altissimo destra
politica1eventi live
1 in alto sinistra

 

2 sinistra

 

 

consiglio

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio | Cronaca

Raduno diocesano delle confraternite al Santuario del SS.Crocifisso di Belici

Raduno diocesano delle confraternite al Santuario del SS.Crocifisso di Belici

SANYO DIGITAL CAMERAMUSSOMELI – Il delegato diocesano delle confraternite Don Giuseppe D’Anna ha invitato per oggi pomeriggio, domenica 19 aprile 2015, tutte le Confraternite della diocesi (in tutto una quarantina circa) a partecipare al raduno diocesano che vedrà il Prof. V. Giuliana relatore dell’incontro sul tema “Confraternite e Apostolato dei laici”. Questo il programma: alle ore 16 accoglienza; ore 16,15 Preghiera e riflessione su “Confraternite e Apostolato dei laici, alle ore 17,45 breve processione con gli abitini e le insegne e Santa Messa nel cortile del Santuario. Anche le cinque confraternite di Mussomeli saranno presenti al raduno

185 Letture

 

 

Scritto in Attualità, Cronaca, SocietàComments (0)

Santuario San Calogero: nella notte  ladri in azione

Santuario San Calogero: nella notte ladri in azione

Santuario San CalogeroCAMPOFRANCO – E’ successo stanotte. Dei ladri sono entrati nel santuario San Calogero, hanno rotto la cassetta delle offerte portando via gli spiccioli che vi erano contenuti. Ma non solo la cassetta delle offerte, hanno aperto anche tutti gli armadi. Un gesto che ha turbato l’intera comunità. “I problemi economici – dice don Alessandro – si risolvono in modo diverso. Per questo ci impegniamo e ci impegneremo ancora di più nel trovare strade per la promozione e la crescita dell’uomo e della società. I santi, nostri compagni di viaggio e modelli di vita, ci aiutino e proteggano sempre”.

360 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

Procedure immediate per stabilizzazione dipendenti tempo determinato SSP di Caltanissetta

Procedure immediate per stabilizzazione dipendenti tempo determinato SSP di Caltanissetta

NursindMUSSOMELI – Così in una nota del coordinatore regionale del Nursind Osvaldo Barba; “Crediamo sia arrivato il tempo di porre fine alla via Crucis di molti dipendenti con contratto a tempo determinato che abbiano i requisiti previsti dal Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri dello scorso 6 marzo che prevede l’espletamento delle procedure concorsuali per l’assunzione a tempo indeterminato del personale precario che abbia prestato servizio per almeno 3 anni, anche non continuativi, negli ultimi cinque attraverso forme contrattuali precarie a tempo determinato, per coprire fino al 50% del fabbisogno. Importante sottolineare – continua Osvaldo Barba – che il decreto prevede l’indizione dei relativi concorsi da parte delle amministrazioni che ne abbiamo i requisiti, consentendo la proroga dei contratti a tempo determinato in essere fino al completamento delle procedure concorsuali da avviare entro il 31/12/2018. Abbiamo già inoltrato istanza ufficiale all’ASP e nel corso dell’incontro della prossima settimana con il manager sottolineeremo l’indispensabilità dell’attuazione di tale tale operazione che consente di realizzare un primo passo verso il riconoscimento del profilo giuridico dei rapporti di lavoro delle lavoratrici e dei lavoratori che in questi anni, sacrificati da inquadramenti contrattuali penalizzanti, attraverso la loro opera hanno consentito l’erogazione e la qualità delle prestazioni sanitarie nella nostra ASP.

174 Letture

 

 

Scritto in Cronaca, SocietàComments (0)

