VigroEuronics
1 in alto sinistra

 

 

 

 

monticelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Archivio | Sport

 

5° Autoslalom Città di Sant’Angelo Muxaro: ottimi piazzamenti per i piloti di Mussomeli 

5° Autoslalom Città di Sant’Angelo Muxaro: ottimi piazzamenti per i piloti di Mussomeli 

SANT’ANGELO MUXARO – Organizzato dalla Muxaro Corse in collaborazione con il Team Palikè, si è corso il 3 e 4 agosto il 5° Autoslalom Città di Sant’Angelo Muxaro, valido per il Campionato Siciliano Slalom Zona 2 curato dalla Delegazione Sicilia AciSport .Come da tradizione, il percorso di circa 3 km si snoda lungo la Sp19 nell’entroterra Agrigentino, arricchita da 12 postazioni di rallentamento ( zona due) con coefficiente 1,5. Il Campionato Siciliano vede al momento in testa Schillace del T.M.Racing. Attrazione speciale del 5°Autoslalom Città di Sant’Angelo Muxaro è stato Marco Stellino. Il pilota drift palermitano vicecampione europeo 2012 della categoria “Street Legal”, apripista per l’occasione, ha fatto divertire il pubblico che di fronte alla sua performance è letteralmente impazzito dall’entusiasmo. Il vincitore assoluto è stato Girolamo Ingardia il pilota della Trapani Corse, che con la sua Ghipard ha stabilito il nuovo record della pista, fermando il cronometro in 134,06. Alle sue spalle Nicolò Incammisa, che centra il podio per la quinta volta consecutiva a Sant’Angelo Muxaro. Grande soddisfazione per la Trapani Corse che ha ottenuto il primo e il secondo podio piazzando due piloti della sua scuderia. Protagonista della corsa è stato anche un pilota di casa, Ivan Brusco. Il pilota della vicina San Biagio Platani, tra i più acclamati del pubblico, ha chiuso all’undicesimo posto, ottenendo soprattutto il primo posto del Gruppo A. I piloti di Mussomeli si sono distinti nelle rispettive classi: Michele Antinoro 3° di Classe A1400 su 12 partecipanti; Russello Salvatore (Toti ) 2° di Classe A 1600 su 4 partecipanti; Callari Carmelo 2 di Classe A 1400 su 12 partecipanti. Sfortunata invece la gara di Jerry  Mingoia che si ritira per problemi al cambio già dalla prima manche. Antinoro  commenta:  “ E’ stata una gara tosta non credevo di riuscire ad ottenere questo risultato vedendo gli slalomisti che avevo in classe  e correndo con una macchina da Rally meno adatta a queste prove. Ma, considerando che era da oltre un anno che non partecipavo ad una gara, credo di essermi difeso bene e su 12 partecipanti sono riuscito ad ottenere un 3 posto di Classe. Mi sono divertito e ringrazio, in modo particolare, il mio meccanico Franco Scannella, gran meccanico e gran signore, che riesce sempre a risolvere ogni mio problema con la macchina. Mi complimento con Carmelo Callari e con Toti Russello per i risultati ottenuti e mi dispiace per Jerry Mingoia per il ritiro forzato a causa dei problemi al cambio, con l’augurio che possa rifarsi presto” . L’evento sportivo ha avuto il patrocinio del Comune di Sant’Angelo Muxaro che nella persona del suo giovane sindaco, Angelo Tirrito, ha espresso toni entusiastici sulla corsa e tutto ciò che ha comportato in termini di crescita sociale, realizzando momenti di aggregazione e di sana competizione: “Inserito nel tabellone delle manifestazioni estive, l’evento sportivo lo Slalom Città di Sant’Angelo Muxaro , rappresenta un momento importante per il nostro borgo che grazie a questo evento può godere di grande visibilità e promozione. L’amministrazione comunale, nonostante le ristrettezze economiche, supporta sempre eventi  come questo. I miei complimenti vanno ai promotori della manifestazione che hanno  dimostrato grandi capacità organizzative”.

