VigroAINA
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

cinema

 

 

Archivio | Attualità

Cori al Concerto natalizio diocesano:Per Mussomeli “Schola Cantorum” Santuario

Cori al Concerto natalizio diocesano:Per Mussomeli “Schola Cantorum” Santuario

Coro Istantanea 9 (28-12-2014 17-24)MUSSOMELI – Un raduno natalizio diocesano, giunto ormai al decimo incontro canoro-musicale, si è svolto il 21 dicembre scorso a Caltanissetta, presso la chiesa Cattedrale, dove hanno partecipato 11 cori, di cui 4 di Caltanissetta, 2 di Serradifalco, 1 di Mussomeli. 1 di Sommatino, 1 di San Cataldo, 1 di Villalba-Marianopoli, ed 1 di Santa Caterina Villarmosa. Cori partecipanti con un minimo di dieci componenti ma anche fino a quaranta. A rappresentare Mussomeli è stata la Schola Cantorum del Santuario Maria SS. Dei Miracoli, diretta dal maestro Giuseppe Noto. Nel dettaglio ecco i cori: Caltanissetta con la Chiesa Cattedrale, Parrocchia San Biagio, San Paolo, San Luca; Serradifalco con il coro della Madrice e della chiesa dell’Immacolata; a seguire il coro parrocchiale di S. Alberto Magno di San Cataldo, il coro parrocchiale di Sommatino, quello di Santa Caterina Villarmosa, quello di Villalba-Marianopoli col coro “Soli Deo Gloria” e quello, come già detto, della Schola Cantorum Maria SS. Dei Miracoli di Mussomeli, di cui direttore artistico è il maestro Giuseppe Noto e la responsabile Rina Frugolino. Di quest’ultimo coro è questa la compagine: Tenori: Lorenzo Ladduca, Salvatore Ladduca, Giuseppe Lo Conte, Vincenzo Aina, Vincenzo Casamassima, Francesco Frangiamore e Vito Domenico Frangiamore. Bassi: Vincenzo Lanzalaco, Giuseppe Antonio Palumbo, Michele Piazza, Giuseppe Morreale e Loreto Bavado; Soprano: Maria Grazia Mulè, Silvia Buttaci, Carmelina Langela, Anna Maria Amico, Claudia Spoto, Mariangela Spiaggia, Rina Frugolino. Contralti: Chiara Castello, Patrizia Catalano, Maria Lucia Bavado, Anna Petruzzella, Maria Carmela Cardinale, Cettina Frugolino, Mariarita Palmeri, Enza Mingoia, Silvia Mistretta, Letizia Randazzo, Isabella Sorce e Adriana Frangiamore. I cori partecipanti hanno eseguito due brani ciascuno, graditi assai dal Vescovo mons. Russotto e la Schola Cantorum di Mussomeli ha eseguito il brano “Cose stupende” e la Ninnaredda”, con il testo rimodulato del compianto prof. Angelo Barba; brano particolarmente azzeccato, considerato il contesto attuale, assai apprezzato, come hanno riferito alcuni coristi, dal vescovo Mons. Mario Russotto, presente all’incontro canoro-musicale, assieme al vicario Generale don Pino La Placa e Padre Achille Lomanto. Da sottolineare che ad affiancare il coro del Santuario c’era la presenza di piccoli musicisti nel brano della “ninnaredda”. Questi i loro nomi: Vittoria Ladduca, Matteo Ognibene, Rachele e Samuele Morreale ed il piccolo Vincenzo Lo Conte.

935 Letture

 

 

Scritto in Attualità, SocietàComments (0)

Nel Solco dello Spirito  (di don Salvatore Callari)

Nel Solco dello Spirito (di don Salvatore Callari)

P.Callari 10UNA IGNOBILE  LOTTA : FAMIGLIA VILIPESA E DISTRUTTA !

