altissimo destra
politica1
1 in alto sinistra

 

2 sinistra

 

 

consiglio

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio | Cronaca

Gli ospedalieri del Nursind ieri in assemblea

Gli ospedalieri del Nursind ieri in assemblea

logo Nursind MussomeliMUSSOMELI – Si è tenuta ieria mattina ) presso l’Ospedale di Mussomeli l’assemblea dei lavoratori, indetta dalla segreteria aziendale Nursind. “Siamo in un periodo di grande incertezza – ha chiosato Giuseppe Mantio segretario aziendale – dove si legge molta propaganda per il nostro presidio ospedaliero, ma dove ancora i fatti concreti attendono di realizzarsi. Ci meraviglia come, ancora oggi, si discute sull’utilizzo saltuario di quella o di quest’altra specialistica, ma allo stesso tempo sia caduto il silenzio più assoluto sulla rimodulazione e sul destino dei piccoli nosocomi. Oggi intanto Mussomeli vive una fase storica per quel che riguarda il Nursind con l’ingresso in segreteria di due quote rosa: Rita Insalaco e Carmela Augello”. “Il Nursind attualmente vive un periodo di grande impegno – ha detto il coordinatore regionale Nursind Sicilia – legato tanto alla sanità provinciale quanto a quella nazionale. Il 3 novembre, infatti, abbiamo proclamato lo sciopero nazionale degli infermieri e Mussomeli, così come gli altri 5 presidi dell’ASP oltre che naturalmente il territorio tutto, aderirà. Debbo subito dire che il “M.I. Longo” ha recentemente subito una riorganizzazione lavorativa che, il management aziendale, tutt’ora in carica, in attesa del passaggio di testimone, ha attuato senza la consultazione delle parti sociali che pur, per definizione, si occupano di organizzazione del lavoro. Il buon lavoro attuato e concretizzato, con successo, in alcuni interventi al “S. Elia” dalle quote rosa di Via Cusmano, per il presidio di Mussomeli non ha avuto effetto alcuno, poiché si è mirato, solo e soltanto, ad un aspetto di contenimento e riduzione della spesa sanitaria, che ha inciso esclusivamente sul personale sanitario, mortificando, in talune occasioni, aspetti della contrattazione decentrata, avvenuta in passato e tutt’ora vigenti. Purtroppo, non c’è stata occasione di discussione con l’attuale direttore generale Ida Grossi che, nonostante le nostre richieste, non ha ritenuto opportuno riceverci a differenza della direzione sanitaria che si è resa disponibile a proposte di collaborazione”.

176 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

Alberi abbattuti a Fanzirotta nuovo impianto di biomasse

Alberi abbattuti a Fanzirotta nuovo impianto di biomasse

disboscamento1MUSSOMELI – Che sta succedendo nel bosco della Fanzirotta e in quel fazzoletto di macchia che fino a poco tempo fa copriva la cima della collina dinanzi le miniere Bosco, tra i territori di Mussomeli, Serradifalco e San Cataldo? A porsi questa domanda chi quotidianamente viaggia lungo la provinciale per il capoluogo. Impossibile infatti restare impermeabili a quella immagine sconfortante: centinaia di alberi abbattuti, tronchi atterrati su un proprio fianco, rami sezionati. Chi attraversa la strada può notare, anche se in lontananza, come in maniera graduale la collina verdeggiante si stia lentamente spogliando. Una desertificazione del territorio che balza anche agli occhi meno attenti. Il verde ha fatto posto al colore più scuro della terra, mentre gli uomini impegnati nell’opera di abbattimento, con addosso i caschi di sicurezza e i giubbini fluorescenti, sembrano formichine operose. Nelle ultime ore anche la rete, attraverso i social network, comincia a porsi con insistenza un quesito: perché tale accanimento contro due dei boschi dell’entroterra nisseno? Spulciando però tra i documenti ufficiali del Dipartimento regionale foreste demaniali si viene a sapere che nulla di illegale si sta consumando ai danni della vegetazione del Vallone. Anzi. La Regione starebbe onorando un contratto con una multinazionale tedesca, proprietaria di una centrale di biomassa per la produzione di energia elettrica a Dittaino, nella zona industriale di Enna. Ma attenzione, non ci sarebbe alcuna violenza nei confronti della natura. Gli alberi utilizzati sarebbero degli eucalipti, molti di questi piantati negli anni ’60 proprio al fine di uno sfruttamento industriale, con l’intento di essere utilizzati per la produzione di cellulosa da vendere alla mega cartiera di Fiumefreddo, fabbrica fallita ben prima che gli alberi venissero tagliati. Secondo gli accordi, tra i territori di Caltanissetta ed Enna dovrebbero essere ben 10 mila gli ettari di eucalipti che verranno sottoposti a quello che in termini tecnici si definisce ceduazione. L’impatto ambientale- spiegano gli esperti della Regione- sarebbe comunque bassissimo, e comunque temporaneo. Entro un anno, la porzione di terreno privato dalla presenza boschiva si rigenererà completamente. In soli sei mesi la crescita di ogni fusto può raggiungere i due metri di altezza.

