Home Cronaca Autorizzazioni sospette per lo stadio, la procura ricorre in Cassazione contro proscioglimenti   

Autorizzazioni sospette per lo stadio, la procura ricorre in Cassazione contro proscioglimenti   

189 views
0

Caltanissetta – La procura non ci sta e impugna la pioggia di proscioglimenti disposti dal  gup in relazione all’inchiesta legata, sotto il profilo gestionale, allo stadio Vincenzo Presti di Gela.

Da qui il ricorso in Cassazione per le posizioni dell’ex sindaco pentastellato, Domenico Messinese, suoi allora assessori e tecnici e funzionari del comune.

Tutti finiti al centro, un anno fa o poco meno, di un’indagine della magistratura che ha acceso i riflettori sull’iter seguito dal comune per autorizzare l’utilizzo dell’impianto.

La cui funzionalità, orami da anni, è ridotta per tutta una serie di problemi. E l’allora amministrazione – secondo la tesi della procura – non sarebbe stata esente da responsabilità e omissioni per la riapertura dell’impianto in questione.

Ma la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dal pm è poi caduta nel vuoto perché il gup, alla fine, ha prosciolto lo stesso ex sindaco Messine e suoi collaboratori, sia di giunta che dipendenti di palazzo di città, ossia Alberto Cilia Antonino Serio,  Carmelo Campisi,  Davide Riccelli,  Francesco Turco,  Franco Città,  Giovambattista Mauro,  Giuseppe Piva,  Maurizio Melfa,  Maurizio Tranchina,  Raffaele Greco,  Raffaella Galanti e Rocco D’Arma.

Per tutti la parentesi sembrava chiusa, ma adesso la procura ha deciso dì’impuganre quel pronunciamento dinanzi la Suprema Corte

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi