altissimo destra
politica1
1 in alto sinistra

 

2 sinistra

 

 

consiglio

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio | Attualità

Frank Catania dal carcere negli Usa alla conversione. Stasera alle 19 incontro presso Chiesa Evangelica

Frank Catania dal carcere negli Usa alla conversione. Stasera alle 19 incontro presso Chiesa Evangelica

MUSSOMELI – - Si chiama Frank Catania è originario di Mussomeli, ma residente a New York; da giovane suonava con Frank Sinatra, poi ebbe problemi con la legge e fu condannato a ben 75 anni di carcere, ma  dietro le sbarre incontrò Gesù nella fede Evangelica e da allora gira il mondo per raccontare di quell’incontro che gli ha stravolto la vita. Ha inciso cd e scritto anche un libro autobiografico: “Appena in tempo”. E questo libro racconta appunto la storia di come Gesù Cristo ha trasformato la vita di Frank Catania. La lettura è consigliata specialmente  a chi si trova dietro le sbarre di una prigione, perché essa: “Offre luce nelle tenebre, speranza nella disperazione e verità nella confusione”. Nei prossimi giorni Frank Catania sarà a Mussomeli dove oltre a portare la propria testimonianza di vita, spera di incontrare i suoi lontani parenti, tant’è che tramite contatti via Facebook e grazie alla signora Cettina Intilla, sta cercando di rintracciare i congiunti che non ha mai visto. Suo padre si chiamava Vincenzo e sua mamma Calogera Castello, il nonno paterno invece si chiamava Gaspare e chiunque fosse in possesso di notizie, può mettersi in contatto con la signora Intilla o con suo marito, il fotografo Franco Amico. Dopo la conversione alla fede Evangelica, dicevamo, Frank Catania gira il mondo a visitare le carceri per annunciare la libertà spirituale ai carcerati. Lo scorso anno si recò in Sicilia e  girò le carceri insieme a Nicola Le Grottaglie, noto calciatore, anche lui evangelico. Nelle scorse settimane, sempre via Fb, ha annunciato la sua intenzione  di venire a Mussomeli. Il suo arrivo è previsto il 19 settembre. E alle 19  sarà ospite della locale chiesa evangelica per  parlare della sua esperienza e del suo libro che racconta la parabola della propria travagliata vita, dal successo inebriante accanto a “The voice”, al baratro del carcere, fino alla luce della fede che tutto illumina. E ovviamente, appena sarà a Mussomeli, Frank spera anche di poter riabbracciare quei parenti che non ha mai visto. Inoltre vorrebbe visitare anche Mussomeli e il suo centro storico e ovviamente anche incontrare il primo cittadino Salvatore Calà per un saluto formale alla città dei suoi padri. Dice la signora Cettina Intilla: “Desideriamo invitare amici e parenti ed anche il sindaco ad un primo incontro che avverrà giovedì mattina così da consentire a Frank di conoscere la città delle sue origini e i suoi familiari”.

1.121 Letture

 

 

Scritto in Attualità, Cronaca, SocietàComments (0)

Oggi pomeriggio mostra fotografica fino al 22 settembre

Oggi pomeriggio mostra fotografica fino al 22 settembre

VALLELUNGA – Oggi alle 19:00 presso la sede dell’Opera Pia Gugino si inaugura la mostra fotografica divisa in tre sezioni. La Prima sezione sarà dedicata alla mostra personale del fotografo autodidatta Antonio Pasquale Castiglione che ha creato un gemellaggio tra Vallelunga e quella della campagna brasiliana in uno confronto tra i luoghi e la flora delle due terre. Nella Seconda sezione esporrà immagini dedicate ai costumi ed ai volti siciliani con ritratti e figure con i tipici vestiti d’epoca. E l’ultima sezione è dedicata al primo concorso di fotografia indetto dall’associazione ‘A Finestra, dal titolo “A Finestra Aperta Su Vallelunga”. Vallelunghesi residenti e non raccontano attraverso le immagini il loro punto di vista sulla piccola cittadina. Alcuni concorrenti sono molto giovani e alla loro prima esperienza di concorso fotografico. Per il concorso la giuria sarà composta da fotografi professionisti e dalla Presidente dell’Associazione La Radice, Angela Polizzano. Il voto correrà anche sul web. Le foto verranno pubblicate sulla pagina de ‘A Finestra e tutti potranno dare il loro consenso. La mostra rimarrà aperta dal 19 al 22 settembre dalle 18:00 alle 22:00.

