VigroEuronics
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il diacono Pierenzo Costanzo  assegnato a Cristo Re

Il diacono Pierenzo Costanzo  assegnato a Cristo Re

Mussomeli – Il Diacono permanete Pierenzo  Costanzo,  dal primo settembre, svolgerà il suo mandato presso la Parrocchia di  Cristo Re.   Questo  per sopperire all’ imminente partenza di Suor Nicoletta e delle altre sorelle, chiamate dalla Madre Superiora dell’ordine ad altri compiti  e che tanto sgomento ha lasciato nella comunità religiosa  che negli anni   passati aveva  imparato ad apprezzare ed amare le religiose.

Sposato con la signora Concetta , padre di due figli Enzo Marco e Valeria ed anche nonno  ha condiviso quest’avventura del Diaconato con la sua famiglia e da quando e’ stato ordinato Diacono, nel settembre del 2010 , Pierenzo  Costanzo  ha svolto vari incarichi con spirito di fede e come supporto presso le varie parrocchie di Mussomeli , sempre disponibile a dare una mano di aiuto ai parroci del paese ed occupandosi della Pastorale della Famiglia.

IL ministero che compete al Diacono e’ quello della Liturgia,  della Parola  e del Servizio della Carità  che

adesso  il diacono  farà verbo da plasmare nella nuova comunità parrocchiale.

1.388 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Misericordia di Mussomeli, tenuti i corsi per autisti di ambulanza

Misericordia di Mussomeli, tenuti i corsi per autisti di ambulanza

MUSSOMELI –  La scorsa settimana il nostro paesello , dove tutto manca tranne la sensibilità nei
confronti del prossimo, e’ stato teatro di esame per le figure di Autista ed Aspirante Autista della
Misericordia.
AUTISTA: per diventare autista di ambulanza occorre essere soccorritore da almeno un anno, avere 21 anni
di età , avere la patente B da almeno due anni. La fase successiva e’ un corso più tecnico giusto per limare
la formazione del volontario che si troverà ad affrontare, nella guida del mezzo, situazioni anche
difficoltose. Infatti, tale corso mira alla formazione ed aggiornamento degli autisti dell’associazione di
volontariato per la guida in emergenza ed ha l’obiettivo di diffondere la cultura della sicurezza,
promuovendo dei comportamenti uniformi, secondo regole prestabilite, al fine di determinare una
condotta di guida corretta e sicura.
Il corso dal titolo “ Comportamento e sicurezza nella guida in emergenza” svolto dall’ Istruttore Confederale
Catania Vittorio , e’ rivolto a tutto il personale Autista ( gli autisti già abilitati devono sostenere un re-
training ogni due anni) o Aspirante Autista , della Misericordia di MUSSOMELI, ALIA e paesi limitrofi e’
iniziato il 10-11-2018 e terminato a gennaio 2019 per un totale di 23 ore di teoria e 7 di pratica, volto a
formare gli autisti nella guida di mezzi in allarme, guida in sicurezza e rispetto della normativa sulla
sicurezza sul posto di lavoro, tra gli argomenti trattati:

-responsabilità dell’autista ( civili e penali)
– codice della strada
-uso dei dispositivi supplementari di allarme
– disposizioni dei posti sul mezzo e uso dei sistemi di ritenzione e sicurezza
-comportamento in autostrada o su strade extraurbane
-comportamento in caso di incidente
-tecniche di guida
-distanza di sicurezza
– l’inversione in autostrada
– come si affronta un incrocio
-come si procede controsenso
– il posizionamento sul luogo dell’intervento
– sicurezza sulla scena dell’intervento
– guida sotto scorta
– guida in tandem
– rendevuz con elicottero
I partecipanti 15 tra le Misericordie di ALIA e MUSSOMELI , in 9 hanno superato positivamente l’esame
pratico,teorico e scritto svolto in due separate sedute.
Ad esaminarli un’ apposita commissione composta da Vittorio Catania ( istruttore autisti) , TUCCIO
Costanzo esperto in codice della strada ( delegato dal governatore) e presieduta dal responsabile
regionale dei formatori autisti Roberto RAPAGLIA’. L’ultima sessione di esami che ha decretato gli idonei
si e’ svolta nel primo pomeriggio di sabato 22 giugno 2019
Di seguito i nomi di coloro che hanno superato il corso:
Misericordia di ALIA ,
ANDOLINA Rosanna
BOSCARINO Anna Maria
BIONDOLILLO Giuseppe Bruno
Misericordia di MUSSOMELI,

