1 in alto sinistra

 

2 sinistra

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio | Cronaca

Iacp e strada franata sarà riaperta

Iacp e strada franata sarà riaperta

case-iacp-mussomeliMUSSOMELI – Sarà riaperta presto al transito via Leonardo da Vincei, strada chiusa da febbraio del 2013. L’arteria di accesso alla Cittadella degli studi dove sono ubicati gli istituti superiori, serve anche diverse palazzine e altre residenze di contrada Prato, e venne chiusa a seguito di sopralluogo da parte dell’Ufficio tecnico, stante che il movimento franoso che interessava in muro di contenimento delle sovrastanti palazzine dello Iacp, di fatto produsse gravi dissesti al manto stradale, tant’è il sindaco Salvatore Calà inviò una dura nota allo Iacp di Caltanissetta, e per conoscenza al Dipartimento di Protezione Civile, al Genio Civile, all’Enel, a Caltaqua ed all’Ato idrico. In quella nota il primo cittadino di Mussomeli scriveva: “Con la presente per significarvi che a seguito di sopralluogo effettuato in data odierna, sono stati verificati ulteriori movimenti franosi che hanno interessato la sottostante viabilità pubblica, provocando gravi dissesti al manto stradale della via Leonardo Sciascia; si rappresenta inoltre che il tratto stradale è interessato da sotto servizi (elettrodotto, rete idrica e fognaria), che potrebbero essere interessati dall’evento franoso, creando pregiudizio al normale svolgimento dei servizi pubblici e danno alle strutture. Per quanto sopra al fine di evitare probabili inconvenienti in materia di sicurezza pubblica e danni alle sottostanti strutture private, si intima l’istituto in indirizzo a volere intervenire con sollecitudine sulle strutture già oggetto di vostro monitoraggio. Alla Società di servizi pubblici di cui in indirizzo, si chiede il monitoraggio dei propri impianti, relazionando eventuali inconvenienti allo scrivente Ufficio tecnico”. Da allora dicevamo la strada è stata interdetta al transito e quindi bisogna fare un giro più largo per raggiungere le utenze interessate. Adesso il capo dell’Utc, ingegnere Carmelo Alba conferma che a breve la strada sarà riaperta al transito stante che il movimento franoso che interessa le palazzine dello Iacp è in atto fermo.

300 Letture

 

 

Scritto in Cronaca, PoliticaComments (0)

ARO Alta Valle del Platani approvazione piano intervento

ARO Alta Valle del Platani approvazione piano intervento

Municipio-300x225MUSSOMELI – Un comunicato stampa a firma dei sindaci di Mussomeli, Acquaviva Platani, Sutera e Campofranco, rispettivamente Salvatore Calà, Salvatore Caruso, Giuseppe Grizzanti e Salvatore D’AnnaLe Amministrazioni dei Comuni di Mussomeli, Acquaviva Platani, Sutera e Campofranco, informa che “ in data 04.08.2014, dopo un rigoroso esame istruttorio effettuato dal Dipartimento Regionale dell’Acqua e dei Rifiuti, è stato emesso il Decreto n. 1233 di approvazione del Piano d’Intervento per l’organizzazione e la gestione del servizio di spazzatura, raccolta e trasporto dei rifiuti urbani dell’ARO Alta Valle del Platani. Detto piano, nella formulazione definitiva, ha previsto il potenziamento dell’utilizzazione dei cassonetti cosidetti intelligenti e degli eco punti e per i Centri Comunali di Raccolta la esclusiva gestione dei rifiuti differenziati in conformità alle direttive impartite dagli organi di controllo e vigilanza. Il decreto sarà pubblicato sui siti istituzionali dei Comuni aderenti. L’ARO Alta Valle del Platani provvederà ad avviare le procedure di affido del servizio sulla base dello schema di bando di gara, capitolato speciale d’appalto e disciplinare di gara predisposti dal Dipartimento Regionale dell’Acqua e dei Rifiuti”.

