Warning: Use of undefined constant style - assumed 'style' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /web/htdocs/www.castelloincantato.it/home/wp-content/themes/gazette/functions.php on line 575
VigroEuronics
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Oggi i funerali di Vincenzo Giardina,  una vita fra motori e mezzi agricoli.

Oggi i funerali di Vincenzo Giardina,  una vita fra motori e mezzi agricoli.

MUSSOMELI –  E’ deceduto  ieri  a causa di un male incurabile  all’età di 70 anni presso l’Ospedale di Caltanissetta dove si trovava  ricoverato.

Imprenditore ntraprendente , nato l’ 11  agosto 1948, aveva creato,  insieme ai fratelli,  una fiorente attività commerciale di vendita di moto e mezzi agricoli con relativa assistenza  meccanica,  la Sicil Zappa s.n.c. sita in contrada San Giacomo,  dove  per tutta la sua vita si era speso ed aveva,  orgogliosamente,  realizzato  una fonte di lavoro per i figli e nipoti,  per tutta la famiglia,  insieme appassionatamente. Un’latra passione del signor Giardina era il biliardo. Amava il tavolo verde, le stecche e birilli. Tanto che era stato un giocatore assiduo  degli ultimi 30 anni nei vari club  si praticava questo sport

Carattere allegro,  estroverso,  amico degli amici era sempre disponibile alla battuta e gran lavoratore.

La salma arriverà oggi 29 Luglio nel primo pomeriggio presso il Santuario Maria SS dei Miracoli e alle 16.00 avrà inizio il rito funebre.

3.478 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Mussomeli, operaio del Comune perde due dita mentre monta il palco

Mussomeli, operaio del Comune perde due dita mentre monta il palco

MUSSOMELI – Il palcoscenico gli è costato due dita. Oggi Vincenzo Vigna,  operaio del Comune,  ha subito l’amputazione delle falangi del primo e secondo dito della mano sinistra in seguito ad un incidente sul lavoro. L’uomo stava lavorando in Piazza Umberto nella mattinata intento, insieme ad altri operai,  ad allestire un palco che rientra nei preparativi logistici previsti  dell’amministrazione comunale per l’estate mussomelese.

Pare che un elettro-utensile, forse una smerigliatrice con cui stava lavorando, sia stata la causa del grave  incidente. Sono seguiti attimi di concitazione e preoccupazioni per la salute del malcapitato. Immediato l’allarme lanciato dai suoi colleghi che hanno allertato i vigili urbani ed i carabinieri giunti per i sopralluoghi del caso. Prontamente soccorso e trasportato presso  il nosocomio cittadino , l’operaio è stato sottoposto ad un intervento che nonostante l’inevitabile amputazione è andato a buon fine ed ha evitato conseguenze ben più gravi. L’uomo è stato ricoverato presso il reparto di ortopedia per la necessaria prognosi. Le sue condizioni sono stabili e dovrebbe essere dimesso fra qualche giorno.

5.573 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Munì: “Case a 1 € rischio erariale per il Comune. Alba all’oscuro di tutto, gestisce solo l’assessore Nigrelli“. L’INTERVISTA

Munì: “Case a 1 € rischio erariale per il Comune. Alba all’oscuro di tutto, gestisce solo l’assessore Nigrelli“. L’INTERVISTA

MUSSOMELI – in un’intervista il consigliere Enzo Munì, col cuore in mano, esprime tutta la sua preoccupazione sulla vicenda delle case ad un euro tracciando un excursus su quella che definisce una bomba ad orologeria pronta a scoppiare sui fasti di un reality che sa più di improvvisazione e di fumo negli occhi.

D. CASE AD UN EURO UNA GENIALATA OPPURE UNA TROVATA PROPAGANDISTICA?

R. Quello che in altri paesi come Gangi o Sambuca di Sicilia si è rilevata essere una buona idea a Mussomeli è diventata un rischio, una minaccia e questo perché, mentre gli altri paesi hanno adottato un regolamento rispettandolo, da noi il regolamento,  come tutti i regolamenti del resto,  sono disattesi e  bistrattati.