Si tratta di esagerazione ? No ! Dire che la famiglia è fatta bersaglio , ignobilmente, per offuscarne la bellezza, per vanificarne la grande e tradizionale dignità, per diminuirne il peso, nobile, di una responsabilità che sta alla base, più che per qualsiasi altra istituzione, della esistenza della formazione umana, della crescita materiale e morale e spirituale dei componenti dell’intera umanità, significa semplicemente affermare una triste e umiliante realtà: offendere e volere offuscare la importanza e la natura più genuina della famiglia. Constatiamo come frequentemente si attacca la famiglia con proposte, con pretese, con ideologie indecorose, con l’acre desiderio di vederla crollare a vantaggio di una deriva libertaria che sconvolge sempre più una realtà che trae origine nel pensiero e nel progetto di Dio. Ascoltiamo anche tante voci di saggezza, di intelligente concezione della vita, di penetrante intuizione del vero bene della società, che difendono la famiglia, che invocano provvedimenti e provvidenze adeguate , da parte delle varie istituzioni proposte al sostegno della famiglia, da parte dello stato, sempre minimalista a riguardo o volutamente negligente e distratto nel comprendere le vere esigenze della famiglia. Ma aggiungendo i nostri lamenti a quelli più costantemente in onda, non diamo un contributo alla soluzione dei problemi. Con le poche parole che qui possiamo dire, affermiamo che non si deve omettere di “gridare” e di invocare e sollecitare la responsabilità dei …. responsabili. Riaffermare che sostanzialmente si difende la nobiltà e la dignità della famiglia e la sua sacralità, vivendo in maniera concreta ed esemplare il vero senso di famiglia, difendendola anche a parole, quando occorre, contro i dissennati progetti di gente “ avariata” nello spirito e nel comportamento. E ricordiamo che la solidità è tutta, principalmente, riposta nella fedeltà, così facilmente ignorata se non vilipesa, con una leggerezza ed incoerenza sconcertanti. E vogliamo sottolineare che è la famiglia che contribuisce al benessere morale e non solo, della comunità, preparando nuovi membri, “levigati” opportunamente alla conoscenza e alla pratica dei doveri, “ dei valori” essenziali. Tra questi va annoverato il dovere dei genitori di offrire esempi validi che possano alimentare i sentimenti e la mentalità dei figli. Un esempio “primario” è quello di vivere la comunione coniugale con grande rispetto del sacramento ricevuto, nel rispetto di se stessi e delle attese e della sensibilità dei figli. Se si parte col piede sbagliato, in famiglia, è pura illusione attendersi un futuro migliore. Se la famiglia contiene cellule sane la società sarà dignitosamente sana, avendo un tessuto immunitario capace di resistere agli attacchi degli “ignobili e insensati”.

572 Letture

 

 

Scritto in Attualità, SocietàComments (0)

Periodo natalizio:  La solidarietà non va in vacanza

Periodo natalizio: La solidarietà non va in vacanza

acqua e sapone 10881161_10205066331085421_418349478_nMUSSOMELI – Le attività commerciali non sono soltanto profit, talvolta, sono anche strumentoacqua e sapone 10881186_10205066331165423_605525647_n di promozione solidale, nel territorio dove operano, in favore della comunità che annovera, purtroppo, nel suo seno soggetti in difficoltà. Proprio per questo motivo, Simona Padalino, Teresa Belfiore, Valentina Dilena, Nuccio Salamone e Loredana Randazzo (collaboratori di Acqua & Sapone) hanno promosso questa iniziativa, richiedendo alla Misericordia di Mussomeli, appunto, nel periodo pre-natalizio, la presenza di alcuni volontari della Misericordia che hanno Acqua e Sapone 10888137_10205066331125422_286953295_naccudito alle confezioni dei prodotti acquistati dalla propria clientela. Una nobile ed efficace iniziativa finalizzata alla solidarietà, le cui spontanee offerte raccolte, pari ad Euro 365,85, saranno utilizzate interamente per l’acquisto di prodotti per l’infanzia, da donare a persone in stato di bisogno e, comunque, residenti a Mussomeli. Una iniziativa che si commenta da sola. Fatti e non parole. ”Grazie ragazze, hanno commentato dalla “Misericordia”, “Iddio ve ne renda merito”.

