predil 1Predil ceramiche VigroBanner censimento
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio | Società

 

Prevista una seconda annualità di “Spazio giochi”, progetto  al servizio di genitori di bimbi piccoli

Prevista una seconda annualità di “Spazio giochi”, progetto al servizio di genitori di bimbi piccoli

VILLALBA – Finanziato per la seconda annualità il progetto “Spazio giochi” a favore delle famiglie che hanno bambini compresi tra i 18 e i 36 mesi. Il servizio –  che nel mese di agosto sarà sospeso – è previsto nell’ambito dei servizi integrativi per la prima infanzia “Centro Bambini e Famiglie” dal piano di azione e coesione (PAC) relativo a intervento e servizi di cura per l’infanzia. Una mano d’aiuto ai genitori che  – a causa del loro impegno lavorativo – hanno l’esigenza di lasciare i figli in un luogo adatto. In ambienti adeguati secondo le normative vigenti  i bimbi vengono custoditi da personale qualificato composto da un operatore laureato Graziella Pirrello,  da Patrizia Strada  e Elisa Alessi. L’ affidamento del servizio è stato aggiudicato dalla cooperativa Amanthea.   

“È un progetto prezioso al servizio delle famiglie  – dichiara il vicesindaco Concetta Territo (foto) – ci auguriamo che questa possibilità data alle famiglie, da intendersi come una prima esperienza sperimentale, possa diventare, in futuro, un vero e proprio asilo nido. Colgo l’occasione per esprimere la gratitudine dell’amministrazione comunale a tutti gli operatori del piano di zona e, in particolare, ai nostri impiegati del settore sociale, per lo straordinario lavoro progettuale puntuale svolto. Il nostro distretto D10 ha avuto grande capacità di presentare i progetti relativi al programma per i servizi di cura  sia per l’ infanzia che per gli anziani, nell’ambito del servizio di assistenza domiciliare integrata, ricevendo complimenti  e premialità da parte dell’assessorato regionale”.

854 Letture

 

 

Scritto in Cronaca, SocietàComments (0)

 

Lorenzi re dell’Atp Challenger di Caltanissetta, nuovo successo

Lorenzi re dell’Atp Challenger di Caltanissetta, nuovo successo

Caltanissetta – É Paolo Lorenzi il re dell’Atp Challenger di Caltanissetta. Per il secondo anno consecutivo ha dominato sul centrale di villa Amedeo aggiudicandosi titolo e un montepremi di 127 mila dollari.

Nella finale tuta azzurra ha avuto la meglio in due set (6-4 6-2) Alessandro Giannessi.

La legge del ranking è stata rispettata anche questa volta. E Giannessi, da poco nella top 100, ha dovuto piegarsi al numero 33 e in testa al tabellone del challenger di Caltanissetta.

Con il successo nel centrale di villa Amedeo il senese, all’età di 25 anni., ha messo in carniere il diciannovesimo successo nel circuito Challenger.

E ha già preannunciato che il prossimo anno sarà ancora a Caltanissetta per tentare il tris. Intanto il sindaco ha offerto allo stesso Lorenzi a cittadinanza onoraria.

575 Letture

 

 

Scritto in SocietàComments (0)

 

Una festa dei diritti chiude l’anno al plesso “P. Puglisi” di Mussomeli

Una festa dei diritti chiude l’anno al plesso “P. Puglisi” di Mussomeli

MUSSOMELI – “Noi e gli altri” è un progetto Unicef di accoglienza, inclusione, cittadinanza attiva e tutela dei diritti delle comunità scolastiche. Attraverso di esso le classi quinta A e B del plesso “P. Puglisi” dell’Istituto “P. Emiliani Giudici” di Mussomeli, guidato dalla dirigente Alessandra Camerota, nel corso dell’anno scolastico 2016/17  hanno approfondito i contenuti de’”L’albero dei diritti”, che traduce in proposte operative le finalità e gli obiettivi del programma “Scuola Amica”, attraverso attività specifiche quali “Il termometro dello star bene” con i barattoli delle emozioni, “La Carta d’identità interiore”, “La sagoma delle emozioni”

Gli alunni hanno compreso il senso e il valore dei diritti e dei doveri di ogni essere umano e, in particolare, dei bambini e degli adolescenti, nonché di conoscere le varie organizzazioni che se ne occupano.gli insegnanti che li hanno coordinati (Carmelina Sanfilippo, Giuseppina Amico, Carmelina Scannella, Agnese Castello, Filomena Modica, Salvatore Reina) con la profonda convinzione che insegnare a vivere quotidianamente  i valori umani sia la strada maestra per contribuire al bene comune. 