Il Comune di Mussomeli è dotato di un regolamento  varato,  a suo tempo,  dall’amministrazione Calà e votato all’unanimità da tutti i consiglieri comunali compreso l’assessore Nigrelli;  questo regolamento   stabilisce che gli acquirenti delle case ad un euro devono stipulare una polizza fideiussoria con beneficiario il Comune dell’ammontare di 5000.00€, a garanzia della legittimazione che dovranno portare avanti la ristrutturazione dell’immobile acquistato,  non entro i tre anni come erroneamente e in mala fede dice l’ingegnere Nigrelli,  ma entro un anno dall’acquisizione della casa.

I tre anni di cui parla l’assessore Toti  Nigrelli riguardano la polizza fideiussoria , nel caso in cui  ancora dopo tre anni non c’è nessun intervento di ristrutturazione, il Comune può distaccare la polizza fideiussoria.

Questo a Mussomeli non è avvenuto!

D. PER QUANTO RIGUARDA IL REALITY DELLE CASE AD 1 €?

R.Il giusto epilogo dopo cinque anni di questa legislatura.

D. A PROPOSITO DI QUESTI CINQUE ANNI, SE C’E’ STATA QUALCHE OMISSIONE NON E’ PERCHE’ C’E’ STATA UN’OPPOSIZIONE DORMIENTE, CHE NON VIGILATO O CONTRASTATO?

R.Non mi pare, noi dell’opposizione, proprio lo scorso anno, abbiamo presentato un’interrogazione a cui hanno risposto in malo modo, cioè dicendo che gli atti pubblici per privacy non  potevano essere divulgati, stupidaggini. Sostenendo che non ci fossero compagnie assicurative che volessero stipulare polizze fideiussorie a questi acquirenti che vengono dall’estero. Io mi chiedo: ma se le assicurazioni, che si fanno pagare il rischio, non intendono assumersi questo rischio lo dovremmo fare noi come Comune?

E  dico di più, come opposizione, anche il mese scorso abbiamo presentato un’altra ennesima interrogazione alla quale ancora devono rispondere, coi loro comodi, sempre sulle case ad un euro.

Perché mi spiego, a distanza di un anno, abbiamo chiesto dati certi: abbiamo chiesto quali sono le case, dove sono situate, quali da ristrutturare o quali fino ad oggi sono state ristrutturate. Quindi anche su questo argomento noi il nostro dovere l’abbiamo fatto. Il problema è che loro se ne fregano delle interrogazioni, se ne fregano delle mozioni, se ne fregano delle votazioni in aula e continuano a dare o a fare fumo negli occhi.

L’ingegnere Carmelo Alba , che dovrebbe essere (come asserisce la segreteria comunale) il responsabile delle case ad un euro, mi ha confermato  che non sa nulla: chi vende, chi compra, dove , a che prezzo … niente di niente e,  ad oggi, nessun straniero ha fatto pervenire richiesta di ristrutturazione di immobili a Mussomeli.

E’ tutto gestito dall’amministrazione  e dall’assessore NigrellI, cosa che la legge Bassanini vieta assolutamente.

D. LA SITUAZIONE DEL CENTRO STORICO E’ MIGLIORATA, PEGGIORATA O NON E’ CAMBIATO NULLA?

R.Basterebbe farsi un giro e chiedere agli abitanti del centro storico. Per centro storico parlo di Terravecchia, Madonna, San Giovanni, Carmelo è una situazione allarmante. Ricevo decine di telefonate da parte degli abitanti di questi quartieri , l’ultima, in ordine di tempo, da Mario Tuzzeo, proprio ieri, che mi segnalava una casa che stava cadendo  vicino la sua abitazione  in vicolo Piazza. La situazione è drammatica!

Questa  amministrazione ad inizio legislatura ha fatto un convegno  sul recupero del centro storico,ma poi, in realtà,  in aula consiliare mi portano un programma che tende a fare costruire anche dove non si potrebbe costruire.

D. QUINDI , LA VOSTRA PROPOSTA PER LA RIQUALIFICAZIONE DEL CENTRO STORICO QUAL E’?

R.La nostra proposta è intanto rispettare il regolamento che esiste, cioè ripristinare la correttezza dell’azione amministrativa, significa che se tu regali un immobile devi impegnare quell’acquirente alla ristrutturazione . Come lo impegni? O con una polizza fideiussoria, così come prevedeva il regolamento, oppure dato la mancanza di compagnie assicurative che vogliano assicurare questo rischio, con un deposito cauzionale di 5000,00€ a queste persone come garanzia della ristrutturazione che devono fare.