260 Letture

 

 

Scritto in Cronaca, PoliticaComments (0)

Ospedale e richieste Cgil al direttore generale

Ospedale e richieste Cgil al direttore generale

Ospedale-Mussomeli9MUSSOMELI – La Cgil non si smentisce ed ha presentato subito il conto, dopo i convenevoli di rito per dare il benvenuto al neo direttore generale dell’Asp, Ida Grossi ed al suo staff in visita all’ospedale di Mussomeli, giovedì scorso. Dopo l’incontro coi dipendenti infatti, la Cgil ha avuto un incontro a porte chiuse con il management aziendale. Nel ribadire il proprio plauso per i problemi sinora risolti, ha comunque presentato un lungo elenco di richieste per rilanciare l’assistenza sanitaria sul territorio e garantire servizi efficienti a tutela dei cittadini. A cominciare ad esempio dalla presenza almeno una volta ogni 15 giorni, del neuropsichiatra infantile in un ambulatorio in loco, così da evitare ai genitori che hanno bambini affetti da patologie varie, di doversi sobbarcare il viaggio fino a San Cataldo dove tale servizio è ubicato. E lo stesso dicasi per gli ammalati di Alzheimer costretti ad essere accompagnati a Caltanissetta in visita. Anche per loro è stata richiesta l’attivazione di un ambulatorio. Così come è stata ribadita la necessità di avere una nuova Tac, perché quella attuale, che spesso va in avaria, è ritenuta ormai insoddisfacente ad assicurare prestazione di livello alla popolazione. “Coi soldi che si sono spesi e si continuano a spendere per le continue riparazioni –dice il sindacalista Lillo Polito- si sarebbe già acquistata una Tac nuova di ultima generazione. Così come abbiamo chiesto alla dott.ssa Grossi che al più presto venga ripristinato il servizio di vidolaparoscopia, per consentire interventi chirurgici incruenti. Servizio che al suo avvio aveva riscosso molti consensi, ma poi era stato sospeso per cause di forza maggiore. Adesso è arrivato il momento di ripristinarlo. Altro problema che abbiamo evidenziato –aggiunge Lillo Polito- è la cronica carenza di anestesisti. In servizio effettivo ve ne sono soltanto due, affiancate di volta in volta da colleghi provenienti a progetto da Caltanissetta. Noi chiediamo che l’organico sia messo a pieno regime, così come ormai cronica è diventata la carenza di ausiliari. Serve anche un nuovo ecografo, un trapano per gli ortopedici ed un quarto ortopedico, un quarto tecnico di Radiologia, un colonna nuova per il servizio di Gastroenterologia ed anche una nuova auto per il servizio di Tutela mentale. I colleghi continuano ad utilizzare una vecchissima Fiat Tipo di 27 anni e frenano coi piedi. Bisogna ridare dignità all’assistenza sanitaria, a tutti i livelli”.

246 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

Cimitero tomba originale imbrattata e ripulita

Cimitero tomba originale imbrattata e ripulita

Via della tomba al cimiteroMUSSOMELI – Imbrattata una tomba al cimitero dove è stato anche danneggiato parte del marmo di rivestimento. Danneggiamento presto ripristinato così come è stata già ripulita la tomba. La notizia tuttavia s’è diffusa in città anche perché la tomba in questione è sicuramente originale. Perché certo non può definirsi altrimenti l’idea di apporre la propria foto in bella vista nella tomba di famiglia, quando si è ancora in vita. E tuttavia, trattandosi di decisioni che attengono alla sfera privata, al di là della stranezza, ognuno è libero di pensarla come vuole e nessuno ha il diritto di giudicare. La tomba in questione si trova nell’ala nuova del cimitero. E il suo costruttore, un facoltoso pensionato (classe 1936), che evidentemente ha raggiunto quella serenità interiore che l’ha portato a non temere più la morte a cui tutti gli essere viventi sono destinati, tempo addietro ha fatto apporre la sua foto proprio sulla tomba. Foto per altro corredata da una stele dove si legge anche: “Fui come te, sarai come me. E tu che guardi in giù, morirai anche tu. E tu che stai leggendo, ricordati di non fare male al prossimo e ama i tuoi genitori”. Indubbiamente parole obiettive e piene di buon senso, anche se, appunto originali, stante che il suo autore è vivo e vegeto. E chissà che non sia stato proprio questa originalità ad avere “armato” la mano di qualche vandalo che utilizzando una bomboletta spray di colore azzurro, ha scritto una frase offensiva contro il pensionato e s’è accanito soltanto sulla sua foto, imbrattandola (intatte le foto di altre due persone lì sepolte), ed ha anche danneggiato parte del marmo. A segnalare l’accaduto agli uffici comunali, è stato il custode del cimitero quando s’è accorto di quell’azzurro che spiccava contro il colore austero del marmo. Quindi è stato effettuato un sopralluogo da parte degli uffici comunali e della polizia municipale (si ha anche notizia, non confermata di un sopralluogo dei carabinieri), che hanno preso atto dello stato di fatto e s’è provveduto ad informare il proprietario della tomba gentilizia. Il danneggiamento dicevamo, è stato tuttavia presto ripristinato e la scritta cancellata, tant’è che ieri mattina nella tomba in questione non v’era alcun segno dell’atto vandalico.Si tratta di ogni caso di danneggiamenti e quindi di reato penalmente perseguibile in caso di denuncia da parte degli interessati, non potendosi procedere d’ufficio.