LOMANTO Michele
CORRADENGO Salvatore
MICCICHE’ Giuseppe
LA GRECA Giovanni
CONSIGLIO Giovanni ( re- training)
FRANGELLA CRISTIAN
Riceveranno l’attestato di autisti confederali e verranno iscritti come tali nell’albo nazionale delle
Misericordie d’Italia.
Soddisfazione da parte del Governatore per i risultati ottenuti così come anche del delegato regionale per
la preparazione degli esaminati.
Unanime la condivisione da parte del Governatore e del delegato regionale sull’affermazione di Vittorio
“ancora un modo per essere più professionali nel puro volontariato dove non servono i numeri ma la
qualità, la preparazione e la professionalità .

841 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

Mussomeli: 83enne scomparso, trovato esanime in campagna

Mussomeli: 83enne scomparso, trovato esanime in campagna

Mussomeli – Era andato in campagna e da lì non è più tornato. Si è risolto presto e con un epilogo tragico il giallo che aveva avvolto la scomparsa del signor Vincenzo Bertoloni, pensionato 83enne, che venerdì mattino si era recato nel suo podere di campagna in contrada Manca. Da allora dell’uomo non si erano più avute notizie i familiari, allertati dall’assenza avevano lanciato l’allarme. Erano così scattate le ricerche concluse ieri quando l’uomo è stato trovato esanime in una scarpata in prossimità dell’abitazione di campagna. Secondo le ricostruzioni, l’uomo sarebbe stato colpito da un malore  mentre era dedito alle attività rurali e sarebbe finito in un pendio. Sia i rilievi effettuati sul posto che l’ispezione cadaverica avrebbero  confermato che l’uomo è stato preda di un malessere che non ha lasciato scampo. L’uomo lascia la moglie, signora Iolanda, due figlie e i nipoti. La salma verrà trasferita stasera alle 20,15 alla chiesa della Trasfigurazione dove domani, 1 luglio,  alle ore 16 verranno celebrati i funerali.

7.977 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Finalmente sulla  SP38  uno spiraglio di luce, iniziati i lavori di asfaltatura grazie ai fondi della Bcc “San Giuseppe”

Finalmente sulla  SP38  uno spiraglio di luce, iniziati i lavori di asfaltatura grazie ai fondi della Bcc “San Giuseppe”

MUSSOMELI –  I tanti tornanti che cullano l’SP38 sembrano i fianchi di una donna in totale disfacimento ed abbandono.  A pagare il necessario rifacimento  estetico e strutturale di questa  “ brutta e impossibile” l’istituto di credito più antico di MUSSOMELI.

“Finalmente, oggi –  ha postato ieri  Domenico Messina del Comitato Viabilità Negata del Vallone-  si sta procedendo ad asfaltare i tratti di strada diventati oramai pericolosi  per chi giornalmente li percorre con la propria auto (salita SERRADIFALCO).

Ciò è stato possibile grazie all’interessamento della BCC di MUSSOMELI che mi sento in dovere di  ringraziare come  pendolare quotidiano di detta strada”.

Merito , anzitutto, del   Management  della banca San Giuseppe che durante i suoi spostamenti in auto in direzione San Cataldo ha potuto toccare con mano al volante e constatare in prima persona la mancanza di sicurezza e la pericolosità di una strada che si può definire  una “trazzera” non reggia.

Ha ben poco di regale, infatti, questo tracciato in cui anche il numero uno della “banca dei parrini” ha rischiato di finire nella carreggiata opposta nel tentativo di evitare una delle tante buche.