Mentre in altri paesi è un’opportunità a  Mussomeli  diventa un rischio nella misura in cui queste persone prendono l’immobile senza essere impegnati  in niente e se, per un motivo o per un altro , non ristrutturano tu Amministrazione Comunale  avrai un problema  maggiore.

Essendo l’immobile acquisito da persone che vengono  dal Belgio, dal Canada, dall’Australia, dalla Cina, da tutti i Paesi del mondo , come dice l’assessore Nigrelli , si avrà difficoltà a reperire queste persone per mettere in sicurezza l’immobile che sta cadendo. Il rischio è che ci siano tanti proprietari  e tante incompiute.

C’è anche un altro rischio che non va sottovalutato: i 5000.00€ di polizza fideiussoria o di deposito cauzionale , oltre a dare una garanzia per la ristrutturazione,  servono  anche a mettersi in casa gente che ha volontà di ristrutturare ed ha una certa disponibilità economica .Con la conseguenza che un conto è  che io mi metta dentro gente nullatenente, gente poco di buono, perché tanto prendono case senza pagare nulla, mentre abbiamo gente che si ubriaca in piazza  per il paese e va ad urinare , la notte, in piazza della Repubblica e così via.

 

D.IL DISCORSO CASE AD UN EURO COME INCIDE SUL MERCATO IMMOBILIARE? QUALCUNO DICE CHE IL GIA’ PRECARIO MERCATO IMMOBILIARE DI  MUSSOMELI CON LE CASE AD UN EURO SI E’ ABBASSATO, NEL SENSO CHE TUTTI ORA IMMAGINANO CHE QUALUNQUE IMMOBILE  SI DEBBA COMPRARE SE NON CON UN EURO CERTAMENTE CON POCO  DETERMINANDO UN DEPREZZAMENTO DELLE PROPRIETA’ IMMOBILIARI,  E’ VERO  O NO?

R.Probabilmente si, ma è un fattore secondario per me, premesso che il proprietario non è obbligato a vendere, si è diffusa l’idea che a Mussomeli qualunque casa, anche quelle che ristrutturate diventerebbero una reggia, si debbano comprare ad un euro. Se il regolamento fosse stato rispettato non si  sarebbe arrivato a questo stato di cose!

In altri paesi  l’idea ha funzionato ma stiamo parlando di paesi come Gangi, borgo dei borghi, Sambuca di Sicilia, che riscuotono un certo appeal. Ecco, probabilmente  questa cosa che Mussomeli ha meno attrattiva rispetto ad altri paesi,  ha spinto i nostri amministratori, al fine di agevolare la vendita delle case ad un euro, a non chiedere nessuna garanzia,  perché probabilmente quello che a loro interessa è andare sempre sui giornali e fare vedere chissà  quale economia a Mussomeli,  chissà quali investimenti. L’assessore Nigrelli scrive che i tecnici e le imprese lavorano. Mi chiedo quali imprese, quali tecnici? Forse la sua di impresa?

D. IN SOSTANZA, CONSIGLIERE MUNI’, TEME CHE POSSANO ARRIVARE AFFARISTI, AVVENTURIERI E NON INVESTITORI REALI.

 

R.Il rischio è questo: se io do una casa senza chiedere un impegno minimo a garanzia, il rischio è che venga qui gente che non può permettersi di acquistare una casa e che il centro storico anziché riqualificarsi diventi un ghetto, diventando ancora più desolato con immobili fatiscenti e cadenti rispetto a quanto è ora. Non volendo discriminare nessuno,  il rischio è che vendendo le case senza avere nulla in cambio si presenti il malandrino di turno ed inoltre, cosa ancor più grave, il rischio ricade tutto sul Comune perché quando l’immobile dovrà essere messo in sicurezza perché pericolante e tu Comune non potrai rintracciare il proprietario perché sarà in Belgio o in Canada, si dovrà intervenire e forse non ci saranno neanche i fondi perché intervenire costa. Insomma fumo negli occhi per un reality dal futuro quantomeno incerto.

