Home Cronaca Lite fini con l’accoltellamento, due condanne in appello   

Lite fini con l’accoltellamento, due condanne in appello   

365 views
0

Caltanissetta – L’appello non muta la loro colpevolezza. Tali erano in primo grado e così sono rimasti nel secondo passaggio in aula. Nulla per i due, tirati in ballo sull’onda di un accoltellamento, è cambiato.

Nel concreto s’è tradotto nella conferma della condanna a 7 anni e 6 mesi per il ventitreenne nisseno Giampaolo Francesco Lombardo accusato di tentato omicidio e porto di coltello.

Mentre per l’altro imputato, il ventitreenne  Salvatore Maria Emmanuel Falzone – pure lui come il primo assistito dall’avvocato Giacomo Vitello – s’è visto ribadire la pena a un anno per  lesioni.

Nei confronti di quest’ultimo si è costituito parte civile il ventisettenne Fabrizio Cuda –  assistito dall’avvocato Giovanni Di Giovanni – perché sarebbe stato colpito con un calcio in faccia dall’imputato.

Questo il verdetto emesso dalla corte d’Appello di Caltanissetta, presieduta da Pasqua Seminara – consiglieri Giovanbattista Tona e Carmelo Faro Faussone – che ha condiviso le richieste della procura generale rappresenta dal sostituto Antonino Patti.

Sono stati chiamati in causa, seppur con ruoli differenti, per ,  per l’accoltellamento dell’allora ventinovenne nisseno Andrea M., che la notte dell’11 dicembre di cinque anni fa è rimasto gravemente ferito da un fendente all’addome.

A sferrarla, secondo la ricostruzione di carabinieri e magistrati, sarebbe stato il cugino di Lombardo – già condannato in via definitiva a 4 anni ed 11 mesi di carcere – mentre Giampaolo Francesco avrebbe bloccato la vittima .

Poi sono stati tutti smascherati – compreso altri coinvolti giudicati con il rito abbreviato – dalle immagini registrate dall’impianto di videosorveglianza della stazione di servizio Eni di viale della Regione, teatro alle due e mezzo del mattino dell’accoltellamento.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi