VigroEuronics
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio | Politica

 

L’Assessore  Tramontana: “A Villalba per lo sport  due pesi e due misure”

L’Assessore Tramontana: “A Villalba per lo sport due pesi e due misure”

Villalba – Una disparità di trattamento tra le associazioni sportive. A denunciarlo è l’assessore allo sport Giuspppe Tramontana che in un in una lunga nota punto il dito contro gli avversari politici che secondo la sua opinione, non solo si sono disinteressati ma hanno ostacolato le realtà associative che nel recente passato si sono occupati di sport. Scrive Tramontana: Da amministratore e da appassionato di sport, rilevo che in questi mesi si è materializzata la passione per il calcio con la nascita di una nuovo societa’ ‘ASD ATLETICO VILLALBA’ che viene iscritta nella III Categoria, che mette insieme quanti ancora in paese si vogliono misurare con l’attività agonistica, compreso il sottoscritto. Non si tratta della rinascita dello sport  in paese. In tanti anni di assenza dalle attività agonistiche, la fiamma dello sport in paese è stata mantenuta dalla ‘ASD VILLALBA’ a cui è stata affidata la cura del complesso sportivo, rendendolo fruibile a chiunque a qualsiasi titolo ha voluto praticare attività sportive- Negli ultimi due anni – continua l’esponente della giunta Plumeri –  le attività della ASD Villalba si sono svolte fuori dal nostro centro sportivo perché i tagli adoperati sul capitolo del bilancio comunale, da parte dell’opposizione, ha reso insostenibile la manutenzione del CIAS. Ora e solo ora, che nasce una nuovo societa’ per concorrere al campionato di terza categoria, notiamo che Il gruppo di opposizione, che in fase di bilancio di previsione aveva decurtato il capitolo di spesa, si adopera in fase di assestamento per rimpinguarlo. Come a voler dire, ora che quelli di prima non ci sono, mettiamo a disposizione, dei nuovi, più fondi di quanti ne potremmo dare, data la calendarizzazione della stagione sportiva e per quel che rimane da qui alla fine dell’anno. Un altro esempio di fumo negli occhi a scopo di mera propaganda in spregio delle regole amministrative. Si vedono già interventi sulla pagina facebook del gruppo politico, che rimarcano differenze e distanze, come se fino ad ora lo sport a Villalba non fosse esistito, come se gli sforzi di un gruppo di genitori impegnati a infondere nei figli il sano seme dello sport non fosse degno di alcuna nota. Risulta stomachevole sentire parlare e sparlare di sport gente che non ha mai mosso un dito per dare una mano, per fare un atto volontario affinchè in paese lo sport e i giovani non si lasciassero irrimediabilmente. Per fortuna  – conclude Tramontana – lo sport è degli sportivi e non dei falsi profeti della politica locale, lo sport unisce.Infatti le due società sportive hanno tracciato già un percorso di attività che deve vedere la condivisione e la integrazione degli atleti adulti con gli atleti di un immediato futuro. La politica, nelle sue azioni deve avere il buon gusto di non isolare nessuno e di favorire i momenti di aggregazione.Gli amministratori che oggi si scoprono sportivi, di parte, potevano manifestare il loro interesse per lo sport nel mese di giugno scorso , quando sono stati eliminati i fondi per il coofinanziamento del centro sportivo, bruciando l’opportunità di avere a Villalba un moderno ed adeguato punto di incontro di tutti gli appassionati di sport”.

430 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Villalba, Eliana Scarlata  nuovo Vicepresidente del Consiglio Comunale

Villalba, Eliana Scarlata nuovo Vicepresidente del Consiglio Comunale

Villalba – Novità nel civico consesso di Villalba. Nella seduta consiliare del 11.10.2018,infatti,  è stata eletta  Vicepresidente del Consiglio Comunale Eliana Scarlata. La consigliere 33ene subentra

Rita Favata che per motivi di lavoro si trova fuori dalla Sicilia e ha preferito lasicare la carica.

Eliana Scarlata è stata eletta nel 2015 consigliere comunale nel Gruppo di Amare Villalba.