Fognatura rotta ed è caos in casa

Fognatura rotta ed è caos in casa

fogna guastaMUSSOMELI – La civiltà a Mussomeli si è fermata in viale Leonardo Da Vinci, palazzina popolare, scala C. Più volte, attraverso dei servizi, si è raccontato ha raccontato il degrado in cui intere famiglie vivono. Un abbandono che hanno dovuto condividere con la paura, con il timore che l’edificio da un momento all’altro possa sbriciolarsi per colpa del movimento della terra alla base dell’edificio. Qui, a dare il benvenuto, non c’è nemmeno un citofono; al posto della placca con i tasti e i nomi degli inquilini soltanto un buco con dei fili elettrici. La vetrata del portone è un ricordo, la luce interna alla scala è inesistente e della pulizia dei gradini meglio non parlare. Ma al peggio non c’è mai fine. A Giovanni Anzalone la brutta sorpresa. Lui, costretto dopo i pericoli strutturali della palazzina a vivere dall’anziana madre, qualche giorno fa è tornato nel condominio Iacp, ed entrando nel suo appartamento al primo piano non ha potuto che arrendersi ai conati di vomito. Sul pavimento dell’appartamento i liquami fognari del palazzo. A quanto sembra, i servizi igienici hanno rigurgitato litri e litri di putridumi provenienti dalle fogne, e con essi pure i topi hanno invaso la casa. I liquidi provenienti dal ventre della costruzione hanno bagnato e danneggiato gli arredi, provocando la formazione di una schiuma lercia e puzzolente. Il proprietario dell’appartamento ha dovuto posizionare vecchie coperte e materassi per farsi largo all’interno della sua stessa unità abitativa. “E adesso- si interroga Giovanni Anzalone- chi mi ripaga dei danni? Erano mobili nuovi che ora sarò costretto a buttare. L’istituto autonomo case popolari mi deve risarcire. Non finisce qui questa storia”. Anzalone ieri mattina ha segnalato il caso ai vigili urbani, annuncia che nelle prossime ore si rivolgerà ai carabinieri prima di chiedere ufficialmente il risarcimento dei danni allo Iacp. D’altronde il sistema fognario, risistemato all’esterno dopo i lavori compiuti dopo la frana di due anni fa, appare estremamente precario. Una precarietà che di sicuro ha permesso che litri e litri di liquami si riversassero al primo piano della palazzina; un condominio dove ancora gli inquilini non sanno se il pericolo strutturale è stato allontanato per sempre oppure se devono continuare a convivere con la paura. O se è meglio cercarsi un’altra casa dove vivere.

1.740 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

57 anni, stimata  avvocatessa mussomelese non ce l’ha fatta. Numerosi messaggi di affetto

57 anni, stimata avvocatessa mussomelese non ce l’ha fatta. Numerosi messaggi di affetto

Maria Carmela GuarinoMUSSOMELI – Maria Carmela Guarino, all’età di 57 anni, si è spenta, questa mattina a Roma, dove ha esercitato la professione di avvocato penalista, lasciando nella tristezza e nella angoscia la sua famiglia. La notizia del suo decesso si è sparsa non solo qui a Mussomeli, ma ovunque, lasciando nella tristezza quanti l’hanno sempre stimata. Infatti, sono numerosi gli attestati di stima e di affetto nei suoi confronti da parte di parenti e amici, che hanno fatto sentire la loro vicinanza con messaggi su social network. Proprio stamattina, come già detto, un bruttissimo male ha abbattuto la sua giovane esistenza. Così le persone che le volevano bene: “Ci mancherà il tuo spassoso babbio”, ”E’ andata via un’amica sincera e meravigliosa”,” Ciao Maria Carmela…valorosa e combattiva collega…..hai lottato fino alla fine…” Compagna di scuola indimenticabile per le tante virtù che avevi, ciao cara”. “Sì è spento il dolce sorriso di Maria Carmela. Ci sentiamo vicini ai cari familiari” “Avvocato, resterai sempre nei nostri cuori e nei nostri ricordi”, “ricorderò sempre il tuo sorriso e la tua gentilezza ! Sarai sempre una donna meravigliosa” . Le condoglianze alla famiglia anche da parte del direttore Alberto Barcellona e dello staff di Castello Incantato.

Le esequie saranno celebrate il 17 Aprile alle ore 15,30 nella Parrocchia Santa Croce di Flaminia in Roma. Successivamente la sua salma sarà cremata.

6.236 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

Provvedimento Autorità Giudiziaria: Carabinieri eseguono ordine di arresto

Provvedimento Autorità Giudiziaria: Carabinieri eseguono ordine di arresto

Piazza SalvatoreMUSSOMELI – Oggi, i Carabinieri della Stazione di Mussomeli hanno tratto in arresto su disposizione dell’Autorità Giudiziaria nissena, PIAZZA SALVATORE classe 1985. L’arrestato dovrà scontare anni 1 mesi 4 di reclusione poiché resosi responsabile di vari reati, tra cui la detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, commessi nel periodo compreso tra il 2009 e il 2014. Al termine delle formalità di rito, l’arrestato è stato associato presso la Casa Circondariale di Caltanissetta.

