predil 1Predil ceramiche VigroBanner censimento
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio | Politica

 

Regionali: nel nisseno vola Musumeci, bene M5S. Mancuso, Di Paola e Arancio all’Ars. I dati definitivi

Regionali: nel nisseno vola Musumeci, bene M5S. Mancuso, Di Paola e Arancio all’Ars. I dati definitivi

 

Caltanissetta – Quando manca il responso  poche centiniaia di sezioni nell’isola , se il trend nisseno fosse confermato  in un tutte le provincie siciliane, Musumeci potrebbe fare man bassa, forte di un un numero di preferenze superiore al 40% si sarebbe aggiudicato anche la maggioranza. Cancellieri che giocava in casa può esultare per diverse ragioni: in provincia di Caltanissetta, come in Sicilia,  il M5S è lo schieramento  più votato; inoltre il candidato grillino si conferma all’Ars, dove gli faranno compagnia una  new entry, il forzista doc milocchese Michele Mancuso e l’uscente Giuseppe Arancio, deputato gelese del Pd. Cancelleri entra a Sala D’Ercole di diritto s secondo candidato  pià eletto alla presidenza  e lescerà il suo scranno al candidato nel collegio nisseno Nunzio Di Paola . Hanno sfiorato i quattromila voti senza essere eletti Michele Ricotta di #DiventeràBellissima e Gianluca Miccichè, ex assessore regionale, candidato con Sicilia Futura.

I dati

Scrutini_liste_provinciali_definitivi_caltanissetta

1.024 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Intervento sulla S.P. 38, parla Maurizio Croce

Intervento sulla S.P. 38, parla Maurizio Croce

MUSSOMELI – Dopo che ieri si è tenuta una conferenza stampa durante la quale è stato citato Maurizio Croce e chiamato in causa l’ufficio di commissario di Governo di cui è soggetto attuatore, il tecnico messinese attraverso una nota a tenuto a precisare quanto segue:

“Ho appreso che, durante la conferenza stampa fatta dal Sindaco di Mussomeli in data 03/11 con i giornalisti, lo stesso ha presentato un progetto di massima per la realizzazione degli “Interventi di sistemazione idrogeologica aree in frana su tratti di strade provinciali della Mussomeli – Caltanissetta” finanziata nel Patto per il Sud per un importo pari ad € 13.800.000,00.
Preliminarmente ritengo indispensabile chiarire che la trattativa svolta dal governo regionale con il Sottosegretario De Vincenti relativamente all’inserimento nel Patto per il Sud di finanziamenti per la messa in sicurezza delle infrastrutture stradali, ed in particolare secondarie, è il frutto dei momenti di confronto che si sono svolti proprio nel territorio di Mussomeli alla presenza di diversi esponenti del governo regionale, della deputazione nazionale e di alcuni esponenti del governo nazionale.
La risultanza di tale trattativa sfociata nella sottoscrizione del Patto per il Sud in data 10 settembre 2016 è quella di aver destinato € 100.000.000,00 alla messa in sicurezza infrastrutturale prevalentemente secondaria e ricadente nell’entroterra della Sicilia.
E’ del tutto evidente che nessuna Amministrazione locale può vantare meriti nel raggiungimento di tale risultato in quanto lo stesso è solo ascrivibile al Governo Regionale ed al Governo Nazionale che hanno individuato in tale ambito una reale necessità indispensabile per il rilancio economico dell’Isola.
Nello specifico inoltre occorre precisare che così come riferito al Sindaco di Mussomeli in diversi tavoli tecnici che si sono svolti presso l’ufficio del Commissario per il rischio idrogeologico, tale intervento, erroneamente riportato nel Patto per il Sud come ricadente all’interno del territorio comunale di Mussomeli, in realtà comprende un comprensorio ben più vasto che abbraccia diversi Comuni della Provincia di Caltanissetta e soprattutto riguarda un strada che è di stretta competenza del Libero Consorzio Comunale e non di singoli Comuni.
A tal fine il Commissario ha già avviato una interlocuzione con il Libero Consorzio che, tra l’altro, è il richiedente di tale intervento, al fine di individuare i tratti più a rischio della suddetta strada.
Le note a cui fa riferimento nella conferenza stampa vanno inserite nel giusto contesto di informazione che prima il Presidente della Regione e successivamente lo stesso Commissario hanno voluto inviare a tutti gli amministratori coinvolti a vario titolo nei finanziamenti previsti nel Patto per il Sud e non sono in alcun modo riconducibili ad autorizzazioni a svolgere attività in tale ambito considerato che la Giunta Regionale ha individuato quale unico soggetto attuatore il Commissario.
Ed in tal senso infatti stiamo già lavorando al fine di velocizzare l’attuazione di tutti gli interventi previsti nel Patto e continueremo a farlo nei prossimi mesi con solerzia proprio perché riteniamo che gli stessi non possano e non debbano essere ricondotti ad una incauta strumentalizzazione di carattere politico a meno di ventiquattro ore dalla tornata elettorale regionale ma rappresentano reali criticità e necessità per l’incolumità dei cittadini nonché per lo sviluppo dell’Isola.”