851 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Catania:” Rispetto al 2016 in due mesi risparmi di oltre 33mila euro sull’illuminazione pubblica”

Catania:” Rispetto al 2016 in due mesi risparmi di oltre 33mila euro sull’illuminazione pubblica”

Mussomeli –  “Uno  straordinario risultato in  termini di risparmio dei costi di energia elettrica sostenuti dal comune di Mussomeli per la illuminazione pubblica e per l’illuminazione di tutti gli edifici comunali” . A sostenerlo  è  il primo cittadino di Mussomeli   in una nota dove afferma che  “con l’ adesione ad un Consorzio di circa 1.100 comuni (soprattutto comuni della Lombardia, Piemonte e Veneto), è stato possibile cambiare fornitore di energia elettrica  e uscire dal mercato di salvaguardia; un particolare sistema in cui sei era entrati nell’ottobre 2014 per il mancato pagamento di una bolletta e   il cui risultato è stato quello di sostenere un costo per l’acquisto di energia elettrica maggiorato del 35% rispetto ai prezzi di mercato. L’adesione al Consorzio – prosegue il primo cittadino –  ha  consentito in soli due mesi  – agosto e settembre 2018-  un risparmio di ben € 33.978,58 rispetto al 2016“. Il sindaco poi aggiunge: “Già nel 2018 il risparmio stimato sulle casse comunali sarà di circa 100 mila euro, mentre per il 2019 si prevede un risparmio addirittura pari a circa 220 mila euro“,

269 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Cardinale (Pensare Solidale): “A Mussomeli in oculistica non si opera più. Ospedale pieno di criticità”

Cardinale (Pensare Solidale): “A Mussomeli in oculistica non si opera più. Ospedale pieno di criticità”

MUSSOMELI – A Mussomeli non si effettuano più interventi di oculistica. A denunziarlo il consigliere comunale  di Pensare Solidale, Salvatore Cardinale, che in una nota denuncia: “Continuano a perdurare le criticità all’interno del presidio ospedaliero di Mussomeli per la mancata attivazione delle sedute operatorie del CAL (Centro assistenza limitata)  Oculistica”.

Ciò nonostante le diverse rassicurazioni arrivate in tal senso dal management aziendale , in ultimo il 06/09/2018 quando si rassicurava il  signor Prefetto di Caltanissetta  circa la verifica sulle attrezzature necessarie a consentire  l’esecuzione in loco gli interventi presso il CAL di Oculistica e un tempestivo ripristino delle attività dello stesso.

A tale  problematica  va nuovamente ricordata la perdurante  carenza di personale medico presso il servizio di Radiologia dove ancora ad oggi le prestazioni all’utenza, esterna ed interna, vengono assicurate soltanto dai due medici radiologi in servizio che sono costretti a effettuare turni di servizio, sia in regime ordinario che in regime di pronta disponibilità, che vanno ben oltre gli orari  contrattualmente previsti.

Anche nell’ambulatorio – aggiunge Cardinale –  di Ostetricia e Ginecologia, considerato che uno dei due medici in servizio dal primo novembre andrà in quiescenza e che per l’intero mese di ottobre è in ferie, potrebbero verificarsi problemi organizzativi  poiché a garantire le prestazioni erogate all’utenza rimarrebbe in servizio un  solo dirigente medico  .

Non vanno meglio le cose per quanto riguarda la medicina territoriale stante che dal mese di luglio scorso, a seguito delle dimissioni volontarie del medico specialista in Cardiologia non viene effettuato l’ambulatorio cardiologico con ovvi disagi per i pazienti che venivano seguiti nello stesso ambulatorio e che adesso sono costretti a rivolgersi in altre strutture della ASP distanti dal Vallone se non in centri privati con ulteriori aggravio economico.

Sempre nel poliambulatorio, più specificatamente nel consultorio familiare dal mese di gennaio di quest’anno manca l’essenziale figura dell’Assistente sociale che in  quella struttura si occupa di fornire assistenza sociale e psicologica per problematiche inerenti l’assistenza sociale e psicologica per problematiche individuali e familiari ,per adozione e affidamento familiare,  assistenza psicologica individuale, di coppia e di gruppo, lo spazio giovani, spazio dedicato pomeridiano, con offerta di informazione e consulenza sanitaria e psico-sociale su salute,  sessualità e contraccezione, prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse, relazione di coppia, ufficio assistenza immigrati.

L’insieme delle problematiche rilevate – conclude il sindacalista – , aggravate dalle recenti criticità in ordine alle difficoltà di raggiungere agevolmente l’ospedale di Caltanissetta meritano di avere risposte tanto tempestive quanto risolutive al fine di continuare a garantire ai cittadini di Mussomeli e dell’intero Vallone il sacrosanto diritto alla salute”.

