Home Cronaca Il Pd denuncia: “Amianto sulla Serradifalco–Miniera Bosco”

Il Pd denuncia: “Amianto sulla Serradifalco–Miniera Bosco”

463 views
0

Serradifalco – Contaminazione su contaminazione. La denuncia arriva dal PD  che denuncia:”A seguito di segnalazioni giunte da parte di alcuni cittadini della provincia nissena, abbiamo appurato che lungo la strada SP37  – Serradifalco–miniera Bosco, tra il km 1 e il km 2, a bordo della carreggiata sono riversati diversi rifiuti. Da un approfondimento, oltre a cumuli di immondizia, desta preoccupazione la presenza di recipienti di materiale grigio del tutto simili a quelli pericolosi e cancerogeni fatti in amianto”. Sempre nella nota a fima di Marco Andaloro, segretario provinciale dei Giovani Democratici e di Daniele Territo, segretario Pd di Serradifalco, si legge: “La permanenza all’esterno degli stessi, com’è noto, può portare al loro danneggiamento, determinando il rilascio delle fibre di amianto. Come sottolineato in molteplici appelli di associazioni come l’Osservatorio Nazionale Amianto, o degli esperti che mettono continuamente in guardia sugli effetti devastanti delle fibre amianto, è obbligatorio rimuovere al più presto quei manufatti in quanto non si tratta di semplice inquinamento ambientale, ma di un pericolo imminente per la salute di moltissime persone che potrebbero incorrere in malattie gravemente invalidanti come mesotelioma (cancro riconducibile solo all’esposizione amianto), asbestosi, placche pleuriche e altre forme di tumore particolarmente aggressive tra cui cancro ai polmoni. Essendo necessario – proseguono –  a tal fine, incaricare una ditta specializzata preposta allo smaltimento, abbiamo ritenuto doveroso segnalare al Libero Consorzio di Caltanissetta e al Dipartimento di prevenzione dell’Asp di Caltanissetta la presenza di tali recipienti, apparentemente in amianto, lungo la strada SP37 – km 1, al fine di portare avanti le procedure amministrative necessarie per la risoluzione del problema. Confidiamo -concludono – in un veloce riscontro e nella celere bonifica dell’area”. Area che è sempre  stata al centro di un acceso dibattito sulla contaminazione da quando sono state dismesse le miniere che vi insistono.

 

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3.7 / 5. Vote count: 3

Vota per primo questo articolo

Consentici di continuare a garantire il diritto di sapere quello che gli altri non ti dicono. Sostienici!

Con bonifico bancario, anche online, intestato ad:  Associazione “Castello Incantato”  CODICE IBAN IT68T0897583380000000011400 (Bcc “San Giuseppe Mussomeli" - causale: donazione liberale per castelloincantato.it).

CON PAYPAL O CARTA (clicca sotto)

Condividi