1.028 Letture

 

 

Scritto in Cronaca, PoliticaComments (0)

 

I medici Pino Sorce e Gero Valenza rivelano: “Non candidati per colpa di Catania”. L’intervista

I medici Pino Sorce e Gero Valenza rivelano: “Non candidati per colpa di Catania”. L’intervista

MUSSOMELI – A due giorni dalle elezioni regionali abbiamo sentito i due mancati candidati, entrambi stimatissimi   medici e professionisti di primissimo piano  con una grande capacità di aggregare consenso: il chirurgo Pino Sorce, già consigliere provinciale  e il dermatologo Gero Valenza, ex sindaco e attuale Presidente del Consiglio di Mussomeli.  A loro abbiamo chiesto di chiarire la loro posizione riguardo le ultime vicende politiche che li hanno visti interessati.

 

A parlare per primo è il dott. Pino Sorce, ex consigliere provinciale tra le fila dell’UDC (partito in cui ha militato dal 2002) e che oggi sostiene la lista legata direttamente all’On. Musumeci.

DDottore Sorce, perché il suo appoggio alla lista “Diventerà bellissima” e al candidato Michele Ricotta?

R. Dopo aver militato ininterrottamente per 15 anni nell’UDC pensavo che una mia candidatura in queste consultazioni regionali sarebbe stata naturale, consapevole che una mia elezione potesse essere possibile. Purtroppo c’è stata l’interposizione del Sindaco Catania che subdolamente, appoggiato da persone esterne legate all’UDC, non ha permesso che questo avvenisse. Sono deluso e amareggiato per il fatto che questa sua azione di disturbo non ha permesso la mia candidatura, privando il nostro territorio di un probabile deputato regionale. Nella lista dell’UDC è stato invece candidato, al mio posto, il Sindaco Catania, nonostante la sua ineleggibilità.

D. Il sindaco però sulla questione ineleggibilità sostiene il contrario…

R. In realtà nella lettera che ha inviato ai cittadini, lui mente sapendo di mentire, quando afferma che la Cancelleria del Tribunale ha ratificato la sua candidatura e che non ci sono ostacoli alla sua elezione. Vero è che è candidabile ma non è eleggibile, come prescritto dalla legge regionale 22 del 5 dicembre 2007 e ribadito da autorevoli amministrativisti, in quanto non ha perfezionato le dimissioni da presidente della SRR in tempi utili. Il fatto grave è che di questo lui ne è consapevole e sta prendendo in giro i nostri concittadini. Ecco perché il voto a Catania è un voto inutile, che non gli permetterà di diventare parlamentare regionale ma che gli servirà semplicemente per accreditarsi all’interno dell’UDC.