421 Letture

 

 

Scritto in SportComments (0)

 

Nasce dalle ceneri del Mussomeli la nuova ASD SPORTING VALLONE

Nasce dalle ceneri del Mussomeli la nuova ASD SPORTING VALLONE

MUSSOMELI – Dopo le ultime  dichiarazioni del Presidente dell’ASD MUSSOMELI  Salvatore D’amico, dispiaciuto per una fine annunciata della locale squadra di calcio ma fiducioso per l’imminente nascita di una creatura calcistica ed un progetto di squadra di più ampio respiro, espressione del tifo di tutto il Vallone, comincia, in effetti , a sbocciare in tutta la sua prepotente novità,  la nuova squadra che abbraccerà la passione e il  tifo di tutti i paesi del Vallone.

Comincia a prendere forma l’A.S.D.  Sporting  Vallone,  il nuovo ambizioso progetto calcistico del comprensorio  del “Vallone”,  in provincia di Caltanissetta .

La nuova compagine, nata dalla collaborazione tra i dirigenti dell’A.S.D.  Mussomeli  e da alcuni dirigenti che hanno guidato l’A.S.D.  Atletico Campofranco ,  si presenta ai nastri di partenza del campionato di Eccellenza con il dichiarato obiettivo di recitare un ruolo da protagonista nella nuova stagione agonistica .

La guida tecnica e’ stata affidata ad Accursio Sclafani , allenatore di ottime prospettive che nella passata stagione ha raggiunto la salvezza con  l’A.S.D. Mussomeli .

Sclafani sarà coadiuvato, nelle veste di allenatore in seconda e preparatore atletico , dall’esperto Salvatore Scozzaro che nella sua carriera ha raggiunto ottimi traguardi con l’Atletico Campofranco.

Lo staff tecnico potrà contare su un gruppo di calciatori di tutto rispetto.

Faranno parte della rosa dell’A.S.D. Sporting  Vallone alcuni dei principali protagonisti della passata stagione con la maglia del Mussomeli: Fabio Messina ( attuale miglior realizzatore nei campionati di eccellenza)e  Comiso Panepinto ( assist men e dribbling infiniti)

Arrivano anche i primi importanti innesti. Si tratta di due vere bombe di mercato: l’attaccante GIUSEPPE

Polito  e il centrocampista RAFFAELE PALAZZO, che metteranno a disposizione dello staff tecnico il loro bagaglio di classe ed esperienza.

La Dirigenza sta inoltre lavorando per allestire un rosa competitiva con ambizioni di essere la squadra rivelazione del campionato.

Non resta che augurare  alla Dirigenza della nuova realtà calcistica i migliori traguardi in campo sportivo e grandi soddisfazioni  in grado di calamitare gli amanti del pallone che al grido di “forza Sporting  Vallone”

ripagheranno  delle delusioni e dei sacrifici passati, presenti e fututi. –“ Forza SPORTING VALLONE”.

1.351 Letture

 

 

Scritto in SportComments (0)

 

Il presidente D’Amico: “Senza stadio e calciatori locali  o spariva il nome o il club”

Il presidente D’Amico: “Senza stadio e calciatori locali o spariva il nome o il club”

MUSSOMELI. Parla Salvatore D’ Amico : “ e’ con grande dispiacere e con profonda costernazione che  prendo atto  che sarò l’ultimo Presidente dell’ASD  MUSSOMELI.

L’ASD MUSSOMELI  e’ clinicamente morta lo scorso anno  quando ,nel vano tentativo di   rimpinguare le casse della società ’ e quindi la forza  economica del club, si e’ lanciato l’invito alla cittadinanza per la raccolta   a 300 abbonati , necessari per far fronte alle spese di una categoria  bella ma che richiede un notevole esborso economico.

Si e’ chiesto aiuto a più parti, perché il campionato di Eccellenza per un paese come il nostro e’ senz’altro

un motivo di vanto ma anche pesante da sostenere e , con orgoglio ,rivendico il fatto che, anche se con enormi sacrifici , e’  da anni  che ci si iscrive regolarmente al Campionato.

Il MUSSOMELI calcio dal 2014/ 2015 e’ in Eccellenza  , primo  anno disputa una grande stagione.

-campionato 2015/2016    raggiunge la salvezza ai play-out .

