Vigro
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categoria | Cronaca

leggi tutto DXsorgepalace

 

PESCE D’APRILE! Mandarino che parla mandarino. Cinesi acquistano agrumeti ad Acquaviva

Purtroppo o per fortuna, a seconda dei punti di vista, la notizia era una burla. La redazione ringrazia l’avvocato Piero Sorce, che come tutte le menti brillantissime è  serio ma mai serioso, divertente ma non irriverente. Nella speranza di avervi strappato un sorriso, auguriamo a tutti buon pesce d’aprile.

MUSSOMELI – Dal pomodoro di Pechino al mandarino che parla mandarino. I cinesi abbandonano il “made in China” e puntano sulle eccellenze italiane, sui prodotti enogastronomici siciliani. Proprio la recente visita palermitana del presidente cinese dello scorso 24 marzo   ha confermato e dato l’avvio  agli investimenti siciliani degli orientali. In uno di questi,  fautore casuale  è stato il notissimo avvocato Piero Sorce, penalista di grido che racconta: “Qualche mese addietro mi sono trovato a Palermo nello studio di un collega specializzato in diritto commerciale internazionale. Mi ha presentato un magnate cinese che era alla ricerca di fondi, agrumeti in particolare. Quasi a mò di battuta gli  ho proposto la zona del Vallone, indicando l’area  della Valle del Platani, particolarmente vocata per il tipo di coltura a cui mirava. Dato che il nostro colloquio è avvenuto per il tramite di una traduttrice, non mi è sembrato particolarmente entusiasmato dalla mia proposta. Qualche giorno dopo però  ha telefonato  il mio collega chiedendo di individuare per l’uomo d’affari cinese dei terreni  da acquistare di estensione compresa tra 25 e 50 ettari. Trovato il fondo in grado di soddisfare i requisiti richiesti, l’imprenditore accompagnato dal suo entourage è venuto  qui per il sopralluogo. Mi ha spiegato che in Cina c’è una crescente quota di nuovi ricchi che subiscono l’appeal del made in Italy, soprattutto per il cibo e la moda. Nuovi facoltosi disposti a pagare anche 20 volte di più il prezzo dello stesso cibo o vestito ma di manifattura locale. Il magnate ha  acquistato 200 ettari nel catanese e ha già firmato il preliminare di vendita per l’acquisto di 30 ettari in agro compreso tra i Acquaviva e Campofranco. Si tratta di un acquisto sperimentale, per saggiare resa e qualità. In Cina anche se la lingua preferita è il mandarino,  il palato degli orientali, tra gli agrumi, predilige l’arancia. L’investitore è stato attirato dai prezzi dei terreni  considerati appetibili e gli esperti al  seguito hanno giudicato favorevolmente gli agrumi degustati. Come era prevedibile, l’uomo d’affari  ha espresso perplessità  sulla Palermo Agrigento anche se la logistica, ovvero il trasporto da e per Palermo, nelle intenzioni è di  affidarlo a una società siciliana. Il magnate, in una prima fase mira a acquistare 1500 ettari da destinare alla produzione di agrumi, anche se ha confessato di avere una rete di distribuzione e vendita in Cina che, a pieno regime,  necessiterebbe di almeno 5mila ettari per soddisfare l’intero fabbisogno. Nella Valle del Platani potrebbe rilevare da 1000  a 2000 ettari di terreni spesso incolti o poco produttivi. Anche sul fronte occupazionale se l’operazione dovesse andare in porto le ricadute sarebbero positive. Dal trasporto, al packaging, dai  prodotti per la coltivazione e la lavorazione, alle professionalità qualificate, tutto sarebbe affidato agli italiani, perché gli opulenti cinesi sono disposti a pagare solo se il prodotto è tricolore nella sua interezza”.

 

di

- che ha scritto 543 articoli su Castello Incantato.


4.998 Letture

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com