321 Letture

 

 

Scritto in Attualità, EventiComments (0)

A Vallelunga iniziano oggi festeggiamenti patronali

A Vallelunga iniziano oggi festeggiamenti patronali

VALLELUNGA – Iniziano oggi i festeggiamenti della patrona di Vallelunga, la Madonna di Loreto con la seconda edizione della Padalata Lauretana, alle ore 17.30 in piazza Nasi, la competizione riservata ai bambini. Domani, sempre in piazza nasi a partire dalle 17:00 la gara podistica giunta alla sua seconda edizione. A seguire, alle 21,30 in Piazza Umberto I ritornerà “la Corrida – Dilettanti allo sbaraglio”, manifestazione curata e realizzata dalla compagnia teatrale Piccolo Stabile Vallelunghese. Venerdì 20 settembre, invece, torna del Palio delle Torte, alla sua terza edizione. La gara è aperta a tutti gli appassionati di torte e cake design e si potrà concorrere sia con torte artigianali che con dolci tipici della tradizione siciliana. Il Palio si terrà in Piazza Vittorio Emanuele III e i dolci saranno valutati da una giuria di esperti pasticceri che assegnerà tre premi in base a tre requisiti: bontà, originalità e bellezza. Il Palio è aperto alla partecipazione anche dei non vallelunghesi e prevede, alla fine della gara, una degustazione gratuita dei dolci aperta a tutti i partecipanti. Sabato 21 spettacolo folkloristico per le vie del paese e a partire dalle ore 18:00, mentre alle ore 20 tornerà la tradizionale Sagra dell’Uva giunta alla sua ventitreesima edizione. La serata sarà arricchita dalla degustazione di prodotti tipici, da musiche e danze. A partire dalle ore 24 spazio alla musica rock, blues, e pop con diverse band dislocate in punti diversi del paese. La festa patronale, domenica 22, si aprirà alle ore 8 con lo sparo dei mortaretti e con uno spettacolo in piazza della banda musicale V. Bellini di Vallelunga che intratterrà la cittadinanza alle ore 12.30 in piazza Umberto I e alla presenza di autorità militari e civili. Alle 22.30, dopo lo spettacolo pirotecnico, inizierà il concerto dell’orchestra “Rondò Siciliano” con l’accompagnamento corale “Don Milani”. Lunedì, giornata che chiude i festeggiamenti, si terrà la gara di tiro a segno in via Borsellino a partire dalle ore 15. Infine, alle ore 22, è previsto lo spettacolo musicale e di cabaret in piazza Umberto I. Tutto verrà trasmesso on line tramite il sito www.comune.vallelunga.cl.it.

617 Letture

 

 

Scritto in Attualità, Eventi, SocietàComments (0)

Giorno dell’accoglienza: Al “Virgilio” è già festa “La scuola siamo noi”

Giorno dell’accoglienza: Al “Virgilio” è già festa “La scuola siamo noi”