-campionato 2016/2017 retrocessione e ripescaggio .

-campionato 2017/2018 salvezza ai play-out.

– campionato 2018/ 2019 salvezza diretta.

 

 

All’orizzonte c’era la non remota ipotesi che il Club   potesse fallire e, proprio per scongiurare questa ipotesi, si e’ accettato l’aiuto  del  Sindaco di Campofranco Rino Pitanza.

Insieme ad altri appassionati ed amanti del calcio , il sindaco  di  Campofranco  con la sua amministrazione  ha offerto sostegno e permesso alla nostra Società di calcio di giocare al “VIRCIGLIO”, un campo degno di una squadra che milita in Eccellenza .

La mancanza dei giovani e della struttura adeguata alla squadra allestita e alla categoria in cui milita ci hanno portato a vicolo cieco.

A questo punto era necessario un ulteriore diversificazione del progetto : per dare continuità al calcio locale,  nella società  del Mussomeli entreranno ulteriori soci, patiti del  pallone di Campofranco   e si spera, nel breve tempo , che seguano gli amici di Acquaviva Platani,  Milena E Sutera , per  un progetto di squadra che sia l’espressione del tifo calcistico di tutto il Vallone.”

Rimanere isolati come Mussomeli  calcio era una situazione insostenibile che avrebbe portato alla morte del calcio  nel nostro paese, non potendo contare su una struttura idonea e , ancora più grave, nessun contributo da parte dell’amministrazione locale negli ultimi sette anni.

Giocando a          Campofranco  e pagando un contributo di quasi 1.500.00  annui , abbiamo ottenuto un risparmio per le nostre casse di quasi 4000.00 , evitando le multe arbitrali  per un campo non idoneo, come quello di MUSSOMELI,  per il campionato di eccellenza, ai limiti della praticabilità ed a rischio infortuni per i nostri tesserati”.

Enzo Munì, predecessore di D’Amico, aveva raccontato: “I nostri appelli all’amministrazione Comunale di Mussomeli ed all’Assessore allo Sport   affinche’ attenzionassero la struttura del campo ‘Nino Caltagirone’  e del calcio più rappresentativo  per la nostra cittadina sono caduti nel vuoto”  mentre l’attuale numero dice  che “è stato fatto il possibile ed avere imboccato l’unica strada

percorribile  per salvare il calcio a Mussomeli.

Noi tutti ,  dai dirigenti all’ultimo dei collaboratori, abbiamo fatto quello che ritenevamo giusto per non far morire il calcio e non vanificare gli sforzi fatti negli anni passati , quando con sacrificio abbiamo fatto vivere stagioni memorabili al tifo locale”.

2.099 Letture

 

 

Scritto in SportComments (0)

 

Si conclude un’altra brillante stagione per l”A.S.D Don Bosco Mussomeli (di Francesco Imbesi)

Si conclude un’altra brillante stagione per l”A.S.D Don Bosco Mussomeli (di Francesco Imbesi)

Mussomeli – La scorsa settimana, presso il campo sportivo ” Nino Caltagirone” , si è conclusa la stagione per i più piccoli (quasi cento) dell”A.S.D Don Bosco Mussomeli.
Dirigenti, allenatori e collaboratori, hanno preparato cinque campetti di diverse misure, dopo aver diviso i ragazzi per età e categoria, hanno dato inizio a delle partitelle che hanno visto i ragazzi protagonisti con il loro entusiasmo e il loro impegno e giocate degne di nota.
Si conclude così la stagione sportiva durata ben nove mesi 2018/2019 dei piccoli amici, primi calci, pulcini e parte degli esordienti (2007) che hanno raggiunto lusinghieri risultati e  conquistato  per il secondo anno consecutivo il titolo di “Scuola calcio Elite”.
Alla fine è stata festa grande e grazie all’aiuto dalle mamme presenti, è stato allestito un gran buffet con il dessert  offerto dall’ex presidente ed ora dirigente Angelo Loconte,