 “Il treno dei diritti” è stato il coronamento e la fase di socializzazione del processo di maturazione degli scolari, che hanno messo in scena una specie di viaggio attraverso i diritti, un invito alla riflessione sui principali temi disciplinati dalla convenzione Onu. Gli attori-viaggiatori hanno visitato strani paesi dove i diritti dei bambini vengono calpestati, ma, al termine, la speranza ha vinto. Un mondo migliore passa attraverso l’amore, la famiglia, il paese in cui si vive per permeare l’intero mondo. 

1.285 Letture

 

 

Scritto in Cronaca, SocietàComments (0)

 

Performance artistiche, gioco e sport a chiusura d’anno al “Paolo Emiliani Giudici”

Performance artistiche, gioco e sport a chiusura d’anno al “Paolo Emiliani Giudici”

MUSSOMELI – Chiude l’anno scolastico all’Istituto “Paolo Emiliani Giudici” di Mussomeli una serie di manifestazioni promosse dalla dirigente scolastica Alessandra Camerota (foto) insieme con i docenti della scuola primaria e secondaria di secondo grado.

Domani alle ore  11.00:  “Sport di Classe”, plesso “Senatore Giuseppe Mormino” di Sutera; il 31 Maggio, ore  10.00: “Arte e Gioco” (ri-creare prodotti del sottosuolo) in collaborazione con il Rotary club di Mussomeli, plesso “Padre Pino Puglisi”; 31 Maggio, ore  17.00: “Gioco Sport”, presso  la palestra Comunale di via Madonna di Fatima”; 1 Giugno, ore 17.30: “Free Dance”, presso la palestra Comunale di via Madonna di Fatima”; 6 giugno, ore 9.30: “Arte e Gioco” (ri-creare prodotti del sottosuolo), plesso infanzia “Madre Teresa di Calcutta”.  Il Rotary ha fornito sale colorato e materiale per realizzare i lavoretti che saranno venduti in beneficenza e il cui ricavato sarà utilizzato per acquistare materiale didattico; 8 Giugno, ore 16.30: “Piccoli Artisti”, plesso “Sac. Giuseppe Messina”.  

Il ricco programma è stato inaugurato ad Acquaviva Platani, con “Sport in classe” e “Ceramica” nel plesso “San Giovanni Bosco”.  I due eventi hanno testimoniato le abilità sportive e creative degli alunni, mettendo in evidenza capacità atletiche e artistiche. Il primo, patrocinato dal Coni e guidato dall’esperto di pratiche sportive Enzo Bortolotto, è stato riproposto il 25 e 26 maggio, nei plessi “Padre Pino Puglisi” e “Sac. Giuseppe Messina”, impegnando gli alunni della scuola primaria che hanno partecipato con entusiasmo. 

Al plesso “Padre Pino Puglisi” si è svolta la 14ͣa edizione del Festival canoro (foto) che ha visto protagonisti gli alunni della scuola secondaria di primo grado: un appuntamento fisso ideato e curato dal prof. Fortunato Cirlincione, con la collaborazione tecnica dal figlio prof. Domenico e dal prof. Michele Piazza (secondo vicario collaboratore). Hanno presentato il festival gli alunni Miriam Nobile e Ivan Morreale della classe 3 B. La giuria era formata da Alessandra Camerota e dai docenti Francesca Munì, Carmelina Scannella, Francesca Di Pasquale, Rosalinda Tomasini e Alfonsina Palumbo. Ospiti esterni i giovani maestri di musica Stefano Indelicato e Biagio Genco.

Prima che fosse reso noto il verdetto della giuria, la dirigente scolastica ha donato a tutti gli alunni partecipanti il libro “Novelle per un anno” di Luigi Pirandello, augurando una buona lettura durante l’estate. Momenti di attesa per la proclamazione e premiazione della gara che ha dato i seguenti risultati: terze a pari merito Ivana Messina e Vittoria Ladduca, seconda Cristina Solazzo e prima classificata Cristiana Canalella. Parole di stima e di riconoscimento per tutti i partecipanti sono stati espressi dai due giovani musicisti presenti in giuria Indelicato Stefano e Genco Biagio.

La dirigente scolastica Alessandra Camerota ha espresso soddisfazione: “nonostante la fatica e gli impegni continui, voglio ringraziare i miei stretti collaboratori e il team di docenti che, a vario titolo e ruolo, mi danno una mano per fare funzionare bene la scuola non solo da un punto di vista organizzativo e didattico ma anche per la realizzazione dei progetti e delle attività extracurriculari. La scuola è una grande famiglia dove i docenti tutti concorrono fattivamente, senza distinzione di ordine di scuola, per la realizzazione di programmi e attività definite all’inizio dell’anno scolastico”.