1.376 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

“Eolico selvaggio”: altro incontro ma qualcuno è scettico  (c’è il video)

“Eolico selvaggio”: altro incontro ma qualcuno è scettico (c’è il video)

Consiglio EolicoMUSSOMELI – Nuovo appuntamento mercoledì sera nell’aula consiliare “Francesca Sorce”, Lo Bello Istantanea 3 (08-08-2014 09-16)intorno alle ore 20. Presenti alcuni consiglieri, il Sindaco Calà, l’Assessore La Piana, il vice sindaco Sebastiano Sorce, il presidente dell’Associazione Terre di Manfredi Giovanni Costanzo e molti dei suoi aderenti, nonché comuni cittadini. Aria d’attesa per tutti; per alcuni speranzosa e per altri incerta e per qualche altro ancora “una presa in giro”. Va detto che il problema è serio e va esaminato in lungo ed in largo nel reciproco rispetto di tutti. Non Eolico  incontro al Municipio di Mussomelisi può esaminare ” a cuor leggero”  un problema dalle tante sfaccettature e che si debbono mettere in moto – come ha chiosato il consigliere Giuseppe Mancuso – “le intelligenze colletive. L’auspicio generale, comunque, è stato l’approntamento di un regolamento comunale unanimemente condiviso per dare tranquillità alla comunità.

1.074 Letture

 

 

Scritto in Cronaca, Politica, SocietàComments (0)

Il nuovo direttore generale dell’Asp di Caltanissetta in visita al “Longo” di Mussomeli incontra ospedalieri di Mussomeli

Il nuovo direttore generale dell’Asp di Caltanissetta in visita al “Longo” di Mussomeli incontra ospedalieri di Mussomeli

Ospedale Ida Grossi Istantanea 2 (07-08-2014 18-40)MUSSOMELI – Ieri mattina, lo stato maggiore dell’ASP di Caltanissetta ha incontrato il personale del presidio ospedaliero mussomelese. C’è stata la presentazione del nuovo direttore dell’ASP di Caltanissetta dottoressa Ida Grossi, assieme al direttore sanitario aziendale dottoressa Marcella Santino ed al direttore amministrativo dottoressa Daniela Faraoni. Presenti il dott. Raffaele Elia Nuodo Direttore Ospedale Istantanea 1 (07-08-2014 18-33)direttore del presidio del S. Elia di Caltanissetta e il dott. Alfonso Cirrone Cipolla del presidio ospedaliero di Mussomeli. Presenti i sindaci di Mussomeli, Sutera, Milena ed il vice sindaco di Acquaviva Platani, rispettivamente, Salvatore Calà, Giuseppe Grizzanti, Giuseppe Vitellaro e Giuseppe Caruso. Diversi gli interventi durante l’incontro. Tanti buoni propositi da parte dello staff dirigenziale; hanno illustrato, ognuno per la propria parte, la situazione del nosocomio mussomelese e da tutti è arrivato l’invito alla collaborazione e l’esortazione ad approfondire e portare avanti le diverse problematiche, presenti nell’Ospedale di Mussomeli. Oltre allo staff dirigenziale, hanno parlato brevemente i sindaci presenti e, a nome del personale ospedaliero, c’è stato il breve saluto del dott. Paolo Mingoia nonché quello del sindacalista Lillo Polito. A fine incontro, l’omaggio floreale alle “tre donne” Ida Grossi, Marcella Santino e Daniela Faraoni. (Il video dell’incontro).

