VigroEuronics
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categoria | Politica

leggi tutto DXsorgepalace

 

Cardinale (Pensare Solidale): “Sindaco Catania, niente proclami sull’ospedale, è in perenne emergenza”

MUSSOMELI– Dopo le lagnanze del sindaco di Mussomeli, Giuseppe Catania,  sulle criticità del nosocomio mussomelese (carenza di organica, aggravata da una possibile addio del chirurgo Pino Sorce) rappresentate in una lettera inviata al direttore dell’Asp do Caltanissetta e affidata a un comunicato che il primo cittadino, come spesso avviene, ha deciso di inviare solo alla stampa considerata amica, arriva la risposta pronta del consiglire comunale Salvatore Cardinale di Pensare Solidale. Scrive il sindacalista: “Caro sindaco, l’ospedale vive in perenne stato di emergenza. Quelle  evidenziate oggi vanno a sommarsi a tutte le altre criticità con cui  quotidianamente debbono confrontarsi operatori e utenti. Proprio per  questo si deve sempre tenere sotto osservazione e non limitarsi a  proclami estemporanei. Le promesse fatte a vario titolo dai diversi  attori istituzionali circa un potenziamento o comunque un miglioramento  della situazione del nostro ospedale sono, come sempre è avvenuto, al  palo. Si impoverisce l ospedale disponendo il trasferimento di medici a Caltanissetta senza che si provveda ad una pronta e risolutiva  sostituzione degli stessi. Non vengono riaperti reparti importanti come  la pediatria né tanto meno vengono attivati reparti quali la  riabilitazione. Anche in pochi reparti in atto funzionanti dovrebbero  essere attrezzati in modo tale da poter offrire servizi assistenziali  più qualificato. È impensabile che ancora oggi  pazienti con frattura di  femore, solo perché affetti anche da altre patologie, debbano essere  trasferiti in continuità di soccorso, presso altri ospedali ( Palermo, Caltanissetta, Agrigento se non addirittura Catania e Messina).  Stesso discorso vale anche per chi ha la  sventura di subire fratture di  omero o spalla. Il CAL oculistica è stato chiuso con  giustificazioni  alquanto discutibili così come non si comprende il mancato potenziamento  del CAL Endoscopia. Caro sindaco, attendiamo che si insedì il nuovo  management aziendale dopo di che cerchiamo di essere tutti seriamente  impegnati nell’ottenere il riconoscimento del sacrosanto diritto alla  salute dei cittadini”.

 

di

- che ha scritto 6741 articoli su Castello Incantato.


650 Letture

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com