In questa situazione,  come tanti altri cittadini e compaesani,  si e’ ritrovato più volte non solo il management della BCC  ma gli stessi impiegati che con puntualità , quasi settimanale, si recano  presso  l’aula studio della consorella Toniolo di San Cataldo per seguire corsi di formazione.

Questo stato di cose ha spinto  la BCC del paese manfredonico  ad adoperarsi per fare qualcosa  certamente utile per la comunità di Mussomeli  e degli altri cittadini dei comuni limitrofi e, quindi,   a proporre  l’intervento ed il sostegno economico all’ex provincia di Caltanissetta e, tramite il dott. Totino Saia , ex tecnico della provincia, si e’ messa in contatto con la Dott.ssa Panvini , Commissario Straordinario del libero  Consorzio.

 

E’ stata prospettata la lodevole iniziativa e si e’ messo il tutto nero su bianco, formalizzando ufficialmente la proposta, relativa ad un impegno  di 10.000,00 €  per asfaltare ampi tratti di strada provinciale lungo i tornanti che  dalla ex miniera Bosco arrivano a Serradifalco ed oggi, come ampiamente dichiarato da  Domenico Messina, si sono potuti vedere gli operai al lavoro e l’impegno  del  management bancario che ha dato i suoi frutti. La BCC,   non nuova a queste iniziative a sfondo sociale che portano un beneficio alla comunità ,ha ampiamente fatto la sua parte assolvendo ad uno scopo istituzionale proprio di una banca che si spende  per il territorio.

“Per noi- conclude Domenico Messina- l’invito , come cittadini del Vallone, e’ di non demordere e di battersi per strade e servizi migliori, non da cittadini  di serie B e  consoni ad una Provincia ed una Regione che vorrebbe fare dell’entroterra siciliano un turismo di qualità”.

1.705 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Un Gianburrasca  di Sutera  a “La Sai L’ultima?” venerdì scorso su Canale 5

Un Gianburrasca  di Sutera  a “La Sai L’ultima?” venerdì scorso su Canale 5

SUTERA – Reggiano di  nascita, ma suterese di’ origine, il 46enne Willer Collura , dopo avere superato le selezioni, si e’ ritrovato nel gruppo di barzellettieri che hanno partecipato alla prima puntata della nuova edizione de “La Sai L’ultima?”, in onda su Canale 5 venerdì scorso  in prima serata,  condotta dal mattatore Ezio  Gregio  e con Biagio Izzo, Scintilla e Maurizio Battista  come coach delle tre squadre.

Willer Collura , umorista di Castelnovo Sotto,  nel reggiano, e’ stato tra i quindici barzellettieri protagonisti dello spettacolo televisivo , una vera e propria gara di’ battute e di sketch  che ha tenuto incollati al televisore i tanti cugini ed amici di  Sutera, suo paese di’ origine ,  dove,  con grande rammarico  confessa: “Sono ben 20 anni che non vengo. Ricordo quando a 14 anni, durante l’ estate  degli anni 80  in  una gara di’ ballo organizzata a Sutera,  vinsi  ballando la breakdance”. Willer e’ noto anche  per le sue apparizioni ad un altro programma televesivo di  successo “La Corrida “, spettacolo con dilettanti allo sbaraglio condotta dall’erede di  Pippo Baudo, Carlo Conti. La comicita’ del “nostro amico” è ”parmigiano-reggiana” dove ostenta un italiano con inflessioni dialettali da emiliano doc, producendo una spontanea ilarita’ da parte di’ chi lo ascolta.Ama  definirsi un “diversamente settentrionale,” il papa’ siciliano di Sutera e la mamma emiliana , usa nelle sue  gag comiche delle smorfie ed una mimica facciale degna delle migliori maschere  carnevalesche o del grande toto’. Raggiunto telefonicamente l’artista, che ha  anche un blog che fa da pubblicita’ alla sua arte,  rivela che anche da piccolo” ne combinava dii tutti i colori!” Alle elementari faceva impazzire la malcapitata maestra con le sue battute da Gianburrasca.

