figlio violento è stato arrestato dai carabinieri.

È un cinquantaseienne, C.V., gelese con qualche problema di disabilità, ora finito in carcere per più contestazioni:  si dalla violenza alla  resistenza a pubblico ufficiale e, ancora, rifiuto di fornire proprie generalità.

È stata la chiamata alla centrale operative dell’anziana donna, che chiedeva aiuto, a fare scattare l’intervento die carabinieri.

In breve tempo una pattuglia, che si trovava già in zona, è arrivata in soccorso della ottantenne che si era rivolta al 112.

Lì, in casa, hanno trovato il figlio ancora su tute le furie. Neanche l’intervento dei militari è servito a placarlo. Anzi, è scatta una ulteriore reazione.

Sì perché l’uomo prima si è rifiutato di fornire le sue generalità e, poi, s’è scagliato contro i militari arrivati in soccorso della madre.

Li ha presi a morsi e pugni nel tentativo di sottrarsi al controllo. Ma ala fine è stato immobilizzato e arrestato. I due carabinieri hanno riportato lievi ferite.

Poi la donna ottantenne ha riferito ai carabinieri che quella non era la prima aggressione subita dal figlio. Anzi lei e il marito già in precedenza sarebbero stati bersaglio di maltrattamenti e atteggiamenti violenti da parte del figlio che, adesso, è rinchiuso in una cella del carcere di contrada Balate.

771 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Mussomeli, varato il programma dei festeggiamenti della Madonna dei Miracoli. Tornano i fuochi d’artificio

Mussomeli, varato il programma dei festeggiamenti della Madonna dei Miracoli. Tornano i fuochi d’artificio

Mostre, concerti di musica sacra, spettacoli di danza a tema religioso, appuntamenti teatrali e pure una rassegna di cinema che racconterà le apparizioni della Vergine.

È il ricchissimo programma delle manifestazioni in calendario a Mussomeli per celebrare la sua patrona, la Madonna dei Miracoli.

Saranno due settimane di intensi festeggiamenti, con iniziative religiose ed eventi laici, che vedranno l’intera comunità unita nella fede.

Dal 31 agosto al 15 settembre, all’interno del santuario della Madonna dei Miracoli, si respirerà un’aria di forte fede religiosa e di profonda condivisione.

L’8 e il 15 settembre saranno le due giornate clou con le partecipatissime, come da tradizione, processioni della suggestiva statua della Madonna dei Miracoli scolpita da Vincenzo Biangardi, artista che è autore, peraltro, delle spettacolari «Vare» del giovedì santo di Caltanissetta.

Le celebrazioni, come da tradizione, si apriranno il 31 agosto con il suono della campana dell’inverno. La sera dell’8 settembre la grande processione per le vie di Mussomeli, con centinaia di giovani che faranno a gara per portare a spalla la pesante statua della Madonna.

Tutti i giorni saranno celebrate messe sia all’interno della cripta, che ancora custodisce la pietra del miracolo, che nella chiesa. Il chiostro di San Domenico rivivrà in onore della patrona.

Dopo un’altra ottava di celebrazioni, la processione sarà ripetuta il 15 settembre. Concluderà tutte le iniziative in onore della Vergine, il sempre suggestivo spettacolo di fuochi d’artificio.

Festeggiamenti che affondano le radici nel miracolo che s’è compiuto nel lontanissimo 1530 quando un paralitico – che tradizione vuole si sia fermato per la notte dove attualmente sorge il Santuario – si è risvegliato guarito dopo che insogno gli è apparsa la Madonna.

Lì, in quel santuario che sarebbe stato teatro del prodigio, i fedeli accorsi numerosi hanno trovato, a quel tempo, una pesante pietra con impressa l’immagine della Madonna.

È stato il momento che ha segnato la totale devozione di Mussomeli alla Madonna, fino a farne la patrona.

5.449 Letture

 

 

Scritto in AttualitàComments (0)

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com