   

 

1.557 Letture

 

 

Scritto in Cronaca, SocietàComments (0)

 

Tratti e Ritratti: Antonio Mistretta, il medico col vezzo della memoria

Tratti e Ritratti: Antonio Mistretta, il medico col vezzo della memoria

ROMA – Antonio Mistretta è un medico con il vezzo della memoria. Vive tra Catania e Roma ma il suo cuore continua a battere per Mussomeli. Attualmente, oltre ad avere la cattedra di Igiene all’università etnea, dirige, nello stesso ateneo, il corso di laurea in scienze infermieristiche e collabora ad attività di ricerca epidemiologica nel campo nutrizionale.

In tema di prevenzione ha ideato, per conto dell’Associazione italiana per la ricerca sul cancro, “L’isola dei fumosi” che una giuria ha premiato come migliore app no-profit d’Italia per persuadere i giovani e i giovanissimi dei danni provocati dal tabacco. Grande successo ha avuto pure il kit di didattica ludica per l’educazione alimentare chiamato “Mangioco” voluto dalla sezione regionale dell’Airc, mentre altre iniziative sono in cantiere. Ma il professore Mistretta, la cui famiglia ha radici a Mussomeli e Villalba, cerca di far rivivere un mondo che esiste, ormai, solo nella memoria di chi lo ama. E’ così che Mussomeli ritorna la città europea in cui gli intrecci familiari sono storia politica, delle lettere e delle idee. Scavando (con metodo e disposizione all’indagine psicologica) nel punto di intersezione in cui memoria, racconto ed affetti diventano, praticamente, indistinguibili sono nati i due romanzi “Casa di pietra” e “Archivi del sud”. Quest’ultimo rovescia il punto di vista dell’opera di Marguerite Yourcenar, per raccontare la saga dei Sorce-Malaspina, l’antica famiglia della Lunigiana della quale Antonio è discendente. 

“Pur non avendo mai vissuto a Mussomeli ed essendo, anzi, colpevolmente latitante, il legame è rimasto molto forte. La figura chiave della mia infanzia, quella alla quale resto debitore del mio amore per la cultura, è la zia Maria Mistretta, animatrice, nel secolo scorso, insieme con altri personaggi femminili, della vita culturale del Vallone. A pensarci, nel cuore della Sicilia, per un pò di tempo, si è vissuto come se ci si trovasse a Vienna o a Parigi”.

Proprio domani cade il 15° anniversario della scomparsa del padre di Antonio: il medico, professore di fama e dirigente di istituzioni culturali Antonino Mistretta, al quale, due anni fa, è stata intitolata una strada di Mussomeli e “la cui assenza – dice Antonio – ha fatto risalire in me il legame ancestrale con il paese di origine”. Certo che anche la personalità poliedrica di Antonino rimanda alla temperie culturale della  Mussomeli di un tempo. Se Roma è il luogo dove Antonio si incontra con la moglie Flavia, docente di diritto europeo che ha deciso di abbracciare la carriera di chef ottenendo riconoscimenti persino del prestigioso New York Times, a Catania il professore Mistretta torna sempre nella sua casa del centro storico. Lì custodisce cimeli di famiglia, carteggi, fotografie di antenati, personaggi della cultura isolana e persino la testimonianza di qualche scrittore che ha fatto la storia della letteratura. D’altra parte, lettere e medicina sono spesso andate a braccetto, fino a toccare i vertici di Anton Čechov o di Arthur Conan Doyle.

2.431 Letture

 

 

Scritto in Cultura, SocietàComments (0)

 

Basta un pari al  Vallelunga che approda  allo  spareggio promozione contro  il Motta

Basta un pari al Vallelunga che approda allo spareggio promozione contro il Motta