2.184 Letture

 

 

Scritto in AttualitàComments (0)

 

Suor Nicoletta, l’instancabile religiosa  di Cristo Re  ai saluti finali

Suor Nicoletta, l’instancabile religiosa di Cristo Re  ai saluti finali

Mussomeli – Non sono bastate le molteplici iniziative messe in atto da parecchi parrocchiani,  quali lettere indirizzate alla Madre superiora dell’ordine di Santa Giovanna Antida Thouret  cui appartiene suor Nicoletta col vano tentativo di dissuaderla   ed articoli di giornali delle testate locali  ma, come un destino già scritto, Suor Nicoletta lascia Mussomeli ,  dopo tantissimi anni di lavoro spirituale che ha dato i suoi frutti,  con la creazione di un corpo di catechiste, molto legate alle religiose,  che ha educato i giovani,  bambini e ragazzi, che hanno frequentato la Chiesa  alla parola di Dio,  durante il loro percorso di formazione e  di preparazione ai  sacramenti della Prima Comunione e della Cresima. Ma,  soprattutto,  l’aiuto ai poveri, ai bisognosi,  il conforto per chiunque ne avesse avuto bisogno dagli ammalati alle persone che avessero subito un lutto in famiglia,  a tutti. Sono venute da Palermo tre suore dello stesso ordine,  che durante la Messa,  hanno reso omaggio a Suor Nicoletta e   Suor Carmela che lasciano la comunità ognuna con un destino diverso: Suor Carmela andrà in un istituto di suore dell’ordine perché , data l’età avanzata,  ha bisogno di assistenza,  Suor Nicoletta andrà ad Agrigento destinata ad altro incarico. Anche il parroco  Padre Tuzzeo si è speso in parole di elogio per le religiose,  dichiarandosi dispiaciuto della loro partenza  e  per il venire meno dell’apporto di Suor Nicoletta che ha rappresentato  la colonna della parrocchia e un sostegno anche per lui stesso.

Alla fine  della Messa la commozione si toccava con mano.

Le catechiste hanno organizzato,  nella serata dello stesso giorno dedicato ai saluti, un rinfresco in onore delle Suore con tavola calda, torte e spumante, cercando di addolcire il distacco per una perdita così importante. Le Suore, visibilmente commosse e contente per  le attenzione ricevute,  hanno ringraziato spendendosi in baci per tutte le volontarie della catechesi e dei parrocchiani intervenuti a salutarle.

Suor Nicoletta ha invitato tutti a farsi forza ed incoraggiato a continuare nella strada intrapresa per non disperdere il patrimonio di assistenza e solidarietà spirituale creato con tutte le catechiste, ricordando loro che saranno sempre presenti  nelle sue preghiere e nei suoi più bei pensieri.

foto gallery   Tanino Romito

4.863 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

Per iure sanguinis due giovani brasiliani cittadini di Mussomeli

Per iure sanguinis due giovani brasiliani cittadini di Mussomeli

MUSSOMELI –  Due brasiliani figli del paese manfredonico. Si tratta di  Rafael Schlichmann, nato il 26 01 1992 in Brasile a Jonville, diplomato  scuola superiore e Rodrigo Schlichmann, nato il 15 05 1997 a Jonville nella regione di Santa Catarina in Brasile,  diplomato scuola superiore indirizzo informatico.

Entrambi, in Brasile lavoravano nel settore industriale metallurgico e dal 30 maggio 2019 vivono a Mussomeli,  residenti in via Palermo 52.

Il loro trisnonno  Ermenegildo,  nato in Italia nel 1885 in Casale di Scodosia, comune di Padova, emigra in Brasile il 19 02  1887. Partono, infatti,  dal porto di Genova imbarcati sulla nave San Marco i genitori del loro trisnonno, Giovanni Borghesan e Marianna Lorenzetto , insieme ai tre figli Vittorio di 6 anni, Virginia di 4 anni e il trisnonno di due anni,  con destinazione Rio di Janeiro. Messo piede in Brasile i coniugi Borghesan si stabiliscono nel Sud dello Stato,  più precisamente  San Ludgero  nella regione di Santa Caterina,  dove il trisnonno Ermernelgildo si unisce in matrimonio  con la signora Anna Kuhncin  che gli regala  quattro figli: Paulo ( il bisnonno),   Francesco,  Antonio e Vittorio.

Il bisnonno Paulo ha vissuto in quella stesa regione sposandosi ed avendo figli, di cui Jacintho Borghesan sarà il nonno di Rafael e Rodrigo. Dopo poco tempo,  si sono trasferiti nella città di Francisco Beltrao nel Paranà dove il trisnonno e’ stato Sindaco e  il bisnonno Paulo è stato prefetto per un breve periodo.