 

D. Partito scudocrociato da cui  è chiaro che Lei abbia preso le distanze in queste elezioni…

R. Certamente non voterò UDC per quanto detto prima. Ho deciso di dare il mio sostegno al collega Michele Ricotta, candidato nella lista del presidente Musumeci, assieme all’amico Gero Valenza, con il quale, subito dopo queste consultazioni regionali, intraprenderò un percorso politico comune in vista dei prossimi appuntamenti elettorali.

 

E’ tempo di rivolgere alcune domande proprio al Presidente del Consiglio  di Mussomeli

D. Dottore Valenza,  si dava per certa  una Sua candidatura nella lista “Diventerà Bellissima” a sostegno dell’On. Musumeci. Poi cosa è successo?

 R. E’ successo che chi doveva sostenermi, in realtà, lavorava da tempo per una propria candidatura e, dopo aver girovagato per tutti i lidi politici presenti, grazie all’aiuto di persone con ruoli politici chiave all’interno dell’UDC, è riuscito nell’intento, coltivato da lungo tempo. Questa imposizione, ovviamente, è stata fatta senza tenere conto di chi per questa candidatura si era speso da diversi anni.

D. E’ chiaro il riferimento al sindaco Catania. Queste sue dichiarazioni prefigurano un nuovo assetto in aula consiliare, quale sarà la Sua collocazione ?

 R. Chiaramente non posso più stare con una persona di cui non ho più né stima né fiducia. Ovviamente non mi sento di fare parte più di questa maggioranza perché non ci sono più i presupposti per portare avanti il progetto che ci eravamo prefissi nei confronti dei nostri concittadini e conseguentemente in Consiglio comunale assumerò una posizione indipendente, votando con coscienza nell’interesse esclusivo della nostra comunità.

 D. Ritornando alle imminenti elezioni regionali, come sarà orientato il Suo voto?

 R. Faccio parte del movimento “Diventerà Bellissima” da diversi anni, l’ho pure dichiarato ufficialmente in Consiglio comunale, mi sembra quindi logico e coerente votare per questa lista e nello specifico darà la mia preferenza al candidato Michele Ricotta, persona che stimo e che può rappresentare al meglio questo territorio.

1.664 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Sicilia Futura : “Sulla Sp38 da Catania  fandonie per ragioni elettoralistiche”

Sicilia Futura : “Sulla Sp38 da Catania fandonie per ragioni elettoralistiche”

MUSSOMELI – La conferenza stampa sulla Mussomeli  Caltanissetta, indetta stamane ha suscitato la reazione degli attivisti di Sicilia Futura indispettiti dal silenzio del sindaco sulla paternità renziana del provvedimento che permetterà la reazione dell’opera.  Una reazione immediata e veemente, contenuta in una nota durissima in cui scrivono: “Le solite bugie di un personaggio in cerca di autore che, dopo aver patteggiato a sinistra col Pd e a destra con Salvini, ha trovato una candidatura in un partito che ammesso che superi il 5% In Sicilia, sarà tra gli ultimi nella graduatoria provinciale. Un ‘sindaco’ che, – proseguono – come è stato già largamente dimostrato, ha poco rispetto per il proprio lavoro che dovrebbe essere super partes e ancor meno per il lavoro svolto dagli altri in anni di impegno al servizio della Sicilia. Non basteranno certamente tali fandonie a renderlo più gradito ai cittadini mussomelesi che toccano con mano le inefficienze dell’Amministrazione Comunale che presiede. Il Patto per la Sicilia è stato redatto dall’Assessore Croce e dal Ministro Claudio De Vincenti come è noto e certificato dagli atti che sono alla portata di tutti. Esso è stato voluto fortissimamente dall’allora premier Matteo Renzi che lo ha voluto sottoscrivere alla Valle dei Templi di Agrigento alla presenza di tantissimi sindaci siciliani. In quella occasione  – osservano i militanti del movimento fondato da Totò Cardinale – spiccava l’assenza del sindaco di Mussomeli che ora ringrazia protagonisti di questo fatto importante per le nostre zone con cui non  ha mai avuto a che fare. L’unica frase che ci viene per concludere è: ‘Si vergogni e chieda scusa  ai cittadini mussomelesi che ancora ancora una volta e per abiette ragioni elettoralistiche tenta di prendere in giro”.

