Home Cronaca False fatture per evadere il fisco, arrestato imprenditore e sequestrati beni per...

False fatture per evadere il fisco, arrestato imprenditore e sequestrati beni per 288 mila euro

1.033 views
0

Caltanissetta – Arrestato un imprenditore e sequestrati beni per poco meno di trecentomila euro. Questi gli esiti di una indagine  della guardia di finanza di Caltanissetta.

Le misure hanno interessato un imprenditore nisseno quarantasettenne, A.Z., agli arresti domiciliari su ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale  .

A lui sono stati sequestrati beni   per un importo pari all’imposta che sarebbe stata  evasa e che è stata  quantificata, per l’esattezza, in 288 mila euro.

 

La ditta in questione operante nel settore delle forniture di apparecchiature elettromedicali, in prevalenza a strutture sanitarie pubbliche.

Secondo la tesi delle fiamme gialle sarebbe stato evaso il fisco attraverso l’utilizzo di fatture per operazioni ritenute  inesistenti, così da abbattere la base imponibile e ridurre l’imposizione erariale.

Il meccanismo è stato scoperto dagli specialisti del nucleo di polizia economica finanziaria di Caltanissetta, sviluppata valorizzando lo scambio di informazioni con organi collaterali esteri, in particolare di Repubblica Slovacca, Olanda e Repubblica Ceca.

Secondo la finanza l’imprenditore già dal 2015 avrebbe stipulato fittizi contratti di noleggio e manutenzione delle attrezzature elettromedicali intestandoli, sulla carta, a diverse  società comunitarie per contabilizzare elevati costi –  che superano i tre milioni di euro – attraverso l’annotazione delle relative fatture per operazioni inesistenti emesse dalle società estere. In tal modo avrebbe abbassato l’imponibile e di conseguenza avrebbe pagato meno imposte allo Stato.

Le indagini avrebbero consentito di verificare come le società estere, inoltre, siano servite a ripulire denaro che sarebbe stato  frutto degli illeciti risparmi d’imposta, dalla società nissena  verso  conti esteri, per essere poi  restituito all’amministratore arrestato.

Da qui il sequestro di beni che ha interessato sia l’imprenditore che la società finita al centro delle indagini e la misura cautelare a suo carico.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3.3 / 5. Vote count: 3

Vota per primo questo articolo

Aiutaci a garantire il diritto di sapere. Versa il tuo libero contributo:

Con bonifico bancario, anche online, intestato ad:  Associazione “Castello Incantato”  CODICE IBAN IT68T0897583380000000011400 (Bcc “Toniolo" - causale: donazione liberale per castelloincantato.it).

CON PAYPAL O CARTA clicca sotto

Condividi