Il presidente  Giovanni Belfiore augurando una serena estate  ha dato appuntamento  per fine agosto con il memorial “Camerota e Scaccia”, ringraziando  tutti i mister, collaboratori e dirigenti che con il loro impegno a titolo gratuito hanno permesso che quasi duecento tesserati/e praticassero con impegno e allegria il gioco del calcio.
Questi i mister e collaboratori dell’ASD Don Bosco Mussomeli:
Piccoli amici ( Lanzalaco Nino- Giuseppe Nugara-
Calogero Castiglione)
Primi calci(Domenico Lomanto-Giuseppe Nugara-Michele Favata- Enzo Zarbo)
Pulcini 2009( Daniele Misuraca- Luigi Alessi)
Pulcini 2008(Giovanni Belfiore e Salvino Piazza)
Esordienti 2007(Giuseppe Alessi- Roberto Nola – Enzo La Greca)
Esordienti 2006( Rino Cacciatore- Paolo Scannella)
Giovanissimi 2005 (Felice Immordino – Nino Lanzalco- Gero Falzone)
Allievi( Salvatore Mingoia – Michele Favata)
Squadra femminile ( José Mario Messina- Luciana Palermo e Lucia Taibi)
3 categoria / vincente campionato
( Vincenzo Sorce-
Giovanni Belfiore)
Piscologo :Dott Francesco Prisco.

Dirigenti: Tanino Catania, Alessandro Misuraca, Salvatore Guarino, Giuseppe Coffaro.

FRANCESCO IMBESI

700 Letture

 

 

Scritto in SportComments (0)

 

Milena, il pilota Schillace si aggiudica lo Slalom del Vallone

Milena, il pilota Schillace si aggiudica lo Slalom del Vallone

Milena – Quinta affermazione stagionale (la seconda consecutiva, qua a Milena) per il talento messinese Emanuele Schillace. Il campione italiano Slalom Under 23 in carica, ieri,  ha apposto la sua firma indelebile anche al culmine di una memorabile edizione, la seconda, dello Slalom del Vallone, sesto appuntamento stagionale del Campionato siciliano della specialità a coefficiente di moltiplicazione pari ad 1,2. La kermesse ha visto il coordinamento tecnico dell’associazione nissena Passione & Sport, con la collaborazione dell’Automobil Club Caltanissetta ed il patrocinio assicurato dal Comune di Milena, retto dal sindaco Claudio Cipolla.

In territorio nisseno, Emanuele Schillace e la sua Radical SR4 Suzuki gommata Pirelli e “griffata” Scuderia Tm Racing Messina, hanno regolato al traguardo l’ottimo ragusano (di Modica) Giuseppe Medica, anche lui su Radical, sebbene in versione Prosport Suzuki 1.4, per la Street Racers Modica (a 5”18 dalla vetta), quindi il “redivivo” trapanese Nicolò Incammisa, “veterano” di tante battaglie sportive, alla fine buon terzo assoluto nella sua gara “test” con la Radical SR4 Suzuki millesei’ della Trapani Corse, piazzata a poco più di sette secondi e mezzo dal vincitore.

Non è stata una gara da sottovalutare per Emanuele Schillace e neppure una vittoria di quelle considerate più facili da ottenere. Avversari tosti, caldo torrido (nel corso della terza sessione cronometrata si sono toccati i 42°!), una penalità da 10” per un birillo abbattuto in Gara 1 e costanti problemi all’assetto e pure di

adattamento delle nuove gomme Pirelli “Supersoft” adottate sulla sua Radical SR4, hanno inevitabilmente innervosito e rallentato nella corsa al successo finale il “figlio d’arte” messinese, che solo nella terza salita a cronometro è riuscito a scalzare Medica dalla vetta, in volata.

“Eravamo consapevoli di doverci adattare alle caratteristiche di un percorso molto insidioso – confessa a fine gara Emanuele Schillace – tuttavia, già dalla salita di ricognizione, abbiamo riscontrato una crescente difficoltà di settaggio della mia Radical, nelle settimane scorse completamente rivista nelle componenti tecniche per trarre indicazioni dalle nuove gomme Pirelli. La situazione è peggiorata nella seconda salita, con il degrado evidente del battistrada degli pneumatici. In Gara tre ho chiesto fossero montate coperture nuove al posteriore, ho avuto ragione. Ma che fatica!”. Emanuele Schillace si è poi aggiudicato il Memorial Alfredo Cordaro.

