VigroEuronics
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Categoria | Cronaca

leggi tutto DXsorgepalace

 

Giudici di pace, scatta l’astensione di quattro giorni

Caltanissetta – È scattata la serrata dei giudici di pace. Che da oggi, per quattro giorni, incroceranno le braccia. Niente udienze fino  al 12 luglio.

L’astensione è stata decisa le associazioni Angdp e Unagipa che non hanno risparmiato critiche al ministro della Giustizia,  Alfonso Bonafede.

Le stesse associazioni «hanno preso atto del comportamento reiteratamente lesivo ed omissivo del ministro della giustizia – hanno scritto in un documento congiunto – malgrado gli impegni assunti  dal governo nel punto 12 del contratto di governo e con la categoria nei tavoli tecnico e politico sulla corretta amministrazione della giustizia, sule garanzie d’indipendenza, terzietà del giudice di pace nel riconoscimento dei più elementari diritti di lavoro  – come previdenza assistenza equo compenso, continuità fino ai 70 anni, disciplinare, incompatibilità e trasferimenti a garanzia dell’indipendenza del magistrato – e di osservanza dei precetti fondamentali stauiti dalla Costituzione e dalle principali istituzioni europee ».

E hanno rilevato come «il governo non ha manifestato alcun segnale di sensibilità verso le istanze della categoria,visto che il disegno di legge sulla magistratura onoraria approvato al consiglio dei ministri del 22 maggio non ha accolto alcuna delle istanze avanzate da anni dalla  magistratura onoraria».

Angdp e Unagipa, inoltre, hanno centrato l’attenzione «su misure relative a una inadeguata indennità annuale garantita, inferiore a quella prevista per i navigator, seppur ben diverse ne siano le professionalità, le competenze e le responsabilità richieste».

Ma v’è dell’altro, perché sul tappeto hanno posto tante altre questioni come « la negazione in radice dei diritti previdenziali e assistenziali, l’impossibilità di continuare a lavorare a tempo pieno se non a cottimo e la negazione del pagamento mensile dello stipendio-indennità tutt’oggi previsto per i giudici di pace tramite il sistema NoiPa».

Ed è stato rilevato come «ciò nonostante i giudici di pace sono impegnati dal lontano 1995, data della loro immissione, a tempio pieno negli uffici ad amministrare con celerità ed efficienza la giustizia per lo Stato italiano con turni di reperibilità 365 giorni l’anno e ruoli autonomi ed indipendenti»,  guardando in tal senso alle «statistiche ufficiali del 2017 che riportano che le cause civili definite da 1240 giudici di pace sono 969.560 mentre quelle dei 7430 magistrati professionali sono 2.162.052 di cui 1.000.000 sarebbero, secondo stima non ufficiale,  definite dai 2155 giudizi onorari di tribunale.

leggi tutto sotto sinistra

 

di

- che ha scritto 2558 articoli su Castello Incantato.


408 Letture

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com