1.151 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Stamane conferenza stampa indetta dal sindaco sulla Mussomeli – Caltanissetta

Stamane conferenza stampa indetta dal sindaco sulla Mussomeli – Caltanissetta

MUSSOMELI – Si é svolta oggi presso la sala giunta del Comune di Mussomeli, alla presenza dei giornalisti di alcune testate locali e regionali, una conferenza stampa di presentazione del Progetto della Mussomeli Caltanissetta predisposto dagli Uffici Comunali. A presentare il progetto sono intervenuti il Sindaco Giuseppe Catania, il suo vice Francesco Canalella, l’Assessore Territo e il consigliere di maggiornza Simone Mistretta.  L’intervento sarà finanziato con le somme stanziate nel cosiddetto Patto per il Sud, voluto dal governo Renzi e gestite dal Commissario di Governo contro il dissesto idrogeologico. Lo stesso Commissario, non appena l’Amministrazione Comunale trasmetterà il progetto preliminare, si attiverà per bandire la gara per l’affidamento dei servizi di Ingegneria per l’esecuzione della progettazione definitiva ed esecutiva.

425 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Il Presidente Valenza: “Chi ha dimenticato Francesca faccia i conti con la propria coscienza”

Il Presidente Valenza: “Chi ha dimenticato Francesca faccia i conti con la propria coscienza”

Mussomeli –  E’ un dramma che ha vissuto da vicino. Il presidente del Consiglio Gero Valenza, peraltro parente della compianta Francesca Sorce, affida a una nota le sue precisazioni sulla mancata commemorazione dell’eroica assistenze sociale, martedì scorso in occasione del diciannovesimo anniversario del suo omicidio. “Intervengo –scrive il medico – perché chiamato in causa dai consiglieri di Pd e Sicilia Futura e su una omissione così grave non posso che esprimere il mio sdegno e la mia contrarietà.  Questa vergognosa dimenticanza non solo non rende giustizia a Francesca, esempio di rettitudine  e senso del dovere onorati al costo della vita,  ma aspetto altrettanto grave  è che la mancata riproposizione del premio a lei dedicato e che mi pregio di aver istituito da sindaco, non perpetua, tra i ragazzi,  il ricordo di un inestimabile modello di qualità umane e professionali  che Francesca ha testimoniato con il suo eroismo. Ho parlato con la famiglia che ha scelto il silenzio. E’ chiaro – prosegue l’ex sindaco –  che questa scelta va rispettata. Ogni iniziativa tardiva e  riparatoria sarebbe  inutile. Per questo non mi attiverò, qualunque tentativo posticcio non sarebbe idoneo a  rimediare all’insanabile errore che qualcuno ha commesso. Francesca e la sua storia vanno preservati da ogni tipo di clamore  strumentale  o speculazione. Chi è responsabile di questa imperdonabile amnesia istituzionale ed etica farà i conti con la propria coscienza”.

2.363 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Regionali: M5S “Catania chiarisca il giallo sulla ineleggibilità e rinunci alla candidatura o alla carica di sindaco. Ora nessuna riduzione di indennità”

Regionali: M5S “Catania chiarisca il giallo sulla ineleggibilità e rinunci alla candidatura o alla carica di sindaco. Ora nessuna riduzione di indennità”