1.256 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Strade Colabrodo nel Vallone: i forzisti Noto e Casucci scrivono al Prefetto e all’ex Provincia

Strade Colabrodo nel Vallone: i forzisti Noto e Casucci scrivono al Prefetto e all’ex Provincia

Da sinistra Casucci, Noto e Mancuso

MUSSOMELI – “La situazione di assoluta precarietà in cui versano le strade provinciali è una delle principali problematiche che sono costretti a subire tutti i Comuni del Vallone”.  A denunziarlo il Dott. Antonino Noto e l’Ing. Calogero Casucci, rispettivamente Coordinatore Cittadino di Forza Italia Mussomeli e Responsabile Provinciale Territorio e Ambiente di Forza Italia, hanno fatto pervenire una richiesta ufficiale, attraverso una nota inviata al Commissario del Libero Consorzio di Caltanissetta e al Prefetto, per mettere in sicurezza la strada provinciale SP16, che permette il congiungimento del Comune di Mussomeli con il Comune di Villalba e con tutti gli altri Comuni del Vallone, e la Strada Provinciale SP233, che permette un rapido congiungimento dei Comuni del Vallone con la Strada Statale della Valle dei Platani SS189 (Palermo – Agrigento).  “Le strade  – proseguono i due rappresentanti  forzisti – a seguito delle piogge torrenziali che si sono abbattute negli scorsi mesi nel centro Sicilia, e soprattutto a seguito della scarsa ed in alcuni casi assente manutenzione da parte di chi di dovere hanno reso difficili o addirittura impossibili i collegamenti tra i vari Comuni del Vallone. Strade purtroppo impercorribili che le persone quotidianamente sono costrette a utilizzare, mettendo a rischio la propria incolumità, per potersi spostare e raggiungere i luoghi di lavoro, gli ospedali, gli uffici e altro.  Noto e Casucci nella richiesta indirizzato al Prefetto e all’ex Provincia denunciano: “Il pavimento stradale, ormai usurato, è stracolmo di numerosissimi dislivelli, avvallamenti e buche, il tutto causato principalmente dalla scarsa, ed in alcuni casi assente, manutenzione da parte dell’Ente competente Libero Consorzio Comunale di Caltanissetta, soprattutto a seguito dell’abolizione delle Provincie avvenuta nel 2012.  Tutto questo, aggravato dal susseguirsi di intemperie cui ogni anno si va incontro, ha provocato un ulteriore danneggiamento delle strade indicate in oggetto. Queste concause purtroppo si ripercuotono inevitabilmente sui cittadini, del Vallone e non solo, che ogni giorno per motivi di lavoro, studio e altre necessità sono costretti a percorrere questi incresciosi tratti di strada; per non parlare delle ambulanze o dei mezzi delle Forze dell’Ordine che in caso di emergenza si trovano costretti a rischiare incidenti a causa di velocità che il manto stradale sicuramente non è in grado di sostenere. Tale richiesta scaturisce dall’esigenza generale e ormai non più prorogabile, tra l’altro già manifestata nelle opportune sedi anche dall’Onorevole di Forza Italia per la Provincia di Caltanissetta, Dott. Michele Mancuso, di messa in sicurezza delle Strade Provinciali indicate in oggetto, che non hanno già da diverso tempo i requisiti minimi di sicurezza e di percorribilità.Chiediamo dunque alle Autorità competenti, con la massima urgenza, di attuare tutti i provvedimenti necessari volti a porre in sicurezza le Strade Provinciali SP16 e SP233, e principalmente ad assicurare l’incolumità dei cittadini che quotidianamente le percorrono.”

1.293 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Visita nel Nisseno del sottosegretario all’Interno, Candiani

Visita nel Nisseno del sottosegretario all’Interno, Candiani

Il senatore Stefano Candiani partecipa al seminario ?Le nuove frontiere dell?immigrazione ? Verso percorsi di legalità, inclusione e sicurezza? a Catania, 16 giugno 2018. ANSA/ORIETTA SCARDINO

Caltanissetta – Visita nel Nisseno del sottosegretario all’Interno, Stefano Candiani.  Il suo arrivo è atteso per venerdì 5 ottobre per una giornata che prevede un’agenda fitta di appuntamenti.

A cominciare dalla consegna all’ex procuratore generale di Caltanissetta, Sergio Lari,  l’onorificenza di Commendatore dell’ordine al merito della Repubblica Italiana.

Il primo in prefettura dove, nella sala degli specchi, sarà ufficialmente consegnato un immobile confiscato a Caltanissetta alla criminalità organizzata.

L’agenzia per l’amministrazione dei beni confiscati  e sequestrati lo consegnerà alla prefettura per ospitare una sede distaccata dello stesso palazzo di governo.

I nuovi locali, in via degli Orti, saranno ufficialmente inaugurato dallo stesso sottosegretario Candiani. A benedirli sarà il vicario del vescovo, monsignor Giusepep La Placa.