Conclusi  gli studi con la terza media, lavora a parma in una concessionaria di automobili,

Ma da sempre coltiva la sua vera vocazione: far ridere la gente. ” Vado dove mi chiamano – racconta Colura – , alle feste di paese  e a quelle private, e dedico le serate a raccontare barzellette. Le mie barzellette –rivela –  nascono dalle esperienze di vita , ma rispecchiano la vita di’ tutti . In ogni barzeletta possiamo trovare la nostra storia , ecco perche’ le barzellette sono di tutti e nessuno puo’ dire questa storiella e’ mia.

Nascono dai bar, dagli ambienti di’  lavoro, dagli incontri che fai per strada  o quando  vai dal medico, insomma sono il film della vita di tutti noi”.

1.916 Letture

 

 

Scritto in AttualitàComments (0)

 

Sconforto nella sua Acquaviva Platani e a “Casa Rosetta”, a  29 anni muore Giuseppe Infurna

Sconforto nella sua Acquaviva Platani e a “Casa Rosetta”, a  29 anni muore Giuseppe Infurna

Acquaviva – Acquaviva  Platani, ancora stordita dai festeggiamenti della  Breccialfiorata, si sveglia nel dolore.

Un suo figlio, Giuseppe Infurna  di 29 anni, muore colpito da un malore.

Da qualche anno frequentava Casa Rosetta a Mussomeli , dove aveva trovato amicizia  e il modo per impegnarsi .

Raggiunta telefonicamente, la psicologa  Angela  Renda  ne descrive la figura come un “ Angelo di bontà!”

.“ Era un ragazzo dolce- prosegue la professionista – , affettuoso, amorevole la sua scomparsa getta nello sconforto  Casa Rosetta che era diventata la sua casa.

Sempre disponibile, pronto a farsi avanti se avessi avuto bisogno di andare a prendere qualcosa .

Aveva partecipato ad un progetto  realizzato con un centro commerciale della zona ed era stato  inserito

come commesso nel negozio di calzature  gestito da un mio cugino ed in un altro progetto,realizzato con la scuola alberghiera dell’Istituto Virgilio , faceva il cameriere di sala.

Inoltre, era commovente il legame particolare che aveva  con un ragazzo, molto più  grande di lui,

figlio di una coppia di Milena, con il quale amava mangiarsi la pizza.

Per  noi operatori, conclude  Angela Renda, e’ una grossa perdita affettiva, Giuseppe aveva conquistato tutti”.

Anche Mario  Bertolone, l’autore del libro “La Chiesa  e il quartiere  di Santa Maria”, e’ addolorato  avendo avuto modo di conoscerlo quando qualche anno fa prestava il servizio civile presso Casa Rosetta.

Ricorda una frase che Giuseppe gli diceva:  “ Buongiorno Mario che si dice al Comune di Mussomeli?”,

Una questione ripetuta tutte le  sante mattine durante il mio anno di servizio a Casa Famiglia Rosetta.

“Questo perché  vedeva che   mi interessavo per Mussomeli  e quindi facendomi questa domanda giornalmente voleva sapere quel che organizzavo, come andava al Comune  ecc…

Era un ragazzo molto solare, sempre presente, gentile e umile … partecipava alle attività della ceramica ma anche ai recital  e spettacoli che l’associazione di Casa Rosetta ogni anno organizza ,dove insieme  a Salvatore Pecoraro di Campofranco ( morto nel Gennaio di quest’anno) aveva sempre parti importanti”.

I funerali si svolgeranno  domani lunedì 24 giugno alle 16.30  ad Acquaviva Platani nella Chiesa principale del paese”.

