VigroEuronics
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categoria | Cronaca

leggi tutto DXsorgepalace

 

Morì 18 mesi dopo essere stato investito da un’auto, guidatore  sotto accusa

Caltanissetta – È stato chiamato alla sbarra per la morte di un pedone che avrebbe investito un anno e mezzo prima. Nonostante sia trascorso tutto questo tempo, per lui è scattata l’imputazione.

È l’ipotesi di omicidio colposo che pende sul quarantenne nisseno Elia Giardina  – difeso dall’avvocato Giacomo Vitello – che, per la stessa vicenda ha già subito un primo processo.

In quel caso è stato accusato di omissione di soccorso perché – secondo l’accusa – dopo avere investito il pedone sarebbe andato via. Solo successivamente si è presentato in questura spiegando di essere stato lui, presumibilmente, a investire quell’uomo. Era il febbraio del 2015.

Il malcapitato è il cinquantaduenne, pure lui nisseno, Salvatore N., deceduto diciotto mesi dopo da quell’incidente stradale, il 7 agosto del 2016.

Ma gli effetti devastanti di quell’impatto lo hanno prima costretto a vivere il resto dei suoi giorni su una sedia a rotelle.

Un anno e mezzo dopo il suo cuore si è fermato per sempre. Ne è derivata un’inchiesta che, peraltro, ha previsto anche l’autopsia sula vittima.

E il medico legale incaricato dalla procura, a quel tempo, sarebbe giunto alla conclusione che i due episodi –  incidente e decesso – siano stati collegati tra loro

leggi tutto sotto sinistra

 

di

- che ha scritto 2562 articoli su Castello Incantato.


531 Letture

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com