Il senatore Candiani proseguirà poi il suo tour cittadino visitando la questura nissena e il comando provinciale dei vigili del fuoco. Questi saranno gli ultimi appuntamenti della densa giornata.

834 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Delegazione di Forza Italia Mussomeli alla convention di Fiuggi

Delegazione di Forza Italia Mussomeli alla convention di Fiuggi

Fresco di riconferma il coordinatore cittadino di Forza Italia Antonino Noto, coadiuvato dal vice-coordinatore Vincenzo Sorce Callari e il responsabile delle politiche giovanile Giuseppe Mistretta, hanno partecipato alla Tre giorni di Fiuggi “l’Italia e l’Europa che vogliamo” organizzata dal vice-presidente di Forza Italia nonchè presidente del parlamento europeo Antonio Tajani.

“La tre giorni di Fiuggi è stata occasione di grande confronto e noi, donne e uomini liberi d’Italia, ribadiamo la nostra fede nei principi liberali espressi nel “credo laico” di Forza Italia e lanciamo un grido d’allarme per il pericolo che tali principi corrono nel nostro Paese e in Europa.

Da Fiuggi ritorniamo con il mandato di riorganizzare il partito in prospettiva delle prossime europee e comunali. Per questo da responsabili politici locali di Forza Italia, facciamo appello a tutti coloro che hanno a cuore i principi liberali – persone fisiche, gruppi, categorie, associazioni, forze politiche – affinché compiano una scelta di campo e si uniscano a noi per difendere l’avvenire del nostro Comune. Chiediamo di unirsi anche ai mussomolesi “dell’altra Mussomeli”, quella che oggi non ha una rappresentanza politica, alla Mussomeli che crede nel lavoro, nello studio, nella competenza, nell’impegno. Lo chiediamo per dare una speranza  ai giovani, per costruire un futuro diverso per i nostri figli, per realizzare un nuovo grande progetto politico.

Vogliamo che questa Mussomeli sia protagonista della nuova stagione politica, che realizzi, a partire da noi stessi, un profondo rinnovamento, che premi il merito, la capacità e l’impegno.

447 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Cardinale (PD):  “Accolto il mio O.d.G.  sullo  scorrimento della graduatoria del concorso  per  814 vigili del fuoco”

Cardinale (PD):  “Accolto il mio O.d.G.  sullo  scorrimento della graduatoria del concorso  per  814 vigili del fuoco”

l’on. Daniela Cardinale

ROMA – “Lo scorso venerdì ho presentato un ordine del giorno al Decreto Legge c.d. Milleproroghe, che é stato accolto dal Governo, con cui si è chiesto  di procedere allo scorrimento degli idonei del concorso per 814 posti per vigile del fuoco, bandito nel 2008 e la cui graduatoria definitiva è del 2010, con l’obbiettivo di potenziare l’organico del Corpo”. A a parlare è l’Onorevole Daniela Cardinale che spiega: “Un atto politico assunto per consentire di salvaguardare la graduatoria e il suo scorrimento che purtroppo, come sappiamo, nel corso degli anni fino al 2017 ha subito diversi stop, superati grazie ad un  preciso impegno del governo Gentiloni, tant’è che lo scorso maggio, grazie alle risorse reperite dal precedente Esecutivo,  400 idonei in graduatoria sono entrati a far parte dei VVFF. Una richiesta – continua la deputata del Pd –  sollecitata anche dalle organizzazioni sindacali per consentire l’immissione in ruolo per chi si trova in graduatoria, per rafforzare un Corpo che quotidianamente garantisce la nostra sicurezza. Vigileremo affinchè l’accoglimento di questo ordine del giorno possa costituire una base di confronto per un ulteriore scorrimento della graduatoria e per rafforzare l’operatività dei Vigili del Fuoco”.

3.254 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

“In Sicilia  personale sanitario sotto assedio”. Cardinale (PD) interroga il Ministro della Salute

“In Sicilia personale sanitario sotto assedio”. Cardinale (PD) interroga il Ministro della Salute

ROMA – Non si arresta l’ondata di violenza ai danni degli  operatori sanitari in Sicilia. A denunziarlo nero su bianco al Ministro alla Salute è l’onorevole mussomelese Daniela Cardinale. La parlamentare del Pd in una interrogazione scritta, riferendosi  a quanto accaduto al  professor Francesco D’Arpa, responsabile dell’unita’ operativa di Endoscopia digestiva del Policlinico di Palermo, che nei giorni scorsi è stato  aggredito da un paziente che con un pugno gli ha provocato la perforazione del timpano, rileva che si tratta di  “un atto inaccettabile che ancora una volta vede la rabbia scatenarsi all’interno di una struttura sanitaria contro un professionista che sta svolgendo il proprio lavoro”. La deputata denuncia poi che “da parte del Governo erano stati annunciati provvedimenti che ad oggi risultano essere lettera morta”. L’onorevole Cardinale che, nei mesi scorsi,   si era già occupata della tematica con un altro atto ispettivo chiede quindi  al Ministro Giulia Grillo di  “arginare questi episodi di violenza e per consentire agli operatori sanitari di poter svolgere il proprio lavoro senza dover temere per la propria incolumità”.