1.058 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

Ritiro rifiuti ingombranti nel piazzale Mongibello

Ritiro rifiuti ingombranti nel piazzale Mongibello

Sorce Sebastiano3MUSSOMELI – E’ il prossimo 11 agosto il ritiro nel piazzale Mongibello dei rifiuti ingombranti. Lo ha comunicato con una nota il vice sindaco nonché assessore all’Ambiente Sebastiano Sorce, sottolineando che “Il problema dello smaltimento dei rifiuti solidi urbani rischia di diventare emergenza con gravi ripercussioni economiche ed igienico sanitarie a carico dei cittadini. Al fine di scongiurare tale ipotesi – è detto nella nota – si chiede la collaborazione di tutti i cittadini per ridurre la produzione dei rifiuti da conferire in discarica, aumentare la percentuale di quelli raccolti in forma differenziata da avviare al recupero ed evitare l’abbandono nelle aree pubbliche e private. Per tali scopi l’Amministrazione Comunale ha chiesto all’ATO AMBIENTE CL1 di organizzare un servizio di ritiro dei rifiuti ingombranti e beni durevoli (arredi vari, televisori, frigoriferi, lavastoviglie, lavatrici, personal computer, stampanti, monitor, ecc.) del quale i cittadini possono avvalersi giorno 11 agosto 2014, portando i rifiuti presso piazzale Mongibello, dalle ore 8.00 alle ore 12.00, oppure telefonare al n. 0934/961212 per avvalersi del ritiro porta a porta”. L’assessore ha chiesto, poi, la collaborazione alla cittadinanza “al fine di rendere decorosa ed accogliente questa cittadina

367 Letture

 

 

Scritto in Cronaca, PoliticaComments (0)

Petizione per  dossi artificiali in Via Dalmazia

Petizione per dossi artificiali in Via Dalmazia

DSC_0185MUSSOMELI – “Adesso basta! Visto che nessuno prende provvedimenti finché non ci scappa il morto, vuole dire che saremo noi a dare vita ad una petizione popolare per chiedere senz’altro indugio la collocazione dei dossi artificiali in via Madonna di Fatima, così che chi ignora che in quella strada bisogna fermarsi all’incrocio, sarà costretto lo stesso a rallentare”. A parlare è Tanino Messina, gestore de “Il giullare”, un frequentatissimo bar ubicato in via Madonna di Fatima. Proprio contro l’ingresso del suo bar, sabato mattina è stata scaraventata una Grande Punto condotta da una signora di Mussomeli, che era stata speronata da una Mercedes (con a bordo gente di fuori). I segni dell’impatto sono tutt’ora evidenti. Buona parte dell’angolo dell’immobile è stata frantumata dalla violenza del colpo. “L’incidente, l’ennesimo di una lunghissima sequela –dice ancora Messina- è avvenuto dieci minuti dopo che mi ero allontanato e come sempre, io mi fermo proprio davanti al mio bar. Che sarebbe successo se mi trovavo lì? O se come capita spessissimo, ci fossero stati dei clienti in sosta? Ma davvero deve succedere una tragedia prima di prendere coscienza che questo incrocio è pericolosissimo e che la gente che viene da fuori ed ignora che qui c’è uno stop, è indotta a pigiare l’acceleratore stante la strada larga?” Il problema di fondo è proprio questo. La via Madonna di Fatima è molto larga e pianeggiante, e si incrocia con via Dalmazia che è molto più stretta ed in ripida salita. I mussomelesi sanno che lì ci sono gli Stop (sia in verticale con tabelle bene in vista –tranne quando alti mezzi parcheggiati ne impediscono la visuale- sia in orizzontale) e quindi li osservano, ma chi viene da fuori è tratto in inganno. E sono davvero innumerevoli gli incidenti susseguitesi nel corso degli anni. Come quello di sabato mattina quando la signora di Mussomeli che viaggiava in salita con la sua auto, è stata colpita alla fiancata da una Mercedes che proveniva da via Madonna di Fatima. L’urto è stato tanto violento che si sono aperti tutti gli airbag e lo sportello s’è piegato. La povera signora, spaventata e dolorante, è stata quindi liberata dai passanti e portata in ospedale. Per fortuna le sue condizioni non sono gravi. Ma come dicevamo è questione di tempo, prima o dopo lì ci scapperà il morto. “Ero al bar –racconta un testimone- ed ho sentito un botto tremendo. Poi ho visto un paraurti volare davanti alla finestra. Ho temuto il peggio. Perché non si provvede?” Anni fa il primo cittadino di Mussomeli s’era impegnato a fare collocare i dossi artificiali, ma finora, per un motivo o per un altro, nessun dosso è stato posizionato e gli incidenti continuano a contarsi. Da qui la presa di posizione di Gaetano Messina con una petizione popolare per richiedere appunto la collocazione di tali dissuasori di velocità.

