Vigro
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio | Eventi

 

Stasera alle 19,30 in Diretta Web gran finale  con la Giunta Pasquale

Stasera alle 19,30 in Diretta Web gran finale con la Giunta Pasquale

 

 MUSSOMELI – Stasera alle 19, 30 in diretta web trasmetteremo l'”Annacata della Giunta”. La folla di devoti e visitatori mussomelesesi accorrerà nella stessa Piazza Grande (dove tre giorni prima ha compianto, insieme a Maria SS., la morte di Gesù) per esultare e magnificarne la Risurrezione mediante l’antica “rappresentazione sacra” della cosiddetta “GIUNTA”. La statua di Gesù risorto,della Madonna di Pasqua e di San Michele, qui s’incontrano e, in segno di gioia per la Resurrezione del Cristo ondeggiano, a mò di danza, al suono1 della musica dando luogo alla tradizionale “annacata”.

1.725 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

Processione Addolorata e Crocifissione. Il racconto fotografico di Nieto Calderon

Processione Addolorata e Crocifissione. Il racconto fotografico di Nieto Calderon

Mussomeli – Qualche scatto sulla processione dei Misteri. Il peregrinare della statua dell’Addolorata in cerca del Cristo e il rito della Crocifissione della settimana Santa a Mussomeli. Il racconto fotografico dell’onduregno Jose Mauricio Nieto Calderon

356 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

Processione Venerdì Santo: diretta web ore 20,30

Processione Venerdì Santo: diretta web ore 20,30

MUSSOMELI – La deposiazione del cristo a cui seguirà la processione, a Mussomeli, per “le vie dei Santi” sarà trasmessa in diretta da Castello Incantato a a partire dalle ore 20,30. Non mancate

 

 

1.130 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

Diretta web processione Addolorata. Venerdì santo mattina a Mussomeli

Diretta web processione Addolorata. Venerdì santo mattina a Mussomeli

MUSSOMELI – Diretta web della mattina di Venerdì 19 aprile con la toccante processione della Madonna Addolorata del celebre Biangardi.
Sentitissima dai devoti che in processione percorrono le vie dei santi accompagnando la Madre di Cristo per le chiese alla ricerca del figlio Gesù.

Diretta Web se non vedi il video aggiorna la pagina

1.213 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

Clicca qui per la diretta web del “Giovedì Santo” a Mussomeli

Clicca qui per la diretta web del “Giovedì Santo” a Mussomeli

Mussomeli – Con il riti del Giovedì Santo iniziano a Mussomeli in modo evidente e solenne atti di fede e di devozione orientati a rievocare gli ultimi giorni della vita terrena, la Passione e la Risurrezione di Cristo. Castello Incantato, come da consuetudine risalente al 2007, anche quest’anno trasmetterà oggi a partire dalle ore 20 (ma state allerta perchè potrebbero esserci piacevoli anticipazioni) i riti della Settimana Santa nel paese manfredonico, con la diretta web ormai tradizione nella tradizione. Per farlo si affiderà a  un team variegato e collaudato formato da Alberto Barcellona autore e conduttore, Salvatore Giardina regista, gli ingegneri del suono e video Salvatore Falletta e Giuseppe Valenza, le riprese  saranno affidate a Salvuccio Lamonaca, Tanino RomitoVincenzo Sapia, Peppe Piccica, Jose Mauricio, Nieto Calderon.  Lo studio sarà allestisto presso Musmelia Rooms dove l’attrice Adriana Tuzzeo farà gli onori di casa.  Tanti gli ospiti, le sorprese.

Potrete partecipare attivamente alla trasmissione chiamando in diretta e inviando un messaggio WhatsApp al numero 3285516500, oppure commenti e messaggi nella nostra pagina Facebook Castello Incantato.it

Diretta web                                            Se non vedi il video “aggiorna la pagina”

1.766 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

Alla Casa di Cura “Padre Cala” di Mussomeli in scena la Passione di Cristo

Alla Casa di Cura “Padre Cala” di Mussomeli in scena la Passione di Cristo

ussomeli – Presso la Casa di Riposo della Casa di Cura “Padre Cala” di Mussomeli si è svolta, giovedì scorso,  per gli anziani ospiti della struttura la rappresentazione Sacra di alcuni momenti della Passione di Cristo messa in atto da alcuni attori amatoriali di Serradifalco coordinati dal Laboratorio artigianale Centurio di San Cataldo che da anni opera nella ricostruzione di abiti romani ed ebraici e da anni si occupa di realizzare tali rappresentazioni su tutto il Territorio regionale.La rappresentazione rientra nel piano educativo che l’equipe multidisciplinare della struttura ha messo in atto per mantenere vivi i ricordi e le abilità residue dei propri ospiti che da anni, viste le condizioni di salute, non vivono le tradizioni dei riti pasquali.