766 Letture

 

 

Scritto in Attualità, SocietàComments (0)

La rimpatriata della mitica 3 D del Plesso Monti degli anni 95/98 (video)

La rimpatriata della mitica 3 D del Plesso Monti degli anni 95/98 (video)

6MUSSOMELI – Una rimpatriata, sedici anni dopo, da quando i ragazzini della scuola media di allora, la mitica 3D del Plesso Monti, per vari motivi, avevano preso strade diverse, conservando interamente nella propria mente, i ricordi della fanciullezza, trascorsa nella vivacità ma anche nel ricordo dell’amabile guida dei docenti che hanno riversato su loro ogni migliore attenzione. Il tempo è trascorso e quei ragazzi, oggi sparsi nelle varie parti del mondo, hanno accolto l’iniziativa, da tempo da qualcuno sognata e sollecitata, di rivedersi tutti insieme, non per fare il “punto della situazione”, quanto, invece, trascorrere qualche ora insieme per alimentare quei ricordi di scuola, che sono stati e sono a fondamento della propria crescita sociale ed individuale. Dalla idea singola di qualcuno di loro si è passati alla condivisione di storicaaltri fino a raggiungere l’intera classe che, anche se non tutti presenti, hanno comunque avuto la condivisione dei presenti ed il sincero compiacimento degli altri che non hanno potuto partecipare all’evento. Certamente, non poteva mancare il collaboratore scolastico signor Pasquale Schillaci, una persona sensibile, a portata di mano, che dopo sedici anni, ancorché in pensione, non poteva sottrarsi a suonare la campanella per fare entrare gli alunni nella stessa aula della mitica 3 D, per l’occasione, rispolverata e messa in ordine anche coi banchi di scuola. Presenti alla rimpatriata, prima a scuola e poi in un noto locale di ristorazione, i docenti Adriana Giudici, Maria Rita Favata, Maria Panissidi, Salvatore Sorce, Vincenzo Sorce, Fortunato Cirlincione. Non presenti, purtroppo, per motivi diversi, i docenti Tatina Mistretta, Maria Migliara e Loreto Noto. Gli organizzatori, all’insaputa di tutti, hanno predisposto il registro delle presenze giornaliere, su cui i presenti (alunni e docenti) hanno apposto la propria firma autografa, a suggello del felice evento, a dir poco, emozionante e, per loro, forse irripetibile. Alunni presenti: Fabiola Canalella, Giovanni Cumella, Sandro Di Carlo, Franco Genco, Fabiola Lo Conte, Laura Lo Brutto, Mariarita Lo Conte, Mariangela Mantione, Gero Mingoia, Salvatore Mistretta, Gero Misuraca, Ornella Palermo, Salvatore Romito e Salvatore Valenza; Assenti giustificati, perché impossibilitati, Simona Belfiore, Claudia Bertolone, Daniele Mancuso, Antonella Pennica e Letizia Sola. Una rimpatriata scolastica, come desiderata, così è stata portata gioiosamente a termine, nel reciproco rispetto, nella distinzione dei ruoli e, soprattutto, con quella armonia familiare che regnava nella mitica classe della 3^ D degli anni 1995/1998. Dicevamo, un evento, vissuto prima a scuola, e, successivamente, in un locale di ristorazione per fare esplodere tutti quei ricordi di scuola che hanno costituito una delle prime tappe della propria vita. Alla fine, una “pizzata” per tutti, la torta augurale della rimpatriata ed il “ricordino” dei docenti ai “magnifici” alunni. Abbracci ed emozioni hanno avuto il sopravvento nella riuscitissima serata, concordando fra di loro di lasciare spazio per eventuali futuri appuntamenti.