1.139 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

Lite condominiale degenera e uomo viene travolto da auto del vicino

Lite condominiale degenera e uomo viene travolto da auto del vicino

rissasMUSSOMELI – Una lite tra vicini degenerata fino a sfiorare la tragedia.  E’ successo nel capoluogo nisseno. Il bilancio è di un uomo arrestato per tentato omicidio ed un’altro in ospedale. In manette è finito Giuseppe Stella, 66 anni residente nel quartiere di Santa Petronilla. A fare le spese della sua ira un condomino di 67 anni residente in via dei Fasci Siciliani travolto dall’auto guidata da Stella all’apice di un acceso litigio avvenuto nel cortile dello stabile sotto gli occhi increduli di altri condomini. Stella si trova in carcere con l’accusa di tentato omicidio e porto abusivo di oggetti atti ad offendere. La mancata vittima, finita sotto la Lancia Y di Stella, è in ospedale con ferite lacero contuse tra cui una più grave alla testa.Giuseppe Stella era fuggito in auto ma grazie alle testimonianze è stato rintracciato dai poliziotti della sezione Volanti della Questura e condotti in carcere al “Malaspina” di Caltanissetta.

2.587 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

Malviventi ancora in azione auto rubata in pieno centro

Malviventi ancora in azione auto rubata in pieno centro

Chevrolet_Matiz_2008_5_bigMUSSOMELI – Fra truffe ad anziani e furti di auto, in pieno giorno, nella terra di Manfredi, si respira aria non certamente serena. Il furto di una Chevrolet Matiz, vecchio modello, risale a domenica pomeriggio, allorquando una giovane barista, dopo avere posteggiato la sua macchina, in Piazza della Repubblica, non tanto distante dal bar, appunto nel pomeriggio di domenica , in un orario in cui i residenti a quell’ora riposano e la strada appare pressoché deserta, è stata derubata della sua macchina. Ad accorgersene del furto, intorno alle 18, è stata la stessa proprietaria che ha subito allertato i carabinieri.

2.195 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

La “Famiglia Vincenziana” a Mussomeli : Una presenza attiva e “discreta” nel territorio

La “Famiglia Vincenziana” a Mussomeli : Una presenza attiva e “discreta” nel territorio

mADRICEMUSSOMELI – Qualche settimana fa c’è stata la celebrazione presso la parrocchia Madrice della S. Messa in onore di San Vincenzo dè Paoli, protettore delle Conferenze Vincenziane. Lo avevano deciso in sede di riunione del sodalizio, riprendendo finalmente la tradizione di celebrare l’Eucarestia in onore, appunto, del santo protettore. La famiglia vincenziana, assieme ai tanti amici ed estimatori, è stata accolta nella chiesa Madre di Mussomeli, dall’ assistente spirituale il diacono don Pierenzo Costanzo e dall’arciprete don Pietro Genco, che hanno avuto parole di stima e di affetto, elogiando l’impegno profuso e la volontà di continuare ad assistere i poveri del territorio,” facendosi poveri con loro per incontrali e stare vicino a loro soprattutto nei bisogni e nella preghiera”, come hanno sottolineato gli ecclesiastici. Il diacono Costanzo, nella sua omelia, ha sottolineato la peculiarità dell’Associazione con le parole del suo fondatore, il beato Federico Ozanam, che nel 1833 organizzò, in Francia, un gruppo di studenti alla pietas verso i più poveri della degradata periferia parigina. “Fondamentale, come ha detto don Pierenzo, fu l’intuizione del beato, di fondare questo gruppo e di riunirli nella preghiera”. Una messa partecipata, durante la quale si è pregato per i vivi e per i morti. Nel suo intervento conclusivo, don Pietro Genco, ha ringraziato tutti, ha elogiato l’associazione che, in particolare a Mussomeli, ha carattere inter-parrocchiale e si occupa dei poveri di tutto il paese e quindi di tutte le parrocchie, collaborando attivamente con tutti i parroci, per soddisfare le esigenze della gente in difficoltà”. L’arciprete ha anche sottolineato “la benevolenza con la quale il nostro vescovo Mons. Mario Russotto, parla, ricorda e cita ad esempio, la San Vincenzo, ogni qualvolta si parla di carità”. Il Presidente della “San Vincenzo” Pippo Genco ha sottolineato la collaborazione che c’è con le istituzioni comunali e soprattutto con l’aiuto indispensabile della popolazione; “infatti, ha detto il Presidente, noi provvediamo a distribuire sul nostro territorio, quanto raccolto durante i funerali e le donazioni, provvedendo, alla fine dell’anno sociale, a redigere il bilancio consuntivo dell’anno sociale trascorso, portandolo a conoscenza di tutta la popolazione attraverso le parrocchie e dagli organi di stampa. Sicuramente , conclude Genco, bisogna fare di più. Speriamo con l’aiuto del Signore di poterci riuscire”