409 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

Due colpi di scena alla presentazione  del libro di Falci sul caso AGEM

Due colpi di scena alla presentazione del libro di Falci sul caso AGEM

Caltanissetta – L’AGEM, l’azienda grafica nissena dichiarata fallita undici anni fa, è tornata a produrre ai livelli del 2008, anche se occupa una metà dei lavoratori di allora. Lo ha affermato l’ex amministratore della società, Enrico Morelli, tornato ieri a Caltanissetta sia per partecipare alla presentazione a Palazzo Moncada del libro di Vincenzo Falci, firma autorevole di Castello Incantato e del Giornale di Sicilia,  Fare impresa in Italia è un’impresa (che racconta attraverso una lunga intervista a Morelli la storia dell’AGEM) sia per assistere al processo sulla bancarotta fraudolenta che lo vede coinvolto per effetto del fallimento. Un fallimento per molti versi anomalo, ha spiegato nel suo intervento Morelli, ai numerosi nisseni che hanno riempito una sala del Teatro Rosso di San Secondo. All’incontro, moderato brillantemente dalla giornalista Ivana Baiunco, erano presenti diversi imprenditori, avvocati e giornalisti nisseni, nonché l’ex presidente del Consorzio ASI Umberto Cortese e l’ex amministratore del Patto Territoriale di Caltanissetta, Tullio Giarratano.

Morelli ha ricordato che il fallimento è stato provocato da una lettera anonima che ha dato corso a un accertamento della Guardia di Finanza, guidata dal capitano Ettore Orfanello, arrestato per il caso Montante. Accusa che sette anni dopo è stata ritenuta infondata dalla Corte dei Conti di Palermo, ma che ha spinto la Banca nazionale del Lavoro, agli inizi del 2008, a chiedere e ottenere il fallimento dell’azienda.

La lunga intervista che il giornalista Vincenzo Falci ha raccolto da Morelli, fondatore dell’AGEM, la più grande impresa tipografica del Sud Italia, è una dettagliata narrazione dei fatti che hanno portato l’azienda al fallimento. Dopo 11 anni di traversie giudiziarie L’AGEM è stata venduta un anno fa a una società, la Gicam srl di Palermo, costituita dall’imprenditore della grande distribuzione alimentare Giuseppe Sammaritano e da Domenico Campo, proprietario di un’azienda grafica di Alcamo, che sta rilanciando l’azienda nissena con nuovi investimenti. L’incontro si è chiuso con due colpi di scena a opera del consulente dell’imprenditore Campo, dott. Livio Russo, che ha rilevato un errore di omonimia nel libro, in quanto Giuseppe Sammaritano è stato confuso con l’omonimo imprenditore che alcuni anni fa era stato condannato per favoreggiamento alla mafia, nonché dall’invito accorato a Morelli da parte dell’ex presidente dell’ASI, Umberto Cortese, di costituirsi parte civile nel processo Montante per l’accertamento operato da Orfanello.

In seguito alle novità emerse ieri, l’editore Bonfirraro ha deciso di stampare una seconda edizione del libro per la linearità e la correttezza della narrazione, che sarà in libreria nel giro di qualche settimana.

La giornalista Baiunco ha elogiato oltre che gli autori del libro, la casa editrice Bonfirraro che ha sede a Barrafranca, nata nel 1986 e molto dinamica a livello nazionale. Nel suo intervento l’editore Salvo Bonfirraro ha voluto sottolineare che è stato il primo cliente dell’AGEM presso la quale, nel 2000, iniziò a stampare il giornale Obiettivo, il più diffuso del Centro Sicilia con le sue 30 mila copie che per l’alta tiratura era costretto a stampare fuori dalla Sicilia. Bonfirraro editore oggi vanta un portafoglio di oltre 400 titoli e la prossima settimana esce con il libro Il sistema Montante, scritto dal candidato sindaco di Racalmuto, Salvatore Petrotto. Il libro verrà presentato il 17 aprile prossimo al Castello Chiaramontano di Racalmuto.