1.137 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

L’ex presidente del Consiglio Bellanca (FI): “Il sindaco Catania ha fallito, si dimetta”

L’ex presidente del Consiglio Bellanca (FI): “Il sindaco Catania ha fallito, si dimetta”

Mussomeli–  “Questo sindaco ha fallito il suo mandato e bene farebbe a dimettersi, non si può andare avanti solo con feste e festicciole e lasciare irrisolti i gravissimi problemi che travagliano la comunità”.

Parole perentorie e pesanti quelle pronunciate dal 46enne Salvuccio Bellanca, componente del direttivo provinciale di Forza Italia e già presidente del Consiglio comunale di Mussomeli e consigliere provinciale.

“Tempo addietro avevo sostenuto: più che bellissima –dice Bellanca- Mussomeli diventerà carissima, e così è stato.  E neppure la politica già in uso con gli antichi romani che distraevano il popolo con panem et circenses, paga più. Mi spiego meglio: due anni addietro venni attaccato duramente da quest’amministrazione perché avevo stigmatizzato l’uso spregiudicato che faceva di feste e festini, sagre e mangiatelle non accompagnando la propria azione con seri progetti finalizzati a produrre finanziamenti che giovassero alla cittadinanza. Adesso i fatti mi stanno dando ragione. Cominciamo dal caro Tari, bollette salatissime che stanno arrivando in questi giorni. Ci hanno rimbambito con slogan sul fatto che se fossimo stati virtuosi con la differenziata avremmo avuto cospicui risparmi, ma oggi il re è nudo. La gente si è impegnata, ha imparato a differenziare, ma si sta vedendo recapitare bollette esorbitanti e già sui social le proteste dilagano. La cosa grave, inoltre, è che quest’amministrazione –continua Bellanca- fa finta di nulla su altre due questioni gravissime: l’Asd Mussomeli costretta a emigrare a Campofranco, e il commissariamento per il bilancio. Il calcio che conta è stato insomma estraniato dalla propria città, e l’assessore al ramo, che oltre a montare palchi e palchetti dovrebbe occuparsi anche di sport, scarica la colpa sulla cittadinanza, dicendo che i cittadini non hanno risposto, è questo è gravissimo. Circa la mancata chiusura del bilancio che ha spianato la strada al commissariamento, il nostro sindaco in maniera quasi angelica si giustifica dichiarando che altri 153 comuni siciliani sono stati commissariati. Come a dire, mal comune mezzo gaudio. Ma questo è inaccettabile. Io contesto fermamente l’operato di questa amministrazione che s’è dimostrata incapace perfino di predisporre progetti da fare finanziare e scarica sugli uffici le proprie inadempienze e responsabilità. E per nascondere la sua inefficienza, continua con la politica del panem et circenses, politica che finora invero ha avuto successo, ma adesso la gente comincia a capire come stanno davvero le cose. E l’arrivo di queste salate bollette Tari, a fronte dell’impegno prodotto dalla cittadinanza per fare la raccolta differenziata, è un segno concreto del fallimento della giunta Catania. Aggiungo –continua Bellanca- che la verifica politica avvenuta pochi giorni fa in Consiglio comunale, sottolinea una cosa molto grave, l’assoluta assenza di una appartenenza politica da parte di quest’amministrazione che non sa più che santi pregare, cercando di andare di qua e di là, ma non trovando né lidi né casa. Quest’amministrazione è orfana della politica vera, della politica che conta, e se continuerà a governare ancora per i prossimi due anni aggraverà ancor di più la realtà mussomelese. Infatti in appena tre anni ha già bruciato una realtà storica come la squadra di calcio che esiste da 43 anni e a fronte di tanta prosopopea sulla raccolta differenziata, ha emesso bollette esosissime. Questo sindaco non ha un’appartenenza politica e non ha più neppure una maggioranza. Se fosse un’amministrazione seria dovrebbe fare un mea culpa e trarne le dovute conseguenze, ovvero dimettersi”.

FONTE LA SICILIA

1.728 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com