9.141 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

“Ogni tappo è una goccia per formare un oceano di solidarietà”. Prosegue la raccolta di Daniele Bellanca pro missione Biagio Conte

“Ogni tappo è una goccia per formare un oceano di solidarietà”. Prosegue la raccolta di Daniele Bellanca pro missione Biagio Conte

– Biagio Conte missionario nato a Palermo dove opera è il San Francesco palermitano e come il religioso d’Assisi si è donato al prossimo, spogliandosi di tutti i suoi averi. Il classico ” figlio di papà” ha sentito l’ impulso di aiutare chi nelle vita non poteva permettersi neanche un pezzo di pane per sfamarsi così in via Architravi a Palermo,  nel 1993 fonda la prima Comunità “Missione Speranza e Carità”  dove  accolgono tutti i derelitti del mondo. Un’iniziativa, volta a sostenere  la missione di Fratel Biagio in questa sua opera di aiuto ed assistenza per il prossimo, e’ la Raccolta dei Tappi organizzata in tutta la Sicilia.
A Mussomeli il promotore é Davide Bellanca,  volontario della Missione e che da anni, ormai, grazie all’incoraggiamento di un collega del padre e, successivamente, delle istituzioni scolastiche e della chiesa locale porta avanti iniziativa encomiabile.
“La raccolta dei tappi di plastica- dice Daniele: comprende tutti i tipi di tappi come quelli dei detersivi, shampoo, del latte, e delle bottiglie d’acqua, l’importante è che siano di plastica.
Non c’è limite, per la raccolta non c’è scadenza. Questi tappi li acquista una ditta per sei centesimi ed il ricavato va alla Missione  ‘Speranza e Carità’.
Inoltre si sa che la plastica inquina l’ambiente in cui viviamo per cui riciclandola si ottiene il doppio vantaggio di fare pulizia e solidarietà.
Se ognuno fa qualcosa tutti insieme facciamo tanto. Ogni goccia tutti insieme forma un grande oceano di solidarietà.”
Per chi volesse contribuire all’iniziativa,  numero di Daniele  Bellanca è 3206252597

1.395 Letture

 

 

Scritto in AttualitàComments (0)

 

Arciconfraternita SS. Sacramento, oggi l’annuncio dell’annullo filatelico

Arciconfraternita SS. Sacramento, oggi l’annuncio dell’annullo filatelico

MUSSOMELI – I matricisi sono orgogliosamente in festa e ne hanno tutte le ragioni. In occasione dei festeggiamenti   per la solennita’ del corpus domini presso la chiesa madre, sabato 22 giugno 2019, l’arciconfratenita del ss. Sacramento alla madrice, con l’attuale priore Alessio Barba  rendera’ noto che , su iniziativa del confrate  e attuale dipendente  postale  Fabio Giardina, la confratenita ha ottenuto l’annullo filatelico per i 466 anni di’ fondazione con bolla papale istitutiva che porta la firma dell’allora sommo pontefice Giulio III, approvato da poste italiane.

L’annullo filatelico non puo’ che essere un elemento che va coronare  l’impegno e il forte attaccamento di’  tutti  confrati ai principi ispiratori  che guidano la Confratenita Del Ss. Sacramento in un paese definito: “delle confraternite”  in un clima di’ collaborazione ed unita’ di’  intenti che deve essere fonte di’ ispirazione  fra le varie confratenite  di’ Mussomeli ,secondo i principi dell’amore cristiano.

946 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Si conclude un’altra brillante stagione per l”A.S.D Don Bosco Mussomeli (di Francesco Imbesi)

Si conclude un’altra brillante stagione per l”A.S.D Don Bosco Mussomeli (di Francesco Imbesi)

Mussomeli – La scorsa settimana, presso il campo sportivo ” Nino Caltagirone” , si è conclusa la stagione per i più piccoli (quasi cento) dell”A.S.D Don Bosco Mussomeli.
Dirigenti, allenatori e collaboratori, hanno preparato cinque campetti di diverse misure, dopo aver diviso i ragazzi per età e categoria, hanno dato inizio a delle partitelle che hanno visto i ragazzi protagonisti con il loro entusiasmo e il loro impegno e giocate degne di nota.
Si conclude così la stagione sportiva durata ben nove mesi 2018/2019 dei piccoli amici, primi calci, pulcini e parte degli esordienti (2007) che hanno raggiunto lusinghieri risultati e  conquistato  per il secondo anno consecutivo il titolo di “Scuola calcio Elite”.
Alla fine è stata festa grande e grazie all’aiuto dalle mamme presenti, è stato allestito un gran buffet con il dessert  offerto dall’ex presidente ed ora dirigente Angelo Loconte,