Prestazione memorabile, al debutto nello Slalom del Vallone, per Giuseppe Medica: “Anche sono rimasto in testa per due terzi di gara – rivela il pilota modicano – non pensavo di poter vincere, troppo superiore il messinese Schillace. Sono comunque contento per la prestazione, ho modificato qualcosa nell’assetto della vettura ed ho migliorato costantemente”. Positivi riscontri cronometrici anche per il 3° classificato, Nicolò Incammisa: “Finalmente cominciamo a vedere la luce – è il parere del presidente di Trapani Corse – le regolazioni apportate alla mia Radical cominciano a far intravedere i loro effetti. Ora pensiamo alle prossime gare con più fiducia”.

Ai piedi del podio, il saccense Nino Di Matteo, in costante crescita di feeling con la sua Gloria C8F Evo a motore Suzuki della Tm Racing, quindi il bravo catanese (di Biancavilla) Silvio Fiore, quinto assoluto con la inedita Formula Fire Panda 1.4 ed il netino Simone Di Pietro, sesto assoluto con l’ennesima Radical SR4 Suzuki, per la Street Racers. Prima tra le vetture Turismo e “palma” del miglior pilota del Nisseno al plurititolato sancataldese Maurizio Anzalone, alla guida della rinnovata Renault Clio Rs K iscritta dal Motor Team Nisseno, 7° assoluto e vincitore del gruppo E1 Italia.

Altre affermazioni generiche, al 2° Slalom del Vallone, per il suterese Carmelo Mattina (gruppo A, Peugeot 106 Gti 16v, per la Fr Motorsport), per il mussomelese Giuseppe Scannella (gruppo N, su Peugeot 106), per i nisseni Maurizio Russo (VBC, Bicilindriche, Fiat 500) e Danilo Gibella (tra le Racing Start, anche lui su 106, Motor Team Nisseno), per il sancataldese Giuseppe Dell’Utri (in gruppo E2SH Silhouette, con la Fiat 126 Kawasaki del Motor Team Nisseno), infine per il milazzese Tony Maiorana, alla fine 8° assoluto con la Fiat X1/9 della Tm Racing.

Tra gli Under 23, vittoria da ricordare, al debutto assoluto nelle competizioni, per il mussomelese “figlio d’arte” Jerry Mingoia, al volante della Renault Clio Rs della favarese Fr Motorsport. Nuova affermazione, tra le Scuderie, per la Tm Racing Messina (che pertanto consolida la propria leadership provvisoria nel Campionato siciliano Slalom 019, sempre tra le Scuderie. Alle sue spalle, allo Slalom del Vallone, il Motor Team Nisseno e la Fr Motorsport.

Nel gruppo Attività di Base, ancora, successi di classe per il nisseno Luigi Iacona (in Adb A1400, con la Peugeot 205 Rallye del Motor Team Nisseno), Salvatore Lo Sardo (in Adb N1600, su Peugeot 106 Gti 16v), infine per il mussomelese Salvatore Bellanca, in Adb N2000, con la Renault Clio Williams schierata dalla Fr Motorsport. Tra le Autostoriche, infine, vittorie di classe per il sancataldese Michele Ragusa (nella 1150), su A112 Abarth del Motor Team Nisseno e per l’agrigentino Gerlando Alletto (nella 1600), con una Volkswagen Golf Gti.

 

La classifica: 1) Emanuele Schillace (Radical SR4 Suzuki), in 119,57 “punti-secondi” 2) Giuseppe Medica (Radical Prosport Suzuki), in 124,75 3) Nicolò Incammisa (su Radical SR4 Suzuki), in 127,21 4) Nino Di Matteo (Gloria C8F Evo Suzuki), in 131,73 5) Silvio Fiore (Formula Fire), in 138,77 6) Simone Di Pietro (Radical SR4 Suzuki), in 138,87 7) Maurizio Anzalone (Renault Clio Rs K), in 141,85 8) Tony Maiorana (Fiat X1/9), in 143,61 9) Aldo Contarino (Gloria B5 Suzuki), in 145,30 10) Carmelo Mattina (Peugeot 106 Gti 16v), in 148,83 11) Sabatino Pagnozzi (Renault Twingo GT), in 150,41 12) Alfio Presti (Renault 5 Gt Turbo), in 150,57 13) Giovanni La Manna (Fiat 500), in 151,58 14) Giuseppe Dell’Utri (Fiat 126 Kawasaki), in 153,08 15) Salvatore Nicotra (Renault 5 Gt Turbo), in 153,15.

