Vigro
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categoria | Cronaca

leggi tutto DXsorgepalace

 

Mafia ed estorsioni, otto dal giudice

Rito abbreviato per otto tra i convolti nell’inchiesta su mafia ed estorsioni «Pandora». Per loro la procura ha chiesto l’immediato, ma gli  imputati hanno optato per l’abbreviato.

Ma lo hanno condizionato all’audizione di un imprenditore che avrebbe subito le richieste estorsive. È l’amministratore della cooperativa «Geo agriturismo» che gestiva il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani per conto del Comune di San Cataldo.

In abbreviato il cinquantenne Calogero Maurizio Di Vita, il ventottenne Ivan Cristian Callari, il cinquantatreenne Luigi Vivacqua, il ventottenne Salvatore “Maratina” Raimondi, il cinquantottenne Gioacchino Chitè, il trentanovenne Angelo Giumento, il quarantacinquenne Massimo Scalzo e il quarantatreenne Alessandro Scalzo – difesi dagli avvocati Giuseppe Dacquì, Dino Milazzo, Sergio Iacona, Gianluca Amico, Salvatore Baglio Calogero Vinci, Angelo ed Ennio També  – tutti sancataldesi e accusati, vario titolo, di associazione mafiosa, concorso esterno in associazione mafiosa ed estorsioni.

Secondo la tesi accusatoria avrebbero imposto all’amministratore della cooperativa,  la loro assunzione nella stessa società o, in qualche caso, avrebbero percepito soldi per lavoro fantasma.

I fatti in questione, secondo la ricostruzione di carabinieri e procura, sono racchiusi nell’arco temporale che va dal 2011 a meno di un paio di anni fa.

 

di

- che ha scritto 2326 articoli su Castello Incantato.


965 Letture

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com