Vigro
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categoria | Cronaca

leggi tutto DXsorgepalace

 

Uccise il fratello e  la compagna; assolto perché «incapace»

Maurizio Novembrini con la pistola puntata verso il fratello e la cognata. Le telecamere della sala giochi hanno ripreso l’intera scena del delitto

Caltanissetta – Assolto per l’uccisione del fratello e della sua compagna. E non perché sia stata dimostrata la sua innocenza. No, piuttosto perché è stato riconosciuto totalmente incapace d’intendere e di volere.

È il verdetto emesso al termine del giudizio con giudizio abbreviato nei confronti del quarantaquattrenne gelese, Maurizio Novembrini, alla sbarra per avere assassinato il  assassinato il fratello,  il cinquantunenne Carlo Novembrini e la compagna, la quarantenne Maria Rosa Fortini.

Sono state le deduzioni degli esperti a ritenere che nel momento  in cui l’imputato ha agito le sue idee sarebbero stato totalmente appannate. Avrebbe ucciso senza un briciolo di lucidità.

Questo, in sostanza, quanto hanno ritenuto i periti. E il gup ha così assolto l’imputato per totale vizio di mente. Di contro ne ha disposto l’affidamento per quindici anni a una residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza, in Lombardia.

È all’aprile di un anno fa che s’è consumato il duplice delitto. Quando Maurizio Novembrini, impugnando una pistola, avrebbe fatto fuoco contro il fratello e la sua compagna all’interno di una sala slot a Caravaggio.

 

di

- che ha scritto 2326 articoli su Castello Incantato.


593 Letture

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com