998 Letture

 

 

Scritto in Cronaca, SocietàComments (0)

Avviati i lavori al prospetto del 1° Istituto “Leonardo da Vinci”

Avviati i lavori al prospetto del 1° Istituto “Leonardo da Vinci”

DSCN0124MUSSOMELI – Dopo un lungo iter burocratico che ha visto, un volta avuta la conferma del finanziamento, prima l’affidamento dei servizi di ingegneria e architettura e successivamente la predisposizione e presentazione del progetto esecutivo ed infine l’affidamento dei lavori all’impresa Caltagirone di Mussomeli, sono stati avviati, nello scorso mese di luglio, i lavori di “Realizzazione di Isolamento Termico Composito e di area “expo” nel cortile Sud del Primo Istituto Comprensivo “Leonardo da Vinci” finanziati con i fondi europei PON-FESR. Lo staff DSCN0125per la gestione dei lavori è stato costantemente impegnato per assicurare efficacemente nelle forme, e soprattutto nei tempi, la realizzazione dei lavori in coincidenza con la chiusura delle attività didattiche nei mesi estivi, per almeno una buona parte dei lavori i quali hanno, per contratto, una durata complessiva di 4 mesi. I lavori che andranno a realizzarsi – come informano dalla scuola – possono essere riassunti nei seguenti punti: recupero strutturale delle parti ammalorate dell’edificio; rifacimento dei prospetti con l’applicazione sulle pareti di un sistema di isolamento con pannelli coibentanti che daranno un nuovo look all’Istituto; La manutenzione delle inferriate perimetrali esistenti; la riqualifica di circa 230 m² di area pertinenziale, con la realizzazione dell’orto didattico e di un’area polifunzionale. Il progetto è stato realizzato dall’Ing. Nicola Sola, mentre tutta la gestione dei lavori dal progetto al collaudo è in mano al Dirigente Scolastico Salvatore Vaccaro che grazie alla preziosa collaborazione dell’Ing. Giuseppe Frangiamore è finalmente giunta alla fase esecutiva. Infine gli operatori della cooperativa “Agave mediterranea”, in accordo con il Preside Vaccaro, hanno già avviato da tempo, e stanno ultimando anche in questi mesi estivi di luglio e agosto, una serie di lavori di manutenzione interna alla scuola secondaria con la tinteggiatura di aule, corridoi e termosifoni, nonché la realizzazione di una biblioteca multicolore con la catalogazione e sistemazione di tutti i libri in dotazione DSCN0126all’Istituto e di quelli che via via vengono dati in donazione alla scuola da case editrici e da privati. Va sottolineato che con il nuovo anno scolastico 2014/2015 il 1° Istituto “Leonardo da Vinci” accoglierà quindi la popolazione studentesca con un nuovo look esterno ed interno rinnovato, moderno, più piacevole sia dal punto di vista estetico che di vivibilità interna. Soni previsti, infine, oltre ai lavori per il prospetto della Scuola Primaria e dell’Infanzia di Via Madonna di Fatima, già appaltati dal Comune lo scorso 16 luglio e che avranno inizio entro il mese di settembre, quelli di manutenzione per la Scuola dell’Infanzia, che saranno realizzati, prima dell’inizio delle attività didattiche, da parte dell’impresa CICLAT di San Cataldo, con i fondi MIUR assegnati alle scuole da qualche settimana. Anche per la Scuola Primaria, con gli stessi fondi MIUR che saranno assegnati, però, il prossimo anno, sono previsti dei lavori di manutenzione interna per rendere più belli ed accoglienti tutti gli ambienti scolastici. Il Preside Vaccaro, nell’esprimere ringraziamento ai tecnici ed all’impresa, impegnati nella realizzazione dei lavori ed a tutto il personale scolastico ed a quello della cooperativa “Agave” operante all’interno della scuola, augura a tutti, alunni e genitori, “Buone Vacanze”! Intanto dalla scuola fanno sapere che ci sono tante novità in arrivo per gli studenti nel nuovo anno scolastico

