VigroBanner censimento
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

cinema

 

 

Archivio | Web

 

Negato ad insegnante diritto allo studio e lei si ribella

Negato ad insegnante diritto allo studio e lei si ribella

Giusy terrana

Giusy terrana

MUSSOMELI- Un paese veramente strano l’Italia, ma oramai crediamo che tutti c’è ne siamo resi conto. Una storia veramente singolare quella dell’insegnante Giusy Terrana che sta facendo il giro della Sicilia e che  raccontiamo in questo articolo. Ci riferiamo alla sospensione prima, e al diniego poi di uno dei diritti più “preziosi”: il diritto allo studio ”diritto fondamentale ed inalienabile del cittadino”, sancito dalla Costituzione Italiana agli artt. 3-33-34. Il D.P.R del 23/8/88 n 395 prevede che tutti i lavoratori dipendenti, sia pubblici che privati, possono usufruire di permessi o agevolazioni per la realizzazione del diritto allo studio. L’ammontare dei permessi viene stabilito dai singoli contratti collettivi nazionali, con la concessione di 150 ore annue. La finalità di tali permessi è quella di favorire l accrescimento culturale del lavoratore, ed è anche interesse prioritario dell’amministrazione scolastica. Il Contratto collettivo integrativo regionale del 21/1/2016 recita che tali permessi sono fruibili per la frequenza di lezioni, partecipazione ad attività, sostenimento degli esami e redazione della tesi. Alla professoressa-studente agli inizi di marzo i permessi vengono sospesi e ad aprile viene rideterminata frettolosamente la contrattazione dove si riscontra una ulteriore riduzione della percentuale di fruibilità e l’annullamento dei permessi che riguardano la redazione della tesi. Da qui la rabbia e l’indignazione della professoressa che non può più usufruire di tempo per lavorare alla sua tesi poiché lesa in uno dei diritti dei lavoratori.

2.195 Letture

 

 

Scritto in WebComments (0)

 

L’attore Caracappa recita un monologo di Jim Tatano in un video che diventa subito virale

L’attore Caracappa recita un monologo di Jim Tatano in un video che diventa subito virale

05VILLALBA – Quando i giovani e l’arte siciliana si incontrano nascono idee che lasciano tutti sbalorditi per la bellezza e l’originalità. Questo è accaduto appena l’attore saccense Giuseppe Caracappa, della compagnia teatrale Porta Vagnu di Sciacca ha letto un monologo dello scrittore e giornalista villalbese Jim Tatano e subito ne è nata un’interpretazione in una location d’eccezione, l’affascinante e suggestivo Castello Incantato di Sciacca del misterioso scultore Filippo Bentivegna, per la realizzazione di un video che appena postato su Facebook è diventato immediatamente virale superando in poche ore le 2000 visualizzazioni e che in seguito è stato caricato anche su YouTube. Le forze che si sono unite al progetto sono quelle inoltre fondamentali della scrittrice e giornalista sambucese Margherita Ingoglia coautrice del testo teatrale e scenografa; la 07regia e il montaggio del video è stato affidato alla Lane Vision Production nella persona di Giuseppe Campo, e Angelo Iacono Quarantino come tecnico audio e luci. Il monologo di Jim Tatano intitolato L’uomo dell’anno, interpretato magistralmente da Giuseppe Caracappa, è un incontro a tu per tu tra Dio e un uomo comune che nell’Aldilà esterna delle sferzanti accuse alla conduzione della sua vita in una società sempre più povera d’umanità e di valori reali sempre più in crisi. “È proprio vero che quando i giovani collaborano riescono a creare progetti nuovi e creativi. Personalmente − ha dichiarato l’attore Giuseppe Catacappa − sono stato davvero felice di accettare la richiesta che Jim mi ha avanzato per mettere in scena il suo monologo. Il fatto di averlo potuto realizzare nella mia città, Sciacca, mi ha dato la possibilità di far conoscere un luogo, il Castello Inc02antato, davvero meraviglioso e suggestivo. Inoltre, la collaborazione con la Lane Vision Production insieme a Giuseppe Campo e Angelo Iacono Quarantino ha confermato la professionalità e capacità lavorativa, peraltro già assodata in molte altre occasioni, come le riprese di cortometraggi e video. Mi auguro che questa sia la prima scena di una lunga serie, e sono certo che sarà così”.