246 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

I Volontari della Misericordia hanno pregato il loro Santo Protettore: Papa Giovanni XXIII°

I Volontari della Misericordia hanno pregato il loro Santo Protettore: Papa Giovanni XXIII°

Volontari 10733489_299267800262502_336127802_nMUSSOMELI –Riaperta al culto, sabato pomeriggio, dopo la breve chiusura del tempio per lavori di manutenzione, la Parrocchia di Santa Maria del Monte Carmelo, in coincidenza con la festività liturgica del Papa Buono, San Giovanni XXIII°, celebrata dal parroco don Calogero Mantione. Hanno volontari 10719416_299267823595833_25483376_nanimato la liturgia i volontari della Misericordia, che in buon numero, hanno partecipato per onorare il loro Santo Protettore. Una messa, partecipata dai devoti del Santo ed anche, come ringraziamento per il concomitante anniversario di un 25° di Matrimonio. Col bacio della reliquia del Santo, ha avuto termine la funzione religiosa.

381 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

Comunicato antibullismo

Comunicato antibullismo

Bibliografia MussomeleseMUSSOMELI – Riceviamo e trasmettiamo un comunicato stampa di Tonino Calà deve si legge: “In qualità di coordinatore della Legalità dell’Istituto Comprensivo “Paolo Emiliani Giudici”, insieme allo scrittore Enzo Russo, presidente dell’Associazione anti racket “Noi e la Sicilia”, venerdì 10 ottobre, nell’ambito del progetto sull’anti bullismo “Io ho scelto”, siamo stati in visita, e per incontri didattico-formativi, presso le scuole di Sutera, Acquaviva Platani e Mussomeli. Riguardo alla questione legalità, abbiamo ribadito che noi, come associazione, non seguiamo le chiacchiere, le intimidazioni e i ricatti e con molta fermezza abbiamo riaffermato il principio etico che bisogna unicamente obbedire alla propria coscienza per fronteggiare fenomeni incivili e non adeguati alla convivenza comunitaria. Chiaramente, per coscienza si intende la capacità di fare e di conseguire il bene comune. Con l’occasione il dott. Russo ha incontrato i nuovi inscritti e gli onorevoli scelti e la neoeletta presidente dell’associazione “Io ho scelto”. Di seguito i nomi degli eletti: vicepresidente di Sutera Di Carlo Alessia 3 A (confermata), onorevole Sutera Onofrio Amico 1 A (nuovo); onorevoli di Mussomeli (nuovi): onorevole Mingoia Giuseppe Pio 1 A, onorevole Caltagirone Paolo 1 B; vicepresidente di Acquaviva Platani Scavone Ester Vincenza 3 A (confermata), onorevole Bonomo Davide 1 A; neoeletta presidente dell’associazione Giulia Cacciatore di 3 A. “

678 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

Attenzione! Ancora raggiri  agli anziani di Mussomeli: dal centro storico della Madrice al rione Dalmazia

Attenzione! Ancora raggiri agli anziani di Mussomeli: dal centro storico della Madrice al rione Dalmazia

anziani-truffatiMUSSOMELI – Ancora anziani raggirati. Più attenzione, dunque, verso gli anziani che, purtroppo continuano a cadere nelle trappole dei poco di buono che sotto le sembianze di un comportamento apparentemente gentile, affettuoso e premuroso, riescono facilmente nel loro intento, senza far trapelare niente del raggiro che stanno compiendo. E’ successo nella mattinata di ieri , nel rione Dalmazia, a piano terra, quando una donna, dai modi cortesi ed affettuosi e riuscita ad entrare nell’abitazione di un’anziana signora, che l’ha fatto accomodare: la “gentile” ospite è riuscita a farsi consegnarecirca 200 euro per disbrigo di pratiche importanti che la riguardavano. Ottenuto il denaro, la gentile “missionaria”si è volatilizzata, facendo perdere le tracce. L’anziana truffata, solo quando è rimasta sola, ha compreso di essere stata ingannata. Attenzione, dunque, ai propri familiari, soprattutto agli anziani, che diventano facile preda di persone malintenzionate; per costoro, tutti i giorni sono buoni per truffare gli anziani. Una difesa efficace potrebbe essere, per questi gesti, quella di non aprire a persone che non si conoscono ed in casi sospetti allertare subito le forze dell’Ordine. Ormai è una costatazione: non è solo il martedi, giorno di mercato che i malintenzonati scelgono per i raggiri, perchè anche in altri giorni, vengono messi a segno analoghe azioni.