Vallelunga  – Alla fine, l’importante era qualificarsi per lo spareggio promozione, e il Vallelunga c’è riuscito. E’ questo, in estrema sintesi, il succo di una partita nella quale la squadra di Nicola Serio ha pareggiato 0-0 dopo i tempi supplementari con il Don Carlo Misilmeri aggiudicandosi la finale play off del girone H e staccando il biglietto per lo spareggio promozione nel quale se la vedrà contro la vincente del girone G, cioè il Motta che ha battuto 2-1 il Ciclope Bronte nella finalissima play off del proprio girone. La gara è stata un concentrato di tensione ma anche di attenzione estrema, con due squadre tatticamente ben messe in campo che hanno lasciato poco spazio per le iniziative sia collettive che individuali. Alla fine, sono state veramente pochissime le occasioni da ambo le parti in una partita non bella da un punto di vista estetico, ma nella quale, per il Vallelunga, era fondamentale vincere o pareggiare per conquistarsi il diritto a disputare lo spareggio promozione contro la vincente della finale play off del girone G. Notevole la presenza di pubblico in un “Comunale” che ha sostenuto i suoi beniamini con grande passione e partecipazione. Nicola Serio è stato veramente bravo a disporre i suoi ragazzi senza tentare alcun volo pindarico. D’altro canto, l’esigenza era quella di conquistare una finale che non poteva non essere agguantata. E così è stato, nonostante la sofferenza di 120 minuti snervanti soprattutto sul piano psicologico in quanto le due squadre avevano uomini e schemi per poterla sbloccare in qualunque momento. Alla fine non l’ha sbloccata nessuno, ma il risultato ha dato ragione al Vallelunga che, giunto secondo in campionato, aveva la classifica migliore rispetto ad un Don Carlo Misilmeri che ha comunque disputato un ottimo campionato indipendentemente dall’esito della sfida odierna. Per il Vallelunga, invece, continua il grande sogno promozione, e c’è da giurarci che, in occasione della super sfida contro il Motta, saranno veramente tantissimi i tifosi vallelunghesi che seguiranno la squadra per sostenerla in questo suo ultimo sforzo verso la Promozione.

1.643 Letture

 

 

Scritto in SocietàComments (0)

 

Al via il progetto “Storiografia locale” al Virgilio

Al via il progetto “Storiografia locale” al Virgilio

MUSSOMELI –  L’Istituto di istruzione superiore Virgilio, ad iniziativa della dirigente scolastica Calogera Genco (nella foto) lancia il progetto “Storiografia locale”. Il collegio dei docenti ha, infatti, costituito una commissione ad hoc della quale fanno parte i docenti Barba, Genco Russo, Mendola, Lo Vetere, Terrana, Tona, Saia, S. Castiglione, I. Castiglione e Difrancesco.  

Nell’ambito delle attività formative in programma, nello scorso mese di aprile, l’ Auditorium della scuola ha ospitato l’incontro dal titolo “Pane amaro: la coltivazione del grano nei latifondi della Sicilia interna” curato dalla professoressa Maria Rita Mendola. Il tema, che ha riscontrato grande interesse,  si presta non solo a un discorso storico, a partire dalla Sicilia antica granaio dell’impero, ma anche a uno politico e letterario, nonchè, molto recentemente, a nuovi filoni di indagine legati alla storia dell’alimentazione. Tutto questo mettendo al centro la Sicilia interna e i suoi angoli ancora inesplorati.

Relatore, in questa occasione, è stato il professore Salvatore Nicosia, preside della facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Palermo e docente di greco nello stesso ateneo. Altre conferenze sono in cantiere, mentre, sul piano istituzionale, è prevista la costituzione del comitato tecnico-scientifico per la storiografia locale per coordinare al meglio le attività programmate.

2.642 Letture

 

 

Scritto in Cronaca, Cultura, SocietàComments (0)

 

Il meetup 5stelle di Milena scrive al sindaco per avviare i lavori nella  Casa-Museo della civiltà contadina del villaggio Masaniello.

Il meetup 5stelle di Milena scrive al sindaco per avviare i lavori nella Casa-Museo della civiltà contadina del villaggio Masaniello.