 

746 Letture

 

 

Scritto in Eventi, SportComments (0)

 

Mussomeli, dal 7 al 9 giugno il 4° memorial “Vincenzo Ricotta”

Mussomeli, dal 7 al 9 giugno il 4° memorial “Vincenzo Ricotta”

MUSSOMELI – Nei giorni  7, 8  e 9 Giugno 2019 presso la palestra Comunale di Mussomeli  verrà disputato il  4° memorial “Vincenzo Ricotta”, giovane mussomelese scomparso prematuramente il 17 ottobre 2014.

“Vincenzo era un ragazzo umile, gentile, disponibile amava lo sport  si occupava anche di sociale ,un esempio per tutti i ragazzi” ricordano i promotori della manifestazione sportiva.

Ad organizzare l’evento la Scuola calcio Asd Mussomeli, dei mister Torquato, La Mattina, Castiglione, Bortolotto, in collaborazione con l’ente UNAAT del presidente Vincenzo Sorce Callari, e l’Associazione Vivi  guidata da Federica Prezioso, nonché dai genitori dei piccoli giocatori il cui referente  è Mario Gero Taibi.

Il Programma prevede giorno 7 Giugno la partita inaugurale con i più piccini, a seguire triangolare di calcio a 5  tra le squadre  dei mister della cittadina Manfredonica, l’Associazione Vivi ,è una rappresentativa di genitori e dirigenti.

Mentre alle 21 in un noto locale cittadino un momento conviviale con intrattenimento musicale a cura  di Elisa Guagenti.

Sabato 8 Giugno alle 15 accoglienza delle scuole calcio provenienti oltre dalla provincia di Caltanissetta( Asd Mussomeli e Asd Don Bosco) anche dalla provincia di Palermo(Asd Lercara Friddi) e dalla provincia di Agrigento( Asd Don Bosco Casteltermini), quindi un momento per ricordare la figura di Vincenzo, alle 15.30 inizio dei tornei

Alle 19.00 alla presenza delle autorità civili premiazione, terzo tempo con degustazioni prodotti tipici locali, allieterà la serata DJ Giovanni Romito.

Lo scopo del memorial è anche sociale infatti verranno raccolti generi alimentari di prima necessità, da destinare  alle famiglie bisognose

Il 9 Giugno presso il cimitero Comunale, un momento di preghiera ed omaggio floreale

1.321 Letture

 

 

Scritto in SportComments (0)

 

 Parla Mister Sorce : “Prima Categoria? ” Chi vivrà vedrà”. L’intervista (di Francesco Imbesi)

 Parla Mister Sorce : “Prima Categoria? ” Chi vivrà vedrà”. L’intervista (di Francesco Imbesi)

MUSSOMELI – Dopo la sbornia di felicità per la bella impresa realizzata con la vittoria sulla Vis Bompietro e l’accesso alla Seconda Categoria, la ASD Don Bosco, sulle ali dell’entusiasmo, accende la fantasia degli sportivi e ci si interroga sulle prospettive per il prossimo campionato. Il mister Sorce si concede ai nostri microfoni per un’intervista , aprendoci le porte della sua abitazione.

D. Mister Sorce qual e’ il suo stato d’animo dopo questa esaltante promozione?

R. Sono contento, felice per la squadra e per i giocatori che hanno affrontato un campionato con tanto impegno e determinazione.