2.925 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

Incidente al bivio Cammarata

Incidente al bivio Cammarata

Incidente Cammarata 2CAMMARATA – Incidente al bivio Cammarata, poco dopo mezzogiorno. Sarebbero state coinvolte due auto e un camion. Secondo voci, sono rimasti feriti un uomo di Palermo e uno di Verona. Quest’ultimo, soccorso con elisoccorso. A quanto pare la dinamica è stata la seguente: una prima auto proveniente da Cammarata avrebbe attraversato il bivio, e l’altra proveniente da Palermo, per scansarla, avrebbe impattato contro un camion che attendeva l’attraversamento. Sul posto sono arrivate le Forze dell’Ordine

2.809 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

Piazza Caltanissetta: prima l’avvallamento da ieri ora il buco

Piazza Caltanissetta: prima l’avvallamento da ieri ora il buco

buco  Istantanea 1 (15-04-2015 15-33)MUSSOMELI – Prima nastri segnaletici, ora è il transennamento nella piazza Caltanissetta, dove, oltre all’avvallamento di alcune settimana fa, nel primo pmeriggio di ieri si è improvvisamente aperto un buco. Ad accorgersene per primo è stato il titolare del chioschetto che ha avvertito immediatamente gli appositi uffici comunali. Stamattina, il personale comunale era già a lavoro per mettere in sicurezza la parte interessata. Sul posto abbiamo trovato l’ing. Alba a cui abbiamo chiesto delle notizie in merito:” E’ successo che, ci ha detto il Capo Area del Comune di Mussomeli – come ciclicamente si ripete in questa zona, da quando è stata realizzata la Piazza Caltanissetta, praticamente c’ è un cedimento in corrispondenza dell’ingresso della Villa Aldisio. Tutto è dovuto al fatto dell’esistenza di un antico vallone prima, ed un canalone poi, molto profondo, realizzato moltissimi anni fa, che sicuramente avrà subito, col tempo, dei cedimenti; quindi il passaggio dell’acqua provoca erosione e provoca l’abbassamento del sottofondo stradale. Noi siamo intervenuti numerosissime volte; mi dicono, addirittura, che, si ricorda negli anni 60, un autobus è andato a finire entro a questo buco; abbiamo interessato il dipartimento di Protezione civile, l’Assessorato Territorio Ambiente per segnalare il dissesto idrogeologico; l’Ufficio del Genio civile che negli anni 70 – 80 ha fatto interventi, insomma qua occorrerebbe un intervento molto oneroso che il Comune non possa permettersi, per cui speriamo di trovare il finanziamento giusto per intervenire definitivamente per evitare che possano succedere cose molto gravi”. Stamattina, curiosi sostavano in piazza Caltanissetta e commentavano l’accaduto e tutti concordavano che se non ci sarà un intervento significativo, il problema saràè sempre dietro l’angolo che potrebbe provocare danni irreparabili. Oltre al transennamento della parte interessata all’avvallamento, sul posto è arrivato l’escavatore per i necessari lavori.

2.189 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

L’incontro del Nursind aziendale e il direttore Generale ASP

L’incontro del Nursind aziendale e il direttore Generale ASP

NursindMUSSOMELI – Si è tenuto ieri  l’incontro tra la segreteria aziendale del Nursind e il direttore generale dell’ASP dott. Carmelo Iacono. “Un incontro molto sereno e produttivo – Giuseppe Mantio segretario aziendale e R.S.U. – dove si è discusso del presente e del futuro del “Longo” di Mussomeli. Abbiamo appreso della destinazione di ecografi di ultima generazione per il nostro presidio e della possibilità che, una delle 4 T.A.C. che saranno acquistate dalla nostra ASP, possa essere destinata per il nostro presidio in sostituzione di quella attuale. Ovviamente si è parlato di futuro dell’attività nosocomiale del P.O. “Longo”. Molto favorevole è il dott. Iacono per tutte le attività di bassa e media chirurgia che si debbono svolgere nel nostro presidio, ivi inclusa la videolaparoscopia. Ovviamente si aspetta la ricognizione delle piante organiche di tutta l’ASP per colmare i gap mancante.Ci riteniamo soddisfatti di questo primo incontro ufficiale durato oltre un’ora.Adesso aspettiamo con ansia fatti concreti”