Il presidente  Giovanni Belfiore augurando una serena estate  ha dato appuntamento  per fine agosto con il memorial “Camerota e Scaccia”, ringraziando  tutti i mister, collaboratori e dirigenti che con il loro impegno a titolo gratuito hanno permesso che quasi duecento tesserati/e praticassero con impegno e allegria il gioco del calcio.
Questi i mister e collaboratori dell’ASD Don Bosco Mussomeli:
Piccoli amici ( Lanzalaco Nino- Giuseppe Nugara-
Calogero Castiglione)
Primi calci(Domenico Lomanto-Giuseppe Nugara-Michele Favata- Enzo Zarbo)
Pulcini 2009( Daniele Misuraca- Luigi Alessi)
Pulcini 2008(Giovanni Belfiore e Salvino Piazza)
Esordienti 2007(Giuseppe Alessi- Roberto Nola – Enzo La Greca)
Esordienti 2006( Rino Cacciatore- Paolo Scannella)
Giovanissimi 2005 (Felice Immordino – Nino Lanzalco- Gero Falzone)
Allievi( Salvatore Mingoia – Michele Favata)
Squadra femminile ( José Mario Messina- Luciana Palermo e Lucia Taibi)
3 categoria / vincente campionato
( Vincenzo Sorce-
Giovanni Belfiore)
Piscologo :Dott Francesco Prisco.

Dirigenti: Tanino Catania, Alessandro Misuraca, Salvatore Guarino, Giuseppe Coffaro.

FRANCESCO IMBESI

651 Letture

 

 

Scritto in SportComments (0)

 

Parola d’ordine valorizzare l’architetto. Nasce l’ Associazione “MesArk” (di Francesco Imbesi)

Parola d’ordine valorizzare l’architetto. Nasce l’ Associazione “MesArk” (di Francesco Imbesi)

Mussomeli – Mussomeli ha una nuova realtà consociativa. L’associazione “MesArk di nuova costituzione, di cui è presidente l’architetto Rino Bertolone, ha l’ambizioso progetto di trasmettere la consapevolezza che l’architettura e’ il veivolo trainante per la buona gestione del territorio ed una risorsa fondamentale quale strumento sociale , attraverso il quale costruire Architetture di qualità.

“MesArk -dichiara l’arch.  Bertolone – nasce anche per evidenziare e proseguire in maniera associata quelle iniziative di cui mi sono reso protagonista a carattere individuale, le bellissime esperienze degli Eventi già organizzati (geoarchitettura del 2017 e 2018) che sono fonte di ispirazione e stimolo per credere in questa iniziativa.

Nell’avventura intrapresa sono accompagnato e supportato dal collega arch. Ladduca Lorenzo, che nella mia prima uscita da presidente dell’associazione ha contribuito a realizzare la brochure.

Il giorno 10 giugno 2019, all’ interno di un progetto PON fatto dall’istituto Paolo Emiliani Giudici denominato “per le vie del mondo open day” ho accompagnato, prosegue Rino Bertolone, gli alunni di 4 elementare e della scuola media per le viuzze del centro storico attraverso l’antico  quartiere Terravecchia” dove emergono evidenti connotati di natura islamica ad arricchire il tessuto urbano.

Tornando all’associazione MesArk ha come obiettivi La valorizzazione e la qualificazione della professione dell’Architetto, il suo costante aggiornamento scientifico e culturale; la promozione e l’attuazione di ogni iniziativa diretta alla formazione, perfezionamento, riqualificazione ed orientamento professionale in materia di Architettura, pianificazione, paesaggismo e conservazione; la tutela e la valorizzazione dell’immagine e della professionalità dell’Architetto, lo sviluppo di una comune coscienza professionale e l’incentivazione dei rapporti di solidarietà , lo sviluppo dei rapporti tra le varie forme di vita associata presenti nella comunità”.

Francesco Imbesi

1.067 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com