Home Cronaca Emergenza covid 19, scattano sanzioni più severe e arriva un nuovo modello...

Emergenza covid 19, scattano sanzioni più severe e arriva un nuovo modello di autocertificazione

494 views
0

Caltanissetta – Novità in forza del nuovo decreto per fronteggiare l’emergenza legata alal diffusione del covid 19. Sono state ufficializzate dalla questura riportando quanto pubblicato sulla Gazzetta  ufficiale del 25 marzo.

A cominciare da un nuovo modello di autocertificazione in vigore a partire proprio da giovedì 26 marzo .

Cambiano, in maniera più aspra, le sanzioni previste.  Perché le violazioni saranno punite con sanzioni amministrative di 400 euro per chi esce a piedi senza un giustificato motivo e di 533 per chi viene fermato in macchina, sempre senza motivo.

Nella Gazzetta Ufficiale numero 79 del 25 marzo 2020 è stato pubblicato il testo del decreto legge del 25 marzo 2020, numero 19 recante “misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19”Continuano ad applicarsi le disposizioni emanate fino a oggi dai Dpcm dell’8, 9, 11 e 22 marzo 2020, che ricordiamo sono atti amministrativi, ma sono state inserite nel decreto legge che, nel nostro ordinamento, è un atto normativo avente forza di legge, adottato in casi straordinari di necessità e urgenza dal Governo, ai sensi dell’articolo 7 della Costituzione. Il mancato rispetto delle misure di contenimento indicate nell’articolo 1, comma 2 del decreto legge, salvo che il fatto costituisca più grave reato, sono punite – non più penalmente dall’articolo 650 del codice penale – con una sanzione amministrativa del pagamento di una somma da 400 euro a 3000 euro [pagamento in misura ridotta 400  euro – 280 euro  se il pagamento è effettuato entro cinque giorni dalla contestazione (art.202 Decreto legislativo 285/92)]. Se il mancato rispetto delle predette misure avviene mediante l’utilizzo di un veicolo le sanzioni sono aumentate di un terzo [pagamento in misura ridotta 533 euro – 373 euro se il pagamento è effettuato entro cinque giorni dalla contestazione (art.202 Decreto legislativo 285/92)]. Nel caso di violazioni riscontrate su cinema, teatri, discoteche, sale gioco, palestre, piscine, attività commerciali al dettaglio non necessarie, bar, ristoranti, ecc., si applica anche la sanzione amministrativa accessoria della chiusura dell’esercizio o dell’attività da 5 a 30 giorni. Le sanzioni sono inflitte dal prefetto. In caso di reiterata violazione della medesima disposizione la sanzione amministrativa è raddoppiata e quella accessoria è applicata nella misura massima. Fuori dai casi di delitti colposi contro la salute pubblica, sarà denunciato penalmentechi è risultato positivo al virus e viola la quarantena allontanandosi dalla propria abitazione o dimora con l’arresto da 3 a 18 mesi e ammenda da 500 a 5.000 euro. Le disposizioni dell’articolo 4, che sostituiscono sanzioni penali con sanzioni amministrative, si applicano anche alle violazioni commesse anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legge, ma in tali casi le sanzioni amministrative sono applicate nella misura minima ridotta alla metà. A tutto ciò si aggiunga che possono essere applicate ulteriori sanzioni amministrative locali per violazione di ordinanze regionali e comunali. Al fine di armonizzare l’autodichiarazione alla nuova normativa è stato predisposto un nuovo modello di autocertificazione (da scaricare al seguente link)

https://questure.poliziadistato.it/it/Caltanissetta/articolo/7945e7cd28936e66340456249

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3.3 / 5. Vote count: 3

Vota per primo questo articolo

Condividi