Vigro
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categoria | Cronaca

leggi tutto DXsorgepalace

 

Lo uccise con tre fucilate», niente libertà al sospetto sicario

Riesi – Non si schiudono le porte del carcere per un presunto killer. Un giovane di Riesi accusato di avere fatto fuoco uccidendo un operaio pure lui riesino.

Resta rinchiuso nel carcere di Termini Imerese il ventinovenne Michael Castorina accusato di avere assassinato il trentottenne Salvatore Fiandaca.

Il delitto s’è consumato il 13 febbraio dell’anno appena finito. Un agguato che, secondo la tesi di carabinieri e magistrati, sarebbe legato al mondo della droga.

Il tribunale del riesame ha rigetto l’istanza presentato da Castorina – assistito dall’avvocato Vincenzo Vitello – che è ritenuto colui che ha premuto il grilletto uccidendolo, con tre fucilate.

Anche se il giovane ha sostenuto di avere un alibi per il giorno e le ore in cui sarebbe avvenuto  l’omicidio.

Già, perché quella mattina, secondo la sua tesi a discolpa, si sarebbe trovato a Mazzarino per una vista medica a cui si è sottoposta la sua compagna.

E una cella telefonica avrebbe agganciato il suo cellulare nella zona di Mazzarino. Ma, secondo l’accusa, la sua spiegazione non reggerebbe.

Intanto il tribunale, accogliendo la richiesta della procura che ha chiesto il rigetto dell’istanza, ha mantenuto in vigore l’ordinanza di custodia cautelare a carico di Castorina che resta in cella.

 

di

- che ha scritto 2384 articoli su Castello Incantato.


607 Letture

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com