2.263 Letture

 

 

Scritto in Attualità, Eventi, SocietàComments (0)

La “ninnaredda” agli anziani anche nel quartiere di Sant’Enrico: i parrocchiani

La “ninnaredda” agli anziani anche nel quartiere di Sant’Enrico: i parrocchiani

99IMG_7570 (110)MUSSOMELI – Anche la comunità di Sant’Enrico, guidata dal parroco Don Francesco Mancuso, coi suoi giovani e meno giovani, ha dedicato due serate pre-natalizie alla la visita ai propri anziani. Armi e bagagli, dunque, ed altri “arnesi” del mestiere, con tanto di chitarra, circhiettu ed “azzarinu” e così, in buon numero di parrocchiani, hanno effettuato la visita serale, immediatamente dopo le messe vespertine del 19 e 23 dicembre scorso. I parrocchiani “santariisi” si sono improvvisati “Novenari”, in testa Padre Mancuso, ed hanno portato un po’ di armoniaa, creando atmosfera natalizia, proprio in un lembo di terra dove, ancorché popoloso, vi abitano diversi anziani. Va sottolineato che tali soggetti, anche se adeguatamente assistiti, talvolta, vivono il dramma della solitudine morale, per l’assenza inconcepibile dei propri familiari. Un giro di solidarietà e di vicinanza, dunque, della comunità parrocchiale, attraverso il percorso di alcune strade, dove gli anziani stavano aspettando il loro arrivo per ascoltare il suono della ninnareddra. Visita assai gradita e, per alcuni, anche carica di emozione.

868 Letture

 

 

Scritto in Attualità, Eventi, SocietàComments (0)

Pier Amico torna a cantare

Pier Amico torna a cantare

Piero Amico1MUSSOMELI – Proprio così. Amore e passione per il canto hanno caratterizzato e caratterizzano, tuttora, la quotidianità di Pier Amico, come quando da giovane, frequentando balere e luoghi di intrattenimento musicali, proponeva al pubblico esigente i suoi brani preferiti di altrettanti cantanti, bene affermati nel campo della canzone. La sua era una predilezione per i brani rock e melodici che riusciva ad interpretarli, come ci ha confermato lo stesso, con quella intensità di sentimento che le parole del brano richiedevano. Ed ora, spinto da quella passione che lo portava a relazionarsi col pubblico, coi suoi fans, con la gente in genere, da alc uni mesi ha maturato l’idea di registrare alcune canzoni, ”quelle che non tramontano mai”, come ci ha confidato il cantante mussomelese, per riproporli anche in chiave moderna. Questo suo desiderio nasce dal fatto di ritenersi ancora in grado di potere esprimere al meglio le sue doti canore, mettendosi appunto ancora in discussione con quelle canzoni che sostituirono i suoi cavalli di battaglia. A pPrimavera, dunque, Piero Amico si cimenterà a tale registrazione. “Con la passione e con l’amore sono riuscito a fare delle grandi cose”, ci ha detto Pieo. Nei prossimi mesi, dunque, lo attende un piacevole impegno.

711 Letture

 

 

Scritto in Attualità, SocietàComments (0)

