Mussomeli, menzione speciale a Salvatore Genco Russo dell’IIS Mussomeli e Campofranco

Mussomeli – Soddisfazione della Dirigente Prof.ssa Carmen Campo per la menzione ottenuta da Salvatore Genco Russo al “Modello Pirandello” che è un concorso letterario, riservato agli studenti delle scuole secondarie superiori, sia a livello nazionale che europeo, che il club di Agrigento del Kiwanis international, a decorrere dal 1986 (50° anniversario della morte di luigi Pirandello) bandisce Annualmente.

Il Concorso prevede  la scrittura  di una novella ispirata alle tematiche narrative di Luigi Pirandello e diversi alunni guidati dalla prof.ssa Maria Eluisa Pacino hanno partecipato al concorso letterario con delle novelle in cui erano presenti i temi più noti dello scrittore siciliano.

La Commissione giudicatrice presieduta dal celebre scrittore Andrea Cammilleri ha selezionato per una menzione speciale la novella “Vincerò” di  Salvatore Genco Russo che narra la vicenda di un uomo che frustrato ed assillato da una moglie rancorosa che lo accusa di essere incapace di procurarle  il benessere in cui vorrebbe vivere,  cerca disperatamente un modo per  accontentarla .

Un  giorno colto dal sonno mentre sta guardando un film di mafia, individua proprio nell’affiliazione alla mafia la soluzione al suo problema , ipotesi  da cui  per fortuna rifugge con orrore rendendosi conto  di doversi sporcare le mani di sangue.

In un secondo momento pensa al gioco del superenalotto come altra  soluzione e vi si dedica in forma maniacale convinto prima o poi di vincere e cambiare così la sua forma di uomo inetto.

Senza rendersene conto il vizio del gioco lo porta all’ alienazione totale e  quando pensa di avere perduto tutto, un colpo di scena finale gli darà un’ulteriore chance che gli eviterà di cadere nel baratro del vizio e lo farà riflettere sulle causa fondamentali della dipendenza del gioco.

La novella  di Salvatore svolge l’idea della famiglia, della società e soprattutto della forma come trappole che imprigionano e spengono il flusso vitale del protagonista, costringendolo in ruoli e forme  che il suo  spirito  rifiuta e che lo condurranno ad un passo da scelte terribili da cui non sarebbe potuto   tornare indietro.

Al protagonista della vicenda schiacciato dalla  necessità della visibilità  economica (avere una forma di ricco)  e dall’ambiente familiare  opprimente (tensioni segrete, rancori, ipocrisie) non rimane altra via di salvezza che  la fuga nell’irrazionalità.

Bravo  Salvatore ! Un riconoscimento avallato da  Andrea Cammilleri, uno dei più grandi scrittori del nostro tempo è una bella soddisfazione!

Bravi  anche Arianna Lo Conte, Salvatore Ginex, Giovanni Castiglione, Pietro Palumbo, Marco Vitello, Luca Mulè, Francesco Provenzano, i quali si sono cimentati anch’essi nella stesura di novelle  inedite e a parere della prof.ssa Pacino, loro insegnante di Italiano,  con ottimi risultati tanto più quando si è trattato di cogliere un piccolo spunto di sicilianità  su cui costruire una bella trama.

Lascia un commento

Ricerca in Archivio per Categorie