D. Tra le sue esperienze di allenatore di calcio come definisce quest’ultima fatica?

R. Esaltante, “l’ultima vittoria è sempre la più bella!” Inoltre siamo partiti senza tante ambizioni, con l’obiettivo principale di fare avvicinare i ragazzi al calcio dilettantistico ed in questo scopo credo che ci siamo realizzati pienamente.I ragazzi che compongono la squadra sono giovanissimi del 2003-2002-01/00/99/98 e qualche ragazzo con più esperienza, con questo mix abbiamo raggiunto la necessaria amalgama che ha portato a questo passaggio di categoria, inizialmente impensabile, ma che durante il campionato, pian piano, abbiamo cominciato a sentire possibile.

D. Come e perché nasce questo club?

R. La storia di questa società comincia nel settembre 2013 grazie all’impegno di persone che negli anni si sono adoperate senza nessun tornaconto economico ma solo per passione, utilizzando  esclusivamente elementi del settore giovanile, con più di duecento tesserati. Considerato che a Mussomeli la squadra maggiore gioca a Campofranco e, quindi, non c’era più nessuna squadra che giocasse in Paese, si è deciso di partire per questa nuova avventura, cercando di coinvolgere più ragazzi locali.T utto nasce da un’idea di Nino Lanzalaco e del presidente Giovanni Belfiore che ringrazio personalmente per l’impegno profuso e la disponibilità dimostrata.Una bella realtà sportiva quella realizzata dalla A.S.D Don Bosco Mussomeli, che da spazio al talento nostrano e che si spera possa vivere un futuro sempre più ricco di soddisfazioni sportive.

D. Mister, ritiene che adesso sia possibile sognare per il futuro un ulteriore salto di categoria? Quali gli obiettivi futuri?

R. Gli obiettivi futuri sono quelli di continuare con questi ragazzi già inseriti e lanciarne altri provenienti dal settore giovanile della Don Bosco e, magari, coinvolgerne altri che sono tesserati con altre società, come Spoto e Corbetto che rientrano dal Vallelunga e sono entrambi felici di poter indossare la maglia ed i colori della squadra del proprio Paese!

D. Quindi non si sbilancia, mister,su un’eventuale altra promozione?

R.  Godiamoci questo momento: “chi vivrà vedrà!”

FRANCESCO IMBESI

1.093 Letture

 

 

Scritto in SportComments (0)

 

Delirio Asd “Don Bosco”, la squadra promossa in  seconda categoria! (di Francesco Imbesi)

Delirio Asd “Don Bosco”, la squadra promossa in  seconda categoria! (di Francesco Imbesi)

 

MUSSOMELI – Domenica scorsa  si è disputata, al campo sportivo “Nino Caltagirone” di Mussomeli, la finalissima 3° Categoria 2018/2019, valida per i Playoff, contro la Vis Bompietro.

La squadra guidata dal mister Vincenzo Sorce, professore di educazione fisica in pensione che tanta passione mette nel suo lavoro, ha acquisito il diritto ad iscriversi, per il prossimo anno, al campionato di Seconda Categoria dove troverà l’Acquaviva Platani, con la quale quindi  darà vita ad un derby locale, ed altre squadre neo promosse dalla Terza Categoria come la Sommatinese, il Marianopoli ed il Riesi 2002. Composta da ragazzi del 2002-01/00/99/98 e qualche veterano , che ha fatto da chioccia ai più piccoli, la giovanissima “Don Bosco” Mussomeli ha fatto il botto, nel vero senso della parola , e  adesso, sulle ali dell’entusiasmo , altri giovani calciatori di Mussomeli che militano in altre squadre hanno dato la loro disponibilità ad indossare i colori del proprio paese .

Una gioia immensa che, al fischio finale dell’ arbitro, ha coinvolto tutti: dai tifosi sugli spalti (circa 300 persone erano presenti per incitare la squadra), ai giocatori in campo, negli spogliatoi, ed infine, per le strade della nostra cittadina che, ogni tanto, dimenticando le difficoltà quotidiane, vorrebbe staccarsi dal torpore quotidiano, dalla crisi economica, sociale, dagli agenti di una classe politica che non riesce ad essere il faro di una ripresa a 360°, allora, ecco come una vittoria sportiva sembra essere quella luce che serve ad animare il paese, far chiacchierare, gioire, unire.