Il nonno Jacinto sposandosi è andato a vivere in un paesino che non esiste più perché distrutto dall’inondazione del fiume e  dove è stata costruita la più grande centrale idroelettrica dell’America Latina.

Quindi,  sono stati costretti a trasferirsi in una nuova città Prata Do Iguacu , li è nata la madre di Rafael e Rodrigo , sposata  madre di tre figli si è trasferita a Joinville dove troppo presto è rimasta vedova .

“ nel 2009 –  dice Rodrigo mio papà all’età di 44 anni è venuto a mancare, io avevo 17 anni e mio fratello Rafael 12 anni,  mia madre d’allora è stata non solo mamma ma anche padre.”

Secondo la legge italiana, la richiesta di riconoscimento del possesso della cittadinanza italiana iure sanguinis e cioè attraverso la linea di sangue, riguarda i discendenti di cittadini italiani, nati in uno Stato che invece prevede la cittadinanza ius soli ( cioè chi  nasce in quello Stato, ne è cittadino). E’ il caso dei Paesi americani e dell’Australia.

La competenza ad effettuare il riconoscimento della cittadinanza italiana è del Sindaco del Comune dove l’interessato ha stabilito la residenza.

Grazie a questa legge i due giovani Brasiliani hanno potuto coronare il sogno di trasferirsi a Mussomeli, in Italia,  dove hanno come  punto di riferimento i  monaci brasiliani della Chiesa San Francesco.

La speranza è che questi nuovi cittadini italiani possano a Mussomeli trovare la loro giusta oasi di pace e lavoro.

1.811 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

Villalba, il sindaco Plumeri chiede un pubblico  confronto con chi lo accusa

Villalba, il sindaco Plumeri chiede un pubblico confronto con chi lo accusa

Villalba-Il Sindaco di Villalba a quello che definisce “gioco al massacro”  non ci sta e chiede un confronto con chi lo accusa di non agire per il bene del paese.

Accusato di amministrare il Comune come un dittatore imponendo le sue leggi a discapito della comunità e soprattutto non accettando le critiche di un’ opposizione che,  nella compagine di “ Amare villalba”,   gli chiede di fare un passo indietro,  non  avendo più i numeri per governare e,  prendendo atto della non legittimità del suo ruolo,  gli  dice di   consegnare il paese al giudizio dei cittadini.

Alessandro Plumeri  ritiene,  invece,  di non trovarsi nella posizione che gli si contesta e che il suo amministrare è volto  al bene della comunità che come primo cittadino rappresenta.

Quindi,  richiede un Consiglio Comunale Straordinario di Confronto tra l’esecutivo  ed il Consiglio Comunale in particolar modo con il gruppo di Maggioranza “ Amare Villalba”,  per meglio chiarire tutte quelle argomentazioni che sono state,  da parte dei consiglieri di Maggioranza,  oggetto di critiche, dalla Tari alla Videosorveglianza fino a concludere con il Bilancio Comunale , disponibile anche ad un confronto  nella pubblica Piazza.

387 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

La Compagnia Teatrale “Angelo Musco“ di Riesi  in tournée  a Torino con “ Pani Amuri  e Timpulati”

La Compagnia Teatrale “Angelo Musco“ di Riesi  in tournée  a Torino con “ Pani Amuri  e Timpulati”

Riesi – Si è conclusa con grande successo la tournée Torinese della Compagnia Teatrale “Angelo Musco “ di Riesi, che ha fatto da anello di congiunzione  tra commedia e  migliaia di emigrati Riesini che vivono in Nord Italia,  un ritrovo emozionante e commovente assieme ad un sano divertimento con la commedia brillante in due atti “ Pani Amuri  e Timpulati” di Pietro Barbaro,  adattamento e regia di Guglielmo Gallè ,  facendo così rivivere,  attraverso il Teatro,  la cultura, la storia,   le tradizioni dei  riesini,  in un mix di gioia,  orgoglio di appartenenza e tante  risate .