226 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

Cuccioli abbandonati e canile sanitario di Mussomeli

Cuccioli abbandonati e canile sanitario di Mussomeli

cuccioli abbandonatiMUSSOMELI – Ancora cuccioli di cane abbandonati nei giorni sacorsi a Mussomeli, una pessima costante che ormai si ripete da mesi. La novità sostanziale tuttavia riguarda la loro custodia che adesso non viene più affidata ad una ditta di San Cataldo che trasportava gli animali abbandonati nel canile sanitario di Montedoro, bensì ad Elio Ferreri, a sua volta proprietario di un canile sanitario a Mussomeli. Ieri mattina ad accorgersi della presenza di tre cuccioli di pochi giorni, letteralmente intirizziti (a Mussomeli il termometro segnava 5° gradi), sono stati gli alunni che venivano portati a scuola dai genitori. I tre cuccioli di circa otto giorni di vita, erano stati abbandonati all’interno di una scatola di cartone, nei pressi dei cassonetti ubicati di fronte alla scuola di via Madonna di Fatima. Una volta accortisi della presenza dei cuccioli, è stato avvisato il vigile urbano Vincenzo Mancuso che presidiava la zona e controllava il traffico per consentire l’entrata in sicurezza dei bambini a scuola.Quindi dal Comando dei vigili urbani è stato allertato Elio Ferreri, mentre personale scolastico, mosso a compassione dello stato dei tre cuccioli, li ha coperti con un’altra scatola per ripararli dal freddo e li ha messi in una zona meno esposta al vento gelido. Quindi Elio Ferreri ha preso in consegna gli animali, li ha portati nel proprio canile dove ha provveduto a riscaldarli e a rifocillarli. Ferreri, che va ricordato da tempo aveva ingaggiato un duro braccio di ferro con l’amministrazione comunale, rivendicando il suo diritto al lavoro e l’assoluta regolarità del proprio canile ubicato in contrada Cermano, ieri ci ha confermato: “I vigili hanno chiamato me e mi sono occupato dei cagnolini che credo non abbiano più di otto giorni di vita. Erano molto infreddoliti, li ho portati al canile e li ho messi in una stanzetta riscaldata con lampada a raggi infrarossi. Sto andando a comperare del mangime speciale per cuccioli di piccolissima taglia, perché in un modo o nell’altro dobbiamo trovare il modo di alimentarli. Il mio canile prima era soltanto rifugio, ma il Comune chiedeva che il mio canile fosse anche canile sanitario, cosa che è stata fatta. Quindi tutto è in regola. Pomeriggio farò visitare i cuccioli dal veterinario e quindi saranno dotati di microchip. Ovviamente chiunque vorrà potrà adottarli perché sono bellissimi”. Insomma pace fatta tra Elio Ferreri e l’amministrazione comunale. Conferma l’ing. Carmelo Alba capo dell’Utc: “A quanto mi dicono gli uffici, Ferreri adesso è dotato di un canile sanitario, per cui firmerò un’ordinanza per l’affido dei cuccioli al suo canile. Cuccioli che se non saranno adottati, dovranno poi essere rimessi in libertà una volta ottemperate a tutte le procedure di legge”. Insomma se da un lato adesso anche Mussomeli può vantare in loco la presenza di un canile sanitario, dall’altro si continua ad assistere a ripetuti abbandoni di cuccioli indifesi.

605 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

5 Anni fa…Sorpreso nelle miniere “Bosco” a rubare rame, arrestato rumeno

20 aprile 2010

MUSSOMELI- Un rumeno finito in manette perché sorpreso a rubare cavi di rame all’interno dell’ex complesso minerario “Bosco”.  Milea Gheorghe (nella foto), 34 anni, residente a Canicattì, è stato arrestato ieri dai Carabinieri della Compagnia di Mussomeli per furto aggravato e danneggiamento. Nel pomeriggio i militari del Nucleo Operativo della Compagnia hanno notato un uomo che, dopo ...

Leggi tutto

5 Anni fa…Bravi tutti: Un trionfo “Notre Dame de Paris”

19 aprile 2010

MUSSOMELI – Se lo sentivano nelle ossa gli  organizzatori a tal punto da scriverlo sulla brochure : “Un evento unico ed irripetibile”.    “Notre dame de Paris”: un  trionfo. Chi non ha partecipato, venerdì sera,  in Palestra comunale,  forse ha perso l’occasione per costatare di persona quanto siano stati  premianti e   gratificanti, la tenacia, lo spirito di gruppo, il ...

Leggi tutto

 

Comune Mussomeli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

This site is protected by WP-CopyRightPro This site is protected by WP-CopyRightPro