In questo momento, grande merito va dato a questa società sportiva che, con le proprie forze, nella persona del suo Presidente  Giovanni Belfiore, di Nino Lanzalaco il Deus ex machina di questa realtà, dei componenti della squadra e del suo allenatore Vincenzo Sorce è riuscita a raggiungere questo importante traguardo. Da parte mia le congratulazioni e gli auguri di sempre maggiori successi sportivi anche per la prossima stagione. Ora c’è grande attesa e aspettativa che Mussomeli possa avere al più presto un impianto sportivo dove atleti, tecnici e tifosi  possano esprimere al meglio il grande potenziale e la smisurata passione  per il calcio che è presente nel paese manfredonico.

Francesco Imbesi

1.191 Letture

 

 

Scritto in SportComments (0)

 

Oggi tutti allo stadio a tifare Asd Don Bosco per la promozione in seconda categoria

Oggi tutti allo stadio a tifare Asd Don Bosco per la promozione in seconda categoria

Mussomeli – Oggi tutto il popolo sportivo mussomelese è chiamato a sostenere l’Asd Don Bosco Mussomeli che nello scontro in programma nel  pomeriggio alle 16,30  gioca tra le mura amiche del “N. Caltagirone”, giiocherà  una gara  contro il Bompietro in cui la posta in palio è altissima: la promozione in seconda categoria.  La compagine mussomelese si trova ad un passo da un traguardo che è andato oltre ogni più rosea aspettativa. Nel suo anno di esordio è stata, a detta degli addetti ai lavori, la vera sorpresa del campionato, con una rosa formata da ragazzi  classe 2002-01/00/99/98 e qualche ragazzo con un po di esperienza, diretti dal   mister prof. Vincenzo Sorce che è coadiuvato da Giovanni Belfiore . Una squadra verde composta ragazzi di Mussomeli è stata la scommessa in ogni caso vinta dell’Asd Don Bosco che ha come mission la promozione dello sport tra i giovanissimi  e la valorizzazione dei talenti con una offerta indirizzata totalmente agli atleti locali. In questa opera meritoria di educazione fisica e morale un plauso va a tutti i vertici del club, citando uno su tutti,mister Nino Lanzalaco che si spende, in modo encomiabile,  per  impegnare i giovani atleti in una attività che fa bene al corpo e alla mente e li tiene lontani da pericolose e nocive tentazioni e distrazioni. “I ragazzi – fanno sapere dalla dirigenza – invitano il pubblico a partecipare in modo massiccio ricordando che l’ingresso è gratuito”.

610 Letture

 

 

Scritto in SportComments (0)

 

Gemellaggio tra Albenga e Villalba calcio, i siciliani il 29 giugno a un torneo in Liguria

Gemellaggio tra Albenga e Villalba calcio, i siciliani il 29 giugno a un torneo in Liguria

Villalba – Passa il tempo e il legame tra Villalba e Albenga non solo non si allenta ma si rinsalda grazie anche allo sport. E’ arrivata, infatti,  nella serata martedì ieri l’ufficialità sulla partecipazione del Villalba, squadra appartenente alla Terza Categoria siciliana al “Campioni in una notte”, il torneo che si disputerà il prossimo 29 giugno all’ “Annibale Riva” di Albenga. La  partecipazione nella cittadina ligure non è casuale visto che è presente una foltissima  comunità di villalbesi che si sono trapiantati e integrati nel tessuto sociale ed economico. Tanto che non è arbitrario affermare che Albenga, per certi versi, sia la “Villalba ligure”. Fautore di questa sorta di gemellaggio è stato Emanuele Scorsone, organizzatore del torneo: “E’ sicuramente una bella iniziativa, a cui tenevo particolarmente, conoscendo le qualità umane di questi ragazzi. Ci farà davvero piacere averli con noi ad Albenga a fine giugno e celebreremo quest’occasione con un gemellaggio tra il Villalba e l’Albenga Calcio”. Dalla dirigenza della compagine sportiva del centro nisseno parole di elogio arrivano per Scorsone, i vertici del club scrivono:  “lo ringraziamo di cuore, è un villalbese doc, per averci invitato e per l’ospitalità che ci darà”.

567 Letture

 

 

Scritto in SportComments (0)

 

 

 

 

 

This site is protected by wp-copyrightpro.com