Milena – Dopo le ultime cadute di calcinacci e la seguente decisione della Proloco di Milena di chiudere alla fruizione la Casa-Museo della civiltà contadina, il meetup 5stelle di Milena ha protocollato  oggi una lettera indirizzata al sindaco di Milena, al fine di sollecitare l’Amministrazione all’avvio di lavori urgenti di messa in sicurezza e restauro della Casa-Museo della civiltà contadina del villaggio Masaniello. Il meetup M5S di Milena scrive, attraverso un comunicato che  “alla luce delle condizioni di degrado strutturale in cui versa ultimamente l’immobile e considerando l’indubbio valore storico e culturale allo stesso riconosciuto, vanto e fiore all’occhiello oramai da diversi decenni per tutti i milocchesi e meta di visite turistiche, chiede all’Amministrazione di procedere, in tempi brevi, a dei lavori urgenti per la messa in sicurezza, il restauro e la manutenzione della Casa-Museo della Civiltà Contadina di Milena, per renderla al più presto fruibile nuovamente, giungendo ad un accordo con i proprietari della sede della Casa-Museo, attraverso una condivisione delle spese sostenute e il successivo defalcamento dalla pigione delle somme anticipate dall’Amministrazione Comunale per i lavori di restauro e messa in sicurezza. Nelle more il M5S consiglia inoltre il trasferimento temporaneo degli oggetti presenti nella Casa-Museo presso altra sede (casa privata o ad esempio la ex sede scolastica di villaggio Montegrappa), fino al ripristino dell’attuale sito del villaggio Masaniello, al fine di non interrompere la fruizione dello stesso. Nel mese di maggio, infatti, un cospicuo numero di studenti universitari e di docenti (circa 60) della facoltà di Lettere e Filosofie di Palermo, dopo aver preso contatti nei mesi scorsi con l’Amministrazione Comunale e con la Proloco di Milena, hanno programmato un workshop di linguistica siciliana sul dialetto milocchese, con al centro la visita della Casa-Museo, con reti televisive al seguito: visita oramai fissata e che sarà comunque svolta. Il solerte ripristino dell’immobile del villaggio Masaniello o il trasferimento temporaneo dello stesso, eviterebbe così di dare una cattiva immagine alla comunità milocchese.

L’accordo con i proprietari, secondo il meetup M5S di Milena, sarebbe la via da privilegiare non solo per l’inizio dei lavori di messa in sicurezza e di restauro, ma anche per giungere ad un eventuale acquisto dell’immobile da parte del Comune di Milena, in quanto sito di rilevanza storico-culturale”.

Nel frattempo il MU locale ha investito della problematica anche i portavoce regionali e nazionali

880 Letture

 

 

Scritto in SocietàComments (0)

 

Interruzione erogazione idrica a Marianopoli

Interruzione erogazione idrica a Marianopoli

acquarubinetto-240x240VILLALBA- L’azienda idrica che si occupa della distribuzione dell’acqua nella provincia di Caltanissetta informa che a causa di un intervento urgente di manutenzione nelle condutture dell’acquedotto delle Madonie Est, martedì 30 agosto 2016 sarà sospesa l’erogazione idrica nei comuni di Resuttano, Marianopoli e Santa Caterina. L’intervento dovrebbe concludersi entro le 24 ore al fine di poter garantire il ripristino immediato del servizio idrico.

392 Letture

 

 

Scritto in SocietàComments (0)

 

Nuova ordinanza da parte del Sindaco Catania: “Obbligo a tutti i cittadini a praticare la raccolta differenziata”

Nuova ordinanza da parte del Sindaco Catania: “Obbligo a tutti i cittadini a praticare la raccolta differenziata”

isola-ecologica-mobile-700x400VILLALBA- A seguito dell’emergenza rifiuti che ha colpito l’intera Sicilia, l’Amministrazione Comunale di Mussomeli, nella persona del Sindaco Giuseppe Catania, rende pubblico attraverso un’ordinanza sindacale che è stato avviato il piano straordinario di emergenza della raccolta differenziata. Pertanto, tutti i cittadini saranno obbligati a praticare il servizio di raccolta differenziata per le seguenti frazioni: carta e cartone; vetro e alluminio; plastica. Il Piano straordinario di raccolta differenziata messa in atto dall’Amministrazione comunale di Mussomeli prevede la raccolta porta a porta per le utenze non domestiche, quali bar, pizzerie, panifici, supermercati (…) e la raccolta differenziata in prossimità di utenze domestiche o attraverso le apposite campane posizionate in diversi punti del paese o attraverso l’isola ecologica mobile, ubicata in Piazzale Mongibello, presso cui ogni cittadino potrà conferire i propri rifiuti differenziati. L’Amministrazione esplicita: “È  importante ricordare che i rifiuti che verranno conferiti presso l’isola ecologica mobile di piazzale Mongibello, attiva a partire dal 10 agosto 2016, darà la possibilità ai cittadini di far registrare sulla propria tessera sanitaria il quantitativo della frazione differenziata conferita, dato che verrà utilizzato – in un secondo tempo – per poter usufruire di uno sgravio sulla bolletta TARI, in conformità con quanto previsto dai regolamenti comunali approvati. I cittadini, muniti di tessera sanitaria, potranno così usufruire del supporto dell’operatore messo a disposizione dal Comune”. Si segnalano di conseguenza i giorni e gli orari in cui l’isola ecologica mobile sarà disponibile: da lunedì a sabato dalle ore 8:00 alle ore 12:00; tranne il martedì e la domenica che l’isola rimarrà chiusa.

5.447 Letture

 

 

Scritto in SocietàComments (0)

 

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com