554 Letture

 

 

Scritto in Cronaca, CuriositàComments (0)

Incidente all’incrocio Via Dalmazia e Via Madonna di Fatima

Incidente all’incrocio Via Dalmazia e Via Madonna di Fatima

DSC_0163MUSSOMELI – Un incidente spettacolare le cui conseguenze, tranne che per le autovetture coinvolte, non si sono rilevate per fortuna gravi. Un impatto tra due macchine verificatosi nel cuore della mattinata nel centro della città, in uno degli incroci più trafficati: tra via Madonna di Fatima e via Dalmazia. A scontrarsi una Mercedes, con a bordo una famiglia di Tortorici, nel Messinese ed una Fiat Punto, guidata da A.M., una mussomelese di 44 anni. Ad avere la peggio proprio quest’ultima. La berlina infatti ha centrato in pieno l’utilitaria scaraventandola di qualche metro. Il veicolo ha abbattuto un palo della segnaletica, e per poco ha rischiato di finire dentro un noto bar di via Madonna di Fatima, con il rischio non solo di demolire la vetrina ma persino di ferire gravemente qualche avventore. L’urto è stato così potente che gli airbag della Punto si sono aperti all’unisono. A soccorrere la donna sono stati i tanti passanti che a quell’ora DSC_0185(erano da poco passate le 10) si trovano in quel momento sulla via. La 44enne ha chiesto aiuto, bloccata nell’abitacolo a causa della presenza degli airbag aperti e di una portiera sbarratasi per via dell’impatto. Negli istanti successivi è giunta un’ambulanza del 118. La donna è stata quindi accompagnata in ospedale dove i medici del Longo le hanno riscontrato una serie di contusioni su tutto il corpo. Ferite guaribili in pochi giorni. Il suo quadro clinico è comunque apparso buono, tanto che qualche ora più tardi, conclusi gli accertamenti ha potuto fare ritorno a casa. Per la proprietaria della Punto soprattutto tanto spavento a causa dell’urto. Sul posto sono intervenuti i vigili urbani, coordinati dal comandante Vincenzo Calà i quali hanno compiuto i rilievi del caso in vista dell’accertamento delle responsabilità. Da una prima verifica però la colpa del sinistro sarebbe da addebitare all’automobilista messinese, che non avrebbe rispettato l’obbligo dello stop. Intanto, tra i tanti passanti che hanno formato un folto capannello di curiosi, molti hanno auspicato, per evitare altri incidenti simili, una migliore predisposizione della segnaletica. Tra le misure da adottare sarebbe necessario vietare il parcheggio dei mezzi in prossimità dell’incrocio. Spesso infatti, la sosta di furgoni impedisce agli automobilisti di vedere il segnale di fermata.

2.971 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

5 anni fa… Tragedia sfiorata nel mare di Porto Empedocle. mussomelesi salvano due bagnanti

18 agosto 2009

Immagine 0012323PORTO EMEDOPCLE - Una fazzolettata di amici, domenica scorsa hanno programmato una giornata da trascorrere  a mare, raggiungendo di buon mattino Porto Empedocle come zona balneare dove potere assaporare la brezza marina. Appuntamento mattutino, dunque,  col preciso scopo di potere vivere intensamente quella giornata di metà agosto, lontani dalla quotidianità, che talvolta  rende le persone  non proprio  autonome. Domenico Costanzo, ...

Leggi tutto

5 anni fa…La Cordovese – Fondo Valle ad una ditta di Favara

08 agosto 2009

cordovesevalle strMUSSOMELI - E’ andato ad una ditta di Favara, la “Selene costruzioni”, l’appalto per la realizzazione della “Cordovese- Fondo Valle”. Lo scorso 22 luglio, è stata celebrata dall’Urea Nisseno la gara d’appalto commissionata dalla Provincia di Caltanissetta. Sono state ben 299 le ditte che hanno presentato la documentazione per la partecipazione; su queste sono state ammesse 289. A seguito del ...

Leggi tutto

 

Comune Mussomeli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

This site is protected by WP-CopyRightPro This site is protected by WP-CopyRightPro