1.798 Letture

 

 

Scritto in Attualità, Cultura, Società, WebComments (0)

 

Futuri sposi scelgono testimoni e data di nozze via Facebook

Futuri sposi scelgono testimoni e data di nozze via Facebook

Mussomeli – Il più tradizionale dei sacramenti  e le più innovative tecnologie.  Deianira Guarino e Fabio Catalano, entrambi mussomelesi, hanno deciso di legarsi indissolubilmente davanti a Dio il 5 settembre 2015. I due futuri sposi hanno però scelto, qualche giorno fa,  il più noto social network per chiedere agli amici più cari di essere i testimoni del loro amore e, al contempo, comunicare la data del fatidico si. Deianira ha condiviso nelle bacheche di Fabiana Navarra e Roberta Calà (nella foto a destra) un video che riassumeva i momenti salienti della relazione con Fabio: dall’inizio,  quando è scoccata la  scintilla dell’amore che, col tempo, si è sempre più alimentata, tanto da portare i due alla scelta di convolare a nozze.

Fabio ha, invece, inviato ai fraterni amici  Sergio Diliberto e Giuseppe Sola delle eloquenti immagini  nelle quali vi era impressa la scritta “vuoi farmi da testimone?”.  Spiega Deianira: “E’ stato un modo simpatico ed emozionante di far conoscere la data delle nozze alle persone che ci sono state più vicine negli ultimi due anni e mezzo, da quando io e Fabio stiamo insieme, tanto che abbiamo deciso di designarle quali testimoni.  Allo stupore iniziale dei nostri amici è subentrata la gioia per la nostra scelta”.

Cambiano i tempi, le modalità con cui si divulgano informazioni e si apprendono notizie ma, in fin dei conti, l’amore, ai tempi di internet, non si discosta molta da quello che provavano i nostri genitori nell’era della carta e penna. Noi della redazione porgiamo a Deianira e Fabio i migliori auguri per un lungo, felice e radioso futuro insieme.

7.793 Letture

 

 

Scritto in Curiosità, Tecnologia, WebComments (0)

 

A scuola con la LIM e con i Tablet (video)

A scuola con la LIM e con i Tablet (video)

MUSSOMELI – All’istituto comprensivo “Leonardo Da Vinci” di Mussomeli procede in maniera molto soddisfacente il progetto sperimentale “A scuola con la LIM e con i tablet”, avviato il 22 gennaio 2013, che vede coinvolti gli allievi delle classi quarte e quinta della scuola primaria e tutte le classi della scuola media, il prof. Pio Di Salvo, in qualità di tutor d’aula per le classi della scuola media, l’insegnante Nina Scannella, in qualità di tutor d’aula per la scuola primaria, e l’ Ing. Marilina Pidone, esperto nelle ICT e nella didattica con la LIM. Il progetto, della durata complessiva di 80 ore, prevede per ciascuna classe lo svolgimento di alcune ore di lezione in uno dei laboratori multimediali dell’istituto, dotato di una LIM, di ventuno tablet a disposizione degli allievi e di una rete wireless di collegamento di tutte le componenti del sistema. In occasione del loro primo accesso in laboratorio, sono state mostrate agli allievi le dotazioni tecnologiche presenti e sono stati illustrati, a grandi linee, i meccanismi di funzionamento del sistema computer server – LIM – tablet. L’entusiasmo e la curiosità dei discenti sono stati subito evidenti dalle numerose domande che hanno posto e dalla voglia di accendere ed utilizzare immediatamente i tablet. Durante le ore in laboratorio i docenti prediligono una didattica collaborativa e laboratoriale che mira a coinvolgere attivamente e ad incuriosire gli allievi, i quali sono stimolati ad ampliare la propria conoscenza anche attraverso l’utilizzo di risorse web e dei software a loro disposizione. Ciò permette ai discenti di acquisire i concetti della disciplina che si sta trattando in modo innovativo e, nel contempo, consente, tanto ai discenti quanto ai docenti, di acquisire nuove conoscenze e capacità nell’utilizzo del calcolatore e della lavagna interattiva. In un simile ambiente di apprendimento, interattivo, multimediale ed inclusivo, le potenzialità della LIM, efficace supporto al processo di apprendimento degli studenti e stimolo alla loro partecipazione attiva, vengono ulteriormente ampliate dall’utilizzo delle tavolette interattive, tablet appunto, attraverso le quali ciascuno studente può interagire con quanto avviene sullo schermo e, prim’ancora, creare gli “oggetti” della propria conoscenza. Il tradizionale apprendimento uditivo diventa, quindi, anche visivo (per immagini) e tattile. Decisamente positiva e meritevole di nota risulta, quindi, l’iniziativa del Dirigente Scolastico dell’istituto, prof. Salvatore Vaccaro, il quale ha sempre fortemente creduto nell’importanza dell’introduzione delle nuove tecnologie nella didattica tradizionale e nella necessità di migliorare le competenze e capacità di allievi che saranno gli uomini di domani in un territorio, quello dei paesi dell’entroterra, in cui la tecnologia fa spesso fatica ad arrivare.

5.173 Letture

 

 

Scritto in Cultura, WebComments (0)

 

 

Comune Mussomeli

 

 

 

 

This site is protected by WP-CopyRightPro This site is protected by WP-CopyRightPro