413 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

Mussomeli:  pomeriggio convegno sull’ultima campagna di scavi a Polizzello

Mussomeli: pomeriggio convegno sull’ultima campagna di scavi a Polizzello

Mussomeli – Si terrà oggi  pomeriggio alle ore 17,30 presso Palazzo Sgadari “Centro Studi Giudici” in via Minneci a Mussomeli, organizzato dall’Associazione BCsicilia Sezione di Mussomeli laconferenza: “Sacri pasti, presso il Piano di città a Polizzello scavi 2013-2015”. Relatore sarà l’archeologo Gianluca Calà. Introduzione a cura del Presidente della Sede di BCsicilia Rita La Monica.
La conferenza avrà per argomento gli interessanti risultati, ancora inediti, conseguiti nelle ultime ricerche nel sito indigeno ellenizzato di Polizzello, nel territorio di Mussomeli, in provincia di Caltanissetta, durante gli scavi 2012 e 2013, entrambi a direzione di Carla Guzzone, Soprintendente Lorenzo Guzzardi, direttore dei lavori Crisostomo Nucera. Durante gli scavi sono stati riportati alla luce, nel piano di città, dalla squadra diretta dall’archeologo Gianluca Calà, una trentina di metri di muro di fortificazione e degli ambienti di età arcaica dedicati ai pasti in comune.

493 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

Conclusa la XXIII festa dei bambini, i nomi dei vincitori dell’estrazione!

Conclusa la XXIII festa dei bambini, i nomi dei vincitori dell’estrazione!

Mussomeli-L’Associazione Don Diego Di Vincenzo Onlus ha portato a termine anche per questo 2019 la storica “Festadei Bambini” manifestazione canora ormai giunta alla sua trentatreesima edizione che quest’anno è andata
in scena Sabato 6 e Domenica 7 Aprile in Palestra Comunale, evento presentato dall’assessore Seby Lo Conte affiancato da Luisa Noto e Flavio Modica, che ha coinvolto tanti bambini di Mussomeli accompagnanti live dalla band diretta dal maestro Giuseppe Cirlincione, dai giovanissimi musicisti locali Vincenzo Sapia (batteria) Giuseppe Diliberto (Basso) e Adriano Pellitteri (Chitarre) preparati da Anna Mingoia, che hanno interpretato i più grandi successi dello Zecchino D’Oro e diversi successi Disney, le scuole di ballo del territorio, il gruppo giovanissimi dell’Associazione coordinati da Cristina Maiorana, Giusy Sorce e Danilo Cacciatore che hanno messo in scena il mini-musical “Mary Poppins” magistralmente interpretato da Alessandra Cacciatore, Luigi Amico e altri giovanissimi, diversi gruppi scolastici e parrocchiali che hanno voluto contribuire con la loro presenza in scena, i super ospiti dello Zecchino D’Oro
2018 Alessandro Loreficie e Davide Matteucci, momenti di magia con i Maghi Luca Piazza e Gxa,
l’Associazione Casa Famiglia Rosetta che attraverso “l’omaggio” canoro cantato da Giuseppe Miceli ha voluto ricordare Salvatore Pecoraro giovane di Campofranco scomparso qualche mese fa. Momenti molto emozionanti quelli dedicati a Flavia Barba, storica curatrice del coro e a Don Vincenzo Sorce che aveva molto a cuore il “Progetto Bambini Felici”. Preziosa la partecipazione del cantautore Gero Riggio, tra l’altro Presidente della Festa dei Bambini, che reduce dagli ultimi riconoscimenti nazionali ha voluto dare il suo contributo all’evento. Ottima la riuscita della due giorni che come ogni anno è riuscita a raccogliere fondi attraverso la vendita di
biglietti-sorteggio da destinare alle missioni nelle comunità brasiliane (Coxim e Porto Velho) e Tanzanesi (Arusha). L’intero evento è stato realizzato attraverso il prezioso contributo degli sponsor mentre il ricavato dei biglietti sarà destinato interamente al Progetto. Assai soddisfatto il presidente dell’Associazione Vincenzo Sorce che annuncia altre importanti iniziative che l’associazione realizzerà nel corso dell’anno.

