Home Cronaca Luglio è stato il mese più caldo di sempre

Luglio è stato il mese più caldo di sempre

511 views
0

 La temperatura media globale per luglio 2023 si conferma essere la più alta mai registrata per qualsiasi mese. Nello stesso periodo, Le temperature medie globali della superficie marina hanno continuato a salire, dopo un lungo periodo di temperature insolitamente elevate dall’aprile 2023, raggiungendo livelli record a luglio. Sono i dati rilevati dal Copernicus Climate Change Service (C3S), implementato dal Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine per conto della Commissione europea con finanziamenti dell’UE, che pubblica regolarmente bollettini climatici mensili che riportano i cambiamenti osservati nella temperatura globale dell’aria superficiale, del ghiaccio marino copertura e variabili idrologiche.

Tutti i risultati riportati si basano su analisi generate al computer utilizzando miliardi di misurazioni da satelliti, navi, aerei e stazioni meteorologiche in tutto il mondo. Per quanto riguarda i dati relativi alla temperatura media globale dell’aria in superficie, i dati indicano che nel mese di luglio del 2023 è stata la più alta mai registrata per qualsiasi mese. Il mese è stato di 0,72 C più caldo rispetto alla media 1991-2020 di luglio e di 0,33 C più caldo rispetto al mese più caldo precedente, luglio 2019.

Si stima che il mese sia stato di circa 1,5 C più caldo rispetto alla media del periodo 1850-1900.Le ondate di caldo sono state sperimentate in più regioni dell’emisfero settentrionale, inclusa l’Europa meridionale. Temperature ben al di sopra della media si sono verificate in diversi paesi sudamericani e in gran parte dell’Antartide.

Anche le acque marine hanno subito un significativo riscaldamento

Le temperature medie globali della superficie marina hanno continuato a salire, dopo un lungo periodo di temperature insolitamente elevate dall’aprile 2023, raggiungendo livelli record a luglio. Per l’intero mese, le temperature medie globali della superficie marina sono state di 0,51 C superiori alla media del periodo 1991-2020.

Il Nord Atlantico è stato di 1,05 C sopra la media a luglio, poiché le temperature nella parte nord-orientale del bacino sono rimaste al di sopra della media e temperature insolitamente elevate si sono sviluppate nell’Atlantico nord-occidentale. Le ondate di caldo marino si sono sviluppate a sud della Groenlandia e nel Mar del Labrador, nel bacino dei Caraibi e in tutto il Mar Mediterraneo Le condizioni di El Nino hanno continuato a svilupparsi nel Pacifico equatoriale orientale.

Secondo Samantha Burgess, vicedirettore del Copernicus Climate Change Service (C3S): “Abbiamo appena assistito a temperature globali dell’aria e della superficie degli oceani che hanno stabilito nuovi record di tutti i tempi a luglio. Questi record hanno conseguenze disastrose sia per le persone che per il pianeta esposto a eventi estremi sempre più frequenti e intensi“.

“Il 2023 – ha aggiunto – è attualmente il terzo anno più caldo fino ad oggi con 0,43 C sopra la media recente, con la temperatura media globale di luglio a 1,5 C sopra i livelli preindustriali. Anche se questo è solo temporaneo, mostra l’urgenza di sforzi ambiziosi per ridurre le emissioni globali di gas serra, che sono il principale motore alla base di questi record”.

Confrontando le medie per l’anno solare fino ad oggi, da gennaio a luglio, la media globale per il 2023 è la terza più alta mai registrata, a 0,43 C rispetto al periodo 1991-2020, rispetto a 0,49 C per il 2016 e 0,48 C per il 2020.

Il divario tra il 2023 e il 2016 dovrebbe ridursi nei prossimi mesi, poiché gli ultimi mesi del 2016 sono stati relativamente freddi (riducendo la media annuale a 0,44 C), mentre il resto del 2023 dovrebbe essere relativamente caldo poiché l’attuale evento de El Nino si sviluppa. In questo contesto, l‘estensione del ghiaccio marino antartico ha continuato a battere i record negativi per il periodo dell’anno, con un valore mensile del 15% inferiore alla media, di gran lunga l’estensione di luglio più bassa dall’inizio delle osservazioni satellitari.

Come a giugno, l’estensione giornaliera del ghiaccio marino antartico è rimasta sostanzialmente al di sotto dei valori precedentemente osservati per il periodo dell’anno per tutto il mese. Le concentrazioni di ghiaccio marino sono state maggiormente al di sotto della media nel Weddell settentrionale, nel Bellingshausen orientale e nel Mare di Ross settentrionale, mentre le concentrazioni superiori alla media persistevano in un ampio settore del Mare di Amundsen.

L’estensione del ghiaccio marino artico era leggermente al di sotto della media, ma ben al di sopra del minimo record di luglio 2020. Mentre la maggior parte dell’Oceano Artico ha visto concentrazioni di ghiaccio marino inferiori alla media, concentrazioni superiori alla media hanno prevalso a nord della costa siberiana settentrionale. Giugno 2023 – Variabili idrologiche highlights : Il luglio 2023 è stato più umido della media su gran parte dell’Europa settentrionale e in una regione dal Mar Nero e dall’Ucraina alla Russia nordoccidentale.

Condizioni più secche della media sono state riscontrate in tutto il bacino del Mediterraneo, con l’Italia e l’Europa sud-orientale che hanno avuto le maggiori anomalie. Al di fuori dell’Europa, luglio 2023 è stato più umido della media su Nord America nord-orientale, Afghanistan, Pakistan, Cina nord-orientale, Australia settentrionale e orientale e Cile. Le regioni extratropicali più secche della media includevano il Messico e gli Stati Uniti sudoccidentali, l’Asia centrale e sudorientale, l’Australia sudoccidentale e parti del Brasile meridionale e del Paraguay.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 2

Vota per primo questo articolo

Condividi