Bambini nella casa di Babbo Natale consegnano la letterina di Natale

Bambini nella casa di Babbo Natale consegnano la letterina di Natale

Babba Natale Istantanea 1 (25-12-2014 17-38)MUSSOMELI – Da un’antica idea di Seby Lo Conte, quest’anno sponsorizzata dalla Banca Mediolanum, Ieri mattina, giornata di Natale, ma anche nei giorni precedenti, la Casa di Babbo Natale, con l’addobbo natalizio offerto da Andrea Fasino, e sistemata nella piazza Caltanissetta, è stata assai ammirata e gradita dai tanti bambini che l’hanno visitata. Qui l’instancabile Seby Lo Conte della Pro Loco di Mussomeli, rigorosamente vestito da Babbo Natale, li ha accolti, ricevendo da loro la letterina di Natale. Una mattinata animata all’insegna della musica natalizia tradizionale locale, come anche proponendo brani natalizi, ormai popolari e famosi che hanno creato appunto quella gradevole atmosfera che ha fatto assaporare l’antico Natale. Sorrisi e saluti di Babbo Natale, regali e caramelle per tutti i bambini, grazie anche alla collaborazione attiva dei volontari della nuova associazione ViVi, hanno dominato la mattinata di Natale. Al seguito della slitta di Babbo Natale c’erano i nuovi novenari che hanno portato in giro le amate nenie natalizie col loro antico fascino , facendo assaporare il gusto delle melodie dei giorni dell’attesa, che hanno rappresentato in modo suggestivo il periodo natalizio. Da Babbo Natale, ai presepi viventi del circondario, il passo è breve. Il Natale prosegue con la visita ai presepi viventi dei paesi viciniori: Sutera, Campofranco, Cammarata e Villalba. Un periodo atteso, dunque, partecipato e vissuto in situazioni, comunque, che richiedono riflessioni ed ottimismo.

813 Letture

 

 

Scritto in Attualità, SocietàComments (0)

Natale in versi…. ( di Franco Maida)

Natale in versi…. ( di Franco Maida)

Maida Franco Istantanea 1 (25-12-2014 13-53)MUSSOMELI – A Nome del nostro direttore Alberto Barcellona, della Redazione tutta di Castello Incantato, desideriamo porgere il buon Natale a tutti i nostri lettori, ovunque sparsi nel mondo, con l’auspicio che si possa vivere la propria quotidianità nella serenità, guardando il futuro con un pizzico di ottimismo. Gli auguri sono accompagnati da un piccolo dono: due poesie del poeta Franco Maida, “Notte di Natale” e “Presepiu”, tanto per rimanere in tema.

497 Letture

 

 

Scritto in Attualità, Cultura, SocietàComments (0)

Messa di Mezzanotte alla Madrice : breve corteo col Bambinelle Gesù ma la chiesa della Provvidenza è stata trovata chiusa

Messa di Mezzanotte alla Madrice : breve corteo col Bambinelle Gesù ma la chiesa della Provvidenza è stata trovata chiusa

Gesù Bambino Istantanea 1 (25-12-2014 09-32)MUSSOMELI – Messe partecipate nelle parrocchie nonostante il freddo gelido, che non ha scoraggiato i credenti a partecipare alla liturgia natalizia della Natività del Bambinello Gesù. Veglia di Natale, dunque, e , alla Madrice, come anche nelle altre parrocchie, alla mezzanotte il gioioso canto del “Gloria in excelsis Deo” per annunciare la nascita del Redentore e Re dell’Universo. Subito dopo la Messa i parrocchiani della Madrice hanno accompagnato il Bambinello Gesù nella vicina chiesa della Provvidenza, dove era allestito un grande presepe;purtroppo, il corteo è rimasto fuori nell’antistante piazzetta davanti la chiesa, in quanto non è stato possibile aprire la porta della sagrestia che, come hanno pensato in molti, qualcuno ha manomesso qualcosa. Un imprevisto,dunque, che non ha scalfito per niente il clima natalizio, animato all’esterno dai nuovi novenari e dall’Arciprete don Pietro Genco, alle prese con la fisarmonica e con il suo consolidato repertorio natalizio. Il Diacono Pierenzo Costanzo, alla fine, col Bambinello Gesù, ha benedetto i presenti.

