Home Cronaca «Additò il padrino del quale si fece tatuare il volto», ora è...

«Additò il padrino del quale si fece tatuare il volto», ora è sotto accusa per il suo passato

335 views
0

Gela – Sulla spalla si sarebbe tatuato, ma erano altri tempi, il volto del suo padrino ritenuto a capo della cosiddetta “terza mafia” di Gela. Una unicità solo di quella fetta di territorio.

Un passato, quello legato alle cosche, che poi ha sconfessato pienamente. Fino a saltare il fosso per aprire una nuova stagione attraverso un rapporto di collaborazione con la giustizia.

E in questo suo nuovo percorso s’è poi ritrovato il gelese Emanuele Cascino, che qualche anno addietro ha rivelato ai magistrati i segreti di quel clan che, per i magistrati, avrebbe fatto capo proprio al suo padrino.

 Lo stesso che dal carcere, poi, dopo un presunto tradimento del figlioccio per questioni estorsive, lo avrebbe minacciato con un biglietto che avrebbe riportato un messaggio in codice. Un avvertimento eloquente

Ora sul suo capo pende una richiesta di condanna a 4 anni di reclusione per estorsioni che si sarebbero consumate sotto l’ala della mafia.

Proprio di quella presunta frangia, esterna sia a Cosa nostra che alla Stidda, che – per gli inquirenti – sarebbe stata capeggiata da Giuseppe Alfieri.

Uno scenario, quello che vede adesso al centro Alfieri di un procedimento, che sembra stridere con quell’immagine che tanti anni addietro si era fatto tatuare su una spalla. Un passato che, per lui, non esisterebbe più. Ma che processualmente ritorna e pende su lui.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Consentici di continuare a garantire il diritto di sapere quello che gli altri non ti dicono. Sostienici!

Con bonifico bancario, anche online, intestato ad:  Associazione “Castello Incantato”  CODICE IBAN IT68T0897583380000000011400 (Bcc “San Giuseppe Mussomeli" - causale: donazione liberale per castelloincantato.it).

CON PAYPAL O CARTA (clicca sotto)

Condividi