«S’invaghi di una psichiatra», accusato di stalking viene prosciolto: era incapace

Caltanissetta – Quel medico, che lo aveva aiutato in un periodo difficile della malattia, alla fine si sarebbe rivelato per lui in una vera e propria ossessione. Non sarebbe riuscito a togliersi quella donna dai suoi pensieri.

Fino a trasformarsi in uno stalker. Perché avrebbe poi  ossessionato una psichiatra che lo aveva seguito durante il periodo di cura e terapia.

La donna sarebbe stata tempestata di telefonate a ogni ora del giorno e poi avrebeb ricevuto dal suo ex paziente una pioggia di messaggi al suo telefonino.

Fino a quando lei, stanca ed esasperata, da denunciato i fatti alle forze dell’ordine. Quello è stato il passaggio per l’apertura formale di un’indagine.

E alla fine per  il presunto molestatore, un trentacinquenne di origini gelesi, è stato chiesto il rinvio a giudizio per atti persecutori nei confronti del medico.

Ma, alla fine  l’imputato ne è uscito indenne. Già perché due perizie psichiatriche hanno ritenuto l’imputato incapace d’intendere e di volere momento dei fatti.

Sì, perché in quel centro in cui ha conosciuto la psichiatra, stava seguendo una terapia specifica che poi lui ha interrotto, fino ad abbandonare completamente  le cure.

Da qui il non luogo a procedere disposto dal giudice perché in quei frangenti non sarebbe stato in possesso delle sue facoltà mentali.

Lascia un commento

Ricerca in Archivio per Categorie