Rapine  furti in casa, smascherati tre fratelli: uno finisce in cella

Caltanissetta – Uno è ritenuto l’autore di una violenta rapina, gli altri tpo d’appartamento. Questo il ruolo che,a vario titolo, i carabinieri hanno affibbiato a quattro sospettati.

Ora per uno di loro, cinquantenne di Canicattì , è  scatta l’ordinanza di custodia cautelare in carcere perché ritenuto l’autore di una brutale azione ai danni di un’anziana di Serradifalco,.

Sì, perché secondo l’accusa sarebbe stato uno dei due banditi che l’ultimo dell’anno, nel dicembre scorso, hanno fatto irruzione in casa di una ottantenne che avrebbero malmenato e poi rapinato di soldi.

Da qui,  a carico dell’uomo, le accuse di rapina aggravata e furto aggravato in abitazione, che lo hanno fatto finire  in cella.

Mentre due suoi fratelli e un loro complice sono stati destinatari di una diversa misura, ossia l’obbligo di dimora nel comune di Canicattì.

I tre sono ritenuti responsabili di raid in casa. In particolare di un furto in abitazione sempre a Serradifalco e di un altro a Delia.

Non a caso l’inchiesta dei carabinieri che ha interessato i quattro – tre di loro sono fratelli – è sttaa ribattezzata «Bad brothers». Letteralmente, nella traduzione, fratelli cattivi.

Lascia un commento

Ricerca in Archivio per Categorie