MUSSOMELI – E’ suonata la campana ed è già festa. Festa per tutti per studenti, docenti e famiglie. La festa dell’accoglienza  “Io….accanto a te!”  Non la canonica festa dell’accoglienza all’IISS “Virgilio” di Mussomeli, ma il prendere per mano i nuovi studenti e renderli già da subito protagonisti della vita scolastica. Con lo spettacolo, svoltosi sabato scorso, nell’Auditorium dell’Istituto si è messa in moto la “macchina” del Virgilio, che con i suoi tre indirizzi classico, scientifico e IPSASR conferma sempre fin dai primi giorni l’entusiasmo, la progettualità, la professionalità e la sinergia con tutte le sue componenti (Dirigenza, personale docente e ATA, alunni e genitori) che hanno caratterizzato le scelte didattiche e umane della scuola. Il D.S., Dottoressa Calogera Genco, ha dato inizio alla manifestazione che si è collocata a conclusione dei tre giorni dell’accoglienza che hanno visto gli studenti delle prime classi impegnati in varie iniziative come la stesura di un “fact-file”conoscitivo, la partecipazione a “gare di squadra” per saggiare in maniera informale e creativa i prerequisiti, nonché la frequenza dei “corsi propedeutici” sulle discipline fondanti il nuovo percorso scolastico da loro intrapreso. La suddetta attività, caldeggiata e promossa dal Dirigente scolastico ha incontrato il favore di genitori e studenti i quali ultimi hanno avuto così modo di approcciarsi ai prof. ed ai contenuti disciplinari in momenti creati ad hoc per loro ed in un clima sereno di conoscenza che ha permesso loro di vincere le naturali ansie nel passaggio dalla scuola media a quella superiore. Il discorso della preside ha toccato i punti nodali di una vision condivisa da tutto il personale, mettendo in luce quanto svolto e quanto ancora ci si propone di fare. Al Virgilio, tra le novità di quest’anno, infatti, vi sono la dotazione di proiettori in tutte le aule e la consegna di tablet per tutti gli studenti del primo anno e per i docenti, al fine di realizzare concretamente, attraverso l’uso delle TIC, una didattica innovativa e multimediale che prevede anche la produzione di e-book e la sperimentazione del registro elettronico. Nel “cantiere” sempre aperto della scuola inoltre si realizzeranno dei percorsi formativi nell’ambito del Piano Integrato PON FSE 2007/2013: L’Informatica per i giovani (certificazione ECDL); SOS Futuro ( Orientamento); Stage – Agriturismo e didattica in fattoria; Comunicare per crescere (corso di italiano); Let’s improbe aur Knowledge (corso di inglese per la certificazione CEFRR). Saranno, inoltre, realizzati dei laboratori per un minibirrificio, minicaseificio e macchine e attrezzature per panificio. Va sottolineato che la festa, coordinata e guidata da una commissione, composta dai proff  Lia Bonanno, Cristina Camerota , Carmelita Capobianco, Elvira Cardinale, Antonella Granatella, Miceli Maria Carmela,  Anna Mingoia, Cettina Valenza e AdrianaValenza  è stata scandita da varie iniziative. La preside Genco ha consegnato un cadeaux agli studenti delle prime, un calendario, poiché, come lei stesso ha detto ”il tempo è il bene più prezioso dell’uomo ed è quello che tutti in questo nuovo anno scolastico ci regaleremo, rendendolo proficuo e costruttivo”. Ecco l’elenco degli alunni coinvolti: Marta Dilena, Giulia Mingoia, Miriana Milazzo, Vincenzo Piazza, Alessio Pio Mantione, Angelo Di Carlo, Elisa Bella, Francesca Piazza, Aurora Bullaro, Simona Cardinale, Denise Mongiovì, Giulia Mingoia, Deborah Amico, Pamela Morreale, Jessica Proietto, Carmelina Aina, Vanessa Di Gangi, Angelo Di Carlo, Giada Sorce, Roberta Garlisi, Mariangela Geraci, Elisa Catanese, Nunnei Costanzo, Francesca Sorce, Emanuela Garlisi, Florinda Venturella, Domenica La Greca,  Piera Morreale,Miriam Genuardi, Jessica Proietto, Dominique Mingoia,Chiara Pardi,Giuliana Sorce,Giovanni Ingrascì, Amedeo Vicari,Miriam Milazzo, Giulia Mammola, Lucia Schillaci, Alessia Falletta, Daniele Callari, “Guest Star”: Signora Jacona; Proff. Maurizio Palumbo – Nino La Pilusa.

610 Letture

 

 

Scritto in Attualità, SocietàComments (0)

Dulcis in fundo… festa ormai in archivio (stralcio video e photogallery)

Dulcis in fundo… festa ormai in archivio (stralcio video e photogallery)

MUSSOMELI -  Non poteva mancare il servizio video (stralcio) conclusivo  della tradizionale giornata della seconda ottava dei festeggiamenti patronali, per dare, ai visitatori di Castello Incantato,  l’esatta dimensione di un impegno costante, volontario e gratuito, profuso in questa circostanza assai cara ai tanti  mussomelesi sparsi nel mondo, e non solo,  a cui va la vicinanza di Castello Incantato che, da cinque anni,  si è attivato in tal senso. E’ nell’auspicio dei collaboratori confermare  tale servizio di Castello Incantato che, finché lo potranno, ci sarà sempre e comunque. Ci piace sottolineare la presenza alla processione, anche quest’anno, dell’ultra ottuagenario ex rettore  Padre  Salvatore Taffaro che ha voluto essere presente a cantare le lodi alla Patrona, nonostante la sua veneranda età. In processione, dunque, ma, stavolta, accompagnato lungo il percorso processionale. (Stralcio  video e foto di Enzo Barba).