La manifestazione è stata organizzata da Calogero Cesatti e Angelo Bellina in collaborazione con l’associazione culturale Riesina di Torino e Provincia e della Compagnia teatrale “Angelo Musco “ di Riesi, ed è stata possibile realizzarla grazie alla gentile ospitalità e collaborazione del sindaco di Pianetta Dott  Antonio Castello,  dell’assessore alla cultura Dott Riccardo Gentile e di  tutta l’amministrazione comunale di Pianetta , oltre al  Presidente della Proloco Rosanna Fassino  che hanno guardato con simpatia la manifestazione incoraggiandola.Non è mancato il supporto di altri esponenti delle amministrazioni dei paesi limitrofi, nelle persone  dei  Sindaci Roberto Montà di Grugliasco, Francesco Casciano di Collegno, Andrea Tragaioli di Rivoli, per non dimenticare dell’Associazione Culturale “ Casa Sicilia “ rappresentata da Calogero Bordonaro  e Gianni Sanfilippo .

Ad allietare lo spettacolo con le sue belle canzoni è stato il cantante Riesino Pino Pace ,  venuto da Genova assieme al Consigliere Comunale  Umberto Lo Grasso,  Gaetano Amato,  il fotografo Sandro Inturri e una nutrita rappresentanza di emigrati Riesini che vivono a Genova . Inoltre erano presenti tantissimi emigrati Riesini che vivono a Torino e provincia, a Bergamo,  a Milano, in Svizzera oltre a diversi Siciliani  e Piemontesi che grazie alla loro numerosa partecipazione hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazione. Da Riesi ,  invece, hanno contribuito alla buona riuscita dell’evento l’azienda vitivinicola Terresikane di Francesco Sciacchitano e La Ditta Trasporti di Salvatore Fiandaca e Calogero Calafato.

Alla fine dello spettacolo tutti i Sindaci e le autorità presenti di Torino e Genova  hanno fatto i complimenti a tutti i componenti della  Compagnia Teatrale “ Angelo Musco”  per il divertentissimo spettacolo,  dando appuntamento all’anno prossimo, nuovamente con il ritorno al Nord Italia,   definendo la “ Compagnia Teatrale  “ Angelo Musco “ un vero “ orgoglio riesino”.

Questi gli attori che sono andati in scena:

Salvatore La Rocca; Rosangela Volpe; Anna Selvaggio; Angelo Bellina; Alessandro Ficicchia; Piero Butera; Giuseppe Forcella; Carmela Butera; Francesca Carrubba; Maurizio Giuliana; Eraldo Marino; Ester  Carrubba;

Nadia Toninelli.

Trucco: Giusy Amodeo;

Fabbisogno scenico: Anna Riccobene;

Assistente di scena: Dario Pistone e Gianluca Bellina;

Direzione artistica: Antonio Lana;

Luci e Audio: luigi Liberale;

Regia : Guglielmo Gallè

248 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

Gli uomini più forti del Vallone si affronteranno in una sfida di muscoli nella prima edizione della  Vallone- Strong Competition

Gli uomini più forti del Vallone si affronteranno in una sfida di muscoli nella prima edizione della Vallone- Strong Competition

 

Villalba – L’Asd  Eclipse  di Villalba organizza Domenica 04 Agosto, con il patrocinio del Comune,  una suggestiva sfida che eleggerà l’uomo più forte dei paesi del vallone.

La sfida avrà inizio alle ore 20.00 in Piazza Vittorio Emanuele e consisterà in sei differente prove , per  tempo o per ripetizioni.

Per ogni singola prova verrà spiegata e mostrata la modalità di esecuzione durante la competizione.

Le esecuzioni verranno cronometrate e convalidate dall’arbitro di gara con pollice in su, messe per iscritto dalla giuria, esposte a tutti e saranno inoltre comunicate dal presentatore.

Ogni partecipante rappresenterà il paese del vallone a cui appartiene in quanto indosserà una t- shirt, che esibirà  durante le prove, con scritto il nome del proprio paese.

Regole della gara: si ha diritto a 5  minuti di riscaldamento in un’area appositamente creata .

Tutti gli atleti verranno chiamati in ordine alfabetico uno alla volta per singola prova.

In caso di pareggio finale si effettuerà nuovamente la prova “ Hammer Hold”.

Sarà possibile indossare come oggetti personali, da supporto allo sforzo che le prove di forza richiederanno, ginocchiere, polsini, fasce con gancio, cinturoni, gomitiere e guanti.