MUSSOMELI – A poco più di 10 giorni dalle consultazioni elettorali, al centro del dibattito politico mussomelese continua ad esserci la paventata, da più parti, impossibilità di essere eletto del primo cittadino mussomelese, candidato alle  elezioni regionali  del 5 novembre. A chiedere chiarezza è il comitato elettorale del M5s che, attraverso una nota,  denuncia: “Arrivano notizie dai partiti dell’opposizione ma anche dai partiti di maggioranza della coalizione del Centro Destra circa la presunta ineleggibilità del sindaco Catania, qualora lo stesso venisse eletto deputato regionale.
Giungono anche notizie di una smentita da parte del sindaco Catania il quale affermerebbe l’esatto contrario.
Il primo cittadino, avrebbe smentito il tutto mediante una lettera alla cittadinanza secondo la quale la sua elegibilità sarebbe certificata secondo un parere legale di cui non vuole svelarne la fonte nè tantomeno il correlativo documento che lo attesti.
Noi del comitato elettorale ‘Cancelleri presidente’  – proseguono – pensiamo che si debba affrontare una campagna elettorale con spirito di comunità e senso di responsabilità, chiediamo pertanto alle parti di fare chiarezza a tutela delle istituzioni tutte ma soprattutto nel rispetto dei cittadini di Mussomeli che non possono subire una politica di arrivismo e personalismo politico.
Qualora la sua inelegibilità corrispondesse al vero, chiediamo al Sindaco Catania di fare un passo indietro e di rinunciare alla propria candidatura o, ancora meglio, di rinunciare alla carica di Sindaco qualora ritenga opportuno che la sua vocazione principale sia quella di voler scalare le vette della “politica professionistica” .  Infine i grillini stirano le orecchie al sindaco che  “diversamente da come aveva fatto nella precedente tornata elettorale comunale, nella sua lettera ai cittadini di Mussomeli non abbiamo letto nullariguardo l’eventuale riduzione della sua indennità da deputato parlamentare regionale.
Che lo scudo del suo nuovo partito – si interrogano i grillini – escluda tale eventualità? Noi ce lo stiamo chiedendo”.

1.308 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

«Pensare solidale» a sostegno di Cancelleri e nasce un comitato elettorale M5S a Mussomeli

«Pensare solidale» a sostegno di Cancelleri e nasce un comitato elettorale M5S a Mussomeli

«Pensare Solidale» sposa la causa del Movimento 5 Stelle che, frattanto, ha costituito un comitato elettorale a Mussomeli.

Così l’associazione politico-culturale, in vista delle imminenti consultazioni per l’elezione del presidente della Regione e il rinnovo dell’assemblea regionale, si è ritrovata nel programma e nella proposta politica del candidato Presidente Giancarlo Cancelleri.

Diversi i punti di condivisione tra «Pensare solidale» e le proposte dei pentastellati, che possono essere sintetizzati in una dozzina di argomentazioni.

Dalla creazione di un istituto unico regionale per gli investimenti che consenta alle imprese l’accesso agevolato al credito, all’incentivazione degli asili nido con, peraltro, un aiuto alle donne lavoratici del settore privato che si trovano in gravidanza; dalle politiche volte al sostegno delle famiglie numeroso garantendo loro una maggiore equità fiscale, all’esenzione dal pagamento del ticket sanitario pere chi ha subito violenza, anche sessuale; in tema di energia e ambiente, dal potenziamento degli impianti di compostaggio guardano alla linea “rifiuti zero”, alla valorizzazione dell’ufficio di Bruxellese della Regione siciliana; Dall’istituzione del marchio di “Qualità sicura Sicilia” a garanzia dei prodotti made in Sicily, alla revisione della rete ospedaliera regionale perché possa garantire i livelli essenziali di assistenza; dalla nascita di una struttura di tipo amministrativo dedicata ai giovani e all’innovazione, all’introduzione dell’ordinamento regionale del reddito di cittadinanza; dallo sviluppo delle infrastrutture ferroviarie e stradali, al riconoscimento dell’autonomia gestionale e programmatica delle attività dei parchi archeologici: non ultimo l’eliminazione di vitalizi e privilegi.

Da qui, da parte di «Pensare solidale» la decisione di votare alle prossime elezioni il candidato alla presidenza della regione, Giancarlo Cancelleri. «Una scelta – è stato spiegato – in linea con i propri ideali e valori di riferimento, ossia la tutela delle libertà personali, della dignità umana e per la giustizia sociale, ponendo molto l’accento sui valori indiscutibili della solidarietà e del lavoro».