1.690 Letture

 

 

Scritto in Attualità, SocietàComments (0)

L’asd Mussomeli ha il suo inno ufficiale composto da Leonardo Curiale

L’asd Mussomeli ha il suo inno ufficiale composto da Leonardo Curiale

MUSSOMELI – Come le squadre più blasonate anche il Mussomeli ha il suo inno ufficiale. Un canto da intonare allo stadio per dare forza ai giocatori della prima squadra della città, prodotto e arrangiato da Leonardo Curiale (nella foto), musicista e vice presidente del Consiglio, e cantato dall’artista Gero Riggio. “Un cuore rossoblu”, presentato per la prima volta domenica scorsa sugli spalti del “Caltagirone”, ha un ritmo trascinante, mentre il testo è facile da ricordare e da cantare. Mauro Cardinale, vice presidente della società calcistica, spiega le ragioni che hanno spinto il sodalizio a dotarsi di un inno. “La scelta va inquadrata in quel salto di qualità ambito, e che fa il paio con gli importanti acquisti di quest’anno”. Soddisfatto del lavoro compiuto, Leonardo Curiale è anche consapevole del gravoso incarico: “Sono entusiasta del compito affidatomi. Un inno è ciò che per sempre rimarrà ai tifosi. Spero di avere fatto bene il mio lavoro realizzando un brano cantabile, ballabile e con un testo semplice e diretto”. Da domani “Un cuore rossblu” sarà ascoltabile sul sito della compagine, e su Youtube verrà caricato un video con testo e musica. Ma soprattutto ogni domenica aprirà le partite casalinghe.

643 Letture

 

 

Scritto in Attualità, EventiComments (0)

“Sotto il terebinto (di don Salvatore Callari)

“Sotto il terebinto (di don Salvatore Callari)

VANGELO TRIDIMENSIONALE  ?  molti si chiederanno: ma che significa ?  Chiediamo aiuto al vocabolario che ci sussurra :  che ha lunghezza, larghezza  e profondità.  Abbiate l’ardire di pensare, anche scavalcando il vocabolario , che , se applichiamo queste parole  all’argomento che ci propone il vangelo, dovremmo dire che ha i caratteri, o la dimensione dell’infinito. Si parla, infatti, della Misericordia di Dio . C’è qualcosa più “tridimensionale “  della divina misericordia ? E qui si tratta del cuore dell’insegnamento di Gesù; si tratta di parlare della virtù per eccellenza di Dio. Se mi lasciate passare l’espressione latina, questo concetto  è espresso in una maniera che difficilmente trova adeguata traduzione, o quanto meno, è tanto difficile  poterne comprendere pienamente il significato, ed è di tale pregnanza che  si conviene solo uno stupefatto silenzio e una devota ed estatica ammirazione: “ Deus, cui proprium est  misereri sempre et parcere “ O Dio, la cui connotazione, la cui caratteristica più personale è l’infinità capacità di avere compassione e di perdonare “ . Potremmo dire, non ci sono elogi più eccellenti, non ci sono espressioni dell’umano linguaggio, più valide, o più significative per farci scoprire “ la personalità” di Dio.  Luca, nel vangelo di questa domenica ci narra tre parabole  ( da qui l’input a parlare di .. tridimensionale “) in cui Gesù vuole evidenziare come nelle più diverse circostanze trionfa l’amore di Dio, la sua infinita misericordia: il pastore che va in cerca della pecorella smarrita, la donna che ritrova la dramma perduta e non sa trattenere la gioia, la vicenda del giovane dissoluto  che torna alla casa del Padre, che , misericordioso, lo accoglie, lo perdona, e fa festa per lui. In tutte e tre le vicende la conclusione è una esplosione di  esultanza. Gesù ha interesse a svelare quel che ci sta dietro: l’intento è quello di rivelare  il grande interesse di Dio per la salvezza dell’uomo, e con un aggancio deciso si riporta su questo concetto, proclamando : “ ci sarà più gioia per un peccatore che si converte”. Non credo che ci sia bisogno di altre parole per sentirci sollecitati, sia pur umiliandoci, a sentire il bisogno di Dio, col riconoscimento dei nostri peccati, e rivolgerci a lui, fiduciosi, certi di trovare il Padre con le braccia pronte ad abbracciarci.  Nessun ostacolo dovrebbe impedircelo.  “ Il più grande peccato è non credere all’amore di Dio per noi. Alla sua  Misericordia. Alla  grandezza del suo perdono.” ( L. Sapienza )

187 Letture

 

 

Scritto in Attualità, SocietàComments (0)

Nelle scuole suona la campana: serata dei docenti al Santuario (Video e photogallery)