Il pubblico potrà tifare, a mo di incoraggiamento, per il proprio amico ma sempre nel rispetto  verso tutti gli atleti partecipanti e  guidati da un sano spirito di lealtà sportiva. E’ vietato, invece,  entrare nell’aria dove si svolge la gara.

Per quanto riguarda le modalità di iscrizione alla gara, per chi volesse partecipare è necessario compilare il modulo di iscrizione esonerando ,in caso di infortuni, da ogni responsabilità il comitato organizzatore.

Occorre presentare documento e C.F. entro e non oltre il 30 Luglio con una quota di iscrizione di 30 euro.

Si dovrà inoltre fornire una canzone all’organizzazione Asd  Eclipse la quale verrà avviata ad ogni ingresso dell’atleta  dopo la convocazione del presentatore.

Le Coppe verranno assegnate per 1°2°3° e 4° classificato inoltre medaglie ed attestato di partecipazione per tutti i partecipanti . Per il primo classificato montepremio da 100 euro  ed in caso di vincita da parte di un membro dell’organizzazione, quest’ultimo,  manterrà il titolo ma il premio in denaro spetterà al secondo classificato.

A conclusione dell’evento verranno sorteggiati  vari premi quali Cyclette- sacco da pugile con staffa- Kit Kettlebell-  Kit manubri e pesi- . Le foto di tutti i partecipanti saranno inserite  nella locandina della seconda edizione.

1.532 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

Serata ricreativa “Madonna del Carmelo”: stasera musica e spaghettata.

Serata ricreativa “Madonna del Carmelo”: stasera musica e spaghettata.

MUSSOMELI – Il consiglio direttivo della Confraternita della Madonna del Monte Carmelo comunica che la tradizionale serata ricreativa programmata , come consuetudine, nell’ambito dei festeggiamenti per la Madonna omonima ( originariamente prevista per lunedì 15) si svolgerà , questa sera, sabato 20 Luglio.
La serata era stata sospesa per lutto in seguito all’improvvisa scomparsa di Vittorio Catania ed in segno di cordoglio per il dolore della famiglia.
Il programma della serata prevede degustazione di spaghetti accompagnati da musica che, nel quartiere carmelitano, allieterà i devoti della madonna, in un misto di religiosità e tradizione.
Si concludono così i festeggiamenti per la solennità della Beata Vergine del Monte Carmelo, una delle feste mariane più radicate nella devozione popolare , che anima novene di preghiera nella chiesa dedicata alla Madonna , con processioni, adorazioni eucaristiche, benedizioni e suppliche, con grande concorso di popolo.

466 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

I lamenti di Mussomeli  approdano in Sardegna

I lamenti di Mussomeli  approdano in Sardegna

Mussomeli – L’auspicato riconoscimento Unesco per “Mussomeli  Paese delle Confraternite”,  comincia a materializzarsi.

Infatti, “ I Lamenti del Mediterraneo”,  iniziati  qualche anno fa  proprio a Mussomeli,  sono  alla seconda edizione,  prevista  per il prossimo mese di ottobre , che si terrà in Sardegna e vedrà la partecipazione dei lamentatori  mussomelesi .

Le melodie mussomelesi ( i lamenti) potranno riecheggiare in quel contesto sardo ,  dove anche gli squilli di tromba , accompagnati dal tamburo,  coloreranno l’evento.

Un percorso già condiviso unanimemente dall’intera dirigenza dell’Arciconfraternita del SS. Sacramento alla Madrice di Mussomeli,  aderendo, di buon grado, al recente invito degli organizzatori che stanno curando la fase  di avvio dell’edizioni “I Lamenti del Mediterraneo”.

Il sodalizio mussomelese dovendo sostenere le spese necessarie dal punto di vista logistico che una tale avventura richiede,  confida molto , ancora una volta,  nel sostegno economico da parte delle istituzioni e dei privati.

Va rimarcato l’entusiasmo ,  la professionalità,  l’attaccamento alle tradizioni degli attivi “ cantori- lamentatori matricesi”, vecchi e nuovi, di ogni epoca ,  che si sono spesi per portare sempre in alto il buon nome dell’Arciconfraternita del SS.Sacramento alla Madrice che ha riempito pagine di storia delle attività confraternali e a cui va il plauso dell’attuale dirigenza.

Non resta che augurare al sodalizio mussomelese ed ai suoi lamentatori “buoni lamenti”.

430 Letture

 

 

Scritto in CronacaComments (0)

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com