1.633 Letture

 

 

Scritto in Cronaca, SocietàComments (0)

L’autopsia conferma che Mirko si è impiccato con dei cavi elettrici

L’autopsia conferma che Mirko si è impiccato con dei cavi elettrici

mirkoAgrigento – Il medico legale Giuseppe Ragazzi di Catania, nominato dalla Procura di Agrigento, ha effettuato l’autopsia sulla salma di Mirko Lena, il ventisettenne di San Giovanni Gemini  che ha ucciso l’ex fidanzata Concetta Traina e l’ex suocera Angelina Reina di 71 anni. Il medico legale ha confermato che Lena si è impiccato utilizzando dei cavi elettrici, come riportato dal nostro quotidiano a seguito di informazioni che erano trapelate mercoledì scorso.. E’ ancora in corso, all’obitorio dell’ospedale “San Giovanni di Dio” di Agrigento, l’esame autoptico della pensionata Angelina Reina. L’anziana, secondo quanto filtra dal nosocomio, sarebbe stata selvaggiamente picchiata, così come è emerso dall’autopsia della figlia, e strangolata con un foulard. E’ probabile che domattina le salme vengano restituite alle famiglie.

5.495 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

Anziano cade a terra soccorso da carabiniere in pensione ed infermiere di passaggio

Anziano cade a terra soccorso da carabiniere in pensione ed infermiere di passaggio

Ospedale LongoMUSSOMELI – Stamattina, poco dopo le undici, in Viale Peppe Sorce, all’altezza della Posta centrale, un anziano, poco più che sessantenne, nel transitare a piedi, la strada, si è imbattuto in un nastro di plastica per imballaggio, finendo a terra e sbattendo violentemente la faccia. Il primo a soccorrerlo è stato il carabiniere in pensione Pippo De Cara, che stava transitando per quella strada, raggiunto, poco dopo, dall’infermiere Giuseppe Mantio che, per caso, stava passando per quella zona. Sembrerebbe che il malcapitato abbia subito un trauma facciale con sospetta frattura del setto nasale, come anche un ematoma al ginocchio sinistro e qualche escoriazione. I due soccorritori, prontamente intervenuti, hanno tamponato l’epistassi con dei tovaglioli e posizionato il ghiaccio a livello frontale, arrestando così l’emorragia, e immobilizzando la colonna cervicale, in attesa dell’arrivo del 118, prontamente allertato da qualcuno che ha visto la scena. Il malcapitato, all’arrivo dell’ambulanza è stato accompagnato all’Ospedale, dove è stato sottoposto alle cure del caso. Successivamente è stato dimesso.

1.238 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

5 anni fa…L’acqua è inquinata, il sindaco ne proibisce l’utilizzo per fini potabili

19 ottobre 2009

SANYO DIGITAL CAMERAMUSSOMELI – Divieto di utilizzare l’acqua per usi potabili. A darne notizia è il sindaco di Mussomeli, Luigi Mancuso, che in un avviso rivolto alla cittadinanza informa  “che a seguito di controlli da parte del Laboratorio Analisi Provinciale dell’A.S.P, l’acqua delle condotte è risultata non potabile. Pertanto si proibisce di utilizzarla come bevanda.” Resta da capire se l’inquinamento del ...

Leggi tutto

5 anni fa…Il Busto- reliquie di Santa Giovanna Antida a Mussomeli

18 ottobre 2009

Santa Giovanna 3MUSSOMELI – “Benvenuta fra noi Santa Giovanna Antida”  e ancora “  “1810 – 2010 A servizio della Carità” Questi gli striscioni visibili in piazzale Mongibello. “La Santità è un dono di tutti”, così è stato rimarcato nel manifesto parrocchiale, predisposto dalla Parrocchia di Cristo Re, di cui è parroco il Sac. Salvatore Tuzzeo. E’ stato comunicato anche che le ...

Leggi tutto

 

Comune Mussomeli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

This site is protected by WP-CopyRightPro This site is protected by WP-CopyRightPro