Nelle scuole suona la campana: serata dei docenti al Santuario (Video e photogallery)

MUSSOMELI – Venerdì sera, nell’ambito dei festeggiamenti patronali, al santuario è stata la serata riservata ai docenti che hanno partecipato numerosi, compresi i docenti in quiescenza. Presenti l’Istituto scolastico “L. da Vinci”, l’Istituto “P. E. Giudici”, l’Istituto “G. B. Hodierna”, e l’Istituto “Virgilio”, rappresentati rispettivamente dai dirigenti scolastici Salvatore Vaccaro, Mario Barba, Carmela Campo (nuova arrivata) e da Maurizio Palumbo, vicario in rappresentanza della dirigente Rina Genco. Ha celebrato Padre Calogero Panepinto, Direttore dei seminaristi che nell’omelia ,rivolgendosi agli insegnanti, docenti ai tanti papàà e mamme presenti, ha testualmente detto:” C’è un documento della chiesa italiana, educare alla vita buona del Vangelo, parla di un patto educativo, un’alleanza educativa, che bisognerebbe realizzare tra la famiglia, la scuola, la parrocchia, la chiesa, e c’è bisogno di questa alleanza educativa , di questo patto educativo , perché magari tante volte una istituzione distrugge quello che l’altro ha detto o cerca di fare. E invece dovremmo potere avere un unico progetto educativo e lavorare insieme per il bene del ragazzo, del bambino, del giovane. C’è necessità,oggi, ha continuato il sacerdote, di andare in rete, non bisogna lavorare da soli, perché non siamo capaci di portare avanti determinati progetti e soprattutto il progetto educativo che va portato avanti in rete, insieme. Ai genitori, agli insegnanti, ai dirigenti, voglio dire che essere insegnanti non è la stessa cosa di essere educatori; non ci si deve limitare ad essere insegnanti e quindi a trasmettere le nozioni culturali, delle abilità e delle capacità : diventare educatori significa interessarsi di tutto l’uomo e non mettersi in cattedra, ma diventare compagno di viaggio dell’educato” Al termine del rito così la nuova dirigente dell’Istituto “G. B. Hodierna” Carmela Campo: “Ho accolto di buon grado l’invito di Padre Ignazio per partecipare a questa liturgia perché ritengo che un affidamento alla Santa Vergine all’inizio dell’anno scolastico sia di quanto più importante di chi ha fede, per chi crede, per chi si fa guidare nel cammino della vita e del cammino professionale e, soprattutto, per chi deve educare e quindi guidare i ragazzi a venir fuori a crescere”. Il dirigente del “L. d a Vinci” Prof. Vaccaro: ” Io credo, come ha detto Padre Panepinto, la scuola debba essere al centro di tutta l’attenzione della nostra comunità, e come ha detto lui, la scuola svolge un ruolo delicatissimo. Insegnanti, ha detto, non sono solo insegnanti, sono anche educatori. Una frase molto bella che io condivido e che la faccio mia anche per dare questo messaggio a tutti, quello di avere sottolineato questo aspetto che educare è come far nascere un uomo a una vita, in questo caso, culturale ed io aggiungerei spirituale, perché la scuola svolge anche il suo ruolo, perché non è solo depositaria di cultura e quindi delle varie materie, ma soprattutto è depositaria di quello che è il ruolo importante della scuola, cioè a dire, fare un uomo fare una donna, quindi, fare un buon cittadino, per fare anche un buon cristiano”. Il dirigente Mario Barba dell’Istituto “P. E. Giudici” ha ringraziato il rettore perché “ha voluto dare questo segno importante, mettendo sotto la divina protezione le attività di istruzione e di educazione della scuola”. Ritengo che il messaggio più forte in questo senso sia il richiamo all’unità nel portare avanti sul territorio questa alleanza educativa tra scuola, famiglia, e le varie agenzie educative che troviamo”. Il preside ha poi così concluso:” E’ importante che la nostra azione non si fermi soltanto nella trasmissione di conoscenze ma aiuti soprattutto nella maturazione dell’uomo e quindi a portare il successo formativo con le persone con cui veniamo a rapportarci”.