Questi i numeri estratti nel sorteggio finale:
1122 smart Led 50” Samsung La Paglia Aldo
0442 Gioiello Zucchetto Mistretta Giuseppa
0650 Macchina caffè Allenza Territo Vincenzo
0234 Buono spesa di 100 euro Insalaco Alessandra
1610 Buono W.End CS Viaggi Bonomo Santina
0726 € 50 Buono carburante Esso Di Piazza Davide
0994 Forno Microonde Carrubba Rachele
1505 Scalda sonno Ariete Bar del Centro
0289 Bollitore G.Ferrari Amico Franco
0217 Spremi Agrumi G. Ferrari Fontanella Luciano
1609 Orologio polso D’Amico Valenza Tiziana

La fotogallery di Salvatore Giardina:

 

 

I video di Salvatore Giardina:

863 Letture

 

 

Scritto in Attualità, EventiComments (0)

 

I 167 anni della Polizia, cerimonia austera in ricordo di due agenti scomparsi

I 167 anni della Polizia, cerimonia austera in ricordo di due agenti scomparsi

È in forma austera, per la recente scomparsa di due agenti, che la polizia ha celebrato al teatro Regina Margherita l’anniversario numero 167 della fondazione.

La cerimonia, quest’anno, è stata segnata dalle recenti scomparse ai poliziotti Salvatore Gusto e Rina Cremone. Peraltro al termine della cerimonia il questore ha consegnato la «promozione per merito straordinario a sovrintendente capo della polizia di Stato»  alla vedova del sovrintendente Gusto, deceduto il primo marzo scorso.

In apertura, il questore Giovanni Signer e il prefetto Cosima Di Stani, alla presenza di un picchetto d’onore in armi, hanno deposto una corona al monumento ai caduti della polizia.

Dopo la tradizionale lettura dei messaggi del Presidente della Repubblica, del ministro dell’Interno e del capo della polizia, il questore Signer, ha ripercorso i positivi risultati dell’attività svolta guardando all’ordine e alla sicurezza pubblica.

Peraltro – è stato sottolineato – ricorre quest’anno il sessantesimo anno dall’istituzione dell’allora corpo di polizia femminile, che ha offerto la possibilità alle donne di far parte della Polizia di Stato, ricoprendo a pieno titolo e a tutti i livelli un ruolo fondamentale.

«In provincia di Caltanissetta – è un passaggio del discorso del questore – la polizia di Stato deve contrastare forme di illegalità che gravano da tempo sul territorio, espressioni di una persistente sottocultura mafiosa, di una criminalità spinta da una marginalità economica sistemica e di diffuse forme di analfabetismo civico; a queste si sono aggiunte quelle conseguenti alla globalizzazione delle povertà».

Poi ha aggiunto che «l’andamento dei reati in ambito provinciale nei dodici mesi precedenti ha fatto registrare un aumento del 15 per cento delle denunce all’autorità giudiziaria… le rilevazioni indicano che ad aumentare sono i danneggiamenti, ma soprattutto truffe e frodi informatiche ed estorsioni via web».

Sul fronte droga lo stesso questore Signer ha rimarcato «un significativo aumento del consumo di hashish, sequestrato a corrieri italiani e soprattutto stranieri a Caltanissetta, dalle Volanti e dalla Squadra Mobile;

la coltivazione della marijuana nei fondi agricoli di Gela e Niscemi, documentata dai sequestri operati da quei commissariati, confermano ancora una volta come la parte sud della provincia sia luogo di produzione di tale stupefacente, mentre rimane preponderante l’interesse delle cosche mafiose per il commercio di stupefacenti».

E al tempo stesso ha evidenziato come «massima è l’attenzione per lo spaccio di stupefacenti, per la ricaduta sui giovani e perché è il primo strumento di reddito per le organizzazioni criminali».

Tra i tanti temi toccati, anche il fronte immigrati. «Siamo consapevoli – ha aggiunto il questore – che il pericolo più subdolo, quello dell’auto-radicalizzazione può trovare anche da noi terreno fertile nella marginalità sociale. Perciò riteniamo necessario l’ascolto e il dialogo con le comunità islamiche, che qui saluto nella persona dei loro rappresentanti, certo che ci accomuni il convincimento che l’integrazione debba necessariamente passare per il rispetto delle leggi e della diversità culturale».

E, non a caso, è stato sottolineato come «numerosi sono i controlli che la Digos e l’ufficio Immigrazione operano nei confronti della comunità straniera e che hanno consentito recentemente di individuare ed arrestare nel capoluogo un soggetto ricercato in Grecia e destinatario di mandato di arresto europeo proprio per reati connessi all’immigrazione».

598 Letture

 

 

Scritto in EventiComments (0)

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com