728 Letture

 

 

Scritto in Attualità, SocietàComments (0)

Interact Rotaract    5° edizione  “Una fetta di beneficenza”

Interact Rotaract 5° edizione “Una fetta di beneficenza”

DSCN2964MUSSOMELI – Anche quest’anno i giovani ragazzi dell’ Interact Club di Mussomeli, presieduto da Alessio Zagarella, hanno organizzato una raccolta fondi con il tradizionale evento “UNA FETTA DI BENEFICENZA” giunto alla V° edizione. Da lunedì in vacanza dalla scuola, i ragazzi si sono adoperati per preparare uno stand di tutto rispetto con il labaro del Club, un banner con la descrizione del progetto, pronti per offrire le torte (fatte in casa dalle mamme e da simpatizzanti dell’evento) ai visitatori che al martedì si sono recati al mercato, in viale Peppe Sorce. Il contributo donato dai passanti ha permessodi incrementare il fondo per l’ acquisto di un defibrillatore da destinare ad una squadra di calcio del Mussomeli. I soci del Rotaract Club, sotto la guida del presidente Giulia Territo, hanno dato un valido apporto in termini di esperienza, ma anche collaborando attivamente nella distribuzione delle torte. Un progetto ambizioso, che ha visto ragazzi dell’età compresa tra 12 e 18 anni, impegnati nella raccolta fondi per la realizzazione di tale progetto. Il Presidente dell’Interact Club Mussomeli Valle del Platani, Alessio e il direttivo formato dal Past President Vincenzo Piazza, Segretario Alessandro Mingoia, Prefetto Daniele Alessi, Tesoriere Gabriele Zagarella, e dai soci Fabrizio Spera, Mario Piazza, Giuseppe Allenza, Giuseppe Consiglio, Vincenzo Piazza e Flavio S. intendono esprimere la loro gratitudine a tutta la gente che ha partecipato alla contribuzione, ai Dipendenti Comunali, dell’Ufficio dell’ Entrate a quelli delle Poste Italiane, nonché alla BCC di San Giuseppe di Mussomeli e a Dario Ferreri, che ha messo a disposizione tavoli e sedie. Un grazie particolare al Presidente del Rotary Club Dottore Gero Ferlisi, per il contributo, non solo economico ma anche e sopratutto professionale, e per l’impegno di formare due o più persone all’utilizzo del defibrillatore. Il presidente dell’Interact si è dichiarato soddisfatto perchè, nonostante il freddo e la crisi economica, le persone hanno colto il senso profondo dell’iniziativa rendendo possibile, con la loro solidarietà, la realizzazione del progetto volto all’acquisto del defibrillatore. Alessio – in una nota del club ha continuato citando un pensiero di Madre Teresa di Calcutta: “E’ Natale ogni volta che sorridi ad un fratello e gli tendi la mano…. E’ Natale ogni volta che ciconosci con umiltà i tuoi limiti e la tua debolezza….E’ Natale ogni volta che permetti al Signore di rinascere per donarlo agli altri”.

400 Letture

 

 

Scritto in Attualità, Eventi, SocietàComments (0)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

5 anni fa…Truffe online, prosciugato il conto di una donna mussomelese

24 novembre 2010

MUSSOMELI – Attenzione alle truffe telematiche. E’ successo anche nel nostro territorio.  Negli ultimi mesi,  un utente postale al femminile   ha trovato la sgradita sorpresa di avere avuto alleggerito tutto il suo credito risultante nella carta prepagata postapay. Infatti, mentre stava controllando, su internet, il saldo, non ha creduto ai suoi occhi quando ha visto operazioni che avevano azzerato la ...

Leggi tutto

5 anni fa…Il Banco di Sicilia si fonde con Unicredit. Al via la riorganizzazione degli sportelli nel Vallone

02 novembre 2010

MUSSOMELI - Da ieri il Banco di Sicilia è diventata ufficialmente Unicredit, attraverso la fusione dell’istituto bancario con altre sei società, e anche per gli sportelli del Vallone sono state introdotte delle novità significative dal punto di vista organizzativo. Le agenzie di Mussomeli, Vallelunga, Villalba, Marianopoli, Campofranco e Sutera da ieri sono passate lo gestione all’interno di ...

Leggi tutto

 

Comune Mussomeli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

cinema

 

 

This site is protected by WP-CopyRightPro This site is protected by WP-CopyRightPro