927 Letture

 

 

Scritto in Attualità, Eventi, SocietàComments (0)

Ancora più numerosa la confraternita della Madonna

Ancora più numerosa la confraternita della Madonna

MUSSOMELI – Si tinge sempre più di azzurro la Confraternita della Madonna dei Miracoli, che nei giorni scorsi, in un clima delle grandi occasioni, è avvenuto l’ingresso di nuovi aspiranti confrati.  “Eccomi”  hanno risposto i dieci novizi della Confraternita Maria SS. Dei Miracoli, allorquando il  maestro Giuseppe Amico ha proceduto all’appello nominale. Rigorosamente vestiti col solo camice bianco, si sono ordinatamente recati all’altare, dove il cappellano Padre Ignazio Carrubba, presente il superiore Calogero Lo Brutto, ha consegnato il medaglione della Madonna dei Miracoli, dopo averli esortati a portarlo con decoro e con rispetto. Essi sono:  Nicola Azzarello, Giuseppe Canalella, Salvatore Landolina, Vincenzo Piparo, Carmelo Scannella, Federico Tuzzè, Alessandro Territo, Salvatore Lanzalaco, Salvatore Ginex, Salvatore Vullo. Il Cappellano ha voluto verificare la loro volontà ed ha chiesto  se erano disponibili ad impegnarsi a coltivare lo zelo  per il sodalizio e a diffondere il culto e la devozione alla Madonna. Alla risposta affermativa è seguita l’abbraccio del Superiore Calogero Lo Brutto che, immediatamente dopo, ha letto l’atto di affidamento della Confraternita alla Madonna dei Miracoli. Va detto, anche, che  ancor prima dell’inizio della celebrazione, la dirigenza del sodalizio aveva deposto ai piedi della Madonna l’omaggio floreale. “E’ stato un momento molto bello – ha detto un  anziano confrate; sono contento che i giovani si stanno avvicinando alle Confraternite”.

720 Letture

 

 

Scritto in Attualità, EventiComments (0)

“1° concorso di poesia ”Paolo Emiliani Giudici”

“1° concorso di poesia ”Paolo Emiliani Giudici”

MUSSOMELI – C’è il bando del Comune di Mussomeli per il 1° Concorso “Paolo Emiliani Giudici”, relativa a Poesie inedite e/o edite con metrica e tema libero, con una visione particolare all’ambiente, territorio e tradizioni locali. Il premio sarà suddiviso in tre sezioni: La prima sezione sarà riservata ai residenti a Mussomeli e/o ai mussomelesi d’origine con almeno una parentela diretta e le poesie potranno essere sia in italiano che in idioma locale. La seconda sezione è riservata a tutti i cittadini italiani e non: poesie italiane inedite e/o edite. La terza sezione riservata a tutti i cittadini italiani e non: poesie in dialetto siciliano. Le poesie devono pervenire entro e non oltre il prossimo 25 settembre all’e-mail : pietro.carmelo@alice.it La regia e il coordinamento del concorso fortemente voluto Dal Sindaco Salvatore Calà e  dall’assessore alla cultura  Enzo Nucera è stata affidata a Piero Ciccarelli. La Giuria e il regolamento saranno  ufficialmente comunicati entro giorno 18 c.m. nel sito ufficiale del Comune di Mussomeli. La premiazione con relativa manifestazione sarà fatta presso Palazzo Sgadari Sabato 05 ottobre 2013 ore 18.30 dove sarà invitata tutta la cittadinanza a partecipare.

440 Letture

 

 

Scritto in Attualità, CulturaComments (0)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

5 anni fa…Scontro stradale, morti due campofranchesi nella Palermo Agrigento

15 ottobre 2009

IncidensutcampMILENA  - Incidente stradale sulla SS 189 Palermo-Agrigento, nella curva adiacente al lago dell'ex complesso della Montecatini, nelle vicinanza del parco acquatico "Green Park". Nell'impatto tra un'auto, una mercedes, ed un furgone  sono morte due persone. Le vittime  sono i campofranchesi Pietro Scozzaro di 62 anni e il figlio Paolo, 31 anni, che gestiva un bar a Sutera. Il conducente del ...

Leggi tutto

5 anni fa…Un’auto prende fuoco in via Trieste. Brucia la vettura di un carpentiere

14 ottobre 2009

Incendio Maina8MUSSOMELI - Un’altra macchina andata a fuoco in città. Un episodio a cui i carabinieri della Compagnia stanno tentando di fornire una lettura più precisa possibile. Uno strano caso che ovviamente desta attenzione ed alimenta una certa preoccupazione. Se non altro perché non è la prima auto che brucia di notte, e soprattutto perché l’incendio si è registrato qualche metro ...

Leggi tutto

 

Comune Mussomeli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

This site is protected by WP-CopyRightPro This site is protected by WP-CopyRightPro