E intanto, in via Palermo, a Mussomeli, accanto al convento San Francesco, è stato attivato un comitato elettorale del Movimento 5 Stelle a sostegno del candidato alla presidenza regionale, Cancelleri e degli aspiranti parlamentari dell’Ars.

1.059 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

Regionali Sicilia: liste e candidati in provincia di Caltanissetta

Regionali Sicilia: liste e candidati in provincia di Caltanissetta

Caltanissetta – Scadeva oggi il termine ultimo per la presentazione dei candidati in vista delle elezioni regionali del prossimo 5 novembre. Tutti i nomi
Franco Busalacchi presidente
Noi Siciliani
Agostino Cascio
Rosalia Angela Iacolino
Anna Maria Imbergamo
 
 
Giancarlo Cancelleri Presidente
Movimento 5 Stelle
Nuccio Di Paola
Giancarlo Cancelleri
Ketty Damante
 
Roberto La Rosa presidente
Siciliani Liberi 
Cardisona Caterina
Licari Antonio Andrea
Lomonte Ciro
 
Piera Loiacono presidente
Lista civica per il lavoro
Luca Scacco
Nuccia Bulgaretti
 
Claudio Fava presidente
Cento passi per la Sicilia 
Giusy Auria
Paolo Cafà
Giuseppina Morgana
 
Fabrizio Micari Presidente 
Pdr Sicilia Futura 
Grazia Colletto
Gianluca Miccichè
Giuseppe Ventura
Partito Democratico
Annalisa Petitto
Giuseppe Arancio
Massimo Arena
Alternativa Popolare 
Angelo Caci
Maria piazza
Fabrizio Turco
Micari presidente – Arcipelago Sicilia Movimento dei territori
Ennio Di Pietro
Salvatore Mazza
Manduca Selene Angela
 
Musumeci Presidente
Udc – Unione di centro
Giuseppe Sebastiano Catania
Maria Franca Meli
Pepe Vincenzo
Musumeci Presidente – Fratelli d’Italia – Noi con Salvini
Fabiano Lomonaco
Patrizia Battello
Giuseppe Scarlata
Forza Italia
Giuseppe Federico
Adriana Ricotta
Michele Mancuso
Diventerà bellissima 
Fabio Bennici
Domenica Anna Comandatore
Michele Ricotta
Idea Sicilia Popolari e autonomisti 
Angelo Bellina
Leonardo Burgio
Mariella Ippolito
1.483 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

“No al blocco dei lavori sulla Pa-Ag”. L’onorevole Daniela Cardinale scrive al Ministro Delrio

“No al blocco dei lavori sulla Pa-Ag”. L’onorevole Daniela Cardinale scrive al Ministro Delrio

ROMA – Scongiurare il blocco dell’opera e per salvaguardare i livelli occupazionali sui cantieri in essere lungo la Palermo-Agrigento. E’ quanto chiede l’Onorevole Daniela Cardinale, attraverso una interrogazione a risposta scritta rivolta al Ministro delle Infrastrutture. “Vi è forte preoccupazione – scrive la deputata del Pd – in merito al rischio di blocco dei lavori di della Palermo – Agrigento nonostante le rassicurazioni da parte di Anas, la società contraente dell’opera, la Bolognetta Scpa, ha comunicato ai sindacati la riduzione del 50% delle maestranze e la sospensione dei lavori nei tratti oggetto dell’appalto. “Secondo le organizzazioni sindacali – prosegue la parlamentare  – risulterebbero essere state avviate le procedure per il licenziamento del personale in esubero. È paradossale che ciò avvenga – denuncia la deputata Pd nissena –  nonostante la volontà espressa dall’Anas di incrementare l’attività sui cantieri proprio per rispettare i tempi di consegna dell’opera. Il sistema infrastrutturale ha bisogno del completamento di questa arteria fondamentale per l’intera Sicilia ed in particolare per i comprensori interessati la cui popolazione sta soffrendo disagi immani”.

1.725 Letture

 

 

Scritto in PoliticaComments (0)

 

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com