Home Cronaca Morte bianca, chiesta una pioggia di condanne

Morte bianca, chiesta una pioggia di condanne

574 views
0

Mussomeli –  Chiesta una pioggia di condanne per una morte bianca. Per il decesso, in particolare, di un dipendente della raffineria di Gela.

Richieste, quelle avanzate dalla procura, che oscillano da un minimo di due anni a un massimo di quattro per l’ipotesi di omicidio colposo oltre che per violazioni delle norme di sicurezza.

Così al processo per la morte dell’allora trentenne Francesco Romano, rimasto schiacciato da una grossa tubatura otto anni addietro.

E adesso le pene più severe, quattro anni, sono state chieste Patrizio Agostini, Sandro Iengo, Vincenzo Cocchiara, Marco Morelli e Rocco Fisci; proposti  tre anni per Ignazio Vassallo, Guerino Valenti, Serafino Tuccio, Bernardo Casa, Alberto Bertini e Fabrizio Zaneroli; due anni e mezzo  per Angelo Pennisi e Salvatore Marotta; chiudono il quadro, con due anni, Fabrizio Lami, Mario Giandomenico e Nicola Carrera.

Questo il quadro che è stato prospettato al giudice per una tragedia che, secondo la tesi accusatoria, si sarebbe potuta evitare.

Perché sarebbe stata, sempre secondo gli inquirenti, figlia di leggerezze e non di una disgrazia accidentale. Una sorta di tragedia annunciata perché il materiale, pesantissimo, sarebbe stato accatastato in maniera precaria. E uno di quegli enormi tubi, scivolando giù, non ha lasciato scampo allo sfortunato operaio

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 1.5 / 5. Vote count: 2

Vota per primo questo articolo

Consentici di continuare a garantire il diritto di sapere quello che gli altri non ti dicono. Sostienici!

Con bonifico bancario, anche online, intestato ad:  Associazione “Castello Incantato”  CODICE IBAN IT68T0897583380000000011400 (Bcc “San Giuseppe Mussomeli" - causale: donazione liberale per castelloincantato.it).

CON PAYPAL O CARTA (clicca sotto)

Condividi